Come Liberarsi dei Parassiti

Le infezioni parassitarie sono più comuni di quanto si possa pensare e in termini di virulenza possono presentarsi in forma lieve o grave. È sempre raccomandato consultare un medico affinché stabilisca una diagnosi, e di solito è necessario ricorrere a una terapia farmacologica nei casi in cui comportano problemi più seri. Tuttavia, quando sono lievi e moderate, possono essere trattate in casa.

Diagnosi

  1. Informati su alcuni parassiti più diffusi. Esistono varie specie di parassiti intestinali, ma solo due sono le tipologie principali: gli elminti e i protozoi.
    • Gli elminti sono formati da diverse cellule e solitamente si tratta di vermi. Tra quelli più diffusi vi sono la tenia, gli ossiuri e gli ascaridi.
    • I protozoi hanno una sola cella e, a differenza degli elminti, possono moltiplicarsi all'interno del corpo umano. I più comuni includono la giardia e il cryptosporidium.
  2. Informati sui sintomi. La sintomatologia può variare a seconda dei parassiti presenti nell'organismo: il corpo potrebbe ospitarli per anni prima di manifestare i sintomi.
    • In ogni caso, la maggior parte delle persone che contraggono un'infezione avvertono determinati sintomi. Includono dolori addominali, diarrea, dissenteria, nausea, vomito, gonfiore, prurito intorno al retto, spossatezza e inspiegabile perdita di peso.
    • Se contrai un'infezione da un parassita appartenente alla famiglia degli elminti, puoi individuare residui di questo verme nelle feci.
  3. Conosci i fattori di rischio. Dal momento che la comparsa dei sintomi più comuni è accompagnata da altri problemi di salute, dovresti anche valutare i fattori di rischio per capire se i parassiti potrebbero essere la causa principale del tuo malessere.
    • Il rischio di contrarre un'infezione aumenta notevolmente se vivi o visiti un posto noto per la presenza di parassiti. Questo aspetto è tanto più grave se intraprendi viaggi internazionali verso paesi in cui le condizioni igieniche sono insufficienti.
    • In genere, l'inadeguatezza dei sistemi e delle condizioni igieniche costituiscono un fattore di rischio per lo sviluppo dei parassiti.
    • Chi ha un sistema immunitario più debole è più soggetto a contrarre infezioni. Si tratta di bambini e anziani, ma anche di chi soffre di problemi di salute piuttosto seri che rischiano di indebolire le difese immunitarie, come l'HIV.
  4. Recati dal medico. Se pensi di avere un parassita intestinale, non esitare a rivolgerti al tuo medico curante.
    • Devi farlo quanto prima, anche se preferiresti liberarti del parassita ricorrendo a rimedi casalinghi.
    • Il medico procederà a una serie di analisi per individuare quali parassiti ospita il tuo organismo.
      • Nella maggior parte dei casi, ti prescriverà di raccogliere un campione delle feci per farlo analizzare.
      • Durante l'esame che consente di individuare la presenza gli ossiuri, l'operatore andrà ad attaccare un pezzo di nastro adesivo sull'ano per poi analizzarlo al microscopio. Qualora fossero presenti questi parassiti, il nastro ne raccoglierà le minuscole uova.
      • Se le tue condizioni di salute sono gravi o la situazione comporta un intervento urgente, il medico potrebbe diagnosticare il problema sottoponendoti a un esame radiografico.
  5. Continua a consultare il medico. Se ti è stata diagnosticata un'infezione parassitaria e sei sotto cure mediche, dovresti tornare dal medico al termine del trattamento.
    • Nella maggior parte dei casi, il medico ti farà ripetere l'esame delle feci per escludere la presenza dei parassiti. Se l'infezione è ancora presente, dovrai continuare a curarti.
    • Una volta che il parassita sarà stato debellato, è molto probabile che il medico ti fornirà istruzioni su come evitare di contrarre nuovamente l'infezione. Un altro contagio può essere più pericoloso dell'infezione iniziale.

Automedicazione di Base

  1. Elimina i carboidrati semplici dalla tua alimentazione. Evita tutti gli zuccheri, escluso il miele, e opta per i cibi integrali al posto di quelli raffinati. Dovrai anche evitare la maggior parte dei succhi di frutta e dei derivati del latte.
    • I parassiti si riproducono assorbendo gli zuccheri, perciò ogni genere di carboidrati semplici che consumi sostanzialmente darà al parassita le energie che di cui ha bisogno per continuare a vivere.
    • L'ideale sarebbe evitare tutte le fonti di zucchero per almeno una o due settimane, mentre sei sotto cura per debellare l'infezione, e in seguito per un'altra settimana o due una volta che sarai guarito.
  2. Mangia determinati tipi di semi e noci. Alcuni studi preliminari suggeriscono che i semi di zucca, papaya e mandorle possono aiutare a prevenire e curare le infezioni parassitarie all'interno dell'intestino. Cerca di consumarne una o due manciate al giorno, per almeno due settimane o fintantoché l'infezione non scompare.
    • Se non riesci a mangiarli assoluti, considera di aggiungerli nei frullati, nello yogurt e in altri piatti.
    • Per esempio, potresti macinare i semi di una papaya di medie dimensioni e mischiarli in 15 ml di olio di cocco e 250 ml di latte di cocco. Frulla il tutto con il frutto della papaya e 15-30 ml di miele biologico. Ti basterà bere il frullato così composto per sette giorni consecutivi per eliminare un'infezione parassitaria lieve o moderata.
  3. Includi nella tua alimentazione la frutta e la verdura che presentano proprietà anti-parassitarie. Anche se non tutti i tipi di frutta e verdura sono efficaci contro i parassiti, alcune varietà hanno un simile potenziale. Pertanto, inseriscile nel tuo regime alimentare finché non ti libererai completamente dei parassiti presenti nel tuo intestino.
    • I frutti più utili in questi casi sono l'ananas, le more, i melograni e la papaia. Puoi mangiarli freschi o berne il succo. Considera anche di assumere sotto forma di integratori alimentari la maggior parte dei frutti di cui non gradisci il sapore.
    • Tra le verdure potenzialmente utili vi sono le cipolle, l'aglio, il cavolo cappuccio, il cavolo nero, le barbabietole e le carote. Se non intendi modificare la tua alimentazione in maniera troppo drastica, puoi apportare dei piccoli cambiamenti condendo i tuoi piatti con una maggiore quantità di aglio e cipolle.
  4. Purifica l'organismo. Dal momento che i parassiti intestinali si stabiliscono all'interno del tratto digestivo, ripulendo con cura l'apparato digerente, potrai eliminarli dal corpo.
    • Sarebbe utile bere molta acqua e grosse quantità di liquidi senza zucchero.
    • Anche mangiare più fibre può aiutare, soprattutto se nell'intestino sono presenti vermi. Tuttavia, non è detto che questo sistema sia altrettanto efficace contro i parassiti monocellulari.
  5. Ripristina la forza dei batteri benefici mangiando probiotici. I probiotici sono batteri utili a mantenere in salute il tratto digestivo. Poiché combattono l'attacco dei parassiti, possono rinforzare naturalmente l'organismo.
    • La maggior parte degli yogurt contiene i probiotici dal nome lactobacillus acidophilus, quindi mangiando una o due porzioni di yogurt al giorno, è possibile ripristinare in modo delicato l'equilibrio dei batteri all'interno dell'intestino.
    • In alternativa, puoi assumerli sotto forma di integratori. Segui le istruzioni relative alle dosi riportate nella confezione per sapere quanto e con quale frequenza prenderli.
  6. Sostieni il tuo sistema immunitario. Anche se il corpo fa uso di diverse sostanze nutritive per mantenersi sano, la vitamina C e lo zinco sono particolarmente importanti per preservare la sua salute. Anche dormire per un'adeguata quantità di ore ogni notte stimola il sistema immunitario e consente al corpo di combattere le infezioni.
    • Come regola generale, cerca di assumere 90 mg di vitamina C e 20-30 mg di zinco al giorno. Puoi assimilarli attraverso il cibo o integratori alimentari.
    • Quando combatti contro un'infezione parassitaria, prova a dormire di più, cercando di riposare almeno otto o nove ore per notte.

Rimedi Casalinghi Non Verificati

  1. Usa la sabbia di diatomee alimentare (o farina fossile). È una sostanza naturale che contiene silice e altri oligoelementi e che, se assunta correttamente, può eliminare i parassiti adulti, le larve e le uova. Inoltre, può anche contribuire a migliorare la salute generale dell'apparato digerente.
    • Utilizza solo quella alimentare. Altre varietà possono essere dannose qualora ingerite.
    • In genere, si usa facendo sciogliere inizialmente 5 ml di polvere in 250 ml di acqua. Bevi questa soluzione una volta al giorno. Se necessario, puoi aumentare gradualmente la quantità a 15-30 ml se l'infezione continua per diverse settimane.
  2. Prova l'aceto di mele. Le vitamine del gruppo B presenti nell'aceto di mele contribuiscono a nutrire l'organismo mentre è intento a combattere l'infezione, in quanto il loro tasso di acidità può aiutare a neutralizzare il pH del corpo, migliorando la salute dell'apparato digerente.
    • Comincia prendendo 5 ml di aceto di mele fino a tre volte al giorno. Se lo ingerisci mezz'ora prima dei pasti, il corpo riuscirà ad assimilarlo meglio.
    • Se gestisci bene la dose iniziale, puoi passare da 5 a 15 ml aumentando gradualmente l'assunzione.
  3. Ricorri al consumo di determinate erbe e spezie. Sembra che alcune erbe e spezie aiutino a rafforzare il corpo e a combattere l'attacco dei parassiti. È possibile prenderle sotto forma di capsule, polveri e tisane.
    • Tra le erbe comunemente usate contro i parassiti vi sono il crespino, l'idraste, l'uva dell'Oregon, l'anice, l'assenzio, il mentastro verde e le noci nere (juglans nigra).
    • Anche la cannella è una spezia che può avere proprietà anti-parassitarie. Condisci i tuoi piatti con questa spezia oppure bevi una soluzione a base di 2,5 ml di cannella e 250 ml di acqua, fino a tre volte al giorno.
    • Tieni conto che alcune erbe possono produrre effetti collaterali tossici se assunte per lunghi periodi, mentre altre possono interagire negativamente con altri farmaci. Effettua ricerche approfondite su qualsiasi tipo di erba o spezia prima di usarla come rimedio curativo.
  4. Sostieni l'organismo con l'olio. In modo principale, l'olio di cocco e quello di oliva possono aiutare il corpo a liberarsi dei parassiti intestinali.
    • Prepara i tuoi piatti usandoli al posto del burro, della margarina o di altri tipi di olio da cucina.
    • Per aiutare l'organismo a combattere l'infezione, considera di prendere questi due tipi di olio sotto forma di integratori alimentari. Sciogli 30 ml di olio di cocco in una tazza di tè caldo. Versa 15-30 ml di olio di oliva sulle verdure che consumi o bevilo direttamente.
  5. Fai un bagno con i sali di Epsom. Sciogli 125 ml di sali di Epsom in una vasca d'acqua calda. Immergiti per 15-20 minuti.
    • Sebbene il sale non abbia la capacità di eliminare i parassiti presenti nell'organismo, può contribuire a rimuovere le tossine che producono, aiutando il corpo a debellare l'infezione. L'acqua salata drena le tossine attraverso i pori della pelle.
  6. Considera di prendere l'olio di neem. Prodotto dall'albero del Neem, è un antico rimedio popolare anti-parassitario che ha origine in India e che si può assumere anche sotto forma di capsule o tisana. Elimina i parassiti e purifica il corpo dalle loro tossine, uccidendo i parassiti. Può anche contribuire a ristabilire la salute del fegato una volta che l'infezione viene debellata.
    • Segui le istruzioni relative al dosaggio riportate nella confezione dell'integratore alimentare. L'esatta posologia varia in base alla gravità dell'infezione, all'età e alle condizioni di salute. È meglio parlare con un medico prima di prendere questo integratore per evitare il rischio di eventuali complicazioni.
    • Nota che l’olio di neem non è sicuro per le donne incinte o in fase di allattamento, in quanto potrebbe danneggiare gravemente il feto o portare all'aborto. Inoltre, c'è il rischio che sia tossico per i bambini.
  7. Cura il tuo problema in maniera delicata, ma costante. Man mano che elimini i parassiti dall'intestino, potresti sentirti male fisicamente e soffrire di dolori addominali, anche gravi. Se acceleri il processo terapeutico, rischi di aumentare questo stato di malessere.
    • Se sei sotto cure mediche, segui la terapia stabilita dal medico in modo da trarre tutti i benefici.
    • Se ti affidi per la prima volta a un rimedio casalingo, dovresti cercare di prolungare il trattamento nell'arco di diverse settimane. Segui per alcune settimane una dieta ricca di alimenti con proprietà anti-parassitarie prima di sottoporti a ulteriori trattamenti (aceto di mele, farina fossile, olio di neem e così via).

Cure Mediche

  1. Prendi il metronidazolo. Questo farmaco produce un'azione abbastanza efficace contro la maggior parte dei parassiti protozoi ed è anche uno dei più prescritti.
    • In genere, si assume per via orale, ma la posologia può variare in base al tipo di parassita e agli antecedenti medici. Di solito, però, l'assunzione dura diversi giorni.
    • Nei casi più gravi, è possibile somministrare il metronidazolo per via endovenosa.
    • Gli effetti indesiderati più comuni comprendono nausea, eruzioni cutanee e infezioni vaginali. Se assunto per via orale, questo farmaco potrebbe anche lasciare un cattivo gusto in fondo alla bocca.
  2. Prova l'ivermectina. La maggior parte dei medici la prescrivono quando nell'intestino tenue sono presenti colonie di ossiuri o ascaridi.
    • Questo farmaco entra nell'organismo e paralizza i parassiti laddove sono annidati, permettendo in tal modo al corpo di liberarsene in modo più efficace.
    • Solitamente, si assume in una singola dose.
    • Gli effetti indesiderati più comuni includono eruzioni cutanee, stordimento, spossatezza e dolori addominali.
  3. Usa l'albendazolo. Si tratta di un farmaco molto potente, usato di solito contro la tenia, ma il medico può prescriverlo anche per altri tipi di vermi intestinali.
    • Questo farmaco avvelena il parassita, rendendolo incapace di assimilare gli zuccheri e facendolo morire all'interno del corpo.
    • Si prende oralmente, ma la posologia dipende dalla gravità dell'infezione e dal peso del paziente.
    • Gli effetti indesiderati più frequenti comprendono nausea, dolori addominali, vomito, diarrea, mal di testa e stordimento.
  4. Consulta il medico sull'assunzione di altri farmaci. A seconda del tipo di parassita e dei tuoi antecedenti medici, c'è qualche possibilità che il medico ti prescriva una terapia farmacologica diversa da quelle poc'anzi menzionate.
    • Ogni farmaco agisce in modo diverso. Per alcuni è sufficiente una sola dose, mentre per altri potrebbe essere necessaria un'assunzione continua che duri per diverse settimane. Indipendentemente dai dettagli, però, dovresti prendere qualsiasi medicinale ti venga prescritto seguendo le istruzioni del medico affinché eserciti un'azione efficace.
    • Altri farmaci utilizzati per eliminare la giardia e altri parassiti protozoici sono il tinidazolo, che si somministra in una singola dose, e in alcuni Paesi il nitazoxanide (non presente in commercio in Italia), che si prende sotto forma liquida, facile da deglutire.
    • Il mebendazolo è un altro farmaco comunemente usato contro gli ossiuri e gli ascaridi. Il praziquantel e il nitazoxanide (attualmente non commercializzati in Italia) sono altri farmaci anti-parassitari, prescritti in genere per curare l'infezione da tenia.

Avvertenze

  • Consulta il tuo medico curante prima di iniziare qualsiasi cura anti-parassitaria. Determinati trattamenti sono più efficaci contro alcuni parassiti rispetto ad altri, perciò se ricevi una diagnosi precisa, sarà più facile eliminare questo problema.
  • Le complicazioni variano in base a una serie di fattori, ma in genere si verificano più comunemente nei pazienti anziani e in coloro che soffrono di gravi malattie, come l'HIV.
  • I parassiti intestinali possono comportare problemi persino più gravi nelle donne in gravidanza o in fase di allattamento, quindi determinati trattamenti non sono consigliati per questa categoria di pazienti. Se il tuo organismo ospita un parassita intestinale mentre sei in gravidanza o allatti, dovresti rivolgerti al medico per ricevere tutte le cure necessarie nell'interesse della tua salute e di quella di tuo figlio.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.