Come Comportarti quando Ti Senti Escluso

Sentirsi messi da parte dagli amici è doloroso, a qualsiasi età. Anche se capita a tutti di vivere l’esperienza del rifiuto, il senso di esclusione può farci sentire soli e tristi. Per affrontarlo puoi adottare diverse misure, tra cui capire perché ti senti in un determinato modo, incoraggiare te stesso e parlare con gli amici di ciò che stai provando. I tuoi sentimenti contano quanto quelli di tutti gli altri. Continua a leggere l'articolo per saperne di più su come comportarti quando ti senti escluso.

Comprendere le Tue Sensazioni

  1. Renditi conto perché stai male quando gli altri ti escludono. Solitamente il senso di esclusione dipende dal fatto che si viene messi da parte o rifiutati da una serie di persone dalle quali desideri essere apprezzato e accettato. Potresti avvertirlo perché sei stato allontanato e/o tagliato fuori da un gruppo di amici o colleghi. È normale intristirsi in questi casi perché tutti abbiamo bisogno di sentirci parte di un gruppo. L'uomo è un animale sociale e quando le sue esigenze non vengono soddisfatte, prova dolore e tristezza. Tuttavia, solo perché è comune a tutti soffrire quando ci si sente rifiutati non è detto che si soffre meno, quindi è importante mettere a punto qualche strategia per affrontare il rifiuto.
    • Una recente ricerca ha scoperto che il cervello elabora il dolore del rifiuto nello stesso modo in cui elabora il dolore fisico, come quello di un braccio rotto.
    • Il rifiuto da parte degli altri può generare rabbia, ansia, depressione, tristezza e gelosia.
    • Gli studiosi hanno scoperto che è doloroso essere respinti anche dalle persone che non apprezziamo!
  2. Ricordati che il rifiuto è una parte irrisoria della vita. Tutti si sentono esclusi a volte. A meno che tu non abbia litigato con i tuoi cari o li abbia feriti in qualche modo, è improbabile che sarai costantemente messo da parte nella tua vita. Trova conforto sapendo che il rifiuto che hai appena vissuto è momentaneo e non proverai questa sensazione per sempre.
  3. Sii realista. A volte possiamo sentirci tagliati fuori senza alcun motivo. Per capire se il tuo senso di esclusione è giustificato, devi guardare con obiettività la situazione. Essere realisti significa osservare le circostanze da ogni angolazione. Prendi in considerazione tutti gli aspetti di un determinato avvenimento, compreso te, le altre persone coinvolte e anche il contesto. Pertanto, per poter guardare con occhio obiettivo, è utile comportarsi nel modo seguente:
    • Cerca le prove della tua estromissione. Le tue sensazioni si fondano su prove ragionevoli?
    • Chiediti se può esservi stato un altro motivo per cui qualcuno abbia agito facendoti sentire escluso. Forse stava pensando a qualcos'altro o aveva fretta di andare da qualche parte.
    • La tua percezione della situazione si basa su emozioni o fatti realmente accaduti?
    • Chiedi a una persona imparziale se la tua valutazione delle circostanze è accurata.
    • Supponi che gli altri siano mossi dalle migliori intenzioni fino a prova contraria.

Sentirsi Meglio

  1. Lasciati alle spalle la situazione. Dopo aver individuato le tue sensazioni, cerca di superare la situazione facendo qualcosa che migliori il tuo stato d'animo. Rimanendo ancorato a quanto è accaduto o al modo in cui ti sei sentito, non starai meglio, anzi peggiorerai le cose. Trova subito qualcos'altro su cui concentrarti. Ad esempio, potresti vedere il lato buono delle circostanze scrivendo tre cose per cui sei grato. In alternativa, prova a distrarti facendo qualcosa che ti piace. Ad esempio:
    • Se ti senti bloccato in casa mentre i tuoi amici stanno fuori a divertirsi, fai qualcosa che ti vizi. Fai un bel bagno caldo con le tue candele profumate preferite e un libro. Fai una lunga passeggiata o una corsa ascoltando musica con il tuo iPod. Scendi e vai a fare shopping o un semplice giro per i negozi per conto tuo. Qualunque cosa tu faccia, fallo per te stesso e la tua felicità.
  2. Respira cercando di calmarti. Un rifiuto può essere molto traumatizzante e alla fine si corre anche il rischio di agitarsi e stressarsi. Alcune ricerche hanno dimostrato che prendersi qualche minuto per respirare profondamente può ridurre lo stress e favorire un senso di calma.
    • Per praticare la respirazione profonda, fai un respiro lento e intenso mentre conti fino a cinque. Dopodiché trattienilo, contando di nuovo fino a cinque. Poi, espira lentamente fino a cinque. Alla fine di questo esercizio fai due respiri a ritmo normale e ripeti dal respiro lento e intenso.
    • Potresti anche provare lo yoga, la meditazione o il tai chi per tranquillizzarti.
  3. Intrattieni un dialogo interiore positivo per darti coraggio dopo un rifiuto. Se sei stato escluso, probabilmente ti sentirai triste e col morale a terra. Il dialogo interiore, se positivo, può aiutarti a combattere queste sensazioni negative e farti sentire meglio dopo che sei stato rifiutato. Pertanto, dopo un episodio del genere, guardati allo specchio per qualche minuto, dicendo a te stesso qualcosa di incoraggiante. Puoi esternare un'opinione sul tuo conto o qualcosa che ti piacerebbe pensare di te. Ecco qualche esempio:
    • "Sono una persona divertente e interessante".
    • "Sono un buon amico".
    • "Piaccio alle persone".
    • "Agli altri piace trascorrere del tempo in mia compagnia".
  4. Prenditi cura di te stesso. In questo modo potrai sentirti amato anziché respinto. Questo atteggiamento può assumere forme diverse perché ogni persona si sente amata in modo diverso. Alcuni esempi includono cucinare piatti prelibati, fare un bel bagno caldo, lavorare a un progetto che ami o guardare il tuo film preferito. Dovresti anche prenderti cura del tuo corpo. Così facendo, trasmetterai al cervello che meriti attenzioni. Assicurati di dedicare il tempo sufficiente a soddisfare le tue esigenze di base che riguardano l'attività fisica, l'alimentazione e il sonno.
    • Cerca di dedicare 30 minuti al giorno all'esercizio fisico.
    • Segui una dieta sana ed equilibrata, ricca di cibi integrali tra cui frutta, verdura, cereali integrali e proteine magre.
    • Dormi 8 ore ogni notte.

Affrontare la Situazione

  1. Riconosci i tuoi sentimenti. Quando veniamo rifiutati, magari ci sforziamo di ignorare ciò che stiamo provando per evitare di stare male. Invece di fare di tutto per non badare al tuo stato d'animo, concediti la possibilità di soffrire per un po'. Se sei stato ferito gravemente e senti il bisogno di piangere, non esitare. Prendendo consapevolezza delle tue emozioni, potrai andare avanti e affrontare il rifiuto.
    • Trova il tempo per individuare il motivo per cui ti senti estromesso, come e perché ti fa sentire in questo modo. Per esempio, "Mi sento escluso perché sabato sera i miei amici sono andati a una festa senza di me. Mi sento tradito e triste perché penso che in realtà non mi apprezzano".
    • Prova a descrivere il tuo stato d'animo su un diario. Se non ti piace scrivere, anche disegnando o ascoltando musica per riflettere su come ti senti, avrai l'opportunità di prendere coscienza delle tue sensazioni e gestirle.
  2. Prendi in considerazione di raccontare a qualcuno che cosa è successo. Confidandoti con un amico o un familiare in grado di sostenerti, darai a te stesso la possibilità di stare meglio ed esprimere ciò che stai provando. Può anche essere un gesto che ti rassicura che c'è qualcuno che si preoccupa di te, nonostante i tuoi amici ti abbiano fatto sentire escluso e non desiderato. Se decidi di confidarti, cerca di scegliere una persona amorevole, in grado di ascoltarti. Se ti rivolgi a qualcuno che liquida in due parole quanto stai passando o che non sa offrirti il sostegno che ti serve, rischi di sentirti peggio.
  3. Parla ai tuoi amici delle tue sensazioni. Un altro modo apprezzabile per gestire le situazioni in cui ti senti messo da parte dai tuoi amici è raccontare loro come ti senti e chiedere di spiegarti perché ti escludono. Fai loro presente che ti sei sentito tagliato fuori, precisando in quale occasione e perché avresti voluto che ti invitassero o che trascorressero con te una serata. È altrettanto importante chiedere con educazione perché si è verificata una certa situazione. Non dare per scontato che sono da biasimare per il fatto che non ti hanno considerato. Prova solo a rivolgerti in modo garbato per stabilire un dialogo proficuo. Potresti dire qualcosa come:
    • "Mi sono davvero dispiaciuto quando siete andati a sui rollerblade sabato scorso e non mi avete coinvolto. So che ero stanco venerdì sera, ma sabato ero pronto per fare qualcosa. Se non fosse stato per X che mi ha detto che eravate usciti, non avrei saputo che non sono stato preso in considerazione. Mi sono sentito tagliato fuori. C'è qualche motivo per cui non avete pensato di invitare anche me?".
    • "È stata carina la festa a cui siamo andati la scorsa settimana, ma mi sono sentito abbandonato quando tu e X avete lasciato la conversazione. A quell'altro ragazzo non interessava parlare con me e quando vi ho cercato, non riuscivo a trovarvi da nessuna parte. Mi sono sentito escluso perché non conoscevo nessuno. Non vi siete resi conto che mi interessava più stare con voi anziché parlare con quel tipo? Non vi era chiaro che ero completamente solo a quella festa?".
  4. Ascolta le risposte dei tuoi amici, senza chiuderti. Probabilmente saranno sorpresi del fatto che ti sei sentito escluso. Forse ti risponderanno che il tuo malanno, la recente rottura col tuo fidanzato, la visita dei tuoi parenti, la mancanza di soldi, il controllo dei tuoi genitori o qualunque altra cosa sia stato il motivo che li ha spinti a non considerarti. Sfrutta questa opportunità per chiarire direttamente qualunque loro supposizione possa averli portati a escluderti.
    • Sii onesto con te stesso. Hai commesso qualcosa che possa averli spinti a escluderti? Per esempio, ultimamente sei stato esigente, invadente o incurante delle loro esigenze? O forse li hai assillati un po' troppo. Questa potrebbe essere la ragione principale per cui ti hanno messo da parte, affinché avessero più spazio e tranquillità. Se è così, assumiti le tue responsabilità, chiedi scusa e proponiti di cambiare atteggiamento.

Voltare Pagina

  1. Fai in modo che gli altri si sentano accettati. A volte, il modo migliore per superare il senso di esclusione durante una conversazione o in un determinato contesto consiste nel far sentire gli altri benaccetti e compresi. Così facendo, riuscirai a distogliere l'attenzione dal disagio o dal dispiacere che provi a causa della situazione e avrai la facoltà di cambiare il modo di vivere certe circostanze. Hai la possibilità di far sentire benvenuto chi ti sta vicino nel modo seguente:
    • Sorridere e salutare;
    • Avviare la conversazione;
    • Rivolgere domande sul suo conto, cercando di conoscerlo;
    • Ascoltare con attenzione;
    • Essere gentile e premuroso;
    • Mostrare un reale interesse per ciò che ha da dire.
  2. Organizza qualcosa da fare con gli amici. Se ritieni che il fatto di essere stato escluso dipenda dalla tua situazione (per esempio, hai dovuto studiare molto, fai gli straordinari al lavoro, hai molte responsabilità familiari, devi rispettare impegni sportivi o relativi alle tue passioni), dai una mano ai tuoi amici proponendo qualcosa che si adatti ai tuoi programmi. Apprezzeranno il tuo tentativo di organizzarti e trovare un accordo.
    • Se i tuoi impegni ti hanno impedito di vedere i tuoi amici, chiedi a uno di loro di accompagnarti a sbrigare qualche commissione o di unirsi a te in qualche attività quotidiana, come la palestra.
    • Fai del tuo meglio per organizzarti con gli amici, ma renditi conto quando è opportuno smettere di chiedere. Se più volte rifiutano i tuoi suggerimenti, allora è probabile che non ti desiderino più come amico. Non continuare a invitarli se dicono sempre no o se spesso si tirano indietro all'ultimo minuto.
  3. Decidi se devi farti nuovi amici. Se vieni sempre ignorato, forse dovresti accettare il fatto che non puoi contare sull'amicizia di queste persone e che dovresti stringerne di nuove. Prendi la decisione di trovare persone che ti rispettano e tengono a te. Anche se può essere difficile, è sempre più facile che restare legato a gente che continua a disprezzarti e trattarti come uno zerbino. Meriti di meglio.
    • Considera di fare volontariato, iscriverti a un'associazione che raccoglie persone che hanno i tuoi stessi interessi e prendere parte agli eventi locali che più ti attirano. Circondandoti di gente che condivide le tue passioni, sicuramente conoscerai persone con cui avrai in comune molte cose e potrai stringere nuove amicizie.

Consigli

  • Se un gruppo di amici con cui eri solito avere una certa frequentazione comincia a escluderti all'improvviso e a reagire con ostilità, scopri se qualcuno ha parlato male di te alle tue spalle. Rivolgiti a un amico stretto e chiedigli che cosa è stato detto sul tuo conto. Molto spesso, chi ha cattive intenzioni può distruggere l'intera vita sociale degli altri con un pettegolezzo. Potrebbe persino essere una bugia grande quanto una casa, qualcosa da cui non ti difendi perché non saresti nemmeno in grado di immaginartela. In questi casi, individua il bugiardo. Diffondi la verità, vai in cerca di chi ha sparlato di te e chiedi il motivo. Talvolta, succede a causa della gelosia, non per qualche errore che hai commesso.
  • Se vieni costantemente escluso e non hai alcun genere di appoggio da parte di altri amici e conoscenti per trascorrere il tempo o parlare di queste cose, rivolgiti a uno psicologo. Può aiutarti a costruire una rete di sostegno personale e a capire cosa potrebbe astenerti dal farlo. A volte tutto quello che serve è un punto di vista esterno.
  • Se i tuoi amici ti danno sempre buca, allora non sono veri amici.

Avvertenze

  • Lascia perdere le persone che decidono di escluderti per farti capire che il rapporto di amicizia è chiuso o che non dicono apertamente cosa pensano perché sono troppo diffidenti o impauriti. Molta gente preferisce mettere fine alle amicizie semplicemente allontanandosi, invece di esporsi a un confronto. Non tutte le amicizie durano, perciò è più importante riconoscere l'incompatibilità per quella che è, piuttosto che biasimarsi per questo o mortificarsi. Capita che, crescendo, si prendano strade differenti.
  • Non sollevare argomenti di carattere religioso con perfetti sconosciuti o con chi professa un credo diverso dal tuo. Riserva questo genere di conversazioni quando il contesto è amichevole, magari quando sei in compagnia di persone che condividono quasi del tutto il tuo punto di vista.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.