Come Testare l'Argento

Forse hai comprato un oggetto d'argento su un sito poco affidabile, o un tuo amico te ne ha dato un pezzo che ha trovato da qualche parte. Magari vuoi semplicemente controllare qualche cimelio di famiglia, del quale non sei completamente sicuro. Qualsiasi motivo tu abbia, dovrai sapere come testare l'argento. L'argento è un elemento chimico versatile. Quello sterling è composto da circa il 92,5% di argento e dal restante 7,5% di rame, ed è più duro dell'argento puro. L'argento al 100% è morbido e spesso viene definito "argento puro". Spesso, un prodotto di silver plated viene scambiato per argento puro: il placcato infatti è rivestito da uno strato sottile di argento. Vai al passaggio 1 per iniziare a testare il tuo argento.

Cercare il Marchio

  1. Cerca una stampigliatura. Gli oggetti pubblicizzati e venduti sul mercato internazionale hanno una stampigliatura che garantisce la qualità dell'argento. Se non è presente, può essere comunque argento puro, ma proveniente da un Paese che non richiede marchi di sorta.
  2. Valuta il marchio internazionale. Cercalo sul pezzo con una lente d'ingrandimento. Chi vende argento a livello internazionale lo marca come 925, 900 o 800. Questi numeri indicano la percentuale di argento puro nel pezzo. 925 implica che è composto al 92,5% di argento, 900 o 800 che le percentuali di argento sono rispettivamente 90 e 80, e spesso in questo caso si parla di "argento da conio" perché solitamente è misto a rame.

Testare le Proprietà Magnetiche

  1. Trova una calamita. Puoi usare in particolare una calamita potente come quella per pietre rare al neodimio, che ti assicurerà un'accuratezza maggiore nel determinare se è argento o meno, dato che il metallo in questione non è magnetico.
    • Ricorda che esistono pochi metalli che non si attaccano e che possono essere lavorati per diventare simili all'argento. Meglio provare il test della calamita combinato a un altro, per essere certo dei risultati.
  2. Prova il test dello scivolamento. Se testi l'argento sotto forma di lingotto, esiste un altro modo per usare la calamita. Sistemala a un angolo di 45° sopra il lingotto: la calamita dovrebbe scorrere con un po' di fatica verso il basso sulla superficie di argento. Può sembrare un controsenso perché l'argento non è magnetico, ma il campo della calamita stessa crea un effetto freno che ne rallenta il movimento.

Test del Ghiaccio

  1. Tieni a portata di mano del ghiaccio. Conservalo in freezer finché non sei pronto. L'argento, anche se non sembra, ha la maggior conduttività termica fra tutti i metalli.
    • Questo test funziona bene con monetine e lingotti, ma sarà più difficile con i gioielli.
  2. Sistema il tuo pezzo di ghiaccio sull'argento. Non togliergli gli occhi di dosso. Il ghiaccio inizierà a sciogliersi immediatamente come se fosse stato sistemato su qualcosa di caldo, anche se è a temperatura ambiente.

Test del Suono

  1. Provalo con una monetina. L'argento emette un suono simile a uno scampanellio quando viene picchiettato, specie con un altro metallo. Se vuoi provare, trova ad esempio un quartino americano di quelle emessi fra il 1932 e il 1964. Quelli emessi prima del 1965 erano composti al 90% di argento, mentre quelli seguenti, fino ai moderni quartini, sono composti al 91,67% di rame e all'8,33% di nickel. Quelli più vecchi, quindi, emetteranno lo scampanellio, mentre quelli nuovi faranno un suono grave.
  2. Batti sul pezzo di argento. Non metterci troppa forza per non intaccare la moneta. Batti gentilmente con un'altra monetina. Se suona come una campanellina hai un pezzo di argento autentico fra le mani, se il suono è cupo, probabilmente l'argento è mescolato con altri metalli.

Analisi Chimiche

  1. Esegui un test chimico sul tuo oggetto. Scegli questa soluzione se non c'è stampigliatura. Indossa un paio di guanti. Userai un acido corrosivo per testare la purezza dell'argento, e gli acidi bruciano la pelle.
    • Nota che questo metodo può leggermente danneggiare il tuo oggetto. Se vuoi venderlo o vuoi che acquisti valore, probabilmente sarà meglio provare un altro dei metodi elencati in questo articolo.
  2. Compra un test per l'argento. Si trova su siti come Amazon o eBay, oppure da un gioielliere. Il test dell'acido è ottimo per l'argento puro, ma se pensi che il tuo sia placcato, dovrai fargli un segno per vedere cosa c'è sotto la placcatura.
  3. Trova un angolino sull'oggetto in questione e fai qualche graffio. Ti servirà per determinare la reazione all'acido. Gratta con un oggetto metallico. Cerca di arrivare sotto la superficie del silver plated.
    • Se non vuoi grattare il tuo oggetto d'argento o lasciare un segno, usa una placca di pietra nera. Di solito sono incluse nel kit per il test o vengono vendute a parte nello stesso negozio. Strofina l'oggetto sulla superficie della placca, in modo che rilasci un certo quantitativo di argento. Te ne serviranno almeno un paio di centimetri.
  4. Applica una goccia di acido sulla superficie graffiata. Se l'acido toccasse anche altre parti non graffiate inciderebbe sull'aspetto lucido dell'argento. Se scegli di usare la pietra nera, aggiungi una goccia di acido sulla linea di polvere.
  5. Analizza la superficie con l'acido. Dovrai valutare il colore che compare appena l'acido penetra nell'oggetto. Segui le istruzioni e la scala di colore del tuo test specifico. In genere la scala è la seguente:
    • Rosso brillante: argento puro
    • Rosso scuro: argento 925
    • Marrone: argento 800
    • Verde: argento 500
    • Giallo: piombo o latta
    • Marrone scuro: ottone
    • Blu: nickel

Test della Candeggina

  1. Metti semplicemente una goccia di candeggina sul tuo oggetto.
  2. Controlla la reazione. Se si macchia o diventa nero, è argento.
  3. Nota che gli oggetti di silver plated passeranno il test.

Consigli

  • Cerca di comprare argento da fonti sicure, come le gioiellerie.

Avvertenze

  • Sciacquati subito se la tua pelle viene a contatto con l'acido nitrico, è molto corrosivo. Dopo esserti sciacquato bene, applica del bicarbonato di sodio sulla zona.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.