Come Imparare a Suonare la Chitarra da Autodidatta

Se vuoi imparare a suonare la chitarra, ma non hai il denaro per pagare delle lezioni private, sappi che ci sono molte fonti gratuite che ti insegnano come suonare le tue canzoni preferite! Questo articolo ti guiderà nella scelta di una buona chitarra per principianti, ti insegnerà a leggere le tabelle degli accordi e ad eseguire delle scale per migliorare l’agilità e la forza delle dita.

Comprare una Chitarra da Studio

  1. Fissa un budget. In base al livello di qualità dello strumento che vuoi acquistare, una chitarra può costare da 50 euro fino a diverse migliaia di euro. Ovviamente, il prezzo rispecchia la qualità. Vuoi dedicarti a questo hobby in modo serio? Se desideri davvero imparare a suonare la chitarra, allora vale la pena investire una cifra leggermente superiore nell’acquisto dello strumento da studio, dato che il suono è decisamente migliore e ne sarai soddisfatto anche nel lungo periodo. Se invece cerchi solo un passatempo per tenerti occupato, opta per qualcosa di economico.
    • Qualunque chitarra nuova che costa meno di 100 euro ricade molto probabilmente nella categoria “giocattoli” o “gadget”. Acquista un oggetto del genere solo se non vuoi impegnarti seriamente nello studio della chitarra.
    • Una chitarra da studio mediocre ha un prezzo di circa 150-200 euro.
    • Uno strumento da 200-300 euro è un buon investimento per un principiante; anche se in futuro passerai a qualcosa di migliore qualità, questa tua prima chitarra sarà abbastanza buona da resistere al tempo.
    • Come regola generale, cerca di acquistare i modelli economici di case produttrici affidabili e rinomate. Fra queste ricordiamo: Fender, Epiphone, Yamaha e Ibanez, oltre a molte altre.
    • Ricorda che uno strumento elettrico ha bisogno anche di un amplificatore, che rappresenta una spesa aggiuntiva significativa, in base alla sua qualità.
    • Puoi anche cercare delle chitarre usate nei negozi di pegni, spesso sono disponibili dei modelli di ottima qualità a prezzi accessibili.
  2. Decidi se preferisci una chitarra acustica o elettrica. Molti ritengono che i principianti dovrebbero iniziare con le acustiche perché sono più grandi, hanno corde più spesse e sono in genere più difficili da suonare; in questo modo lo studente sviluppa forza e agilità nelle dita. Altri invece sostengono l’esatto contrario, dato che le chitarre elettriche sono più sottili e semplici. In verità la tua unica preoccupazione dovrebbe essere la qualità del suono del tuo strumento.
    • Le chitarre acustiche producono il suono grazie alle vibrazioni delle corde. Di per sé, una corda emette un suono molto basso, per questo motivo suonare un modello elettrico senza amplificatore passa del tutto inosservato. Le vibrazioni, però, si diffondono verso il ponticello e il traversino (che si trovano nella parte bassa dello strumento) fino alla parte piatta della cassa di risonanza. Le vibrazioni della cassa di risonanza combinate a quelle successive dell’aria che si trova nella cavità del corpo dello strumento producono il suono che fuoriesce dal foro centrale.
    • Le chitarre elettriche hanno un corpo solido, pieno e non possono emettere suoni grazie alle vibrazioni dell’aria contenuta. Fanno affidamento su una serie di “pickup”, in pratica dei magneti avvolti con del filo di rame, che convertono le vibrazioni di ogni singola corda in corrente elettrica. L’impulso elettrico viaggia lungo un cavo fino all’amplificatore che a sua volta riproduce la tonalità di ogni corda. Dato che il suono è originato elettricamente da un amplificatore, è possibile manipolarlo molto di più rispetto a quello di una chitarra acustica.
    • Quando acquisti lo strumento, tieni in considerazione lo stile di musica che vorresti suonare. I modelli acustici sono adatti alla musica folk, country e buona parte del rock, tuttavia il jazz, l’hard rock e così via richiedono quelli elettrici.
  3. Acquista la chitarra personalmente, in un negozio e non online. Se la compri in internet, non saprai nulla degli aspetti più importanti: il suono prodotto, la sensazione che trasmette, come si adatta al tuo corpo e via discorrendo. Dovresti sempre provare diversi modelli nel negozio prima di decidere in quale investire.
    • Ricordati di scegliere una chitarra per mancini se usi la sinistra per scrivere o, viceversa, per destrimani.
    • Scegli un modello che si adatti a te per dimensioni. Abbandonerai ben presto lo studio della chitarra se ne acquisti una scomoda e difficile da maneggiare.
    • Acquista un modello con la “action” bassa se possibile. Con questo termine si indica l’altezza delle corde rispetto alla superficie della tastiera sul manico (dove premi le corde per cambiare nota). Se l’action è troppo alta, le corde premono in maniera più forte contro i polpastrelli mentre suoni, provocandoti calli e generando dolore.
    • Anche se non sai cosa stai facendo, schiaccia qualche fret e strimpella qualche nota. Riesci a suonarla in modo confortevole senza emettere suoni irritanti e ronzii? Non acquistare un modello con il quale non sei in grado di emettere note “pulite”.
    • Non temere di chiedere l’aiuto dei commessi. Sono lì proprio per aiutarti e amano parlare di strumenti musicali!
  4. Acquista gli accessori necessari. Se vuoi suonare in piedi, avrai bisogno di una tracolla per appendere la chitarra al collo e alle spalle. Probabilmente vorrai prendere anche alcuni plettri che sono molto economici. Sono oggetti ampiamente disponibili in tutti i negozi di strumenti musicali, anche online. Se il commesso cerca di venderti altri elementi (capotasto, accordatore elettronico e così via), rifiuta con educazione; potrai acquistarli in seguito, quando saprai gestire meglio la chitarra, per ora non hai bisogno di altro.
    • Se hai scelto una chitarra elettrica, dovrai acquistare anche un amplificatore.

Imparare a Leggere la Tablatura

  1. Accorda la chitarra. Questa è una fase fondamentale quando inizi a imparare. Una volta che lo strumento è pronto, è piuttosto semplice mantenerlo accordato; la prima volta, invece, è impegnativo se non hai ancora sviluppato “l’orecchio”. Per questo motivo, chiedi al commesso del negozio di accordarti la chitarra prima di andartene. Se non lo fai, dovresti chiedere a un amico di farlo per te oppure ritornare al negozio e chiedere questa cortesia. In tal caso compra qualche piccolo oggetto, come una confezione di plettri, per non sembrare troppo sfacciato. Quando la chitarra è accordata, dovresti controllarla prima di ogni sessione di pratica.
    • Acquista un’applicazione da scaricare sul tuo telefono cellulare. Ad esempio gStrings, per dispositivi Android, è molto diffusa, così come Tuna per l’iPhone. Queste applicazioni ti permettono di accordare lo strumento musicale.
    • Suona ogni corda individualmente, pizzicala in modo deciso senza premere alcun fret.
    • Regola la chiave di accordatura corrispondente girandola in avanti e indietro finché l’applicazione ti conferma che emette la nota giusta.
    • Ripeti il procedimento per le corde restanti.
  2. Studia il numero di corde e di fret della chitarra. Afferrala come se stessi per suonarla e osserva il manico.
    • La corda più vicina a te, quella più alta, corrisponde al Mi (E). Scendendo verso il basso, incontri la corda del La (A), del Re (D), del Sol (G), del Si (B) e infine del Mi cantino (e). Nei prossimi passaggi e nelle tablature si utilizzerà la nomenclatura anglosassone delle note (le lettere) per semplicità.
    • Il fret più vicino alla paletta (la parte del manico più lontana dal corpo) è detta primo fret o capotasto. La numerazione prosegue in ordine man mano che ti avvicini alla cassa di risonanza della chitarra.
    • Praticamente tutte le chitarre riportano su specifici fret dei simboli per aiutare il musicista a orientarsi sulla tastiera senza contare i fret. C’è un simbolo su ogni tasto dispari a partire dal terzo.
  3. Studia una tablatura in bianco. Il modo più semplice per imparare a suonare una canzone è quello di procurarsi l'intavolatura (o tablatura) corrispondente. Uno di questi schemi in bianco ti mostra le sei corde dello strumento come se tenessi la chitarra rivolta verso l'alto sulle ginocchia: la corda E (Mi) si trova sul fondo e il Cantino (e) in alto.
    • e ------------------------
    • B ------------------------
    • G ------------------------
    • D ------------------------
    • A ------------------------
    • E ------------------------
    • In alternativa le corde vengono numerate, la E corrisponde alla n.6 e la e alla n.1.
  4. Impara come vengono indicati i fret. Le intavolature riportano dei numeri sulle linee che indicano quale fret deve essere suonato in ciascuna corda. Se la linea riporta il numero 0, allora significa che la corda va suonata “libera” senza schiacciare alcun tasto. La tablatura d’esempio che segue indica che dovresti suonare solo il terzo fret della sesta corda:
    • e ------------------------
    • B ------------------------
    • G ------------------------
    • D ------------------------
    • A ------------------------
    • E ----3-------------------
  5. Le intavolature si leggono da sinistra verso destra. Proprio come un normale testo, anche questi schemi seguono l’ordine di lettura occidentale. Per tale motivo, le note a destra devono essere suonate dopo rispetto a quelle a sinistra. Nell’esempio che segue dovresti prima suonare il terzo fret della corda E poi la corda A “vuota” e infine il secondo fret della corda D.
    • e ------------------------
    • B ------------------------
    • G ------------------------
    • D -------------2----------
    • A ---------0--------------
    • E ----3-------------------
  6. Suona contemporaneamente più note che si trovano allineate in verticale. Questo schema particolare indica che devi suonare un accordo ponendo i numeri incolonnati sulle corde interessate. Quelle che non devono essere pizzicate (le corde mute) sono segnate con una X. L’esempio che segue è un accordo di La e viene schematizzato così:
    • e -------0-----------------
    • B ------2------------------
    • G ------2------------------
    • D ------2------------------
    • A ------0------------------
    • E ------X------------------
    • In questo accordo, la sesta corda non viene pizzicata, la quinta è “vuota” mentre la quarta, terza e seconda vengono suonate con il secondo fret premuto. La prima corda viene suonata vuota. Quando tutte le dita sono nella giusta posizione, devi pizzicare le corde coinvolte contemporaneamente.
  7. Trova e impara le tablature delle tue canzoni preferite. Ci sono molti siti web che le mettono a disposizione gratuitamente, più di quante tu possa pensare. Sfrutta questa opportunità per imparare da solo a suonare le canzoni che ami di più!
  8. Esercitati con regolarità. All’inizio ti sentirai abbastanza frustrato quando cercherai di seguire le tablature. Ci sono molti numeri da ricordare e il cervello impiega un po’ di tempo per abituarsi a convertire gli schemi scritti nelle corrispettive posizioni delle dita sulla tastiera. Non mollare! Con il tempo e l’esercizio sarai in grado di suonare come un professionista!

Imparare le Scale

  1. Esercitati nella scala pentatonica. Proprio come la radice del termine suggerisce (“penta” significa cinque), la scala pentatonica ha cinque note al posto delle solite sette; questa permette di creare “suoni meno lineari e offre maggiore libertà creativa”. La pentatonica, solitamente, è la prima scala che si insegna agli studenti di chitarra, quindi è quella da cui dovresti iniziare anche tu. Usa la tablatura qui descritta per esercitarti con la scala pentatonica maggiore di Mi (E):
    • e-------------------------------------------0---3----------------|
    • B-----------------------------------0---3------------------------|
    • G---------------------------0---2--------------------------------|
    • D-------------------0---2----------------------------------------|
    • A-----------0---2------------------------------------------------|
    • E---0---3--------------------------------------------------------|
  2. Continua a esercitarti finché la scala non è perfetta. Anche i chitarristi esperti si allenano spesso nelle scale, perché consentono di migliorare la forza, l’agilità e la rapidità delle dita. Potrai memorizzare la posizione delle dita in modo semplice, ma ci vorrà molta pratica per riuscire a produrre note perfette senza dover guardare continuamente la tastiera. Inoltre sarà necessario ancora più tempo per eseguire le scale velocemente proprio come i professionisti, quindi non smettere di esercitarti!
  3. Esegui la scala di La (A) minore in quinta posizione. Quando si parla di quinta posizione, significa che devi considerare il quinto fret come se fosse il capotasto:
    • e-------------------------------------------5-7-8-
    • B----------------------------------5-6-8---------
    • G-------------------------4-5-7------------------
    • D--------------------5-7-------------------------
    • A------------5-7-8-------------------------------
    • E----5-7-8---------------------------------------
  4. Esercitati con le scale minori. Queste ti obbligano a muovere le dita lungo le sei corde. Se ti alleni abbastanza le dita si abitueranno a passare da una corda all’altra in modo naturale senza che dovere sempre controllare la loro posizione sulla tastiera:
    • e------------------------------------5-7-8-7-5----------------------------------
    • B----------------------------5-6-8-------------8-6-5---------------------------
    • G--------------------4-5-7----------------------------7-5-4--------------------
    • D---------------5-7-------------------------------------------7-5---------------
    • A--------5-7-8----------------------------------------------------8-7-5--------
    • E-5-7-8-------------------------------------------------------------------8-7-5-
  5. Scale in tring-skipping. In questi esercizi devi imparare a saltare da una corda all’altra (non consecutive) con un movimento progressivo. Questo ti aiuta a memorizzare non solo la posizione delle note rispetto ai fret, ma anche quella delle corde senza dover guardare.
    • e---------------------------------5-7-8----------
    • B-----------------------------------------5-6-8-
    • G------------------------4-5-7------------------
    • D---------5-7-----------------------------------
    • A----------------5-7-8--------------------------
    • E-5-7-8-----------------------------------------
  6. Trova ed esercitati con altre scale. Ne esistono a centinaia e tutte ti permettono di allenare il tuo orecchio musicale e di sviluppare l’agilità delle dita. Continua a studiare le scale fino a quando saranno tanto naturali che non dovrai nemmeno pensarci; le scale sono le fondamenta della musica che tanto ami! Più ti saranno familiari, più sarai in grado di suonare a orecchio e anche di comporre la tua musica.

Consigli

  • Prenditi il tempo che ti serve. Non correre. È meglio imparare 5 canzoni bene, piuttosto che 30 male.
  • Esercitati ogni giorno.
  • Non farti prendere dalla frustrazione. Ci vuole tempo.
  • Se conosci qualcuno che suona, chiedigli come gli sembra il tuo livello e di darti consigli.
  • Accetta le critiche, sono sempre costruttive.
  • Impara ad accordare la chitarra a orecchio.
  • Se sei giovane, trova sempre il tempo per studiare.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.