Come Comunicare con il vostro Gatto

I ricercatori hanno scoperto che i gatti hanno sviluppato un raffinato sistema per comunicare basato su centinaia di vocalizzi per far capire agli essere umani ciò che vogliono e le proprie necessità. Sviluppare una capacità per comprendere cosa vuole comunicarti il tuo micio, e come puoi interagire con lui affinché anche lui possa capirti, può aiutarti a coltivare un rapporto più profondo con il tuo amico felino.

Interpretare il Suo Linguaggio del Corpo

  1. Osservagli la coda. Come i cani, anche i gatti comunicano tramite la posizione e il movimento della coda. Riconoscere il linguaggio attraverso la postura della coda, unitamente ai vocalizzi, può aiutare a capire i bisogni e i desideri del micio. Alcune posizioni tipiche sono:
    • Coda verso l'alto con un ricciolo alla fine: segno di felicità.
    • Coda scodinzolante: il gatto è eccitato o ansioso.
    • Il pelo sulla coda è rivolto all’esterno o è gonfio: il gatto è eccitato o si sente minacciato.
    • Coda vibrante: il gatto è molto emozionato e felice di vederti.
    • Il pelo della coda è dritto mentre la coda forma una specie di “N”: questo è un segno di estrema aggressività e puoi notarlo quando combatte o si difende da altri animali.
    • I peli della coda sono dritti verso l'alto, ma la coda è tenuta in basso: il gatto è aggressivo o spaventato.
    • La coda è tenuta bassa e nascosta sotto la parte posteriore del corpo: è spaventato.
  2. Guarda gli occhi. Questo può aiutarti a creare un legame con lui e a interpretare i suoi sentimenti. Sappi, tuttavia, che se lo fissi direttamente senza mai abbassare le palpebre può interpretarlo come un atteggiamento aggressivo e il gatto può sentirsi a disagio.
    • Se le sue pupille sono dilatate, significa che è molto giocoso ed eccitato oppure, all’opposto, può avere paura ed essere persino aggressivo; cerca altri segnali di comportamento per capire il giusto stato d’animo in cui si trova.
    • Se ti fissa negli occhi indica che ha fiducia in te e si sente a suo agio quando sei con lui.
    • Se strizza gli occhi lentamente può significare che sta mostrando affetto e che sta bene con chi gli è vicino in quel momento.
  3. Osserva altri segnali del corpo. Dal momento che i gatti sono più "eloquenti" degli esseri umani nel linguaggio del corpo, spesso ai vocalizzi aggiungono dei gesti per rafforzare il loro messaggio.
    • Quando un gatto alza il naso e inclina leggermente la testa all'indietro sta dicendo: "Io ti riconosco". I gatti che si siedono sul davanzale della finestra possono accoglierti in questo modo, quando ti stai per avvicinare.
    • Un gatto può tirare le orecchie indietro se prova paura, ansia o allegria. Puoi vedere questo comportamento anche quando annusa prudentemente qualcosa perché vuole conoscerlo meglio.
    • Un gatto che estrae un po’ la lingua e si lecca il labbro inferiore attesta che è preoccupato o in apprensione.
  4. Individua i comportamenti che vogliono esprimere un messaggio. Alcune maniere del gatto per comunicare con te si basano sul suo comportamento quando ti è vicino. Certi suoi modi di fare hanno un significato coerente per la maggior parte dei gatti.
    • Se si sfrega contro di te, ti sta indicando come sua proprietà.
    • Un "bacio" con il naso umido è un gesto affettuoso per dimostrarti che gli piaci e che si sente a suo agio con te.
    • Quando si massaggia la testa, i fianchi e la coda contro una persona o un animale sta mostrando un gesto di saluto.
    • Se ti colpisce con la testa battendola contro il tuo corpo è una dimostrazione di amicizia e di affetto.
    • I gatti annusano il viso di una persona per riconoscerne l’identità basandosi sulla familiarità dell’odore.
    • Se “impasta” ritmicamente con le zampe, alternando la destra e la sinistra, è un segno di felicità, soddisfazione o allegria. Quando si comporta così indica che ti conosce e si fida di te.
    • Quando ti lecca sta mostrando un segno definitivo di fiducia. A questo punto il gatto ti considera parte della sua famiglia e vuole “pulirti” come fa una mamma con i suoi cuccioli.
    • Se il gatto cerca di mangiarti i capelli, sta cercando di "pettinarti il pelo". Ciò significa che ti ama davvero e si fida di te.
    • Alcuni gatti manifestano un vero affetto copiando quello che fai. Puoi verificare questo comportamento fingendo di fare "il morto" sul pavimento. Il gatto può annusarti o spingerti e poi fingerà anche lui di essere morto.
    • Se ti morde delicatamente, ti sta avvisando di lasciarlo in pace.

Comunicare con il Tuo Gatto

  1. Parla con il tuo amico peloso. I gatti imparano continuamente come comunicare con noi. Quanto più gli parli, tanto più velocemente imparerà.
    • Usa un tono di voce leggermente alto per indicare amabilità, e uno basso per indicare dispiacere o aggressività.
    • Ripetere i termini aiuterà il tuo gatto a imparare ad anticipare le attività. Dovresti ripetere una parola come nanna o letto ogni volta che vai a dormire. Alla fine, il gatto assocerà il suono della parola ripetuta alle tue azioni, e potrà anche entrare in camera da letto prima di te.
  2. Usa dei segnali non verbali per comunicare. I gatti possono essere addestrati a capire le parole, ma sono in grado di comprendere istintivamente i segnali non verbali. Creare un ambiente accogliente con delle aspettative chiare e qualche piacevole sorpresa può contribuire a rafforzare il legame iniziale con un nuovo gatto.
    • Se ammicchi lentamente quando guardi il gatto negli occhi, di solito ti risponderà avvicinandosi per farsi accarezzare. Questo è interpretato da lui come un gesto non minaccioso.
    • Cerca però di non guardarlo mai direttamente negli occhi. Può percepirlo come segno di ostilità o aggressività.
    • Se il gatto vuole andare da qualche parte, come starti accanto sul divano, ma sembra insicuro, picchietta nel punto dove vorrebbe andare e parlagli con una voce morbida e rassicurante per invitarlo ad avvicinarsi.
    • Sii coerente nelle tue intenzioni ed espressioni. Un errore comune che fanno molti proprietari di animali domestici è quello di dire "no", ma nello stesso tempo di accarezzare il gatto. Questo crea molta confusione nell’animale. Così, per esempio, se vuoi che si allontani, è sufficiente un fermo e deciso "Più tardi" e spingerlo delicatamente, senza mostrargli affetto, per fargli capire che la sua presenza non è ben vista in questo momento. La maggior parte dei gatti prova 2-3 volte a invadere lo spazio di una persona, spesso da diverse direzioni. Quando gli dici "Più tardi", sii paziente.
    • Non urlargli mai e non punirlo fisicamente. Lo faresti solo spaventare, arrabbiare e sarebbe totalmente controproducente. Invece, se vuoi mostrare disapprovazione, puoi parlare con un tono seccato. Il gatto capirà, e percepirà la tua infelicità.
  3. Insegnagli i comandi. Essere coerente nei termini, nel tono e negli altri segnali di accompagnamento mentre lo addestri a dargli i comandi aiuterà entrambi a mettervi d'accordo e a capire in modo chiaro le reciproche aspettative.
    • Sviluppa un tono di comando e usalo con il tuo micio quando sta facendo qualcosa che ritieni sbagliato. Usa una voce che ti viene naturalmente e puoi ripetere facilmente, ma che è anche distinta da quella normale di tutti i giorni. Se usi questo tono poche volte, ma nelle occasioni davvero importanti e in maniera seria, il gatto imparerà ad associarlo con l'idea che lo stai disapprovando.
    • Fai un sibilo rapido e secco o un rumore simile a uno sputo come comando per dire "no". Questo è simile al suono che emettono i gatti nel loro linguaggio per correggere o avvisare; usandolo, puoi comunicare più chiaramente il tuo intento.
    • Con pazienza, i gatti possono essere addestrati a rispondere ai comandi, più o meno come i cani. Puoi anche insegnare loro a darti la zampa.

Ascoltarlo

  1. Capisci come e perché i gatti comunicano. I vocalizzi solitamente non sono la loro maniera preferita di comunicare. Il loro "primo linguaggio" è costituito da un articolato sistema di odori, espressioni del muso, un complesso linguaggio del corpo e il contatto. I gatti si rendono conto presto che noi umani non riusciamo a capire i segnali non verbali che inviano l'uno all'altro, quindi emettono dei suoni nel tentativo di comunicare nel nostro linguaggio. Osservando i suoni che emettiamo noi umani in base alle varie azioni che compiamo, i gatti imparano a fare richieste cercando di imitare il nostro stesso modo di fare.
  2. Osserva i suoi diversi miagolii in base alle circostanze. Se guardi cosa sta facendo il gatto mentre miagola, puoi imparare a distinguere quali miagolii sono associati a specifiche richieste (o proteste). Sebbene dei miagolii specifici possano variare da gatto a gatto, ce ne sono alcuni tipicamente associati a specifiche emozioni, come le fusa o il sibilo.
    • Un miagolio breve viene emesso come messaggio di saluto standard e un generico riconoscimento.
    • Dei miagolii multipli indicano dei saluti festosi. Potresti notare un saluto più entusiasta con un miagolio maggiore, se ti sei assentato per un periodo di tempo più lungo del solito.
    • Un miagolio mediamente acuto può indicare una richiesta di qualcosa come cibo o acqua.
    • Un "meeeoooow" più lungo e soffocato è una domanda più insistente per un bisogno o una cosa che desidera.
    • Un "MEEEooooowww" dal tono acuto e basso indica una protesta, un dispiacere o la preparazione alla lotta.
    • Un miagolio forte – ma più basso rispetto alla tonalità media – spesso segnala una richiesta più urgente, come del cibo.
  3. Riconosci un tipico messaggio del gatto che non sia un miagolio. Anche se il miagolio è il tipico suono che associamo al gatto, in realtà questo felino emette altri suoni piuttosto comuni.
    • Le fusa sono un suono gutturale vibrante, che indica il desiderio di uno stretto contatto o di attenzione. Sebbene i gatti possano fare le fusa per parecchi e differenti motivi, in genere queste vengono associate più spesso a uno stato di soddisfazione.
    • Il sibilo di un gatto invece è un chiaro segno di aggressione o di autodifesa. Questo indica che l’animale è molto infelice, si sente minacciato o spaventato, oppure sta combattendo o si prepara a combattere.
  4. Presta attenzione ad altre forme di versi specifici. Anche se altri tipi di vocalizzi possono essere più rari dei miagolii, dei sibili e delle fusa, riuscire a comprendere anche questi può aiutare a interpretare meglio il linguaggio del tuo micio.
    • Uno stridulo “MMMMMMEEEEAAAAAOU!” emesso a tono alto spesso indica rabbia, dolore o una sensazione di paura.
    • Un rapido susseguirsi di miagolii, come se fosse un chiacchiericcio, può essere un segno di eccitazione, ansia o frustrazione.
    • Una specie di cinguettio, una via di mezzo tra un miagolio e le fusa, con un’inflessione verso l’alto, è un suono che esprime un cordiale saluto, spesso usato da una mamma gatta che richiama i suoi cuccioli.
    • Un guaito forte o un suono "meeeowww" può indicare un dolore improvviso, come quando accidentalmente gli viene pestata la coda.

Consigli

  • Se ti siedi a gambe incrociate a terra e guardi il gatto, gli stai manifestando che lo stai accogliendo favorevolmente, quindi può avvicinarsi per farsi accarezzare.
  • Se il tuo micio è piuttosto scontroso, parlagli a bassa voce e cerca di legare con lui un po’ ogni giorno, se possibile. Questo può includere spazzolarlo, nutrirlo o giocare con lui.
  • Ad alcuni gatti piacciono i colpetti sulla pancia, anche se la maggior parte di loro è diffidente nell’esporre il lato inferiore più vulnerabile. Cerca di fargli superare questa paura lentamente e con pazienza. La maggior parte dei gatti tende a proteggere meno il torace rispetto all’addome. Eventualmente prova a dargli dei colpetti sul petto, un po’ tutti i giorni, ma fermati se hai la sensazione che il gatto si irrigidisca. Inizierà a fidarsi gradualmente accarezzandolo. Questo approccio funziona meglio se inizi quando il gatto è ancora cucciolo.
  • Tratta il tuo animale domestico con amore e rispetto e diventerà un compagno molto felice e un amico amorevole.
  • I siamesi e altre razze feline orientali sembrano essere particolarmente vocali, mentre alcune razze a pelo lungo tendono a essere più silenziose. Ovviamente le eccezioni esistono sempre.
  • Quando un gatto fa le fusa non sempre significa che è felice. A volte è segno di dolore o di una sensazione di paura.
  • Quando metti il gatto a terra, assicurati che le zampe siano al sicuro prima di lasciarlo andare. In questo modo il tuo amico felino impara a sentirsi al sicuro con te e sa che potrà contare su di te perché non lo lascerai in situazioni di pericolo, o che starai attento se improvvisamente vorrà saltare fuori dalle tue braccia. Se questo è fatto in modo coerente, potrai prevenire le lesioni quando sarà anziano e più incline a problemi fisici.
  • Se il micio scodinzola con vigore significa che è arrabbiato o giocoso: meglio lasciarlo in pace.
  • Se hai un Devon Rex devi giocare moltissimo con lui, si tratta di una razza per cui il gioco è molto importante.
  • Tratta sempre il tuo micio come un membro della famiglia, lo apprezzerà!
  • Quando ti morde, a volte lo fa in maniera scherzosa, ma in altre occasioni perché è stanco di qualcosa.
  • Se il tuo amico felino sibila, lascialo solo, dato che è un segno di rabbia.
  • I gatti di razza Maine Coon amano molto giocare, quindi dovrai passare molto tempo con loro!

Avvertenze

  • Spesso il gatto tenta di marcare il territorio urinando, spruzzando le superfici di urina e defecando in zone ben visibili. Questo comportamento può essere anche determinato da gelosia o paura di un altro gatto o animale domestico. Potrebbe inoltre essere sintomo di un’infezione alle vie urinarie, alla vescica o di altre patologie gravi. Se è questo il problema, il gatto ha bisogno di una terapia oppure di essere separato dagli altri mici. Consultati con il veterinario.
  • Quando lo tieni in braccio sii molto cauto, non stringerlo quando lo sollevi. Se lo abbracci con troppo impeto potrebbe interpretarlo come segno di aggressione e potrebbe graffiarti e ferirti malamente.
  • Tutti i gatti dovrebbero essere sterilizzati o castrati non appena l’età lo permette, per evitare gravidanze indesiderate e problemi comportamentali. I maschi, in particolare, dovrebbero essere castrati prima della maturità sessuale per evitare che si radichi l’abitudine di marcare il territorio con l’urina.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.