Come Intagliare la Pietra

Intagliare la pietra è un modo per scolpire. La pietra è diversa da altri materiali poiché è difficile modellarla in modo perfetto, data la sua densità e imprevedibilità. Scolpire la pietra richiede pazienza e pianificazione. Ecco delle linee guida da seguire per comprenderne il processo.

Scegliere la Pietra Adatta

  1. Scegli la steatite (roccia saponaria), se sei un principiante, e pochi strumenti per l'intaglio. La consistenza di questo materiale è simile a quella di un panetto di sapone secco ed è molto malleabile. Si può modellare senza troppo sforzo.
    • La saponaria è tanto morbida che la puoi incidere con delle pietre più dure che trovi anche nel tuo giardino, perfino le unghie sono sufficienti. Esiste in molti colori come il grigio, verde e nero. Usa la steatite se vuoi creare una piccola scultura che non si danneggerà tanto facilmente se la graffi o la urti accidentalmente.
    • Puoi trovarla presso un marmista, una cava di estrazione o un negozio di articoli di belle arti.
    • In alternativa, puoi cercarla dai grossisti specializzati in materiale edile. Tuttavia, in tal caso, le pietre sono appunto destinate alla costruzione (ad esempio per i ripiani della cucina) e sono più dure da lavorare rispetto a quelle che vengono vendute per scopo artistico.
    • Sappi che alcune saponarie contengono amianto che causa il cancro ai polmoni, mesotelioma e asbestosi se inalato.
  2. Se desideri un buon compromesso fra resistenza e malleabilità, l'alabastro è la soluzione migliore. È una pietra disponibile in molti colori diversi e la puoi trovare presso molti rivenditori.
    • Questo materiale è il più adatto se desideri una scultura resistente e colorata. Puoi acquistare delle pietre bianche, grigie, beige, gialle, rosse e trasparenti.
    • Sebbene l'alabastro sia più duro della saponaria, si incide però senza troppo sforzo. È l'ideale per gli scultori novelli perché mantiene la forma conferita senza bisogno di strumenti specifici e fatica.
    • Un'alternativa all'alabastro è il calcare; questo si lavora facilmente ma i colori disponibili sono pochi (solitamente solo alcune sfumature di grigio). Inoltre il calcare diventa difficile da incidere, se il pezzo scelto non è adatto. È un materiale più duro dell'alabastro e si lucida meno.
  3. Evita le pietre molto dure come il granito e il marmo. Per intagliare questi materiali servono degli strumenti speciali come la fresatrice elettrica e il martello pneumatico.
    • Il granito e il marmo sono scolpiti in grandi quantità perché sono i materiali migliori per le statue e altri oggetti di notevoli dimensioni che devono essere anche resistenti.
    • Lavorare su grossi macigni di pietra dura richiede uno sforzo notevole. Anche gli intagliatori più esperti passano fino a 80 ore su un pezzo relativamente semplice.
  4. Scegli un masso che sia molto più grande della scultura che vuoi realizzare. L'intaglio è un processo per sottrazione. Diversamente dalla pittura (dove si aggiunge il colore per dare forma all'immagine), la scultura toglie materiale per far emergere l'opera d'arte.
    • Limitati a un progetto che puoi finire relativamente in poco tempo. Questo consiglio è particolarmente importante se lavori a mano, scolpisci per la prima volta e non sei sicuro se questo hobby ti piacerà.
    • Per iniziare si consiglia un blocco da 7,5-12,5 kg. I pezzi più piccoli di 7,5 kg si rompono quando vengono intagliati con scalpello e martello. Quelli più grandi richiedono molto tempo per essere lavorati secondo la forma che desideri.
    • Se hai deciso di lavorare la saponaria per creare un ciondolo a forma di cuore, allora devi prendere un pezzo ben più piccolo rispetto a quello di 7,5 kg. Ricorda solo che, con molta probabilità, dovrai usare degli strumenti meno precisi, come pietre più dure o delle lime per modellarlo. Inoltre non avrai tante possibilità di correggere gli errori accidentali.
  5. Ispeziona il blocco per cercare la presenza di crepe e fessurazioni. Poiché lavori con materiali naturali, non è raro trovare dei difetti strutturali. Procurati un blocco con poche imperfezioni per ridurre il rischio di rotture durante l'intaglio.
    • Le fessure e le crepe sono facili da identificare quando la pietra è bagnata. Spruzzala con dell'acqua usando una bottiglia spray. Se trovi delle imperfezioni, seguine il percorso per capire dove finiscono. Se si tratta di una crepa che attraversa tutto il pezzo, allora il rischio di rottura è molto alto.
    • Picchietta i massi più grossi con un martello o con il manico dello scalpello. Se la pietra emette un suono "squillante" ci sono molte probabilità che il materiale sia solido nel punto in cui l'hai colpito; se invece percepisci un rumore "sordo", allora potrebbe esserci una frattura che assorbe l'energia del colpo inferto.
    • Chiedi a uno scultore esperto o al commesso di aiutarti a trovare una buona pietra da lavorare. Se sei un principiante e non sei in grado di valutarne l'integrità, rivolgiti a un negozio di articoli di belle arti e non a uno di materiali edili.

Procurarsi gli Strumenti Necessari

  1. Quando intagli, proteggiti sempre la bocca con una mascherina. Anche se lavori piccole pietre, ricordati che possono contenere amianto e silice, entrambi materiali pericolosi, se vengono inalati.
    • Per limitare la quantità di polvere prodotta, bagna la roccia prima di intagliarla. Inoltre cerca di lavorare all'aperto (in giardino o sotto un porticato). Se devi intagliare dei blocchi grandi (ad esempio da 12-13 kg), posiziona un ventilatore che soffi la polvere lontano da te.
    • Alcuni intagliatori professionisti suggeriscono di indossare un respiratore quando il pezzo da lavorare è molto grande. Tuttavia questa misura di sicurezza si prende soprattutto quando si utilizzano strumenti elettrici.
    • Puoi trovare la mascherina anti-polvere nelle ferramenta e nei negozi di bricolage. Accertati che abbia due elastici e una barretta di metallo pieghevole per assicurare la massima aderenza a livello del naso. Le mascherine economiche che si vendono al supermercato non sono sufficienti per i lavori d'intaglio su grossi massi.
    • Puoi anche comprare dei respiratori presso i negozi di "fai da te". Sono una soluzione alternativa decisamente più sicura e il loro costo si aggira intorno ai 50€.
  2. Indossa degli occhiali di protezione. Se porti degli occhiali da vista, sovrapponi una maschera antinfortunistica.
    • Quando usi martello e scalpello c'è un'elevata possibilità che piccoli frammenti di pietra schizzino direttamente negli occhi. Sebbene non sia un rischio potenzialmente letale come l'inalazione delle polveri, si tratta comunque di un incidente molto doloroso. Inoltre potrebbe interferire con la vista rendendo il lavoro di intaglio meno accurato.
    • Se stai intagliando una piccola pietra, puoi limitarti agli occhiali di protezione invece che usare una maschera. Non saranno molto semplici da adattare sopra gli occhiali da vista, ma non si appannano tanto quanto la maschera.
    • Con il tempo, le protezioni per gli occhi si graffiano e possono offuscare la visione. Tienine sempre un paio di scorta per sostituirli quando i graffi sono piuttosto limitanti. Puoi acquistare questi occhiali nei negozi di ferramenta.
  3. Valuta l'ipotesi di indossare dei guanti quando intagli pietre di grosse dimensioni. La pietra è abrasiva e non sono rare le vesciche, i tagli o i graffi sulla pelle.
    • Man mano che acquisisci esperienza, avrai più calli sulle mani e i guanti saranno meno indispensabili. Tuttavia è sempre meglio prevenire che curare. Un buon paio di guanti da lavoro ti protegge da tagli accidentali causati dagli strumenti di lavoro.
    • Non devi procurarti dei guanti particolari se prevedi di intagliare pietre di piccole-medie dimensioni. Finché non userai degli strumenti elettrici per lunghi periodi, un buon paio di guanti da giardinaggio è tutto quello che ti serve.
  4. Acquista un martello, degli scalpelli e delle lime. I rivenditori online, come Amazon, propongono dei kit per scultori principianti che partono da 30€. In alternativa recati nel negozio di articoli di belle arti oppure in un negozio per l'artigianato dove potrai trovare molti strumenti diversi.
    • Se lavori delle pietre morbide come la steatite, questi attrezzi non sono necessari, tuttavia garantiscono un lavoro più rapido e preciso.
    • Per gli scultori novelli, si consiglia un martello morbido con un peso di 750 g o 1 kg. Controlla che abbia due superfici piane. Diversamente da quelli che si usano per i chiodi, i martelli da scultore hanno superfici più ampie per poter colpire ripetutamente lo scalpello con maggior facilità. Se non sei molto alto, usa un martello più leggero così lo maneggerai meglio. Se sei una persona alta, puoi usare uno strumento più pesante che ti garantisce un lavoro più rapido, poiché toglierai una quantità di pietra maggiore a ogni colpo.
    • L'attrezzo fondamentale è lo scalpello. Quelli più semplici sono composti da un'estremità in metallo con due superfici. Quello dentellato possiede diverse punte che lo fanno assomigliare a una piccola forchetta. Quest'ultimo è facoltativo, ma si rivela molto prezioso nei lavori di rifinitura.
    • La forma finale si ottiene grazie alle lime. Puoi scegliere di acquistarne diverse, ma è necessario che la loro dimensione sia adatta a quella della scultura che vuoi realizzare. Se hai deciso d'intagliare una grande statua hai bisogno di lime grandi. In ogni caso comprane alcune piccole per definire i dettagli.
  5. Se vuoi scolpire un masso grande, procurati dei sacchi di sabbia su cui appoggiarlo mentre lavori.
    • Riempi il sacco con della sabbia economica, a grana grossa, come quella che si usa per la lettiera del gatto. La sabbia vera e propria è troppo pesante e si stabilizza troppo per garantire il necessario supporto alla pietra.
    • Assicurati che si tratti di sabbia per lettiere piuttosto grossolana. Quella più costosa ha la tendenza a raggrumarsi proprio come la sabbia della spiaggia, mentre quella economica è più leggera e sostiene la pietra in molte posizioni differenti.
    • Chiudi i sacchi con dello spago ricordandoti di non riempirli eccessivamente, in questo modo la pietra può schiacciarli e appoggiarsi comodamente.

Intagliare la Pietra

  1. Fai uno schizzo della tua opera su un foglio di carta. È sempre opportuno visualizzare il progetto finito prima di iniziare il lavoro, poiché la scultura richiede la capacità di valutare lo spazio in maniera astratta. Anche se il disegno è una rappresentazione bidimensionale del tuo lavoro, ti aiuterà a visualizzare meglio la scultura tridimensionale.
    • In alternativa, puoi "abbozzare" la statua con dell'argilla per creare un modellino. In questo modo puoi aggiungere e togliere la creta finché ottieni la forma che desideri. Questo procedimento non solo ti aiuta a sviluppare il tuo progetto, ma ti impedisce di eliminare della pietra che invece sarebbe stato più opportuno lasciare.
    • Gli scultori principianti dovrebbero iniziare con delle forme astratte ed evitare immagini molto dettagliate, come il corpo umano. Imparare a usare gli strumenti mentre si tenta di realizzare una figura precisa e simmetrica è un processo alquanto frustrante e impegnativo.
  2. Controlla la pietra per valutare la direzione delle venature. Proprio come il legno, anche la pietra ha delle venature che indicano la direzione in cui si è sviluppata.
    • La roccia bagnata permette di visualizzare meglio queste linee che appaiono come degli schemi colorati distintivi. Intagliare seguendo queste venature garantisce l'integrità strutturale del progetto.
    • Fai in modo che la lunghezza della scultura si sviluppi secondo le venature. Evita di spezzarle in direzione perpendicolare perché si tratta di un'operazione più difficile che porta a risultati imprevedibili.
  3. Con un pastello a cera traccia le linee di taglio direttamente sulla pietra. Questo è il modello che devi seguire per intagliarla.
    • Puoi usare anche una matita o un pennarello, ma la grafite tende a svanire molto in fretta mentre l'inchiostro potrebbe macchiare la pietra in maniera indelebile. I pastelli a cera possono essere rimossi senza sforzo quando necessario, inoltre sono disponibili in molti colori che ti aiutano a delimitare alcune aree della scultura man mano che questa prende forma.
    • Accertati di tracciare le linee della scultura su tutti i lati della pietra. Rispetta le proporzioni in altezza e larghezza, ricorda che si tratta di un'opera d'arte tridimensionale che deve essere intagliata in modo uniforme.
  4. Afferra il martello con la mano dominante e con l'altra tieni lo scalpello. Se sei destrimane, il martello andrà nella mano destra.
    • Impugna il cesello nella sua parte mediana, come se tenessi un microfono. Sposta il pollice sul lato dove si trovano le altre 4 dita. Questa presa ti sembrerà innaturale all'inizio ma metterà al riparo il pollice da colpi maldestri.
    • Tieni lo scalpello in modo deciso, senza che perda mai il contatto con la pietra. Se lo fai rimbalzare o lo muovi nella mano, i colpi saranno poco precisi e la pietra si romperà in modo casuale.
    • Se stai intagliando lungo un bordo, usa uno scalpello piatto invece di uno dentellato. Se appoggi solo uno dei denti del cesello sulla roccia puoi causarne la rottura rendendo lo strumento inutilizzabile, oltre a generare un potenziale rischio di infortunio.
    • Mantieni la lama dello scalpello a un angolo di 45° o inferiore. Se colpisci la pietra frontalmente generi quello che viene chiamato "livido della pietra". In pratica il colpo sbianca la zona che rifletterà molta più luce e diventerà un'imperfezione della tua opera d'arte.
  5. Colpisci l'estremità dello scalpello con il martello. Se stai rispettando la giusta inclinazione, si staccheranno schegge di roccia.
    • Se la lama si incastra nella pietra senza staccarne alcun frammento, allora l'angolazione è eccessiva. Cambia posizione riducendo l'angolo della lama sulla superficie e valuta di intagliare secondo una direzione diversa. Un angolo eccessivo causa i "lividi" sopra descritti.
    • D'altro canto, se lo scalpello forma un angolo ridotto, scivolerà sulla superficie della pietra senza rimuoverne alcun pezzo. Si tratta di un evento molto comune quando si intagliano rocce dure e lisce. Per evitare che accada, aumenta l'inclinazione o utilizza un cesello dentellato.
  6. Se la pietra è instabile, appoggiala sui sacchi di sabbia. Quando lavori delle pietre piccole, non è facile trovare una posizione sicura e i tentativi di tenerla ferma con le mani ti sfiniscono.
    • Se la pietra si muove, anche solo di poco, allora stai sprecando energie, perché la forza con cui colpisci non viene interamente utilizzata per eliminare pezzi di materiale ma si dissipa con il movimento del masso. Evita questo problema utilizzando i sacchi di sabbia.
    • Intaglia in posizione eretta invece che seduta. Così puoi inclinare lo scalpello verso il basso e massimizzare l'effetto del colpo di martello, oltre che ridurre il movimento della roccia. Non è tanto raro dover correggere la posizione del masso ogni pochi minuti.
    • Se ti accorgi che la pietra si muove, appoggiati di peso contro di essa. Assicurati solo che la direzione dello scalpello sia lontano dal tuo corpo.
    • Se stai lavorando su un tavolo pieghevole, appoggia il sacco di sabbia e la pietra direttamente sopra le sue gambe. Queste sono le zone più robuste del piano di appoggio e l'energia dei colpi si trasferirà tutta sul materiale invece di essere assorbita dall'elasticità del tavolo.
  7. Cesella verso il centro del masso e non verso i bordi. In questi punti il materiale è più sottile, con un minor supporto e può spezzarsi in modo incontrollato.
    • Se intagli verso i bordi potresti staccare dei pezzi di pietra che, invece, dovrebbero restare. Previeni questo problema dirigendo lo scalpello verso il centro del masso oppure segui la lunghezza del bordo anziché lavorarlo in modo perpendicolare.
    • Se non c'è un modo per evitare di incidere la pietra verso i bordi, applica dei colpi delicati e lenti. Sebbene sia disponibile una speciale colla per le "riparazioni", queste saranno comunque visibili a lavoro ultimato.
  8. Intaglia seguendo la direzione delle crepe e non perpendicolarmente a esse. Ricorda che anche il masso migliore potrebbe avere delle micro-fessurazioni sulla superficie. Per ridurre al minimo la quantità di materiale perso, lavora sempre seguendo la direzione delle imperfezioni.
    • Appoggia il cesello lungo le fessure e non perpendicolarmente a esse. Ogni crepa, a prescindere dalle dimensioni, è un punto di fragilità del materiale. Incidere in queste zone provoca delle scheggiature su tutti i lati che saranno poi difficili da limare. Quando si lavorano pietre morbide si tratta di un problema significativo.
    • Per evitare le scheggiature, usa le lime quando sei in procinto di terminare la scultura. Il cesello mette sotto stress il materiale rispetto alle lime e rende le fessurazioni ancora più visibili. Limare lungo le crepe ti aiuta a lisciarle e a mascherarle meglio.

Rifinire il Lavoro

  1. Lima la pietra solo spingendo lo strumento lontano da te. La lima è l'attrezzo ideale per gli ultimi dettagli, per lisciare i segni dello scalpello e per gli ultimi ritocchi.
    • La maggior parte delle lime da scultore ha una dentellatura unidirezionale, cioè taglia solo lungo una direzione. Il modo corretto di usarla è quello di spingerla lontano dal corpo invece del classico movimento "avanti e indietro".
    • Smerigliare la pietra con un movimento tradizionale potrebbe essere efficace, ma rischieresti di usurare la lima troppo in fretta. Invece, riporta lo strumento alla posizione iniziale e spingi. Questa tecnica garantisce anche il vantaggio di vedere come cambia la superficie a ogni colpo.
    • Le lime in genere sono in acciaio, anche se quelle professionali sono spesso diamantate o in carburo di silicio (queste sono molto più costose). Per le pietre morbide sono sufficienti quelle in acciaio.
  2. Incolla i pezzi di pietra che si sono staccati accidentalmente con la colla epossidica. Si tratta di un prodotto specifico, per lo più bicomponente, che devi miscelare prima dell'uso.
    • Si ricorre a questo procedimento quando si lavora con grossi blocchi di pietra e quando il materiale perso compromette in maniera significativa il risultato finale (ad esempio perdi una porzione di "braccio" della statua).
    • Quando si intagliano le piccole pietre, solitamente si riconsidera la scultura cercando di rimodellarla senza il pezzo mancante. Ad esempio, se stavi cercando di intagliare un cuore, puoi trasformarlo in una freccia.
  3. Smeriglia il lavoro finito con carta vetrata a grana 220. Rimuovi i graffi delle lime e i segni del cesello per conferire alla scultura un aspetto professionale e curato. .
    • Il numero della "grana" della carta vetrata fa riferimento al numero di particelle abrasive presenti per centimetro quadrato. Più è alto questo valore e più liscia sarà la superficie smerigliata. Per carteggiare le pietre morbide evita quella a grana 80 o con un valore inferiore, altrimenti danneggerai la tua scultura.
    • Si consiglia di smerigliare sempre a bagnato. Utilizza una carta specifica ad acqua invece di quella tradizionale, per evitare che si sfaldi a contatto con il liquido.
    • Se smerigli a secco puoi vedere le fessure e i segni da lisciare. Tuttavia produci molta polvere e diventa indispensabile l'uso di un respiratore. Per evitare spese eccessive e non produrre polveri pericolose, smeriglia a bagnato e aspetta che la scultura si asciughi ogni volta per valutare il risultato. Ricorda i punti in cui hai notato delle imperfezioni e continua a carteggiare. Si tratta di una tecnica che richiede pazienza ma ti permette di risparmiare e di rimanere al sicuro.

Consigli

  • Devi usare mazzuole di piccole dimensioni man mano che gli scalpelli diventano più piccoli e precisi.
  • Puoi fabbricare i sacchi di sabbia tu stesso tagliando dei vecchi jeans e ricucendoli dopo averli riempiti di sabbia.

Avvertenze

  • Non intagliare la pietra senza indossare degli occhiali protettivi, una maschera anti-polvere, guanti di cuoio e tappi per le orecchie.
  • Fai attenzione alle venature della roccia. Se ceselli contro la venatura, la pietra si romperà a casaccio.
  • Non cercare di sollevare pietre pesanti senza l'aiuto di un'altra persona o di un apposito macchinario.

Cose che ti Serviranno

  • Pietra
  • Kit da scultura (con mazzuole e scalpelli)
  • Sacchi di sabbia
  • Matita/Pastelli
  • Sega circolare
  • Carta abrasiva di varie grane
  • Occhiali di protezione
  • Maschera anti-polvere
  • Guanti di cuoio
  • Tappi per le orecchie
  • Carta abrasiva in carburo di silicio
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.