Come Mettere una Fasciatura al Gomito

Se tu o una persona a te cara avete subito un infortunio al gomito, può rendersi necessario bloccarlo con una fasciatura. Se l'osso non è rotto, ma hai ancora parecchio dolore, una benda può evitare ulteriori lesioni bloccando il gomito in posizione. Le informazioni contenute in questo articolo sono pensate per colui che ti aiuta a mettere la fasciatura; se sei tu la persona che ha subito la lesione, chiedi a qualcuno di leggere queste istruzioni per metterti la benda al gomito. Il gomito può essere legato con fasciature arrotolate, tubolari o triangolari. Continua a leggere per avere maggiori informazioni.

Usare Fasciature Arrotolate

  1. Sappi che ci sono diversi tipi di bende arrotolate. Puoi trovarle in commercio realizzate in tre diversi materiali: a trama larga, elastiche o a compressione elastica. Ogni materiale ha le sue caratteristiche peculiari.
    • Bende a trama larga: questo tipo di bendaggio permette molta ventilazione, ma non mette molta pressione sul gomito e non supporta le articolazioni. Queste sono le più usate per le medicazioni delle ferite.
    • Bende elasticizzate: queste seguono la forma del gomito, e generalmente vengono usate quando è necessario un sostegno per supportare i tessuti nelle distorsioni e negli stiramenti.
    • Bende a compressione elastica: questo è il miglior tipo di bendaggio da usare se sei ferito al gomito e hai bisogno di un sostegno in più per tenerlo in posizione.
  2. Chiedi alla persona lesionata che vuoi aiutare di flettere il gomito. Dovrai avvolgerlo in una posizione leggermente piegata per facilitare la circolazione e per assicurarti che non si verifichi un’ulteriore lesione. Fai sedere la vittima in una posizione comoda e piegale un po' il gomito a un angolo compreso tra i 45 e i 90 gradi.
    • È più facile se il soggetto sostiene braccio e gomito con l'altra mano, oppure appoggiandolo sul bracciolo di una poltrona o del divano in una posizione flessa.
  3. Controlla il polso della vittima. È sempre bene controllargli il battito per assicurarti che la circolazione sanguigna sia regolare. Se ha una cattiva circolazione, dovrai avvolgere la benda meno stretta. Per controllare il battito cardiaco cerca le pulsazioni sul polso premendo con il dito medio e indice. Una volta trovato il polso, guarda un orologio e conta quanti battiti senti nell’arco di un minuto. Se ne senti tra 60 e 100, allora la persona ha una buona circolazione. Ogni risultato al di fuori di questo range indica che dovresti avvolgere la benda più allentata rispetto al normale.
    • Puoi anche fare il test di riempimento capillare nelle unghie. Per fare questo, devi schiacciare o mettere pressione su una delle unghie della persona. Quando la premi, l’unghia appare di un colore bianco mentre quando rilasci la pressione, il normale colore rosa dovrebbe tornare in meno di 2 secondi. Se l’unghia rimane bianca per più di 3 secondi, la persona ha un cattivo flusso sanguigno.
  4. Fascia la zona lesionata. Apri il rotolo di benda e posizionalo a metà strada tra il gomito e il polso (circa 7,5 cm sotto il gomito). Quando inizi ad avvolgere, sovrapponi leggermente ogni passaggio in modo che l'estremità resti ferma al suo posto.
    • Assicurati di avvolgere il gomito piegato in una posizione tra i 45 e i 90 gradi.
  5. Avvolgi il resto del braccio. Continua a fasciare seguendo un movimento a spirale. Ogni strato deve coprire da un terzo a due terzi dello strato precedente, se vuoi essere certo che la benda rimanga fissa in posizione. Dovresti avvolgere il bicipite finché la benda copre il braccio per almeno 7,5 cm sopra il gomito.
    • Se vuoi puoi aggiungere un altro strato sulla zona ferita.
  6. Fissa la benda. Dopo avere avvolto il braccio e l’area lesionata, devi fissare la benda in posizione. Puoi farlo collegando la parte terminale allo strato precedente con:
    • Una spilla da balia, una clip o un pezzo di nastro adesivo medicale.
  7. Verifica che la circolazione sia perfetta. Chiedi al soggetto se il bendaggio è troppo stretto. Se lo è, rimetti la fasciatura in modo che la persona si senta più comoda. Controlla nuovamente il battito cardiaco. Ora dovresti vedere che le pulsazioni e la circolazione sanguigna sono cambiati. Se il polso è ancora tra 60 e 100, la sua circolazione va bene e la benda non è troppo stretta.
    • Puoi usare ancora la tecnica dell’unghia. Premi su una delle sue unghie e vedi quanto tempo ci vuole perché torni al normale colore rosa. Se passano più di quattro secondi, la circolazione del sangue non va bene, il che significa che la benda è troppo stretta.

Usare Fasciature Tubolari

  1. Usa la benda tubolare quando l’articolazione è lesionata o devi coprire la ferita con una medicazione. Le fasciature tubolari sono, come suggerisce il nome, dei tubi di tessuto in cui viene inserito il braccio di una persona per sostenere un’articolazione danneggiata, come il gomito. Questo tipo di bendaggio è indicato anche se il gomito ha subito un taglio o una ferita, perché può aiutare a tenere ferma la medicazione.
  2. Piega un po’ il gomito e controlla il polso. Come con il rotolo di benda, è importante controllare che la persona abbia una buona circolazione. Puoi farlo appoggiando il dito indice e il medio sul polso del soggetto e contando quanti battiti senti in un minuto. Se sono tra 60 e 100, la persona ha una buona circolazione e puoi procedere con la fasciatura.
    • In aggiunta puoi controllare accuratamente se il paziente ha un buon flusso di sangue facendo pressione su una delle unghie. Le unghie sono di colore rosa, ma diventano bianche se vi premi sopra. Quando rilasci l’unghia, deve tornare nuovamente rosa entro quattro secondi; in caso contrario la circolazione del sangue non è buona.
  3. Misura la zona che vuoi fasciare e taglia di conseguenza la benda. Usa un metro a nastro per assicurarti che la lunghezza sia adeguata. Inizia la misurazione a metà strada tra il polso e il gomito estendendoti fino all’altezza dell'ascella e taglia la benda tubolare della giusta lunghezza.
    • Se hai fretta di fasciare e non hai un metro a nastro, puoi appoggiare la benda al braccio del soggetto e tagliarla alla misura che pensi sia corretta.
    • Ad esempio, se il braccio misura 50 cm dal punto a metà strada tra il polso e il gomito fino all’ascella, dovresti tagliare la benda tubolare in modo che sia lunga 50 cm.
  4. Copri la ferita (se è presente una lesione). Se il gomito è stato ferito, coprilo prima di mettere la benda tubolare. Pulisci l'area con acqua ossigenata o Betadine e lascia asciugare per circa cinque minuti. Fai piegare leggermente il gomito alla vittima e applica la medicazione.
    • Puoi tenere ferma la garza con un nastro medicale o chiedere al soggetto che la sorregga mentre gli infili la fasciatura tubolare.
  5. Tira la benda sul braccio. Usa entrambe le mani per allungare la benda aperta in modo da potergliela infilare sopra la mano e il braccio. Fai tenere al soggetto il gomito dritto e tira delicatamente la fascia tubolare sopra la medicazione, il gomito e il resto del braccio. Dovresti farlo nello stesso modo in cui infili una calza sul piede.
    • Assicurati che il bendaggio sia ben steso, una volta infilato. Elimina tutte le grinze.
  6. Verifica che la fasciatura non sia troppo stretta. Come per la benda, devi essere certo che anche la fascia tubolare non sia troppo stretta. Controlla nuovamente il polso della vittima contando i battiti cardiaci o usa il metodo dell’unghia.
    • Se le pulsazioni sono cambiate o l'unghia impiega più tempo per tornare al colore normale, la benda è troppo stretta e devi tirarla un po' per renderla più morbida.

Usare Fasciature Triangolari

  1. Usa una benda triangolare come un’imbracatura. Di solito le bende triangolari vengono usate per sorreggere il gomito e il braccio, ma possono anche aiutare a tenere in posizione una medicazione. Anche in questo caso, è più facile mettere una benda triangolare su qualcun altro, piuttosto che su se stessi, quindi se sei la persona infortunata, chiedi l’aiuto di qualcuno.
  2. Controlla le pulsazioni e fletti il gomito. Come per le altre fasciature, è importante sapere lo stato della circolazione sanguigna del soggetto. Chiedi al paziente di piegare (o flettere) il gomito a un angolo di 90 gradi e controlla il battito cardiaco. Puoi farlo mettendo il dito medio e l'indice sul polso e contando quanti battiti senti in un minuto (dovrebbero essere tra 60 e 100).
    • Puoi anche premere su un'unghia per verificare la qualità della circolazione. Come già spiegato in precedenza, l'unghia diventa bianca quando vi premi sopra, ma deve tornare del suo colore naturale entro quattro secondi. Se ciò non avviene, la persona ha una cattiva circolazione.
  3. Usa il braccio sano per sostenere quello ferito. Chiedi al soggetto che stai aiutando di tenere il braccio lesionato al petto e sostenere il gomito infortunato tenendolo con il braccio sano. Questo renderà il processo di fasciatura molto più facile. Se usi la benda triangolare come un’imbracatura, dovrebbe essere aperta prima di essere fissata sulla persona. Questo è il momento giusto per farlo.
  4. Metti la benda in posizione. Lentamente mettila sotto il braccio del paziente e avvolgila intorno alla parte posteriore del collo. Metti l’altra metà della benda sul braccio in modo che la parte superiore si incontri sulla spalla con l'altro lato della fasciatura. Legala quindi con un nodo.
    • Puoi infilare le estremità della benda nella zona del gomito, o tenerle fissate con una spilla da balia o clip.
  5. Assicurati che la fascia non sia troppo stretta. Chiedi al soggetto come la sente. Se gli sembra stretta, allentala un po’. Devi anche accertarti che la circolazione non sia bloccata nel braccio. Controlla ancora una volta il polso della persona per assicurarti che non sia cambiato.

Consigli

  • Se non sei sicuro di quello che stai facendo, o pensi che il gomito possa essere rotto, è meglio recarti in ospedale per sottoporlo al controllo di un professionista.

Avvertenze

  • Non avvolgere la fasciatura troppo stretta, perché potresti bloccare la circolazione del sangue nelle mani della vittima e potrebbe arrivare a perdere la sensibilità nelle dita.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.