Come Ridurre l'Ansia e la Depressione

L’ansia e la depressione vanno sempre a braccetto, quindi è probabile che se soffri di ansia sei anche tendenzialmente depresso, e viceversa. Questo articolo ti darà alcuni consigli e suggerimenti che, anche se non saranno sufficienti per liberarti completamente dell’ansia e della depressione, ti aiuteranno almeno a ridurle.

Passaggi

  1. Chiediti perché pensi di soffrire di ansia e depressione. Questi sentimenti possono sorgere all’improvviso o essere il risultato di un evento traumatico. Ci sono altri casi in famiglia? Se è così, la causa potrebbe essere un fattore genetico. Hai vissuto eventi traumatici prima di iniziare a sentirti avvilito e triste? Un esempio potrebbe essere una persona cara che è morta da poco, una relazione violenta o altri episodi negativi che cambiano la vita.
  2. Una volta affrontato il motivo per cui soffri di ansia e depressione, tieni presente che potrebbe essere necessario trovare un sostegno professionale. Uno psicologo può aiutarti a capire la causa esatta dei tuoi problemi e darti dei consigli per risolverli. La terapia può essere utile, se vuoi. Oltre alla terapia psicologica, probabilmente è necessario rivolgerti a un medico per assumere dei farmaci. Le medicine sono dei coadiuvanti, non risolvono il problema, ma possono fare una grande differenza, bilanciando le sostanze chimiche nel cervello, per cambiare lo stato d'animo e liberare la mente in modo da essere in grado di fare pensieri migliori.
  3. Allontana dalla tua vita le persone problematiche. Potrebbe essere un compito molto difficile, ma alcuni dei tuoi amici possono peggiorare il tuo stato d’ansia e di depressione; sarebbe quindi opportuno smettere di vederli o, se si tratta di una relazione di coppia, dovresti chiuderla se ti accorgi che ti sta condizionando in modo negativo. Le relazioni affettive non sono una buona idea quando si vive un cattivo stato d'animo; prima ama te stesso, solo allora puoi amare qualcun altro. Prenditi il tempo per stare da solo e ritrovare la tua serenità con te stesso, non con le altre persone.
  4. Se non sai cosa fare, non fare nulla. Vale a dire, se sei arrabbiato, semplicemente non prendere decisioni in questo momento.
    1. Prenditi il tempo per cercare di sentirti bene. Forse ti senti sopraffatto.
    2. Prenditi un giorno da dedicare alla serenità mentale o, meglio ancora, prenditi una vacanza.
    3. Vai in un centro termale e rigenerati. Tutto ciò che aiuta a liberare la mente è ottimo in questo momento.
  5. Se pensi che la tua depressione e ansia possano essere pericolosi per la tua incolumità, è molto grave. Devi assolutamente chiamare qualcuno prima di ferire te stesso o altre persone. Chiama anche il 112 se necessario.
  6. Individua quali sono i fattori scatenanti. Cosa ti fa sentire depresso? Cosa ti fa sentire ansioso? Se noti che alcuni fattori aumentano la depressione e l'ansia, è il momento di liberartene o di cambiarli. Ho conosciuto personalmente una ragazza che era depressa perché il suo ragazzo si era suicidato. Continuava ad ascoltare tristi canzoni d'amore sulla morte e l'abbandono. Un giorno si rese conto che questa cosa la rendeva costantemente triste e bloccata nel passato. Così, iniziò ad ascoltare canzoni allegre che la facevano ridere o che le ricordavano i bei momenti che aveva vissuto con il suo fidanzato. Fu di grande aiuto lasciare andare il passato, invece di continuare a ricordarlo.
  7. Fai le cose che desideri fare. Se ti piacciono gli strumenti musicali, perché non prendere lezioni di musica? Se ti piace lo sport, iscriviti a una squadra sportiva. Fai ciò che ti aiuta a esprimere chi sei personalmente. Questo ti farà sentire più sicuro e felice di te stesso e della tua vita.

Consigli

  • Se hai dei pensieri suicidi, contatta la polizia o chiama un numero verde di assistenza psicologica. Quest’ultimo mantiene l’anonimato, pertanto non vieni segnalato o ricoverato in ospedale se lo contatti. Non esitare a chiamare perché può davvero salvarti la vita; ci sono professionisti sempre disponibili in grado di aiutarti.
  • In generale, la terapia psicologica è la soluzione migliore, può davvero aiutarti. Inoltre il terapeuta può indicarti un farmaco adatto alle tue specifiche esigenze.
  • Se pensi che potresti farti del male, aspetta. Fermati un momento e pensaci bene. L’autolesionismo è frequente negli adolescenti e nei giovani ma è un modo malsano di liberarti dalla sofferenza. Ogni volta che desideri farti del male pensa alle persone che ti amano, loro non vogliono affatto che tu ti ferisca.
  • Se pensi che ti stia venendo un attacco di ansia, interrompi ciò che stai facendo, chiudi gli occhi e fai dei lenti respiri profondi. Quando ti sei calmato, è sufficiente che liberi la mente da tutto ciò che ti rende ansioso e quando ti senti più calmo cerca di risolvere la cosa che ti preoccupa, o semplicemente lasciala così com'è se non puoi gestirla.
  • Se in qualche modo hai dei pensieri suicidi o autolesionisti chiama un amico; se invece non vuoi raccontare il tuo stato d’animo a un familiare o a un amico perché potrebbero giudicarti, chiama un numero verde, la polizia o il 112 per impedirti qualunque azione pericolosa. Probabilmente ti verrà chiesto quali sono le tue intenzioni, cercheranno di capire il tuo stato d’animo, oppure cercheranno di indirizzarti a un terapeuta o all’ospedale. In ogni caso, se hai dei desideri di autolesionismo, aspetta, perché la famiglia può intervenire aiutandoti; ferirti e farti del male non è affatto sano.

Avvertenze

  • L’autolesionismo e il suicidio non sono mai la soluzione.
  • Non ricorrere alle droghe per nascondere il tuo dolore, perché alla fine ti sentirai ancora peggio.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.