Come Salvare la tua Casa dal Pignoramento

Grazie a una concorrenza spietata fra i creditori, a un'incredibile gamma di opzioni sui mutui, e di politiche governative atte a incoraggiare l'acquisto di case, sempre più gente è stata in grado di acquistare casa prima della crisi. Sfortunatamente, l'aumento dei proprietari di case è stato accompagnato in molti paesi da un numero record di pignoramenti, in particolare durante la crisi. Giusto un paio di rate dell'ipoteca saltate possono far partire la pratica di pignoramento, e prima che te ne renda conto la casa per la quale hai lavorato duramente ti può essere portata via. Ancora peggio, potresti ancora essere in debito se la vendita della casa non ripiana il debito della tua ipoteca, e un pignoramento colpisce la tua linea di credito come un treno merci. Se sei minacciato di pignoramento potresti evitare questo terribile scenario, ma devi agire in fretta.

Passaggi

  1. Il pagamento dell'ipoteca deve essere la tua priorità. Se sei in seri guai finanziari, non ti preoccupare dei conti delle carte di credito, dei debiti personali e altri debiti non assicurati fino a quando non ripaghi l'ipoteca. La sola cosa a cui fare attenzione se intraprendi questa strada è che le compagnie delle carte di credito possono cominciare a infastidirti molto più in fretta di quelle dell'ipoteca in questo momento. Quindi, preparati a ricevere delle telefonate. Restare indietro nei pagamento di questi debiti può causare l'accumularsi dei conti e può danneggiare il tuo credito, ma le conseguenze, semplicemente, non sono così serie come nel caso di ritardo nel pagamento dell'ipoteca, quindi dai una priorità ai tuoi debiti tenendo conto di tutto questo.
  2. Fatti aiutare. Se hai problemi a pagare, potresti trarre vantaggio da una consulenza sul credito o da un programma di gestione del debito che includa una consulenza sulla casa. Il tuo creditore potrebbe avere un programma simile, o puoi controllare se l'autorità locale sugli alloggi offre questo genere di servizi di consulenza sul debito o per evitare il pignoramento. Se non dovesse farlo, scegli un'agenzia di consulenza sul credito attentamente, dato che alcune chiedono cifre esorbitanti che ti renderanno ancora più povero. Dipende dalla situazione nella quale sei, ma anche un programma per la gestione del debito potrebbe essere una buona opzione. Infine, potresti voler consultare anche un avvocato, soprattutto se la tua situazione è il risultato di pratiche creditizie predatorie o ingannevoli. In ogni caso, fatti aiutare alla svelta in modo da poter usare ogni possibile rimedio, e soprattutto stai attento a con chi hai a che fare (vedi le avvertenze sotto).
    • Controlla se l'agenzia statale per gli alloggi del tuo stato ha dei fondi riservati per coloro che sono stati colpiti più duramente, destinati per prevenire i pignoramenti.
    • Negli Usa, il Dipartimento per la Casa e lo Sviluppo Urbano (HUD in inglese) ha una lista di agenzie di consulenza sul credito e di gestione del debito che hanno l'autorizzazione per lavorare con prestiti dello HUD, e potrebbero anche essere in grado di lavorare con altri creditori. Ci potrebbero anche essere programmi governativi o di beneficenza per dare supporto finanziario o legale per aiutare a evitare il pignoramento.
  3. Contatta immediatamente il tuo creditore se non sei in grado di pagare tutta la rata mensile. Non aspettare una lettera della banca, e certamente non ignorare la loro corrispondenza. In generale i creditori non vogliono pignorare le proprietà, e avranno l'intenzione di collaborare con te per trovare una soluzione se fai uno sforzo di buona volontà per rispettare i pagamenti e se la tua incapacità di farlo è temporanea. Dovrai quasi sicuramente fornire al creditore estratti conti bancari e altri documenti finanziari in modo che possano valutare la tua situazione. Potrebbero accordarti un prolungamento del periodo di grazia per i pagamenti in ritardo o permetterti di saltare tra 1 e 6 pagamenti in un periodo di 1-2 anni (un'acquiescenza). Potrebbero anche accettare pagamenti ridotti per un massimo di 18 mesi. Tieni a mente che questi sono rimedi temporanei, e dovrai rimetterti in pari quando sarai di nuovo in grado di farlo.
  4. Chiedi una ristrutturazione del debito. Se la tua situazione finanziaria è cambiata definitivamente, misure temporanee non servono a molto. In questo caso, prova a negoziare la ristrutturazione dell'ipoteca. Questo può avvenire in molti modi, ma di solito comprende l'estensione dei termini del prestito, così avrai più tempo per pagare (rendendo anche le rate mensili più leggere), spalmando i pagamenti in ritardo su svariati anni, e/o abbassando il tasso d'interesse sul prestito.
  5. Fai mettere tutte le offerte per iscritto. Se non riesci a trovare un accordo col tuo creditore per telefono, chiedi di mandarti l'offerta per iscritto. Potresti dovergli mandare una lettera scritta di conferma.
  6. Rifinanzia la tua ipoteca. In alcuni casi è una buona opzione, soprattutto se la tua ipoteca ha un alto tasso d'interesse e i tassi da quando l'hai stipulata sono scesi. Se riesci a ridurre il tasso d'interesse o avere un tipo d'ipoteca diverso potresti riuscire ad abbassare le tue rate da pagare al punto di riuscire a farlo. Ricorda che il rifinanziamento può essere costoso, in ogni caso, visto che potresti dover pagare costi di chiusura, punti e altre tariffe. Stai molto attento al rifinanziamento, ci sono molti creditori che approfittano delle persone minacciate di pignoramento. Potresti trovarti a pagare rate più alte o tariffe che non puoi pagare, e finiresti di nuovo con la paura del pignoramento, stavolta con ancora meno soldi.
  7. Vendi dei beni. Se non riesci a trovare una soluzione adotta altri metodi, forse è il momento di vendere alcuni beni che possiedi, inclusa la macchina se non ne hai un bisogno assoluto. Cerca ogni maniera possibile per tagliare le spese e racimolare dei soldi. Se i tuoi problemi finanziari sono di lunga durata, però, raccogliere soldi in questa maniera a lungo termine potrebbe non essere d'aiuto.
  8. Vendi casa. È una buona idea contattare un'agenzia immobiliare all'inizio della pratica almeno per sapere quanto puoi ricavare vendendo la casa e in quanto tempo. Non sei obbligato a vendere, ma se decidi che è l'opzione migliore, almeno partirai in vantaggio. Anche se vendere la casa non è un'opzione attraente, è sempre meglio che avere un pignoramento registrato a tuo nome, e se hai un capitale sostanziale investito nella casa, potresti venir fuori dalla cosa con dei soldi. Forse hai una casa più grande di quanto tu possa permetterti e dopo averla venduta puoi comprarne una adatta alle tue finanze.
    • Se il valore della tua casa in vendita non basta a ripagare il tuo debito, il creditore potrebbe accettare una somma ridotta come saldo breve o vendita pre-pignoramento.Una vendita di questo tipo permette di cancellare il debito e avrà ripercussioni sulla tua linea di credito per due anni. Potresti anche riuscire a ricevere un po' di soldi per aiutarti con le spese del trasloco o per ripagare altri creditori.
    • Un compratore potrebbe rilevare il tuo debito (prendersi cura dei tuoi pagamenti) per comprare la tua casa. Questo ti può aiutare a vendere la casa molto in fretta, e potrebbe essere un'opzione anche se sul contratto dell'ipoteca è scritto che non è possibile farlo. Contatta un consulente immobiliare, un agente immobiliare o un avvocato per vedere se questa soluzione potrebbe andar bene per te.
  9. Considera il fallimento. Dichiarare fallimento è come uccidere la tua linea di credito, e non deve essere preso alla leggera. È anche una cosa molto complicata e, a volte, costosa ; alla fine potresti comunque perdere la casa anche se dichiari il fallimento. Comunque, a seconda delle situazioni, il fallimento potrebbe essere l'unico modo che hai per tenere la casa, e se sei in una pessima situazione finanziaria dovresti consultare un avvocato fallimentare rispettabile per discutere le tue opzioni.
  10. Dai la casa al creditore. Se nessun altro rimedio è possibile, considera di offrire al creditore un atto al posto dell'esecuzione ipotecaria. In pratica firmi per dare la casa al creditore. Perdi comunque la casa, ma è una cosa meno dannosa per la tua linea di credito rispetto al pignoramento. Ricorda, stai rendendo le cose più semplici al creditore, quindi dovresti ricevere qualche concessione, come lasciar perdere qualsiasi eccesso dovesse risultare se la vendita della casa non dovesse bastare a coprire l'entità del debito. Inoltre, cerca di assicurarti di poter restare in casa fino a quando non avrai trovato un altro alloggio. Questa dovrebbe essere l'ultima opzione, e sarebbe meglio consultare un avvocato per determinare come questo accordo potrebbe influenzare i tuoi diritti e le tue finanze.

Consigli

  • Non andartene da casa quando iniziano le pratiche di pignoramento o potresti perdere la possibilità di reclamare certi benefici o soluzioni legali.
  • È probabile che ti concedano un'acquiescenza se riesci a dimostrare che le tue difficoltà finanziarie sono temporanee e che aspetti una grossa somma (per esempio un rimborso delle tasse) che ti permetterà di rimetterti in sesto presto.
  • Per qualsiasi problema di credito, cerca di parlare ai creditori, non di scappare. Nascondersi fa sembrare che tu non voglia pagare, e useranno ogni mezzo a loro disposizione. Sii aperto e onesto, e probabilmente collaboreranno con te.
  • Quando prendi in considerazione qualsiasi forma di acquiescenza o di ristrutturazione del debito, considera realisticamente se sei in grado di rispettare la tua parte dell'accordo. Se non sei ancora in grado di fare i pagamenti, l'accordo non ti servirà a niente.
  • Che probabilità hai di salvare la casa? Esamina la situazione. Se i problemi che hanno portato al ritardo nei pagamenti - malattie, perdita del lavoro, o un lutto in familgia - sono passati, hai una buona possibilità. Se i tuoi problemi finanziari sono più permanenti, allora, non sarai in grado di tenere la casa alla lunga, anche se puoi evitare temporaneamente il pignoramento.
  • Se la tua ipoteca è garantita o finanziata da programmi governativi, potresti avere altre opzioni per salvare la casa. Chiedi all'agenzia pertinente dei consigli.
  • I creditori in genere saranno disposti a fare concessioni più drastiche se il valore di vendita supposto della tua casa è inferiore alla cifra totale del tuo debito, dato che ciò significherebbe, per loro, avere ancora più problemi per recuperare il loro investimento. Se sei in procinto di chiedere il fallimento, i creditori potrebbero essere ancora più invogliati a negoziare con te per evitare quella opzione.
  • A seconda del paese o dello Stato di residenza del tuo creditore, quest'ultimo di solito inizia le pratiche di pignoramento dopo 2-4 rate saltate. Tutto il procedimento può durare dai due mesi fino ad un anno. In ogni caso, devi essere rapido e non puoi permetterti di perdere tempo.
  • Un'agenzia di consulenza potrebbe riuscire a negoziare un accordo col creditore, ma ricorda che potresti riuscire a farlo da solo, senza dover pagare l'agenzia. Prova sempre a parlare col creditore da solo, se non riesci a trovare una soluzione che funzioni, cerca un aiuto esterno.

Avvertenze

  • Questo articolo è solo una guida generale e non intende sostituirsi a un consulto con degli avvocati o esperti del settore finanziario.
  • Il tempo è essenziale! Questo procedimento richiede tempo, quindi inizia subito. Non vuoi essere colto con poco tempo a disposizione quando c'è in ballo la tua casa.
  • Ci sono, sfortunatamente, moltissime persone e compagnie che provano ad approfittare dei proprietari di casa che cercano disperatamente di evitare il pignoramento, e c'è una grande varietà di truffe quando si parla di evitare i pignoramenti, quindi stai molto attento se ti contatta una qualche compagnia. Alcuni di questi truffatori si fanno passare la lista dei pignoramenti per trovare delle vittime potenziali, e possono offrire soluzioni rapide come il rifinanziamento che in realtà ti portano con l'inganno a firmare, per cedere loro la tua casa. Controlla sempre una compagnia prima di affidar loro i tuoi soldi , e stai attento alle tariffe alte, ai tassi d'interesse alti, e ad offerte troppo vantaggiose per essere vere. Accertati di aver compreso perfettamente ogni contratto prima di firmarlo.
  • Ricorda che il pignoramento minacciato è solo un sintomo - se non risolvi il problema di fondo, presto dovrai affrontare questo o qualche altro, di nuovo.
    • Se hai comprato una casa che è troppo per te (molto più del 40% dei tuoi guadagni dopo la tassazione per l'ipoteca, le spese, tasse e mantenimento), pensa seriamente che potresti dover vendere la casa, poi andare in affitto per un po' o comprare una casa più conveniente.
    • Se le tue spese sono fuori controllo in un'altra area, dovresti farti aiutare a creare un piano spese funzionale. Poi cerca qualcuno disposto ad essere duro con te per fartelo rispettare.
  • Se scegli di vendere oggetti di casa, come armadietti della cucina ed elettrodomestici, accertati di non vendere oggetti attaccati alla proprietà fisica. Non vuoi che il creditore che ha cercato il pignoramento contro di te venga poi a cercarti per i danni che potresti aver causato.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.