Come Mantenere una Relazione

Le relazioni appaganti non nascono così da sole ma sono il frutto di un impegno costante. Se il rapporto è davvero importante merita tutti gli sforzi fatti per salvaguardarlo. Leggi questa guida e scopri come accudire, rafforzare e mantenere una relazione duratura.

Ama il tuo partner per quello che è

  1. Non cercare di cambiare la persona che ami. Accetta il fatto che puoi cercare di cambiare te stesso, ma non l’altro. Questo è uno dei principi fondamentali di una relazione solida. Non cercare mai di iniziare una storia con qualcuno con l’intento di “aggiustare” le cose che non ti piacciono. Sforzati di capire che il tuo partner potrebbe non cambiare mai, accetta questa idea. Se non lo fai ti ritroverai vittima della frustrazione, e allontanerai da te la persona amata.
    • Suggerisci al tuo partner dei consigli positivi, ma non tentare mai di cambiarlo.
    • Se non accetti il tuo partner per quello che è, o impari a stabilire delle barriere per non ferirti, o decidi di abbandonare il rapporto.
    • Ogni individuo è diverso, ogni uomo e ogni donna sono diversi, non cercare di far rientrare a forza il tuo partner in nessuna categoria e non confrontarlo mai con le relazioni del passato, o con la tua persona ideale.
  2. Non controllare il tuo partner. La violenza non è una forma di controllo accettabile, ma non solo, evita di farlo sentire in imbarazzo o in colpa. Se cerchi di controllarlo facendo leva su questi sentimenti si tratta di abuso. Non cercare mai di controllare la persona che ami, anche questa voce rientra nel passaggio“Non cercare di cambiarla”.
    • Se non riesci a stare al compromesso, allora rompi il rapporto, ma non cercare di cambiare l’altro solo per tentare di farlo funzionare.
  3. Appoggia i suoi interessi. Non è detto che tu debba condividere tutti gli hobby della persona che ami, ma almeno ascoltarla quando te ne parlerà e concedergli del tempo per curare i suoi interessi senza farlo mai sentire in colpa.
  4. Non sminuire le emozioni del tuo partner. Non tutte le reazioni sono piacevoli, ma anche la rabbia, il risentimento e la frustrazione sono normali. Se il tuo partner è arrabbiato, non criticarlo perché non lo aiuterai. Le persone sono responsabili del modo in cui esprimono le proprie emozioni, la rabbia può essere sia costruttiva che distruttiva. Puoi suggerire al tuo partner di esprimere il suo risentimento in azioni positive, e creative, ma non giudicarlo per ciò che sta provando, se lo fai come reazione lui si sentirà in colpa e andrà sulla difensiva.
    • Reazioni distruttive di rabbia sono gridare e lanciare degli oggetti. Delle espressioni costruttive sono parlare dei propri sentimenti e cercare una soluzione.
    • Per esempio non dirgli “Non perdere la testa” o “Non dovresti perdere la testa”. Non puoi evitare che il tuo partner provi determinate emozioni, se lo fai, ostacolerai il dialogo tra di voi. Piuttosto digli “Capisco che sei arrabbiato, ma puoi spiegarmi con calma perché?” Lavorate insieme alle radici del problema per trovare una soluzione che vi convinca.

Sii un Buon Ascoltatore

  1. Non limitarti ad annuire e dire “si, si” tutto il tempo, trasformati in un ascoltatore attivo. Per esserlo devi imparare a prestare attenzione alle parole, fare domande e parafrasare parte delle espressioni che ti vengono dette, per fargli capire che sei coinvolto e che lo stai seguendo con interesse. Non si finisce mai di imparare a conoscere l’altro, e nemmeno il tuo partner conosce tutto di te, per rafforzare veramente un rapporto dovrete dimostrare di saper essere buoni ascoltatori. Una relazione stabile e appagante ha bisogno di sforzi continui per mantenersi tale, ed è necessario sostenersi e darsi sicurezza, ma soprattutto conoscersi a fondo.
  2. Rispetta il tuo partner. Ascoltalo mentre parla, dai peso alle sue opinioni e fai in modo che possa esprimersi fino in fondo, senza mostrarti subito in disaccordo. Prenditi del tempo per valutare veramente il suo punto di vista, fagli delle domande e ripeti alcuni punti del suo discorso.
  3. Vai alla radice dei problemi. Non cercare solo di curare i sintomi, quando tu e il tuo partner siete infelici, prenditi del tempo per capire qual è veramente il problema e cerca di risolverlo.
    • Ecco un esempio, se una moglie non è contenta che il marito passi troppo tempo con gli amici, o che esca da solo, il trattamento del sintomo richiederebbe smettere di frequentare gli amici e uscire, ma non si tratterebbe di una soluzione permanente. Piuttosto, sarebbe opportuno analizzare il perché della sua insicurezza e chiederle, senza giudicarla, di esporre le sue motivazioni. Potresti scoprire che :
      • A) La moglie è gelosa delle altre donne che si trovano negli stessi locali dove il marito esce con gli amici. La soluzione potrebbe essere, cambiare il luogo d’incontro o invitare la moglie ad accompagnarlo per vedere che non c’è niente di strano.
      • B) La moglie pensa che il marito la trascuri per dedicare più tempo agli amici. La soluzione è dividere il tempo con più attenzione, facendo in modo di passare del tempo anche in compagnia della moglie.
      • C) La moglie pensa che a lei spettino tutti i compiti e i sacrifici mentre il marito si diverte con gli amici. Questa motivazione è molto frequente soprattutto se la donna deve prendersi cura anche dei bambini. La soluzione può essere, offrire anche alla moglie un giorno per uscire con le sue amiche. Il marito si occuperà delle faccende e dovrà evitare di lasciare alla donna tutte le cose da fare il giorno successivo.

Sii Gentile

  1. La rabbia è solo una perdita di tempo. Il tuo obiettivo in una relazione deve essere costruire un legame duraturo e saper risolvere insieme i problemi. Pertanto, il risentimento rafforza la tua sensazione di sentirti nel giusto, ma non aiuterà a risolvere le cose per il bene del tuo rapporto. Lascia andare la rabbia, anche se pensi di avere “ragione”.
  2. Mantieni ordine nei litigi. Dei disaccordi possono presentarsi spesso in una relazione duratura. E’ normale. Ma il modo in cui questi litigi vengono gestiti mostra la vera solidità di un rapporto. I litigi non sono il momento per rimproverare il tuo partner di tutte le cose che avresti voluto dirgli da tempo e nemmeno il momento giusto per offenderlo e fargli del male. Le discussioni sono solo dei momenti in cui due punti di vista diversi si incontrano, e si relazionano, fino a raggiungere una soluzione che vada bene a entrambi.
  3. Ricerca il contatto fisico. All’inizio di una relazione è facile esprimere i propri sentimenti spesso e con naturalezza, come tenersi per mano o rubarsi un bacio. Dopo alcuni anni, o decenni, anche le relazioni più appassionate iniziano a raffreddarsi, certi gesti non accadono più con frequenza, soprattutto se si hanno dei bambini. Cerca sempre di trovare l’occasione per mantenere vivo il contatto fisico, e la tenerezza, tra di voi.
  4. Digli “Grazie”. Ringrazia il tuo partner ogni giorno, anche se sta solo portando avanti le sue “faccende”, è importante riconoscere il suo impegno e dirgli grazie. Quando un uomo si occupa dei piatti, la donna apprezzerà il suo contributo ringraziandolo, quando una donna mette a letto i bambini, il marito la ringrazierà per essersi occupata di loro. Potrebbe sembrare stupido ma questi piccoli gesti faranno sentire il tuo partner speciale ed eviteranno che si senta frustrato perché nessuno si accorge del suo contributo nella gestione della casa e della relazione.
  5. Digli “Per favore”. Non dare ordini, chiedi con gentilezza anche le cose che ti aspetti già che il tuo partner faccia. Piuttosto che dire “Fai mangiare i bambini” chiedigli con garbo “potresti dare da mangiare ai bambini, per favore?” Un "Per favore" fa la differenza e favorisce una cooperazione rispettosa e cortese tra di voi.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.