Come Cimare i Garofani

I garofani danno grande effetto in un vaso come fiori recisi, e danno anche un aspetto fantastico al giardino. Tutte le varietà preferiscono una posizione in pieno sole con un terreno ben drenato e una buona circolazione dell'aria, e prosperano meglio in terreno ricco, neutro o alcalino. Cimare i tuoi garofani perenni, cioè strappare con le dita le estremità degli steli, aiuterà la pianta a prosperare meglio possibile e a favorire più fioriture.

Cimare i Garofani

  1. Cima i tuoi garofani per aiutare i fiori a crescere. Cimare i garofani mentre si sviluppano favorisce la crescita dei gambi laterali, e questo significa che cresceranno più fiori. La cimatura è particolarmente importante se vuoi coltivare fiori da recidere.
    • La cimatura aiuta anche la pianta a crescere folta, piuttosto che come un singolo fusto alto, cosa che alcuni giardinieri preferiscono.
    • L'altezza alla quale si cima il gambo della pianta è quella in cui dovrebbe iniziare a formarsi il cespuglio. Questo permette di decidere l'altezza della tua pianta.
  2. Inizia a cimare i garofani dopo che si è formata la prima mezza dozzina di nodi delle foglie. I nodi delle foglie sono i rigonfiamenti dello stelo da cui nasceranno poi le foglie. I nodi delle foglie compaiono solitamente quando la pianta è alta circa 15 cm.
    • Fai un secondo giro di cimatura circa 4 settimane più tardi, una volta che si formano i gambi laterali. Ancora una volta, dovresti cimare i gambi laterali una volta che raggiungono la lunghezza di circa 15 cm.
    • Le piante dei vivai avranno spesso già avuto la loro prima cimatura, se compri piante che sono alte almeno 15 cm. Tuttavia, si consiglia di cimare i gambi laterali una volta che hanno raggiunto la lunghezza di 15 cm, se questo non sembra essere stato fatto presso il vivaio.
    • Se coltivi garofani dal seme, è necessario che provveda da te a cimarli.
  3. Cima i tuoi garofani con le dita. Una volta che la pianta ha raggiunto 13-15 cm circa e ha circa 5-6 nodi delle foglie in evidenza sullo stelo, rimuovi o cima la punta dello stelo sopra il sesto nodo delle foglie. Lo stelo deve essere sufficientemente tenero da poterlo fare con la punta delle dita.
    • Dopo questa prima cimatura, dovrebbero emergere germogli laterali. Ripeti il processo di cimatura, una volta che questi germogli laterali raggiungono 13-15 cm di lunghezza.
    • Dopo che hai cimato la tua pianta, è un buon momento per sorreggerla con dei tutori. Legala senza bloccarla a un sostegno come una canna da giardino robusta utilizzando dello spago o del filo da giardino.
  4. Smetti di cimare quando le foglie iniziano a formarsi. Eccedere nella cimatura può ritardare la fioritura, quindi smetti di cimare una volta che le foglie iniziano a formarsi. Se vuoi assicurarti una lunga stagione di fioritura, cima solo la metà dei fusti laterali. In questo modo otterrai due cicli di fioritura.

Incoraggiare Fioriture Ripetute

  1. Assicurati di innaffiare le tue piante regolarmente durante la stagione asciutta. I garofani perenni possono essere incoraggiati a fiorire di nuovo innaffiandoli durante la stagione asciutta.
    • Questo significa innaffiarli circa ogni 5-7 giorni per tutta l'estate, o forse ogni 3 giorni con tempo molto secco e caldo.
    • Dai anche fertilizzante ai tuoi garofani con regolarità, cima i gambi e rimuovi i capolini appassiti.
  2. Proteggi le piante dal gelo. È importante proteggere i garofani a fioritura perenne dal gelo. Puoi coltivarli sotto vetro o in un polytunnel, ma è vitale tenerli sopra i 7 °C, quindi potrebbe essere necessaria una fonte di calore, anche in una serra. Naturalmente, puoi anche coltivarle come piante da casa.
  3. Non utilizzare concimi o fertilizzanti con azoto. Evita l'uso di letame o di concimi con molto azoto per i garofani, perché non fioriranno. Inoltre, tieni a mente che non si dovrebbero mai pacciamare le piante di garofano.
    • Se pianti all'aperto, dovresti aggiungere ossido di calcio al suolo per migliorare l'alcalinità e utilizzare un fertilizzante che non sia troppo elevato in azoto rispetto agli altri componenti, quali il cloruro di potassio (potassio) e il fosforo.
  4. Nutri i garofani con fertilizzanti idrosolubili ogni due settimane. Durante la stagione di crescita, i garofani avranno bisogno di fertilizzante con regolarità – circa una volta ogni due settimane – con una soluzione leggera di fertilizzante solubile in acqua. Evita fertilizzanti a rilascio lento o quelli etichettati “granulare”. Questi rilasciano sostanze nutritive troppo lentamente per essere utili durante la stagione di crescita.

Dividere e Propagare i Garofani

  1. Dividi i tuoi garofani per la salute continua della pianta. Dopo alcuni anni, anche i garofani perenni non staranno bene. Puoi ringiovanire le piante di garofano dividendo alla radice per ottenere nuove piante. Per dividere un garofano:
    • Scava e separa delicatamente la massa delle radici usando le mani. Ripianta le sezioni divise e innaffiale bene. Continua a innaffiare nei mesi successivi una volta che il terreno è asciutto sotto la superficie.
  2. Prendi talee dalle piante di garofano. Prendere le talee è anche un’ottima soluzione per riprodurre le tue piante di garofano dopo pochi anni. Assicurati che la tua pianta sia sana, prima di prendere le talee.
    • Inizia al mattino presto, taglia un pezzo di germoglio fresco lungo circa 10 cm dalla sezione di un gambo che non è in fioritura. Taglia sotto un nodo delle foglie. Assicurati che gli strumenti siano affilati e puliti. Elimina le foglie in crescita nella parte inferiore.
    • Immergi il gambo in una polvere per il radicamento e interra per metà della lunghezza con della sabbia. Dai alla talea un po’ d’acqua, coprila con un sacchetto di plastica trasparente e mettila in un luogo ben illuminato – ma non sotto il sole diretto: un davanzale che non è esposto al sole è l'ideale. Assicurati di continuare a innaffiare le talee fino a quando si formano le radici.
  3. Propaga le piante di garofano utilizzando la tecnica della stratificazione. Un metodo insolito, chiamato “stratificazione”, può essere utilizzato anche per produrre nuove piante di garofano. Mescola della sabbia e del compost nella zona vicino alla pianta da cui desideri propagare, poi innaffia questo mix di terriccio. Si consiglia di prendere un germoglio laterale sano e di rimuovere le foglie dalla parte inferiore.
    • A metà del germoglio fai una fessura verticale utilizzando una lama sottile come quella di un coltello artigianale. Questo ti permette di piegare il gambo e di piantare la zona del taglio nel mix di terriccio. Potrebbe essere necessario assicurare con un peso o tenere in basso con un pezzo di filo di ferro per garantire che il gambo piegato rimanga nel terreno dove alla fine formerà le radici.
    • Mantieni il mix di terriccio innaffiato fino a 2 mesi quando dovrebbe aver radicato abbastanza per essere staccato dalla pianta madre e per essere ripiantato altrove.

Consigli

  • I garofani devono essere innaffiati durante i periodi asciutti, ma non hanno necessità di troppa acqua, o di avere la terra su cui poggiano intrisa tutto il tempo. È meglio se il terreno è umido ma non fradicio: un buon drenaggio è importante. Innaffiare in eccesso può ingiallire le foglie. È anche importante non schizzare acqua sulla pianta mentre innaffi, perché i garofani non gradiscono che le foglie siano bagnate.
  • I garofani sono disponibili come varietà annuali e perenni – si parla anche di garofani dei giardini o delle bordure (annuali) e di garofani a fioritura perpetua (piante perenni). Gli annuali vivono solo per un anno; i perenni per due anni o più. Gli annuali tendono ad avere un formato del fiore più piccolo ma un profumo migliore. Le varietà perenni di garofano richiedono di essere sostituite dopo 3 anni.

Avvertenze

  • La cimatura dei garofani è chiamata anche “arresto” dei garofani, in alcuni libri di giardinaggio.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.