Come Convincere Ragazzi e Adolescenti a Portare un Pannolino per Evitare di Bagnare il Letto

Fare la pipì a letto (la definizione medica è "enuresi notturna") è un disturbo piuttosto comune che interessa gente di tutte le età. In alcuni casi, una possibile soluzione è portare il pannolino di notte. Tuttavia, molti bimbi più grandicelli e adolescenti che ne soffrono si oppongono con decisione. Infatti, alcuni si sentono trattati come bambini dai genitori. In questa situazione, è piuttosto difficile convincerli a proteggersi. Diversi metodi possono aiutarti a incoraggiare e motivare un ragazzino che ha vergogna di mettersi il pannolino per tenere sotto controllo il suo problema.

Comunicare Efficacemente

  1. Spiegagli il motivo della tua decisione. Come genitore, sai di avere una certa responsabilità. Tuttavia, man mano che tuo figlio cresce, sarà sempre più interessato a capire perché vengono prese certe decisioni per lui. Prendilo da parte e spiegagli la ragione per cui hai stabilito che deve portare il pannolino .
    • Usa vocaboli che il ragazzino possa capire. Se devi spiegargli la tua decisione in termini medici, cerca di renderla comprensibile. Per esempio, potresti dirgli: "Visto che hai difficoltà a fare pipì prima di andare a letto? Il pannolino è una delle soluzioni che proveremo per questo problema".
    • Spiegagli che è importante che alla sua età dorma a sufficienza. Portare una protezione a letto gli permetterà di riposare, perché non dovrà alzarsi nel bel mezzo della notte per cambiare le lenzuola.
  2. Sottolinea che hai preso questa decisione per il suo bene, che non è una punizione. Potresti dirgli: "So che non vuoi portare il pannolino, ma temo che questo problema ti stia impedendo di dormire bene. Perciò ho deciso di provare la soluzione del pannolino per un po'. Vediamo come va".
    • Spiegagli che persone di tutte le età (inclusi molti adulti) bagnano il letto e che qualcuno deve portare il pannolino per tutta la vita. Ovviamente sarebbe meglio risolvere il problema alla base anziché occuparsi solo dei sintomi, ma ci sono casi in cui è necessario usare costantemente il pannolino. Se fosse questa la situazione di tuo figlio, rassicuralo del fatto che andrà tutto bene. Niente è più efficace del pannolino per controllare una grave incontinenza, come quella che causa l'enuresi notturna, inoltre garantisce comodità e igiene.
  3. Se tuo figlio ha l'età giusta, illustragli le conseguenze dal punto di vista medico. Questo passaggio è applicabile solo con gli adolescenti che sono in grado di capire certi aspetti della questione. Spiegaglieli nel seguente modo: se non usa una protezione, è possibile che si manifestino problemi cutanei, per non parlare del fatto che dormire fra lenzuola bagnate è veramente scomodo.
    • Altri due rischi associati all'incontinenza sono la proliferazione batterica e le infezioni. Quando si verificano episodi di enuresi notturna, la superficie cutanea entra in contatto con i batteri contenuti nell'urina.
    • L'ammoniaca è una sostanza caustica contenuta nell'urina. Aumenta il pH cutaneo, causando irritazione. Viene inoltre usata dai batteri per alimentarsi, contribuendo alla riproduzione di altri microrganismi.
    • Gli episodi di enuresi notturna favoriscono la creazione di un ambiente umido e caldo, ideale per la proliferazione di funghi patogeni.
  4. Ascolta le sue preoccupazioni. Se tuo figlio è abbastanza grande da opporsi, allora è probabile che abbia i suoi motivi. Forse prova vergogna o imbarazzo, oppure i pannolini sono scomodi. Qualunque sia il problema, assicurati di prenderlo sul serio .
    • Per dimostrargli che lo ascolti, è efficace servirti di parafrasi. Per esempio, potresti dirgli: "Capisco il tuo timore. Hai paura che tuo fratello ti prenda in giro per questo".
    • Fai domande relative alla faccenda. Prova a chiedergli: " Che cosa potremmo fare per migliorare la situazione?".
  5. Non ignorare i suoi sentimenti. Quando affronterete la questione, probabilmente tuo figlio vivrà diverse emozioni. È piuttosto normale sentire frustrazione, rabbia e imbarazzo in una situazione del genere. Ascoltalo attentamente e assicurati di avere un approccio empatico .
    • Se si sente in imbarazzo, prova a rassicurarlo dicendogli che è un problema molto comune. Spiegagli che le sue emozioni sono giuste e comprensibili. Puoi dirgli: "Capisco come ti senti. Anch'io ho avuto momenti imbarazzanti nella mia vita".
    • Il ragazzino deve sapere che non gli fai mettere il pannolino per punirlo o umiliarlo.
    • Sottolinea che deve portarlo solo di notte e gli unici che lo sapranno saranno i familiari.
  6. Sostienilo. Puoi appoggiarlo verbalmente in diversi modi. Cerca di orientare la conversazione verso il problema anziché focalizzare l'attenzione sulla persona. Questo ti aiuterà ad affrontare la questione senza indurlo a mettersi sulla difensiva .
    • Esempio di frase orientata alla persona: "Bagni troppo spesso il letto". Questo può farlo sentire in colpa. Invece, prova una frase orientata al problema, come "Bagnare il letto può essere piuttosto scomodo per chi soffre di enuresi". In questo modo saprà che lo capisci, si renderà conto che il problema non ricade unicamente sulle sue spalle e che non è solo.
    • Fai affermazioni che lo sostengano, come: "Mi fa piacere che tu voglia discutere di questo problema con me. Apprezzo molto il fatto che tu sia un ragazzino maturo e onesto".

Ideare un Piano

  1. Individua la causa. Se tuo figlio è riuscito a sconfiggere l'enuresi in passato e il disturbo è ricomparso di recente, bisogna affrontare la situazione. Se un bambino ha compiuto cinque anni e gli episodi si ripetono più di due volte alla settimana, molti esperti sono d'accordo sul fatto che questo è un problema. Il primo passo da fare per trovare una soluzione è cercare la causa. Fissa un appuntamento con il pediatra per discutere del problema .
    • L'enuresi può avere molte cause fisiologiche piuttosto comuni. Una delle più diffuse si chiama maturazione ritardata dello sfintere vescicale. In pratica, la vescica del bambino non si è sviluppata alla stessa velocità del resto del corpo.
    • Inoltre, è possibile che l'ormone antidiuretico (ADH) non sia nella norma. La vasopressina impedisce al corpo di produrre urina. Secondo alcuni studi, i bambini che hanno valori bassi spesso soffrono di enuresi.
    • Chiedi al medico di fare alcuni esami per determinare la causa del problema. Assicurati che capisca chiaramente le tue preoccupazioni.
  2. Considera le alternative. Se i risultati dell'esame non rilevano cause fisiologiche, dovresti considerare quelle psicologiche. Secondo gli esperti, se un bambino non ha bagnato il letto per più di sei mesi e il problema ritorna, questo può essere dovuto allo stress o all'ansia. Se pensi che tuo figlio sia stressato o soffra di ansia, inizia a esaminare le cause sottostanti .
    • Considera se tuo figlio ha affrontato grandi cambiamenti ultimamente. Per esempio, vi siete trasferiti? C'è stata una morte in famiglia? Un divorzio? Tutti questi fattori possono causare stress o ansia.
    • Prova ad avere conversazioni profonde con tuo figlio. Puoi fargli domande per provare a capire se ci sono problemi di cui non sei a conoscenza. Prova a chiedergli: "Come va a scuola? Ultimamente non mi hai raccontato molte cose sulle maestre". Poi, puoi usare queste informazioni per provare a determinare se ha problemi psicologici.
  3. Considera i vari trattamenti. Una volta compresa la causa dell'enuresi, puoi iniziare a esaminare le diverse terapie. Se la diagnosi è di natura fisiologica, il medico può suggerire diversi trattamenti . Chiedigli di spiegarti in che cosa consistono nell'esattezza.
    • Assumere medicinali può essere una soluzione. Esistono diversi farmaci che possono trattare le cause dell'enuresi. Due dei più diffusi sono la desmopressina acetato e l'imipramina. Il pediatra ti darà informazioni più dettagliate.
    • Se le cause sono psicologiche, potresti portarlo da uno psicoterapeuta. Un professionista può aiutarlo ad affrontare ansia e depressione.
  4. Prova a usare un sistema di incentivazione per incoraggiare il ragazzino. Se il pediatra pensa che portare il pannolino sia la soluzione migliore, potresti avvalerti di ricompense temporanee per spronare tuo figlio a essere costante. Al principio, spiegagli che è una soluzione a breve termine, che lo aiuterà finché non si sarà abituato ai pannolini.
    • Potresti dirgli: "Sappiamo che questo ti mette un po' in imbarazzo e ti capiamo, ma abbiamo pensato a un'idea per renderlo divertente. Useremo un sistema di incentivazione. Se fai il tuo dovere, non solo avrai un premio, ma farai anche un favore a te stesso".
    • Chiedi al ragazzino di scegliere tre cose che gli piacciono molto. Per esempio, magari adora i videogiochi, i libri e i giocattoli, in questo ordine. Se porta il pannolino per 20-24 giorni consecutivi, otterrà un giocattolo. Se lo fa per 25-29 notti, riceverà un libro. Se lo farà per tutto il mese, avrà un videogioco. Lo scopo di implementare questo sistema è farlo abituare gradualmente a portare il pannolino.
    • Anche l'incoraggiamento verbale è importante affinché questo sistema abbia successo. Lodalo, spronalo e rassicuralo di fronte agli ostacoli. Se è abbastanza grande, concentrati sull'obiettivo finale anziché sui premi temporanei. Lo scopo vero e proprio è quello di aiutarlo a stare bene e a coltivare una buona igiene personale a lungo termine. Puoi dirgli: "Siamo molto orgogliosi di te. Hai capito esattamente perché dovresti portare il pannolino. Sappiamo che non è divertente, ma ricorda che persone di tutte le età lo usano a causa dell'enuresi. È molto più comodo metterlo che svegliarti con il pigiama e le lenzuola inzuppate, vero?".
  5. Insegnagli a usare il pannolino da solo. Se ne è in grado, è importante che si prenda cura della sua igiene personale in maniera sicura e indipendente. Ovviamente ci saranno delle variazioni a seconda della sua età. Un bambino deve imparare a occuparsene da solo sin da piccolo, in modo che portare il pannolino non sia motivo di imbarazzo o vergogna. A meno che non abbia disabilità cognitive e/o motorie che glielo impediscano, dovrebbe avere la responsabilità di mettere il pannolino e cambiarlo da solo.

Chiedere Aiuto

  1. Parla con qualcuno. Se tuo figlio soffre di enuresi, questa situazione probabilmente è piuttosto frustrante sia per te sia per lui. Forse ti sei accorto che hai bisogno di aiuto per trovare un metodo efficace per gestirla. Se convincerlo a portare il pannolino ti crea problemi, magari qualcun altro può darti una mano ad affrontare una conversazione così delicata .
    • C'è un membro della famiglia con cui tuo figlio ha un buon rapporto? Ha un legame particolare con una zia, uno zio o un cugino? Chiedi a questa persona di aiutarti ad affrontare la conversazione.
    • Parla con amici e familiari che hanno bambini. Se hanno esperienza con questo tipo di situazione, probabilmente possono darti ottimi consigli.
  2. Considera i gruppi di auto-aiuto online dedicati all'incontinenza. Possono essere un buon punto di riferimento per parlare di diverse tematiche associate al problema, da come abituarsi all'uso di pannolini a come scegliere fra le varie marche. Suggerisci a tuo figlio di rivolgersi a questi gruppi per confrontarsi con persone che hanno lo stesso problema. Se è piccolo, è bene controllarlo mentre naviga su internet.
  3. Consulta il pediatra. Può esserti di grande aiuto in una situazione del genere. Non solo può darti una mano a capire le cause fisiologiche, può anche suggerirti come affrontare il problema con tuo figlio. Ricorda che il medico ha visto già casi simili in passato e conosce in maniera approfondita il disturbo .
    • Preparati alla visita medica. Fai una lista di domande da porre al medico. Questo ti aiuterà a ricordare tutto quello che vuoi chiedere.
  4. Cerca una rete di appoggio. Ricorda di essere comprensivo con te stesso. Anche tu stai affrontando una situazione difficile. Circondati di gente che abbia un impatto positivo sulla tua vita e che possa sostenerti .
    • Prova a parlare con un caro amico di cui ti fidi. Spiegagli che stai affrontando una questione delicata con tuo figlio e che hai bisogno di sfogarti con qualcuno. Quando una persona ti ascolta, questo può aiutarti ad alleviare lo stress provocato dalla situazione.

Consigli

  • Se usi pannolini di tessuto, devi coprirli con slip impermeabili (plastificati).
  • Qualcuno usa sia pannolini usa e getta sia di tessuto per gestire l'enuresi. Per esempio, i pannolini di stoffa e gli slip di plastica possono essere scomodi nei periodi più caldi dell'anno, come la primavera e l'estate, quindi passare a quelli usa e getta è preferibile.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.