Come Trattare un'Infezione Nasale in Modo Naturale

La sinusite è un'infiammazione dei seni paranasali, ovvero le cavità situate all'interno della fronte e del viso. Tali cavità hanno varie funzioni e una di queste è quella di produrre il muco per intrappolare ed eliminare gli agenti patogeni e altri corpi estranei. A volte i seni si infiammano, spesso a causa di infezioni, e non possono più svolgere il loro compito, ossia quello di produrre muco. In questi casi si parla di sinusite. Anche i polipi nasali, i cambiamenti della pressione atmosferica o le infezioni dentali possono causare la sinusite. Sebbene i rimedi naturali abbiano un'efficacia limitata (soprattutto contro le infezioni batteriche), comunque sono in grado di ridurre i sintomi o impedire che il processo infiammatorio della sinusite peggiori.

Trattare le Infezioni

  1. Bevi molti liquidi. La secchezza delle cavità nasali impedisce al corpo di combattere le infezioni. Mantenendoti idratato, lo aiuterai a produrre e fluidificare il muco, ma anche a ridurre la sensazione di pressione o otturazione. Oltretutto, bevendo molto, riuscirai ad alleviare il mal di gola.
    • Gli uomini dovrebbero bere almeno 13 bicchieri (3 litri) di acqua al giorno, mentre le donne almeno 9 (2,2 litri). Quando l'organismo sta cercando di combattere un'infezione, l'assunzione di liquidi dovrebbe persino aumentare. Cerca di bere almeno 230 ml di acqua ogni 2 ore.
    • L'acqua è la scelta migliore, ma anche il tè deteinato e un brodo leggero sono ottime opzioni. Se vomiti, forse dovresti consumare bevande sportive contenenti elettroliti per ristabilire l'equilibrio elettrolitico.
    • Evita l'alcol, perché va ad aumentare il gonfiore dei seni paranasali. L'alcol insieme con la caffeina favorisce la disidratazione, perciò evita queste sostanze quando sei raffreddato.
  2. Prendi l'estratto di sambuco. Il sambuco comune è una pianta piuttosto usata per il trattamento delle malattie respiratorie. Possiede proprietà antinfiammatorie e antivirali. Inoltre, contribuisce a rinforzare il sistema immunitario. Puoi acquistare l'estratto di sambuco sotto forma di sciroppo, pastiglie e integratori in capsule nella maggior parte delle farmacie e dei negozi che vendono prodotti per varie esigenze nutrizionali.
    • In alternativa, puoi immergere 3-5 grammi di fiori di sambuco secchi in una tazza di acqua bollente per 10-15 minuti. Filtrali dopo l'infusione. Bevi la tisana 3 volte al giorno.
    • Non utilizzare i fiori di sambuco se non sono maturi o cotti, giacché potrebbero essere tossici.
    • In caso di gravidanza o allattamento, non assumere né i fiori né l'estratto di sambuco.
    • Se soffri di una malattia autoimmune, come l'artrite reumatoide o il lupus, consulta il tuo medico curante prima di assumere i fiori o l'estratto di sambuco.
    • Il sambuco può interagire con i farmaci per il diabete, i lassativi, i farmaci chemioterapici o gli immunosoppressori. Se stai seguendo una di queste terapie farmacologiche, consulta il tuo medico prima di assumerlo.
  3. Mangia l'ananas fresco. È un frutto ricco di un enzima chiamato bromelina, impiegato nei farmaci destinati a ridurre il gonfiore e l'infiammazione del naso e dei seni paranasali.
    • Puoi assumere la bromelina mangiando due fette di ananas fresco o bevendone il succo quotidianamente.
    • Se sei allergico a lattice, grano, sedano, carote, finocchi, polline del cipresso o delle graminacee, potresti manifestare una reazione allergica alla bromelina.
    • Non mangiare i semi di soia o le patate insieme con l'ananas, in quanto contengono sostanze che ostacolano l'effetto della bromelina.
  4. Riposati a sufficienza. Il corpo ha bisogno di dormire per riprendersi. Prova a stenderti supino quando sei congestionato. Se hai l'abitudine di dormire su un fianco, sappi che questa posizione è la meno indicata. Se puoi, cerca di riposare per 24 ore.
    • Dormendo con la testa appoggiata su un cuscino, impedirai che il muco vada a otturare i seni paranasali. Il guanciale deve essere comodo e sostenere la curva naturale del collo. Se è troppo alto, può provocare tensioni muscolari lungo schiena, collo e spalle. Pertanto, opta per un cuscino che mantenga il collo allineato con il petto e la zona lombare.
    • Evita di dormire a pancia in giù. Questa posizione può complicare la respirazione quando sei raffreddato e indolenzire il collo e le spalle.
    • Evita la caffeina, l'alcol e gli alimenti zuccherati 4-6 ore prima di coricarti.
    • Evita di fare attività fisica 2 ore prima di andare a letto. Praticato in maniera regolare e moderata, e soprattutto durante il pomeriggio, lo sport favorisce il sonno.
    • Parla con il tuo medico curante se non dormi bene. Probabilmente le difficoltà respiratorie durante il sonno dipendono dal fatto che soffri di apnea notturna. Il medico può consigliarti un intervento chirurgico o la terapia ventilatoria CPAP (Continuous Positive Airway Pressure), che comporta l'uso di un piccolo dispositivo ad aria pressurizzata mentre dormi.
  5. Gestisci lo stress. Lo stress indebolisce il sistema immunitario, impedendogli di combattere le infezioni. Riducendolo, sarà più facile curare la sinusite.
    • Cerca di limitare gli effetti delle tensioni quotidiane uscendo con gli amici, ascoltando musica o facendo qualcosa di rilassante.
    • La melissa è utile per alleviare lo stress. Può anche aiutare ad attenuare i sintomi di ansia e insonnia. Puoi acquistarla sotto forma di foglie secche o fresche, tisane, capsule, estratti, tinture e olio essenziale. Per preparare la tisana, immergi 1,5-4,5 g di melissa secca in acqua calda. Bevila 4 volte al giorno.
    • Anche la camomilla contribuisce ad alleviare lo stress e favorisce il rilassamento. Per preparare la tisana, versa una tazza di acqua bollente su 2-4 g di camomilla secca o una bustina di camomilla. Lascia in infusione per 10-15 minuti e bevila 3-4 volte al giorno. È adatta per le donne incinte, le persone che soffrono di asma e ipoglicemia o che assumono farmaci anticoagulanti. Alcuni soggetti possono essere allergici.

Decongestionare i Seni Paranasali

  1. Scegli una soluzione fisiologica in spray. Le soluzioni saline munite di nebulizzatore umidificano le cavità nasali e aiutano a ripulire il naso da croste e muco. Puoi acquistare una soluzione salina in spray senza ricetta medica presso la maggior parte delle farmacie. Il prodotto viene venduto in contenitori pressurizzati o flaconi con nebulizzatore.
    • Chiedi al medico o al farmacista quale tipo di soluzione fisiologica è più adatta alle tue esigenze. Le soluzioni saline si dividono in tre tipi: ipertoniche, che hanno una concentrazione di sale più elevata rispetto a quella dei tessuti organici; isotoniche, che contengono la stessa concentrazione di sale presente nel corpo; infine, le ipotoniche, che hanno una concentrazione di sale leggermente più bassa rispetto a quella dell'organismo.
    • Se hai la pelle sensibile, utilizza una soluzione fisiologica in spray con un contenuto di sodio inferiore all'1%. La concentrazione salina del corpo corrisponde a 0,9% (ecco perché i liquidi usati in ospedale per la reidratazione dei pazienti contengono una soluzione salina equivalente a 0,9%.) Gli spray nasali possono pungere leggermente o causare irritazioni se la presenza del cloruro di sodio è superiore a 0,9%.
    • La maggior parte delle soluzioni saline in spray non comporta rischi per la salute e possono essere usate ogni volta che se ne ha la necessità. Se esce sangue dal naso, interrompi l'applicazione. Se l'emorragia o l'irritazione non si arresta, consulta il medico.
  2. Adopera la tua soluzione fisiologica in spray. Se usi un contenitore pressurizzato, lavalo almeno una volta a settimana. Prima di usarlo, soffia il naso per eliminare il muco. Agita la bomboletta un paio di volte. Tieni la testa in posizione verticale ed espira lentamente. Infilala in una narice, otturando l'altra. Premi il vaporizzatore mentre inspiri lentamente attraverso la narice aperta. Ripeti l'operazione dall'altro lato.
    • Quando usi uno spray con nebulizzatore, soffia il naso per liberarlo dal muco. Agita delicatamente il flacone un paio di volte. Inclina la testa leggermente in avanti ed espira. Inserisci il vaporizzatore in una narice, tenendo l'altra otturata. Premi la pompetta mentre inspiri attraverso il naso. Ripeti l'operazione dall'altro lato.
    • Cerca di non starnutire né di soffiare il naso subito dopo l'applicazione della soluzione salina.
    • Segui le indicazioni riportate nel foglietto illustrativo, altrimenti rischi di rovinare il medicinale o irritare ancora di più le cavità nasali.
  3. Irriga le cavità nasali con il lota neti o una siringa. La maggior parte dei lota neti e delle siringhe sono accompagnati da una soluzione preconfezionata in bustine. Se hai deciso di adoperare questi dispositivi per irrigare le cavità nasali, comincia con un'irrigazione al giorno. Se ti senti meglio, puoi passare a due volte al giorno.
    • L'irrigazione nasale comporta pochi effetti collaterali. Le prime volte potresti avvertire una leggera sensazione di bruciore o irritazione.
    • Piegati con la testa rivolta verso il lavandino. Puoi effettuare questa manovra sotto la doccia o nella vasca da bagno per evitare di schizzare. Respira attraverso la bocca. Inclina la testa di 45 gradi.
    • Introduci il beccuccio del lota neti in profondità nella narice in modo da mantenerlo comodamente. Non premerlo contro la parte centrale del naso. Inclina il lota neti facendo in modo che la soluzione raggiunga la parte superiore della narice: la soluzione attraverserà la cavità nasale, fuoriuscendo dall'altra narice. Continua a respirare attraverso la bocca.
    • Una volta che il lota neti si sarà svuotato, espira con forza attraverso entrambe le narici. In questo modo eliminerai la soluzione in eccesso e il muco. Soffia delicatamente il naso con un fazzoletto di carta.
    • Sciacqua via la soluzione salina residua e lava il lota neti o la siringa con acqua e sapone dopo l'uso.
    • È normale che il naso coli per una mezz'oretta dopo l'irrigazione. Tieni a portata di mano un fazzoletto per detergerti in caso di gocciolamento.
    • Se avverti una sensazione di pizzicore o irritazione, la volta successiva usa meno sale.
  4. Prova a preparare la soluzione salina da solo. Per ridurre i costi della soluzione fisiologica o avere un maggiore controllo degli elementi che la compongono, puoi prepararla in casa.
    • Usa ¼ di cucchiaino di sale grosso o kosher, ¼ di cucchiaino di bicarbonato di sodio e 250 ml di acqua calda distillata o bollita. È importante usare l'acqua distillata o bollita, e raffreddarla successivamente, perché quella del rubinetto può contenere amebe o parassiti.
  5. Usa un umidificatore. L'aria secca può irritare e aggravare la sinusite. Utilizzando un umidificatore, riuscirai a mantenerla umida. In questo modo, aiuterai le naturali vie di drenaggio delle secrezioni nasali a rimanere aperte ed eviterai un peggioramento dei sintomi della sinusite.
    • Cerca di mantenere un tasso di umidità ottimale. Il tasso di umidità all'interno della casa deve aggirarsi intorno al 30-55%. Se è troppo elevato, può favorire la crescita di muffe e acari, allergeni piuttosto comuni. Se, invece, è troppo basso, c'è il rischio che si secchino gli occhi e che la gola e il naso si irritino. Prova ad acquistare un umidostato per misurare l'umidità presente nella tua abitazione presso un negozio di elettrodomestici.
    • Mantieni pulito l'umidificatore. Può facilmente crescere la muffa all'interno di questi dispositivi e diffondersi in tutta casa.
    • Aggiungendo all'acqua dell'apparecchio qualche goccia di olio essenziale, come quello di eucalipto, potrai alleviare la congestione nasale.
    • Considera di procurarti una pianta d'appartamento. Le piante permettono di regolare l'umidità interna di casa mediante la traspirazione, il processo che consente a fiori, foglie e steli di rilasciare vapore acqueo nell'aria. Inoltre, contribuiscono a pulire l'aria dal biossido di carbonio e altri agenti inquinanti. Tra le migliori piante d'appartamento considera l'aloe vera, la palma di bambù, il ficus benjamina, quelle appartenenti alla famiglia dell'aglaonema e varie specie di filodendro e dracena.
  6. Prova i rimedi che sfruttano il vapore acqueo. Inalando il vapore acqueo all'interno della doccia o da una bacinella d'acqua calda, è possibile mantenere umide le cavità nasali e ridurre la congestione. Secondo alcuni studi, la doccia calda contribuisce anche a ridurre l'ansia e lo stress.
    • Non restare più di 5-10 minuti sotto la doccia calda. Le persone che hanno la pelle sensibile dovrebbero farla solo una o due volte a settimana per prevenire il rischio di seccare e irritare la pelle.
    • La cosiddetta "bomba da bagno" al mentolo contribuisce a ridurre la congestione nasale, anche se in alcuni casi le sostanze contenute all'interno possono irritare le vie respiratorie. Prima di comprarla, assicurati di leggere gli ingredienti e le avvertenze.
    • Se preferisci fare i fumenti, versa l'acqua calda in una bacinella resistente al calore. Mettila su una superficie solida e sicura, come un tavolo o il ripiano della cucina.
    • Piegati con la testa verso il recipiente, ma cerca di non avvicinarti così tanto da bruciarti il viso con il vapore o l'acqua.
    • Copri la testa e la bacinella con un asciugamano di cotone leggero. Inala il vapore per 10 minuti.
    • Puoi aggiungere all'acqua 2-3 gocce di olio di eucalipto o di un altro olio decongestionante per liberare meglio le vie nasali. Tieni presente che l'eucalipto ha un odore così intenso che a volte le persone che soffrono di asma o che sono sensibili agli odori troppo forti non lo sopportano.
    • Ripeti l'operazione per 2-4 volte al giorno.
  7. Mangia cibi piccanti. Secondo alcune ricerche, i cibi piccanti, soprattutto gli alimenti come il rafano e il peperoncino, aiutano a decongestionare i seni paranasali.
    • La capsaicina, contenuta nel peperoncino e in altri cibi piccanti, permette di fluidificare il muco e favorire la decongestione dei seni paranasali.

Rinforzare il Sistema Immunitario

  1. Aumenta il consumo della vitamina C. Rafforzando le difese immunitarie, aiuterai il corpo a guarire più velocemente e ridurrai il rischio di future infezioni. Alcune ricerche hanno dimostrato che la vitamina C è un antiossidante che svolge un ruolo fondamentale: rinforza il sistema immunitario e abbassa il rischio di varie malattie croniche.
    • Il corpo non produce né immagazzina la vitamina C. Se l'assumi in quantità maggiori rispetto a quelle consumate dall'organismo, verrà espulsa tramite le urine. La dose giornaliera raccomandata è compresa tra i 65 e i 90 mg, ma non supera i 2000 mg.
    • Tieni conto che una piccola quantità di vitamina C può aiutare nella prevenzione delle malattie, ma può fare ben poco contro la sinusite o un raffreddore forte. Invece, presa in dosi elevate (1000-2000 mg), può aiutare a debellare virus e batteri.
    • Il modo migliore per aumentare il consumo di vitamina C consiste nell'inserire nella propria alimentazione cibi ricchi di sostanze nutritive. Gli alimenti che seguono hanno un alto contenuto di vitamina C e altri nutrienti essenziali:
      • Gli agrumi (come arance e pompelmi) e i succhi di agrumi, i peperoni rossi e verdi, ma anche i kiwi sono ricchissimi di vitamina C.
      • Anche i broccoli, le fragole, il melone di Cantalupo, le patate al forno e i pomodori la contengono in discrete quantità.
    • I fumatori hanno bisogno di più vitamina C rispetto a chi non fuma, in quanto il tabagismo aumenta il fabbisogno di vitamina C necessaria all'organismo per riparare i danni causati alle cellule dai radicali liberi. Se fumi, cerca di assumerne 35 mg in più al giorno rispetto alla dose consigliata ai non fumatori.
  2. Inserisci il consumo dei probiotici nella tua alimentazione. I probiotici sono microrganismi presenti naturalmente nell'apparato digerente e in alcuni alimenti. Secondo le ricerche, possono ridurre la gravità e la durata dei sintomi del raffreddore e dell'influenza. Inoltre, favoriscono la produzione delle cellule preposte a combattere le infezioni.
    • I probiotici sono presenti nello yogurt, in alcuni tipi di latte e prodotti a base di soia. Cerca i prodotti contenenti lactobacillus o bifidobatteri e assicurati che sulla confezione sia segnalata la presenza dei "fermenti vivi".
    • I probiotici sono venduti anche sotto forma di integratori alimentari.
    • Se hai il sistema immunitario indebolito o stai assumendo farmaci immunosoppressori, consulta il medico prima di assumere i probiotici. Gli antibiotici possono ridurre l'efficacia di queste sostanze.
  3. Assumi lo zinco. È un oligoelemento essenziale, presente in molti alimenti che puoi mangiare regolarmente, come la carne rossa, i frutti di mare e il formaggio. Possiede proprietà antibiotiche che aiutano a proteggere le cellule del corpo dai danni causati da batteri e virus. Alcuni studi hanno rilevato che può aiutare ad alleviare i sintomi prodotti dal comune raffreddore. Gli adulti dovrebbero consumare 8-12 mg di zinco al giorno.
    • Ottime fonti alimentari di zinco sono i crostacei (soprattutto le ostriche), la carne rossa e il pollo. In alternativa, considera i fagioli, le noci, i cereali integrali e i derivati del latte.
    • Seguendo un sano regime alimentare e prendendo un integratore multivitaminico, dovresti soddisfare il tuo fabbisogno di zinco.
    • Se necessiti di maggiori quantità di zinco, magari quando sei raffreddato, puoi trovarlo in molti integratori. Tra le forme facilmente assimilabili vi sono lo zinco picolinato, il citrato di zinco, l'acetato di zinco, lo zinco glicerato e lo zinco monometionina. Non assumerlo in dosi elevate per più di qualche giorno senza consultare il medico.
  4. Consuma più vitamina E. È un antiossidante che protegge i tessuti cellulari dai danni causati da batteri e virus. Rinforza anche il sistema immunitario, favorisce la formazione dei globuli rossi e ostacola lo sviluppo di coaguli nel sangue. Per gli adulti la dose giornaliera raccomandata equivale a 15mg, ma recentemente è stata elevata a 50 mg o 400 UI (unità internazionali).
    • Opta per gli integratori che contengano almeno i gamma-tocoferoli (la più potente forma di vitamina E), non solo gli alfa-tocoferoli, che sono meno efficaci.
    • Ottime fonti alimentari di vitamina E sono gli oli vegetali, le mandorle, le arachidi, le nocciole, i semi di girasole, gli spinaci e i broccoli.
    • Per gli adulti la quantità massima di vitamina E equivale a 1500 UI al giorno, se assunta in forma naturale, mentre 1000 UI al giorno, se assunta in forma sintetica. Chiedi al medico quali sono le dosi più adatte alle tue esigenze.
    • Non è né dannoso né pericoloso assumere vitamina E tramite gli alimenti. Tuttavia, se presa in dosi molto elevate mediante il consumo di integratori, può aumentare il rischio di gravi emorragie cerebrali. Nelle donne che durante la gravidanza l'assumono in grosse quantità il rischio che si verifichino malformazioni al feto potrebbe aumentare.
  5. Evita gli alimenti infiammanti. Le infiammazioni si producono quando una parte del corpo si arrossa, si gonfia e si indolenzisce a seguito di una ferita o un'infezione. Le infezioni nasali provocano infiammazione e alcuni cibi possono inibire il processo di guarigione. Quindi, evita il consumo dei seguenti alimenti per prevenire il rischio di infiammazioni:
    • Carboidrati raffinati, come pane bianco, dolci e ciambelle;
    • Fritture e cibi grassi;
    • Bevande zuccherate;
    • Carni rosse, come carne di vitello, prosciutto o bistecca (limitati a una volta alla settimana, se puoi);
    • Carni lavorate, come gli hot dog;
    • Margarina, grassi da cucina e lardo.
  6. Smetti di fumare. Oltre a essere nocivo per il corpo, il fumo irrita le pareti dei seni paranasali. Il fumo della sigaretta, ma anche quello passivo, è collegato alla sinusite cronica.
    • Negli Stati Uniti il fumo passivo incide nel 40% dei casi di sinusite cronica ogni anno.

Riconoscere un'Infezione Nasale

  1. Individua i sintomi di un'infezione. Può essere difficile diagnosticare la sinusite, soprattutto perché i sintomi che produce sono simili a quelli del raffreddore. In forma acuta, spesso si manifesta dopo un raffreddore e la sintomatologia peggiora dopo 5-7 giorni. Se si tratta di sinusite cronica, di solito i sintomi sono un po' più blandi, ma si protraggono nel tempo. I più comuni sono:
    • Mal di testa e febbre;
    • Sensazione di pressione su fronte, tempie, guance, naso, mascella, denti, occhi o parte superiore della testa;
    • Sensibilità al viso o gonfiore, soprattutto nella zona perioculare o sulle guance;
    • Naso otturato, compromissione dell'olfatto;
    • Secrezioni nasali (di solito di colore verde-giallastro) o gocciolamento retronasale (sensazione di un liquido che cola sul retro della gola);
    • Tosse e mal di gola;
    • Alito cattivo;
    • Spossamento.
  2. Considera da quanto tempo presenti i sintomi. La sinusite può essere acuta (dura meno di 4 settimane) o cronica (dura più di 12 settimane).
    • La sinusite in forma acuta dipende da molti fattori, ma l'infezione virale è la causa più comune nel 90-98% dei casi. Generalmente, guarisce entro 7-14 giorni.
    • Anche la sinusite cronica è dovuta a diversi fattori, ma le allergie sono le cause più comuni. Il rischio aumenta se il soggetto è fumatore o soffre di asma.
  3. Evita i cambiamenti agli stimoli esterni. La sinusite si manifesta sovente durante i cambi di stagione, che vanno a scatenare allergie o raffreddori. Anche i cambiamenti ambientali o l'esposizione a sostanze chimiche pericolose e polveri sottili presenti nell'aria possono costituire dei fattori scatenanti.
    • Gli allergeni, come i pollini o la polvere, sono le cause principali della sinusite.
    • Il fumo della sigaretta e i fumi tossici irritano i tessuti delle pareti nasali, provocando la sinusite.
    • Le variazioni di pressione, ad esempio durante le immersioni, i voli in aereo o ad altitudini elevate, possono causare la sinusite.
    • Persino le temperature estreme o gli sbalzi termici possono favorire l'insorgere della sinusite.
  4. Consulta il medico. In alcuni casi la sinusite può essere causata da infezioni batteriche. In tali circostanze può essere più grave e andrebbe curata con gli antibiotici. Dal momento che i sintomi della sinusite batterica, virale e allergica sono simili, è importante consultare il medico in modo che possa effettuare una diagnosi corretta e prescrivere il trattamento adatto.
    • Informa il medico se sei incinta. Inoltre, mettilo al corrente se recentemente hai subito un intervento chirurgico dovuto a problemi dentali o lesioni fisiche.
    • Cerca immediatamente l'assistenza del medico se hai la febbre alta (oltre ai 40° C) o difficoltà respiratorie. Questi sintomi potrebbero indicare un problema di salute più grave.
    • Nei rari casi in cui le complicazioni sono associate alla sinusite cronica i sintomi comprendono formazione di coaguli di sangue, ascessi, meningite, cellulite orbitaria e osteomielite, un'infezione che si diffonde alle ossa del viso.
    • Non assumere antibiotici per combattere la sinusite, salvo diverse indicazioni da parte del medico. Solo nel 2-10% dei casi è causata da infezioni batteriche. Pertanto, gli antibiotici servono solo a curare la sinusite di origine batterica, ma sono inefficaci se la causa è di altra natura. Quando non sono necessari, non fanno altro che aumentare il rischio di sviluppare l'antibiotico-resistenza da parte dei batteri.
    • Se i sintomi durano per più di 8 settimane, il medico potrebbe richiederti di sottoporti a un esame di diagnostica per immagini, come una radiografia, una TAC o una risonanza magnetica, e prescriverti anche un test allergologico per determinare se il problema dipende da un'allergia.
  5. Consulta un otorinolaringoiatra. Se i sintomi si protraggono oltre 8 settimane, il medico potrebbe consigliarti una visita presso un otorinolaringoiatra. Si tratta di uno specialista che può effettuare un'endoscopia nasale con il fibroscopio per esaminare i seni paranasali.
    • In alcuni casi, l'otorino può consigliare una chirurgia endoscopica dei seni paranasali in modo da rimuovere un'ostruzione causata da una deviazione del setto nasale, un polipo, tessuti gonfi o danneggiati, o altre cause che stanno all'origine della sinusite.

Consigli

  • Lavando spesso le mani, potrai ridurre il rischio di contrarre infezioni. Porta con te un disinfettante quando viaggi o lavori.
  • La vaccinazione antinfluenzale annuale può contribuire a diminuire il rischio di sinusiti e altre patologie respiratorie.

Avvertenze

  • Se la sinusite è accompagnata da febbre alta (40° C o più), consulta immediatamente il medico.
  • Se soffri di sinusite cronica, parla col medico. Potrebbe trattarsi di un problema di salute più grave.
  • Se i sintomi non migliorano dopo 10 giorni, dovresti rivolgerti al medico. Stabilirà se hai contratto un'infezione batterica che richiede l'assunzione di antibiotici. Se non è di origine batterica, continua a usare i trattamenti naturali finché i sintomi non saranno scomparsi.
  • Fai attenzione agli spray nasali che contengono zinco. Alcune persone hanno segnalato una perdita dell'olfatto dopo l'uso.
  • Se i sintomi si prolungano per oltre 8 settimane, probabilmente si tratta di sinusite cronica o un altro problema di salute.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.