Come Essere Bravo in Inglese

Se stai faticando a lezione d’inglese, non sei solo. Da scrittori famosi come H.G. Wells e Mark Twain, fino a politici come Teddy Roosevelt, molte persone intelligentissime hanno fatto fatica con lo spelling, la sintassi e altre regole grammaticali. Piena di eccezioni e contraddizioni, la lingua inglese non è la più semplice da imparare e usare correttamente. Affrontando gli errori e le difficoltà più comuni, tuttavia, puoi iniziare a correggere attivamente i tuoi errori, migliorare il tuo vocabolario, lo spelling e la scrittura, per avere le migliori possibilità di successo in inglese.

Correggere gli errori più comuni

  1. Impara a distinguere “your” (tuo) da “you’re” (tu sei). Lo scambio di queste parole costituisce l’errore più comune e facilmente risolvibile della lingua inglese. Siccoma niente risulta più evidente che scrivere "Your not coming to the dance, are you?" (Non vieni al ballo, vero?), è importante chiarire la differenza e non commettere mai più quest’errore.
    • Your è usato per indicare “qualcosa che possiedi”. "Is that your cantaloupe?" o "Where is your pocketknife?" sono usi corretti di "your". Puoi sempre pronunciarlo e provare a sostituire “you are” con “your” in una frase. Se “you are” ha senso, allora puoi usare la forma contratta "you're".
    • You're è la contrazione delle parole “you” e “are”, ed è usato come sostituto per quelle parole in una frase. "You are an excellent tennis player" può essere scritto "You're an excellent tennis player."
  2. Impara a distinguere fra “their” (loro), “they're” (loro sono) e “there” (là). Se “you” e “your” è l’errore più comune, la confusione tra queste parole è il secondo. È anche un errore comune dei correttori automatici, poiché non suggeriscono necessariamente la versione corretta, se sbagli. Possono confonderti, ma la differenza sarà chiara una volta che avrai memorizzato la regola.
    • Their significa “che appartiene a loro”. Gli utilizzi appropriati includono "Their balloon popped quickly" o "Have you not seen their baby?". La parola è usata solo in questo contesto e significa semplicemente “più di un proprietario”.
    • They're è una contrazione delle parole “they” e “are”, e dovrebbe essere usato per sostituire quelle parole in una frase. "They are very much in love" potrebbe diventare "They're very much in love". Tralasciando l’uso della contrazione, la parola non implica il possesso.
    • There si riferisce a luoghi e altri utilizzi. "Place the apple over there" o "There is nothing more boring than math" sono utilizzi leciti di "there."
  3. Impara a distinguere “its” (suo) da “it’s” (esso è). È una regola complessa perché va contro la regola basilare degli apostrofi, ma è solo un esempio di contraddizione nelle contrazioni. Regola rapida: sostituisci le parole “it” e “is” alle frasi con “its” o “it’s”. Se le parole hanno senso in quella frase, è necessario l’apostrofo. Altrimenti, niente apostrofo.
    • Usa “its” per assegnare il possesso di qualcosa. Sebbene manchi l’apostrofo, significa che qualcosa appartiene a qualcos’altro. "Its hair was really dirty" o "I can't compete with its power!" sono usi leciti di “its”.
    • Usa “it's” quando vuoi contrarre “it” e “is”. Sarebbe appropriato scrivere "It's not that great" o "When it's raining, I like to read".
  4. Usa "two" (due), "too" (anche) e "to" (a) correttamente. È un refuso comune, ma anche un errore d’utilizzo tipico di molti scrittori affermati. Le differenze, tuttavia, sono abbastanza semplici da comprendere. Regola rapida: “too” ha 2 O, e puoi usare questo fatto per ricordare che indica “di più” di qualcosa, perciò dovresti usare la parola per confrontare quantità. Se, come in "To be, or not to be," non ci sono quantità da discutere, lascia perdere la seconda O.
    • To è una preposizione, che dovrebbe sempre precedere un nome o un verbo e iniziare una frase preposizionale. "I want to visit France" e "I went to France" sono entrambi usi leciti di "to".
    • Too è usato come quantità o per concordare. "There was too much alcohol at the party" o "I ate too many ice cream cones" sono utilizzi appropriati. Può anche indicare gradi o livelli d’emozione, e periodi di tempo: "You're way too angry" o "I cried for too long". Si usa anche per concordare : "I want to go to the party too".
    • Two è un numero e dovrebbe essere usato solo come tale. "I ate two large pizzas" o "There were two pro wrestlers at the party" sono utilizzi leciti di "two".
  5. Impara la differenza tra "less” (meno) e “fewer” (di meno). Questa è importante, comunemente sbagliata, ma facile da imparare. Una è usata per riferirsi a quantità, e l’altra a numeri. Se hai già studiato la distinzione tra nomi “contabili” e “non contabili”, ti tornerà utile con questa regola. Quando c’è “less traffic” significa che ci sono “fewer cars”.
    • Less si riferisce a quantità e nomi “non contabili”. "There was much less water in the pool than last week" o "Much less applause could be heard at the game" sono usi corretti. Se non puoi contare le unità individuali di qualcosa, “less” è la parola appropriata per la descrizione. Meno (less) dubbi, ossigeno, morale (doubt, oxygen, morale).
    • Fewer si riferisce a numeri e nomi “contabili”. "Many fewer people applauded" o "One more bike, one fewer car" sarebbero utilizzi appropriati. Se puoi dare un numero specifico di un oggetto, ad esempio biglie, banconote, meloni o videogiochi, la parola giusta è “fewer”.
  6. Usa "lay" (stendere) e "lie" (mentire, sdraiarsi) correttamente. Se sbagli questa, sei in buona compagnia. Impara la regola e non dovrai mai preoccuparti di sbagliarla di nuovo. La gente sbaglia perché anche il passato semplice di “lie” è “lay”, ma la differenza è veloce da comprendere.
    • Usa "lay" quando stai poggiando qualcosa. "I lay the book on the table" o "Please lay your head on your desk" sono usi leciti di "lay".
    • Usa "lie" quando stai riposando o sdraiandoti. Scriveresti "I'm going to lie down now" ma il passato della parola è “lay”, motivo principale della confusione. In altre parole, si può scrivere anche "I lay down yesterday". Serviti del contesto per carpire il significato.
  7. Usa "random" (casuale) e "literally" (letteralmente) in modo corretto. Sono le parole più abusate e sbagliate della lingua inglese. Impara a usarle correttamente e otterrai la stima degli insegnanti e dei bisbetici grammaticali dell’inglese.
    • Random indica un’assenza d’ordine o coerenza in una serie o sequenza. Non dovrebbe esserci uno schema in qualcosa di realmente casuale. Spesso, la gente usa “random” intendendo “sorprendente” o “inaspettato”. Per esempio, non è stato “un tipo a caso” (some random guy) a parlarti dopo la lezione. Siete nella stessa classe, andate nella stessa scuola e vivete nello stesso paese, quindi non c’è niente di casuale nel parlare con lui. Anzi, è piuttosto probabile.
    • Literally non dovrebbe essere usato per indicare durezza, perché “letteralmente” significa che qualcosa è accaduto realmente, ed è una verità letterale. L’unico caso in cui è appropriato dire "I literally couldn't get out of bed this morning" (non riuscivo letteralmente ad alzarmi stamattina), è quello in cui si fosse realmente incapaci fisicamente di muovere le gambe, non per assenza di volontà. Altrimenti, intendi "figuratively".
  8. Evita le abbreviazioni. Quando scrivi, non abbassarti al linguaggio dei messaggi o alle emoticons al posto delle parole. Un punto-e-virgola e una parentesi non dovrebbero mai chiudere una frase. Hanno utilizzi reali! Usa le versioni complete delle parole per esprimere i tuoi pensieri.
    • A tutti piace scrivere velocemente, ma è meglio evitare di scrivere cose come “ur” (your) anche nei messaggi. Scrivendo in quel modo, alleni le dita a collegare quei movimenti muscolari a quelle parole, facendoti commettere più facilmente quell’errore in un contesto formale.
    • Quando parli, è anche una buona abitudine evitare di dire parole abbreviate come “OMG” o “LOL”. Se stai ridendo, ridi e basta, non descriverlo.

Migliorare spelling e vocabolario

  1. Leggi qualsiasi cosa. Il modo migliore per migliorare il tuo inglese in ogni ambito è leggere in continuazione. Leggi libri difficili, buffi, lunghi, leggi riviste, scatole di cereali, manifesti e programmi. Leggi di tutto e circondati di parole. Leggere molti libri diversi non solo aumenterà le parole che conosci, ma ti aiuterà anche con lo spelling. Inoltre, è un’ottima forma d’intrattenimento e una buona alternativa alla TV.
    • Cerca di leggere a voce alta qualche volta, soprattutto se non sei a tuo agio a farlo in classe. Più prendi confidenza con le parole, migliore sarà la tua pronuncia. Può anche essere divertente sentire come suona la grande letteratura Leggi ad alta voce Edgar Allan Poe o altri autori, per provare l’esperienza completa.
  2. Impara le parole che tendi a sbagliare. L’inglese è ricco di eccezioni e contraddizioni, che rendono difficile pronunciare ogni lettera e scrivere le parole correttamente. Perché c’è una B alla fine di “comb” (pettine) nonostante non abbia un suono? Perché “conch” (conchiglia) si pronuncia “konk” ma “church” (chiesa) non è “churk”? Chissà. Abbiamo tutti parole “nemiche”, quindi tanto vale memorizzare e imparare lo spelling delle parole che ci risultano più difficili da ricordare. Ecco alcune parole comunemente scritte male o viste come complesse:
    • definitely
    • beautiful
    • believe
    • library
    • nuclear
    • neighbor
    • ceiling
    • exercise
    • vacuum
    • villain
    • jewelry
    • license
  3. Usa tecniche mnemoniche per aiutarti a imparare le parole difficili. Si son sempre sbagliate le parole. Non è una cosa nuova. Fortunatamente, significa che molti trucchetti sono stati creati negli anni, al punto d’avere oggi delle ottime scorciatoie per facilitare la vita e la pagella. Ecco alcune delle migliori:
    • Tagli un piece of pie (pezzo di torta).
    • You hear with your ear (senti con l’orecchio).
    • Because Elephants Can Always Understand Small Elephants - BECAUSE (gli elefanti riescono sempre a capire i piccoli elefanti).
    • Never believe a lie (mai credere a una bugia).
    • An island is land (un’isola è terra).
    • Eee! A cemetery! (3 E in “cimitero”).
  4. Gioca con le parole. Ci sono molti giochi digitali e analogici con le parole, che ti aiuteranno a concentrarti sulle parole regolarmente e divertendoti, rispetto alla noia dei compiti. Giochi da tavolo come Scarabeo possono tenere allenati i muscoli dello spelling, e i cruciverba fanno bene al vocabolario. Sul telefono puoi giocare agli stessi giochi e molti di più, come Ruzzle o l’impiccato, persino sfidando i tuoi amici. Molto meglio di Candy Crush.
  5. Disattiva il correttore automatico. In un recente studio della BBC, più di un terzo dei partecipanti sono stati incapaci di scrivere correttamente “definitely”, mentre due terzi non hanno saputo individuare la scrittura corretta di “necessary”. Noto come “effetto correttore automatico”, sembra che questo strumento possa influenzare negativamente la nostra capacità di scrivere correttamente le parole. Sebbene liberarsi della stampella tecnologica possa sembrare un destino peggiore della morte, può essere una buona cosa per costringerti a imparare a scrivere correttamente le parole. Puoi comunque usare il correttore automatico prima di consegnare il compito. Però fai pratica.

Migliorare la scrittura

  1. Usa le forme attive piuttosto che quelle passive. I verbi hanno forme passive e attive, e i bravi scrittori sono sempre attivi. Il passivo, adatto ai rapporti scientifici e qualche testo tecnico, distanzia la scrittura. La forma attiva, al contrario, emerge e chiede riconoscimento. Usando lo stesso verbo, puoi rendere una frase molto più attiva e vivace. La scrittura attiva è la scrittura migliore.
    • Forma passiva: "The city has been scorched by the dragon's breath". Qui, il verbo nella frase è “to be” (essere), perché il soggetto (the city) è nell’atto di essere cambiato da qualcosa (il drago).
    • Forma attiva: "The dragon's breath scorched the city". Qui, il drago è il soggetto della frase, e il verbo più forte – “scorch” (bruciacchiare) – è usato come verbo principale, invece che ausiliario.
  2. Meno virgole, ma buone. Molti scrittori principanti pensano che il problema più grande sia l’uso corretto delle virgole. Non è importante quanto credi. Le virgole non si usano quando si vuole “una pausa”, ma per separare le parti delle frasi complesse. Nessuno dice che non siano segni complicati, ma rileggere e continuare ad aggiungere virgole è una pessima idea.
    • Usa le virgole quando inizi le frasi con gli avverbi: "Although I drank the poison Kool-Aid, my Wednesday was mostly boring."
    • Usa le virgole nelle frasi che iniziano con “because” (perché) solo se la frase che segue il “because” è complessa. Per esempio, in "I drank the Kool-Aid because I was thirsty" non serve la virgola prima di "because." Tuttavia, "I drank the Kool-Aid, because my sister left me home alone and there wasn't anything else to drink" richiede la virgola. Non hai bevuto il Kool-Aid perché tua sorella è uscita, ma perché non c’era altro da bere.
    • Usa le virgole per separare le formule introduttive: "Fortunately, I carry a pocketknife" è un uso corretto della virgola. Similmente, anche "To begin a novel correctly, forget everything you know" è corretto.
    • Usa le virgole per separare formule opposte: "The puppies were cute, but smelled disgusting". Evita le virgole in caso di concordanza: "I'm happy but I can't help it".
  3. Sii conciso. Solitamente, meno parole ci sono, migliore è la scrittura. Molti studenti e scrittori principianti si convincono che scrivere prose lunghe e articolate impressionerà l’insegnante e li farà sembrare dei geni piombati a lezione d’inglese. Preoccupati solo di scrivere frasi chiare, non di “fare il brillante” con la complessità. Non scrivere oltre le tue capacità e non caricare le tue frasi di parole superflue per cercare di aumentare il numero di parole. Usa frasi più muscolari possibili – taglia il grasso in eccesso.
    • Avverbi e aggettivi sono facilmente eliminabili. "The flowing, fiery dragon breath beset the besieged and ragged city dwellers, cowering in their filthy, stinking, scorched rags of clothes, all matted and terrible" sarebbe meglio in questo modo: "Flowing, the dragon breath scorched the city dwellers, who cowered in their stinking clothes".
    • Evita frasi preposizionali impilate. Per evitare una scrittura troppo elaborata, abituati a cercare le frasi “impilate”. Sono buoni indicatori dell’esigenza di riordinare le frasi per migliorare la concordanza tra soggetto e verbo. Una frase “impilata” confonde il lettore: "In the field, over the cascading weeks, inside a house, like a weeping girl stood Joseph." Prova invece: "Like a weeping girl, Joseph stood inside a house in the field. Over the cascading weeks, he…".
  4. Smetti di usare il dizionario dei sinonimi nel tuo software. Molti studenti pensano che cliccando col tasto destro e inserendo i sinonimi suggeriti delle parole “abusate” si diventi migliori scrittori. La maggior parte delle volte, non è così. Inoltre, cambiando "The bond between the nations was strong" in "The bond between the nations was beefy", come suggerito dal generatore di sinonimi, la tua scrittura sembrerà ridicola. Molti insegnanti sono anche in grado di capire quando usi parole che non conosci, perciò è meglio concentrarsi sugli aspetti più importanti della scrittura.
    • Se vuoi usare una parola più appropriata o sostituire una parola che usi troppo spesso, dare un’occhiata ai sinonimi suggeriti è un ottimo modo per trovare alternative, ma se non conosci la parola è meglio cercarla sul dizionario prima d’inserirla.
  5. Rileggi, rileggi, rileggi. La buona scrittura presuppone una buona revisione. Nessun grande scrittore ha mai scritto bozze perfette al primo colpo, e non lo farai nemmeno tu. Se vuoi essere bravo in inglese e prendere bei voti a scuola, è importante ricavare tempo a sufficienza al termine di un compito per rileggerlo, sia per correggere che per modificare. Sebbene richiedano abilità simili, la correzione di bozze e la revisione o modifica sono in effetti fasi piuttosto diverse, e ugualmente importanti.
    • La revisione avviene quando migliori un testo ripensando le frasi per migliorarle, controllando i contenuti e verificando la pertinenza con la consegna. Quando revisioni, “vedi di nuovo” la scrittura, con occhi diversi.
    • Quando correggi la bozza, cerchi approfonditamente gli errori a livello letterale. Quindi correggendo la bozza cerchi errori di battitura, di punteggiatura e altri problemini. Dovrebbe avvenire dopo la revisione.

Consigli

  • Cerca più che puoi di non distrarti o suggerire in classe. Potresti perderti qualcosa di molto importante, o prendere una nota…
  • Cerca di allenare lo spelling ogni giorno alla stessa ora. Studia tutti i giorni fino al giorno della verifica.
  • Cerca di sederti ai primi banchi tutto il tempo, e fai domande con un buon vocabolario.
  • Fare domande e chiedere all’insegnante di ripetere qualcosa non solo ti renderà un miglior ascoltatore, ma risolverà anche dubbi condivisi dai tuoi compagni; le domande sono anche utili per fissare gli argomenti che verranno ripresi nei compiti a casa.
  • Procurati un Nook o un Kindle. Rendono più comoda la lettura e ti fanno risparmiare spazio in camera, sugli scaffali, pur consentendoti di portare più libri ovunque!

Avvertenze

  • Non stressarti! L’inglese è difficile e talvolta può essere dura memorizzare le cose, ma nemmeno Roma è stata costruita in un giorno!
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.