Come Prepararsi a Chiedere il Divorzio

Separarsi può essere una delle decisioni più dure da prendere, ma sapere come fare istanza di divorzio può rivelarsi anche più stressante, specie se l'idea non ti ha mai nemmeno sfiorato. Ci sono un numero di passaggi che dovrai fare per prepararti finanziariamente ed emotivamente, ma un passo alla volta riuscirai ad arrivare in fondo, nella speranza che il tuo matrimonio si chiuda con poche -se non senza- seccature.

Decidere come Gestire Il Procedimento

  1. Consulta un avvocato. Assumerne uno ti servirà per molti motivi. Quando la decisione è presa, non importa se l'idea sia venuta da te o dal coniuge: devi parlarne con un avvocato prima di fare qualsiasi altra cosa. La sua consulenza sarà la seguente:
    • Ti aiuterà a farti ottenere beni, proprietà e custodia dei figli, ai quali hai diritto.
    • Agirà da mediatore con il legale del coniuge così non ti troverai mai sui carboni ardenti.
    • Un avvocato ovviamente renderà la procedura professionale e legale, assicurandosi che le carte vengano redatte e archiviate correttamente.
    • Ti guiderà attraverso tutto il processo aiutandoti a scegliere per il meglio in quei momenti in cui potresti farti prendere dall'emozione.
  2. Considera l'opzione di parlarne con il coniuge. Se avete scelto di divorziare consensualmente allora potrebbe essere la soluzione migliore e dovreste riuscire ad arrivare in fondo in modo amichevole. Un divorzio consensuale richiede lunghe discussioni fra i coniugi riguardo a cose importanti: è certamente possibile ma può diventare difficile. Consultati prima con l'avvocato per accertarti che sia una buona idea. Poi, per avviare la cosa affronta questi punti con il coniuge:
    • Come dividere beni e proprietà.
    • Chi vivrà nella casa che state condividendo.
    • Come dividere la custodia dei bambini.
    • Se uno dei due vuole gli alimenti.
  3. Cerca di ricordare che la cosa migliore è andare avanti da solo. A volte discutere il divorzio è qualcosa che inizia in termini amichevoli prendendo alla fine una piega negativa. Altre volte già in partenza si sa che parlarne è la scelta sbagliata. Va benissimo quindi anche evitare di avere una conversazione con il coniuge e andare avanti per la tua strada verso il divorzio, notificandoglielo quando tutto è stato sistemato e si è pronti alla parte legale. Questa strategia può rivelarsi la migliore nei seguenti casi:
    • Il coniuge abusa di te e temi che possa impedirti di divorziare o minacciarti fisicamente.
    • Vuoi il divorzio perché il coniuge ti ha tradito.
    • Temi che una discussione preliminare possa pregiudicare la custodia dei figli.
    • Ritieni che il coniuge intraprenderà qualche azione atta a impedirti di ricevere la tua parte di beni.
    • Non hai più fiducia nel coniuge per qualsiasi motivo, anche diverso da quello indicato nell'istanza.
  4. Fatti un'idea chiara di cosa vuoi dal divorzio. A prescindere dall'approccio che scegli, è una buona idea definire chiaramente i tuoi obiettivi e desideri dall'inizio. Cerca di mettere da parte le emozioni e pensa attentamente a ciò che desideri dalla vita una volta che il divorzio sarà ufficiale. Rivedi i punti salienti che potranno essere influenzati da questa scelta e condividi le tue riflessioni con l'avvocato.
    • Dove vuoi vivere dopo?
    • Cos'è importante per te avere?
    • Quali specifiche riguardo alla custodia dei figli vuoi che siano messe nero su bianco?
    • Come ti sosterrai dopo il divorzio?

Tenere in Ordine i Documenti

  1. Metti insieme tutte le carte riguardanti le finanze. Ti servirà un quadro completo dei beni che condividevi con il coniuge. Potrai farlo in maniera discreta senza che il coniuge lo venga a sapere così che lui o lei non si muovano per bloccare eventuali fondi o proprietà a tuo disacapito. Parla con il tuo avvocato e con un consulente finanziario per scoprire esattamente quali documenti servono, poi inizia a raccogliere:
    • Estratti conti bancari e liste movimenti
    • Estratti della carta di credito
    • Rate del mutuo
    • Libretti dei mezzi e assicurazioni
    • Ricevute riguardanti grandi acquisti che avete fatto entrambi una volta sposati
    • Ricevute di eventuali debiti, individuali o congiunti
    • Ricevute delle tasse
  2. Inizia a mettere da parte dei soldi in un nuovo conto. Il costo di un divorzio sarà ovviamente salato. Probabilmente ti serviranno più soldi di quanti pensi. Apri un nuovo conto a tuo nome e inizia a risparmiare per le spese.
  3. Evita di avere ulteriori fonti di reddito finché non ottieni il divorzio. Se hai all'orizzonte un aumento o ulteriore guadagno, rimandalo. In caso contrario, potrebbe essere considerato parte dei fondi comuni e il coniuge potrebbe averne diritto ad una parte.
  4. Affitta una casella postale. Fatti consegnare tutti i documenti bancari e altre carte importanti nella casella piuttosto che a casa dove ancora vivi con il coniuge in modo che tutto rimanga sicuro e riservato. Anche la corrispondenza con l'avvocato va spedita in casella.
  5. Raccoglie delle prove da usare contro il coniuge. Fallo in modo discreto: denunce, e-mail, fotografie, giornali e qualsiasi altra cosa possa essere usata contro il coniuge in tribunale può esserti d'aiuto nell'ottenere più beni oltre che la custodia dei bambini. Questo è importante specie se divorzi per motivi di abuso.

Progetta la Vita dopo la Separazione

  1. Creati una nuova routine. Fatti fare un preventivo di spese da un esperto per capire come puoi vivere dopo il divorzio. Lavoraci assieme per capire quanto aiuto ti può servire o eventualmente di quanti alimenti avrai bisogno per mantenere la casa.
  2. Decidi dove vivrai. Preparati prima nel caso fossi costretto a vendere la tua casa attuale. Se tutto va bene la vendita non sarà un processo lungo. Dare un valore alla casa sarà una delle prime cose da fare una volta firmate le carte per il divorzio, specie se nessuno dei due può permettersi di mantenerla da solo.
  3. Cerca aiuto per gestire le emozioni. Incontra un consulente o un terapista per aiutarti a rimanere nel giusto stato emotivo durante tutto il processo. Usa la terapia per rimanere concentrato su te stessa e sulla tua sanità mentale. L'analista sarà la tua valvola di sfogo per pensieri e idee, aiutandoti a mantenere bassi livelli di stress e alta capacità di rendimento nell'intera fase di divorzio.
  4. Prepara la tua famiglia. Fallo in modo graduale man mano che si avvicina il tempo di firmare le carte così che non rimarrà scioccata e potrà sostenerti dandoti aiuto e forza.

Preparare le Carte

  1. Rifletti su dove fare istanza. La maggior parte degli stati richiede un minimo di permanenza per chi vuole il divorzio. Se abiti nello stesso luogo da sei mesi o più, probabilmente puoi chiedere il divorzio anche se il coniuge non vive lì.
    • Se non vivete insieme da molto, puoi prima chiedere la separazione poi fare istanza di divorzio una volta soddisfatti i criteri di residenza richiesti. Nella maggior parte dei casi dovrai fare istanza nello stato in cui vivi anche se ti sei sposato in un altro.
    • Eccezioni possono essere fatte per coppie gay che si sono sposate in uno stato diverso per motivi legali.
  2. Riempi i moduli legali.Vai al tribunale e chiedi i documenti che dovrai compilare. In alternativa puoi scaricarli da internet.
    • Nella maggior parte dei casi compilerai anche un documento nel quale dai alla corte notizie sulla tua famiglia e direttive che vorresti fossero intraprese al riguardo. Fatti aiutare dall'avvocato per riempire tutti i moduli.
    • Fai una citazione contenente restrizioni standard su beni e debiti che andranno gestiti durante il procedimento.
    • Rilascia una dichiarazione di proprietà che specifica come debba essere divisa.
    • Compila i documenti per la custodia del figli e per i giorni di visita se sono minorenni.
  3. Fai controllare tutto dall'avvocato. Anche se pensi di avere la situazione sotto controllo, ci sono delle probabilità che tu ti sia dimenticato qualcosa. Per far sì che tutto il procedimento di divorzio fili in modo corretto, è importante che i documenti siano compilati correttamente e con informazioni giuste, ecco perché serve un avvocato. Per ulteriori informazioni su come procedere dopo, vai a Come chiedere il divorzio.

Consigli

  • Se vuoi procedere senza l'aiuto di un avvocato, assicurati di avere chiaro tutto quanto e di essere pronto a difendere bene e diritti di custodia davanti alla corte.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.