Come Fermare una Nuova Infezione Acneica

L'acne è una malattia della pelle che colpisce molto spesso il viso, ma può anche svilupparsi su schiena, petto, collo e a volte anche su braccia e orecchie. È causata dall'ostruzione dei pori della pelle; quando si introducono i batteri, spesso toccando e schiacciando i brufoli, si innescano nuove infezioni. Impara a mantenere la pelle libera da sporcizia e batteri, in modo che possa guarire e liberarsi dell'acne.

Sviluppare una Routine di Cura della Pelle

  1. Tieni lontane le mani dal viso. Possono essere ricoperte di sebo, polvere e germi che ostruiscono i pori, creando l'ambiente perfetto per una crescita batterica.
    • Anche dopo averle lavate, la pelle trattiene sempre il sebo.
    • Non pizzicare o schiacciare i brufoli, perché potresti provocare una risposta infiammatoria localizzata, che può contribuire alla formazione di cicatrici.
  2. Lava il viso con un detergente. Dovresti farlo due volte al giorno. Se l'acne tende a formarsi attorno all'attaccatura dei capelli, dovresti anche fare uno shampoo ogni giorno. In questo modo, riduci la quantità di sebo (l'olio che viene secreto dalle ghiandole sebacee) presente sulla faccia. Tuttavia, non usare prodotti troppo aggressivi e non lavarti in modo troppo vigoroso, perché stimoleresti una maggiore produzione di sebo, oltre alla crescita di cellule cutanee, entrambi fattori che possono ostruire i follicoli.
  3. Evita gli scrub facciali. Questi, insieme alle maschere esfolianti e ai prodotti astringenti, possono irritare la pelle e aggravare la situazione. Se però non hai un'acne particolarmente grave o problemi di sensibilità cutanea, puoi esfoliare il viso una o due volte a settimana.
  4. Usa dei prodotti non comedogeni. Non applicare creme, lozioni, make-up, prodotti per i capelli, correttori e creme solari grassi o unti. Cerca quelli che riportano chiaramente la dicitura "non comedogeno", vale a dire che hanno meno probabilità di ostruire i follicoli e provocare l'acne. Scegli anche quei prodotti che indicano "senza oli".
  5. Usa l'acido salicilico. I preparati in libera vendita a base di questo principio attivo aiutano a ridurre l'ostruzione dei pori e dei follicoli. L'acido salicilico non ha alcun effetto sui batteri della pelle o sulla produzione di sebo. I detergenti contenenti questa sostanza sono ottime soluzioni per chi soffre di acne.
    • Segui le indicazioni riportate sul prodotto; non devi esagerare, perché un eccesso di acido salicilico può irritare la pelle.
  6. Usa il perossido di benzoile. Questa sostanza chimica si trova in molti prodotti per il trattamento dell'acne e permette di ridurre la colonia batterica sulla pelle. Se è presente nel prodotto, dovrebbe essere elencato come principio attivo.
    • Fai attenzione, perché il perossido di benzoile può sbiancare o macchiare alcuni indumenti, quindi non mettere la fascia per capelli e non applicarlo sulle zone di pelle coperte da vestiti. Se necessario, testa il prodotto su una piccola zona di indumento.

Cambiare le Abitudini di Vita

  1. Usa biancheria da letto pulita. Cambia frequentemente le federe, le lenzuola e gli asciugamani per il corpo e il viso. Questo vale per tutti quegli elementi che entrano in contatto con il corpo e che possono ospitare i batteri. Se le lenzuola iniziano a emanare un cattivo odore, si macchiano o hanno una consistenza diversa, è arrivato il momento di lavarle.
    • Lavale in acqua calda e con un detersivo disinfettante per bucato.
    • Se non puoi lavarle con acqua, fai un lavaggio a secco.
  2. Indossa solo indumenti puliti. I vestiti trattengono il sebo della pelle. Soprattutto se manifesti l'acne anche in altre parti del corpo, oltre al viso, devi fare in modo di indossare esclusivamente abiti puliti per combattere questo fastidioso disturbo dermatologico.
    • Cambiali dopo aver sudato.
    • In particolare, cambia la biancheria intima e gli indumenti che entrano in contatto con le aree affette.
  3. Prendi il sole. Esponiti ai raggi solari per 10-20 minuti al giorno senza protezione solare se hai la pelle chiara, oppure 20-30 minuti se hai una carnagione scura, in modo da ridurre la risposta infiammatoria e i batteri presenti sulla pelle. Fai attenzione a non restare troppo sotto i raggi solari diretti, perché potresti provocare arrossamento o anche ustioni, aumentando così l'irritazione e causando ulteriori problemi acneici, senza contare il maggior rischio di cancro e invecchiamento della pelle.
    • Se hai una pelle sensibile o molto chiara, applica la protezione solare e tralascia questo passaggio.
    • Tutti devono mettere sempre la protezione solare quando restano al sole per più di 10-30 minuti o se sono particolarmente sensibili al sole.
    • L'esposizione ai raggi solari aumenta la quantità di vitamina D prodotta dal corpo in modo naturale, che ha anche un effetto positivo sulle ghiandole sebacee.
    • Il sole espone inoltre la pelle ai raggi ultravioletti e alla luce rossa che vengono usati nei trattamenti ambulatoriali contro l'acne. Si ritiene infatti che la luce sia in grado di ridurre la produzione di sebo e uccidere i batteri.
  4. Valuta di usare la radice di Maca in polvere. Alcune ricerche hanno dimostrato che questa pianta è in grado di bilanciare i livelli ormonali durante la menopausa e premenopausa nelle donne, permettendo di ridurne i sintomi. Un corretto equilibrio dei livelli ormonali ha un effetto positivo sulla quantità di sfoghi acneici.
    • Si tratta di una sostanza ottenuta dalla pianta Maca che cresce nella zona centrale del Perù da più di 3000 anni. In questo Paese viene usata da secoli ed è cresciuta di popolarità in tutto il mondo grazie alle sue proprietà normalizzanti dei livelli ormonali.
    • Potrebbe non essere subito disponibile per te, si tratta di un trattamento opzionale.
    • Parla con il medico prima di assumere questo tipo di integratore.
  5. Gestisci lo stress. Tutti vivono la tensione emotiva e in piccole quantità è anche salutare. Tuttavia, se fai una vita particolarmente stressante, le ghiandole surrenali producono una quantità eccessiva di cortisolo, un ormone che può aumentare la produzione di sebo e di conseguenza aggravare l'acne.
    • Esistono diverse tecniche per controllare e gestire i livelli di stress. Imparando ad affrontarlo e a ridurlo, puoi migliorare le tue capacità di mantenere la calma e rilassarti.
    • Alcune persone hanno l'impressione che le condizioni della propria pelle siano bloccate in un circolo vizioso e in una spirale negativa: sono stressate, quindi l'acne peggiora, la quale crea maggiore tensione emotiva, che a sua volta aggrava l'acne, e così via.
    • Rivolgiti al medico o a un terapista, se non sei in grado di superare da solo lo stress.
  6. Prendi in considerazione i retinoidi da banco. Si tratta di una forma di vitamina A in grado di ridurre l'ipertrofia delle ghiandole sebacee. Puoi trovare alcuni prodotti per l'acne e dei preparati antinvecchiamento da banco che contengono piccole dosi di retinoidi. Molte persone traggono benefici anche dalle concentrazioni che non richiedono ricetta medica.
    • I retinoidi non sono adatti per tutti. Se hai dei dubbi, parlane con il medico o il farmacista.
    • Alcuni di questi composti chimici sono su prescrizione. In questo caso, diversamente dai quelli da banco che sono a basso dosaggio, sono più forti.
    • Non usarli se sei o vuoi restare incinta.
  7. Assumi la vitamina D. Si tratta di un'altra soluzione per ridurre la crescita eccessiva di ghiandole sebacee. Dovresti esporti al sole per 10-20 minuti ogni giorno, affinché il corpo possa elaborare questa vitamina. Tuttavia, si tratta di un metodo efficace solo nelle giornate assolate. Eventualmente, puoi assumere ogni giorno degli integratori di vitamina D3.
    • La maggior parte della gente è carente di questa vitamina, a causa della poca esposizione al sole e perché non è presente naturalmente in molti alimenti.
    • Se prendi un integratore, la dose giornaliera consigliata per un adulto è di 4000 UI, un bambino dai quattro agli otto anni dovrebbe assumerne 3000 UI e i bimbi da uno a tre anni dovrebbero consumarne 2500 UI.

Rivolgersi a un Dermatologo

  1. Valuta di farti prescrivere i retinoidi. Come già detto, si tratta di una forma di vitamina A che aiuta a ridurre l'ipertrofia delle ghiandole sebacee. In farmacia puoi trovare dei preparati contro l'acne con un dosaggio di retinoidi inferiore rispetto a quelli che vengono prescritti dal medico.
    • Tuttavia, molte persone rispondono bene anche ai prodotti da banco e non hanno bisogno di farmaci su prescrizione.
    • Chiedi al medico se nel tuo caso specifico sono necessari retinoidi che richiedono la ricetta o se bastano quelli in libera vendita.
  2. Valuta di prendere i contraccettivi orali. Le donne che soffrono di un'acne particolarmente grave possono assumere questi farmaci per tenere sotto controllo i livelli ormonali. La pillola offre anche il vantaggio di bilanciare altri effetti collaterali di uno squilibrio ormonale, come l'irritabilità o la ritenzione idrica.
    • È necessaria la prescrizione per ottenere i contraccettivi che alterano l'equilibrio ormonale.
    • Non devi assumerli però se sei incinta o se desideri avere un bambino.
  3. Informati in merito all'isotretinoina. Il suo nome commerciale più diffuso è Accutane; si tratta di un farmaco anti-acne indicato per i casi particolarmente gravi ed è disponibile solo su prescrizione. Se le tue ghiandole sebacee sono ipertrofiche o soffri di una forme grave di tale disturbo cutaneo, chiedi al dermatologo se questo farmaco è adatto per te.
    • Durante la cura farmacologica devi eseguire mensilmente delle analisi del sangue e potresti inoltre manifestare degli effetti collaterali per diversi mesi.
    • Non devi prendere questo farmaco senza conoscere completamente i rischi che comporta la sua assunzione. Tieni presente che può presentare diversi effetti sulla salute e sul benessere generale nel lungo periodo.
    • Non puoi prendere l'Accutane se sei incinta o stai pianificando la nascita di un bambino.
  4. Informati in merito alla fototerapia. Si tratta di un trattamento alternativo che puoi eseguire anche a casa acquistando un'attrezzatura specifica oppure puoi rivolgerti al dermatologo.
    • Alcune ricerche sostengono la validità di tale trattamento, semplice e comodo da eseguire. Tecnicamente, l'esposizione alla luce solare è una fototerapia. Tuttavia, nelle regioni in cui il sole non splende per una quantità sufficiente di ore o se non si può stare all'aperto e assorbirne i raggi, è possibile acquistare un'unità di fototerapia.
    • Puoi usare questa strumentazione per trattare l'acne direttamente; attieniti però scrupolosamente alle norme di sicurezza descritte nel manuale d'uso.
    • Tra gli effetti collaterali che puoi riscontrare usando questo apparecchio ci sono arrossamento cutaneo, desquamazione o alterazione della tonalità della pelle.
    • Il dermatologo può anche eseguire una terapia fotodinamica nel suo ambulatorio. La procedura consiste nell'applicare un farmaco sulla pelle che viene attivato da una luce speciale. Si tratta di un metodo più efficace rispetto al solo trattamento con la luce.
  5. Parla con il medico in merito agli antibiotici. Esistono sia in forma topica sia orale e sono indicati soprattutto quando si presentano delle nuove infezioni. Quelli per uso topico vanno somministrati per un lungo periodo, solitamente in combinazione con il perossido di benzoile o i retinoidi. Gli antibiotici per uso orale prevedono invece una terapia di breve durata e aiutano a tenere sotto controllo gli sfoghi acneici particolarmente gravi.
    • Gli antibiotici vengono prescritti soprattutto in caso di acne infiammatoria, che si manifesta con molti ponfi rossi, brufoli o cisti.

Consigli

  • Gli elementi elencati di seguito non causano acne, diversamente dalla credenza popolare: cioccolato, alimenti grassi, attività sessuale o masturbazione.
  • Chiedi al medico se la tua acne può essere un effetto collaterale di una terapia farmacologica che stai seguendo al momento.
  • Potresti pensare che gli alimenti grassi presenti nella tua dieta siano responsabili dell'acne quando li mangi con le mani e tocchi il viso senza lavarle.

Avvertenze

  • Non usare l'isotretinoina se non conosci esattamente i rischi annessi. Ricorda che ha effetti sulla salute e sul benessere nel lungo periodo.
  • Se sei incinta o pensi di diventarla, rivolgiti al medico prima di usare qualunque prodotto per l'acne, inclusi i farmaci da banco e su prescrizione.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.