Come Allevare i Bovini di Razza Black Angus

Il Black Angus è una razza bovina che può essere allevata in diversi contesti, dalla fattoria, dove il bestiame può badare molto bene a se stesso, al feedlot, ovvero nei recinti dove avviene l'allevamento intensivo del bestiame. Ogni singolo produttore ha il proprio modo di allevare l'Angus e nessun sistema è uguale a un altro. Pertanto, esistono solo i principi basilari per i quali mettere su un allevamento di vacche e vitelli di Angus, ma non per preparare il bestiame alla produzione. I dettagli su come scegliere di allevare l'Angus dipendono da te.

Passaggi

  1. Compra e dai vita a un allevamento di Angus, scegliendo la qualità in base all'attività che andrai a intraprendere.
  2. In accordo con il business plan creato prima di avviare l'allevamento, preparati alle stagioni della riproduzione, del parto e dello svezzamento. A seconda dell'attività commerciale, forse sarà utile sincronizzare la stagione riproduttiva ai tempi naturali delle vacche, oppure andare a tempo con i mercati che riguardano, per esempio, la vendita di tori e delle giovenche di un anno di età o con i mercati del bestiame di primavera.
    • Fai in modo che la stagione del parto sia in un periodo in cui è possibile gestire le nascite, le gravidanze e i vitelli neonati, anche in condizioni meteorologiche avverse.
    • Gestire il parto è un aspetto fondamentale per garantirsi un'elevata sopravvivenza dei vitelli dalla nascita fino alla vendita. Durante la stagione del parto, le vacche e le giovenche vanno controllate per capire se esistono eventuali sintomi di distocia o di problemi legati al parto. Al tempo stesso è necessario verificare se i vitelli presentano possibili segni di stress da freddo, diarrea, lesioni, polmonite o di qualsiasi altro problema di salute. Se il parto avviene al pascolo, il rischio di diarree diminuisce, ma in primavera può essere un problema a causa delle probabili nevicate, soprattutto se si vive in zone di montagna o in luoghi in cui avvengono spesso tempeste di neve primaverili. Avere un riparo adeguato, un buon giaciglio e grandi quantità di foraggio è molto importante durante questo difficile periodo dell'anno.
      • Sappi quando una vacca o una giovenca è pronta a partorire. È importante per capire quando e se una femmina ha bisogno di assistenza.
      • Prepara le attrezzature necessarie per curare la distocia, i problemi di salute o eventuali infortuni. Inoltre, dovresti avere a portata di mano il numero di telefono del veterinario.
      • Separa le vacche gravide da quelle che hanno partorito. È più facile separare le vacche gravide da quelle che hanno appena partorito, portandole in un nuovo pascolo, e non viceversa. In questo modo le mucche che sono in procinto di partorire non ruberanno i vitelli delle altre. Succede di tanto in tanto, quando dell'anno si scatenano gli ormoni in questo difficile periodo.
    • La stagione riproduttiva dovrebbe venire dopo qualche mese (da 80 a 90 giorni) dal parto e dura da 45 a 60 giorni per garantire la fertilità della mandria. È opportuno che coincida con il programma dei parti in modo che ogni anno le vacche e le giovenche diano alla luce i vitelli nello stesso periodo senza alcuna discrepanza.
      • Per gestire l'allevamento c'è bisogno di un'attenta valutazione. Vuoi usare l'inseminazione artificiale o preferisci che il concepimento avvenga in modo naturale, oppure intendi ricorrere a entrambe le soluzioni?
        • Se scegli la fecondazione naturale, prendi un bel toro della razza Angus che sia in grado di migliorare il valore genetico del tuo allevamento.
        • Se preferisci l'inseminazione artificiale, scegli un maschio Angus con superiorità attestata grazie al metodo delle Differenze Previste nella Progenie (DEP), il quale migliorerà la tua mandria. È bene avere un toro di qualità per assicurarsi che tutte le vacche siano gravide in tempo per la stagione del parto.
          • Si consiglia vivamente di esaminare lo sperma di tutti i tori prima della stagione riproduttiva. Non c'è niente di peggio che scoprire che il motivo principale per cui le gravidanze sono meno numerose del solito è dovuto al fatto che il toro o i tori non sono compatibili, hanno problemi riproduttivi (pene fratturato) o anomalie (pene a forma di cavatappi o produzione anomala di sperma) che non sono stati individuati al momento dell'acquisto.
    • Lo svezzamento dovrebbe avvenire quando i vitelli raggiungono i 6-8 mesi di età.
      • Preparando i vitelli allo svezzamento, ridurrai al minimo lo stress per i piccoli durante la fase dello svezzamento.
      • Si consiglia, inoltre, di svezzare i vitelli e vendere quando il prezzo di mercato è alto, non quando è basso.
  3. Controlla la salute della mandria. A meno che tu non abbia un allevamento estremamente chiuso (niente e nessuno che da altri allevamenti entri nella mandria, biosicurezza, ecc.), è importante per la salute delle vacche e dei vitelli controllare le loro condizioni fisiche. Per mantenere sana la mandria, pertanto, è necessario attuare un programma di vaccinazione annuale o biennale destinato ai vitelli, ai tori e alle mucche. Consulta il veterinario per pianificare un accurato programma di salute per l'allevamento.
    • Le vaccinazioni più importanti includono il vaccino contro il Clostridium e i vaccini per il virus respiratorio sinciziale bovino, le malattie respiratorie del bovino, i virus parainfluenzali di tipo 3, la rinotracheite virale bovina e la leptospirosi. In alcune zone è probabile che sia necessario anche il vaccino per l'antrace, qualora ci si trovi in località che da tempo hanno problemi con la diffusione di questa infezione batterica.
    • È meglio vaccinare le femmine almeno 3 settimane prima del parto per ridurre al minimo la necessità di vaccinare i vitelli al momento dell'etichettatura e della castrazione.
  4. Controlla l'alimentazione. L'alimentazione è un aspetto molto importante nell'allevamento. Non puoi avere mucche senza avere di che nutrirle. Approfitta del periodo dalla primavera all'autunno per fare il fieno, conservare il foraggio e/o il grano nei silos destinati al bestiame. Assicurati di avere abbastanza terreno per preparare il foraggio per tutti gli animali e di conoscere quanto consumano in media le mucche e i tori. Forse a volte sarà necessario acquistare del mangime, ma la maggior parte degli allevatori preferisce evitarlo, sforzandosi di produrre il foraggio da sé.
    • Nutri le vacche in base alle loro esigenze nutrizionali durante le fasi riproduttive. Per esempio, una mucca consuma il 50% in più quando allatta rispetto a quando non produce latte. È importante somministrare un'alimentazione ad alto contenuto di calcio e proteine per mantenere una buona produzione di latte. Quando la vacca è in asciutta (non produce latte), è meglio che il consumo e la nutrizione siano più basse, ma sufficienti da non farle perdere peso né da costringerti ad alimentarla con mangime che non la nutre adeguatamente.
      • Tutti i bovini, in genere, assumono il 2,5% del loro peso corporeo da sostanze secche. Le femmine che allattano assumono dal 3,5% al 4% del loro peso corporeo da sostanze secche. La quantità di cibo intatto (prima che diventi secco), consumato dai bovini, dipende fondamentalmente dell'umidità del nutrimento.
  5. Gestisci il pascolo. A seconda di dove ti trovi e del tipo di attività commerciale che hai avviato, dovrai conoscere quando è il momento migliore per lasciare le mucche al pascolo e quando è quello giusto per cambiarlo. A meno che tu non stia facendo un pascolo a gestione intensiva (Management-Intensive Grazing, MIG) ovvero un pascolo a rotazione, è meglio far pascolare le mucche cambiando posto una volta ogni una-tre settimane, permettendo al pascolo di riposare per almeno 30 giorni.
    • Non lasciare che i pascoli siano sfruttati eccessivamente. Quanto più una mandria di mucche pascola in un punto particolare, meno produttiva sarà. Il pascolo a rotazione (o intensivo) è una buon sistema di gestione da prendere in considerazione, se desideri mantenere il prato e il pascolo più uniformi e sani.
      • Conoscere la portata, la densità della popolazione animale e la capacità di dislocazione all'interno del tuo terreno sicuramente ti aiuterà a determinare quanti acri (o ettari per vacca) è necessario destinare al pascolo.
        • UA significa Unità animale, dove una mucca da 1000 libbre (con o senza vitello) consuma circa 25 kg di erba al giorno. AUD è la quantità di foraggio che un'unità animale consuma in un giorno. AUM è la quantità di foraggio che un'unità animale consuma in un mese.
          • Consulta la pagina dell'Anagrafe Zootecnica del sito del Ministero della Salute e gli uffici di anagrafe zootecnica della tua regione, deputati alla registrazione di insediamenti zootecnici e alla gestione movimentazione bestiame bovino, ovi-caprino, suino.
    • Combina la qualità dell'erba con i capi di bestiame che possiedi o con i livelli nutritivi di cui necessitano. I pascoli di alta qualità dovrebbero essere riservati alle vacche che allattano, ai vitelli da allevamento o da ingrasso e anche ai tori che devono migliorare le loro condizioni. I pascoli di bassa qualità sono per le vacche gravide in asciutta, per quelle che hanno appena svezzato i vitelli, per le mucche che hanno vitelli di 3 mesi o più.
    • Tieni d'occhio i fattori che minano la qualità dell'allevamento, come la sindrome da dilatazione gastrica, la tossicità del nitrato, la tetania da erba e la tossicità della festuca. Fai in modo che nei pascoli e nel bestiame che gestisci non si verifichino questi fattori anti-qualità.
  6. Tieni un registro. Tieni un registro di tutto, dal parto alla nutrizione, alla salute, all'alimentazione e alla gestione dei pascoli. Non sai mai quando potresti averne bisogno. Anche mantenere un registro delle finanze ti aiuterà enormemente nel lungo periodo.
  7. Elimina le mucche e i tori che pregiudicano il tuo allevamento. Selezionali in base al temperamento, allo stato di salute, alla conformazione, alla capacità di allevare e curare i vitelli, alla fertilità e alla convertibilità del foraggio.
    • Verificare la gravidanza nelle femmine ti aiuterà a determinare se alcune di loro vanno tenute o non. La palpazione rettale è il modo più economico e spesso più veloce per controllare se le vacche e le giovenche sono gravide.
    • Il controllo delle condizioni fisiche del bestiame ti aiuterà anche a determinare quali vacche devono essere conservate e quali non. Ti fa capire quali mucche sono troppo magre per partorire o per superare l'inverno e quali hanno bisogno di mangimi di qualità superiore durante l'inverno rispetto ad altre.
  8. Vendi i vitelli in autunno o in primavera presso qualunque mercato cui scegli di rivolgerti.

Consigli

  • I bovini della razza Angus sono molto diffusi negli Stati Uniti e in Canada e, perciò, c'è il rischio di acquistare bestiame di bassa qualità al posto di uno buono. Usa giudizio e le tue conoscenze sulla conformazione fisica per capire se il bestiame Angus che desideri allevare sia quello che intendi comprare.
    • Seleziona, seleziona, seleziona! Non devi conservare i bovini che nei fatti non dimostrano di avere le qualità che speravi.
  • La razza Angus è molto versatile e può essere allevata in quasi ogni ambiente. Tuttavia, quelli caldi e umidi non vanno bene per questo genere di bovini. Se desideri allevare questa razza in un ambiente sub-tropicale, dovrai gestirla in modo che possa crescere bene in questo ambiente.

Avvertenze

  • Stai attento ai tori. Non fidarti, non voltare loro le spalle e non mostrare mai paura, in quanto questo è un segno di debolezza che può portarli a irritarsi in tua presenza.
    • Può essere più facile a dirsi che a farsi!
  • I bovini della razza Angus sono molto diffusi in America del Nord e, quindi, è molto probabile che il bestiame che stai cercando si trovi proprio in quelle zone. Detto questo, è necessario essere molto esigenti per ottenere i capi di bestiame che desideri compongano il tuo allevamento di Angus.
  • Può essere molto "divertente" lavorare con i bovini di Angus. Esistono alcune linee di sangue di questa razza che sono molto ombrose e selvagge (la linea di sangue EXT è quella da cui devi stare decisamente lontano!!), mentre altre provenienti da aziende agricole e allevamenti di bestiame Angus sono veramente docili. Evita gli esemplari irascibili, se possibile.
    • Se la maggior parte delle volte le vacche sono molto suscettibili, eliminale. Non vale la pena passare la tua vita ad allevare mucche dal comportamento imprevedibile, anche se crescono bene i loro vitelli.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.