Come Piacere alla Gente

Non possiamo piacere a tutti, ma a volte è importante diventare piacevoli per il bene della nostra vita sociale o professionale. Ed è possibile. Sintonizzati con il maestro di jujitsu che c'è in te e impara a risultare gradevole a tutti, o quasi. Farti apprezzare dagli altri non è difficile: innanzitutto, basta dimostrare un certo interesse nei confronti delle loro vite e interessi.

Coltivare un Linguaggio del Corpo Piacevole

  1. Sorridi. Il modo più semplice in assoluto per piacere agli altri è sorridere genuinamente. Tutti vogliono circondarsi di gente divertente e allegra, perché questo atteggiamento è contagioso: basta la presenza della persona giusta per sentirsi bene. Sorridere è il primo indicatore (e il più ovvio) per dimostrare di essere una persona da frequentare con piacere. Sorridi e conquisterai tutti.
    • Ricorda: se ti comporti in maniera solare, probabilmente ti sentirai anche più felice. Non sorridere forzatamente, gli altri se ne accorgerebbero, ma devi sapere che a volte fingere un sorriso può ingannare la tua stessa mente a rasserenarsi in un momento no.
  2. Guarda gli altri negli occhi, ma senza esagerare. Questo suggerimento, in teoria, dovrebbe venirti spontaneo. Il contatto visivo è una delle forme di comunicazione più immediate per dimostrare a qualcuno che gli presti attenzione. Quando sei davanti alla TV, guardi lo schermo, vero? Quindi, quando parli con qualcuno, non dovresti fare lo stesso?
    • Un contatto visivo poco frequente può essere considerato scortese. Cosa starai mai guardando? Cosa ti sta distraendo? Guardi altrove perché la conversazione non è abbastanza interessante da mantenere viva la tua attenzione? Se hai notato di avere questo problema, devi innanzitutto esserne consapevole. Poi, tutto quello che devi fare è cambiare.
    • Esagerare con il contatto visivo può mettere a disagio gli altri. Immagina di essere fissato insistentemente da una persona che non sbatte nemmeno le palpebre. Se sei consapevole di avere questo problema e temi di risultare fastidioso, sforzati di muoverti ogni tanto. Quando parli con qualcuno, probabilmente a un certo punto gesticoli, mangi qualcosa o fai un'altra azione, distogliendo naturalmente lo sguardo. Tuttavia, questi movimenti devono essere quasi istantanei.
  3. Inclina la testa verso il tuo interlocutore. Perché? La spiegazione scientifica che sta dietro a questa mossa è di natura evolutiva: questo movimento espone la carotide, dicendo all'altra persona che non hai cattive intenzioni . Nella profondità della mente umana, permette di capire che non costituisci una minaccia e che si può procedere tranquillamente con lo scambio.
    • Inclinare la testa previene anche una postura sul chi va là. È una posizione più accomodante e dall'aria empatica, e dice al tuo interlocutore che sei concentrato su di lui. Nella maniera più assoluta, tutti adorano essere presi in considerazione. Dunque, quando non sai bene che posizione assumere, piega la testa. È veramente una mossa vincente.
  4. Alza velocemente le sopracciglia. È uno di quei segnali non verbali di cui molti non siamo consapevoli, quindi magari lo stai usando già senza saperlo. È un gesto diffuso per dimostrare cordialità (e, anche in questo caso, che non sei una minaccia). Ti basta sollevare rapidamente e leggermente le sopracciglia, è sufficiente farlo per un secondo. Generalmente, viene fatto quando ci si avvicina a una persona, e può essere notato anche a una certa distanza .
    • Combina questo movimento con un sorriso e hai le carte in regola per risultare simpatico e accessibile. In ogni caso, solleva le sopracciglia all'inizio di una conversazione: non devi farlo a intervalli casuali, come succede invece quando pieghi la testa.
  5. Imita la posizione del tuo interlocutore. Se ti ritrovi nella stessa posizione di un'altra persona, è più probabile che seguiate un filo dei pensieri simile . Probabilmente, lo fai più spesso di quello che pensi quando sei insieme ad altra gente. La buona notizia è che puoi usarlo a tuo vantaggio. Ci piacciono le persone che ci somigliano, e poi questa mossa è molto semplice da implementare.
    • Se mentre parli con una persona questa assume una posizione simile alla tua, probabilmente avrai la sensazione che siate sulla stessa lunghezza d'onda, e quindi può capirti e relazionarsi a te (che è il tuo obiettivo). Fallo durante una conversazione, ma non attirare l'attenzione su questa mossa: se è decisamente palese, sembrerà forzata e innaturale.
  6. Non asserire il tuo dominio. Probabilmente, in giro hai letto di alzare le spalle, tirare in su il mento e avere sempre una stretta di mano decisa. Se da un lato sono sicuramente ottime idee per relazionarti meglio alla gente e hanno senso, in alcune situazioni non è il caso di risultare troppo sicuro di te. Certo, sono indicatori della tua autostima e vanno mantenuti intatti, ma aggiungi anche dei segnali per dimostrare chiaramente che rispetti l'altra persona e siete sullo stesso piano.
    • Qualunque persona tu incontri, dimostrare un pizzico di rispetto non farà male. Quando ti ritrovi di fronte a qualcuno e sei sul punto di stringergli la mano, fai un passo indietro e inclinati leggermente (accennando un inchino). Piega la testa, cerca di avere un linguaggio del corpo aperto (ovvero, non incrociare sempre le braccia e le gambe) e inclinati su un lato. Dimostrare di essere rilassato e interessato al tuo interlocutore gli farà capire che lo apprezzi, indipendentemente dalla conversazione.

Piacere a una Persona

  1. Chiedi al tuo interlocutore di parlare di sé. Dimostragli interesse. Le conversazioni migliori sono quelle in cui una persona si mostra sinceramente interessata a quello che ha da dire l'altra. Se mentre sei nel bel mezzo di un dialogo ti rendi conto che decanti in continuazione le tue lodi, fermati subito. Chiedi un'opinione alla persona davanti a te. Le conversazioni sono bilaterali, non sono monologhi.
    • Sempre meglio pensare sul serio quello che dici. La gente lo capisce subito quando di fronte ha una persona falsa. Mostrare contro voglia il tuo interesse a persone che in effetti non ti stanno a cuore solo per guadagnarci in popolarità non funziona a lungo andare. Diventa dunque quel tipo di persona che nutre un vero interessamento verso gli altri. Se un certo argomento ti risulta particolarmente difficile da seguire, porta la conversazione in una direzione diversa.
  2. Chiedi un favore. Se non hai familiarità con questa tecnica, nota con l'espressione “Effetto Benjamin Franklin”, può sembrare piuttosto strana di primo acchito. Sostanzialmente, chiedi un piacere a qualcuno, questa persona te lo fa, la ringrazi, e finisci per starle più simpatico di prima. Intuitivamente, è la persona che riceve il favore ad accrescere la propria stima per chi l'ha aiutata, ma in realtà non è così. Quindi, non appena senti l'esigenza di prendere in prestito qualcosa, non esitare a chiedere.
    • L'idea alla base di questa tecnica? A tutti piace sentirsi utili, e tutti preferiscono che qualcuno sia in debito con loro, non viceversa. Grazie a te, questa persona inizia a sentire di avere un certo potere e un certo obiettivo, quindi ti apprezzerà di più . Non farlo sempre, però: se non fai che chiedere favori, diventi inopportuno.
  3. Cerca di scoprire cosa interessa all'altra persona. Se conosci i suoi hobby e le sue passioni, chiedi pure. Solitamente, questi argomenti la spingono a parlare senza sosta, e tu non sarai al centro dell'attenzione. Continuerà a raccontarti di quello che adora, e avrà la sensazione che la vostra conversazione sia fantastica, quando in realtà tu non fai altro che annuire perché non riesci a dire una parola neanche per sbaglio. E se poi ricordi un aneddoto che ha menzionato tra una cosa e l'altra, verrà doppiamente colpita.
    • Approfitta di ogni opportunità che ti si presenta per usare il suo nome. La gente adora veramente tanto sentirselo dire. Parafrasando Dale Carnegie, per le persone è il suono più dolce che ci sia . Le fa sentire riconosciute, e di conseguenza rassicurate e serene. Se riesci a infilare il nome del tuo interlocuore tra una frase e l'altra, fallo.
  4. Mostra empatia. Niente di più diretto e logico, vero? Tuttavia, curiosamente, per quanto gli esseri umani ne siano a conoscenza (chi più chi meno), è molto più facile evitarlo. Siamo talmente presi da noi stessi e dalle nostre vite che non aspettiamo altro di intervenire durante una conversazione. Per migliorare la tua piacevolezza, sposta i riflettori sul tuo interlocutore. Concentrati per imparare a capirlo.
    • Basta ripetere quello che ha detto per raggiungere questo obiettivo. Presumiamo che una persona ti stia raccontando un suo problema recente. La tua risposta automatica è: “Capisco come ti senti”. È una frase piuttosto innocua ed empatica, vero? Non proprio. In realtà, quello che hai fatto è spostare il centro dell'attenzione su di te e sulla tua vita. E, come se questo non bastasse, l'altra persona probabilmente penserà: “No, non mi capisci”. Invece, opta per un intervento meno stereotipato (e quindi più significativo, anche se in ultima istanza egocentrico), come “Ah, e quindi ti senti così, così e così”. Ripetendo semplicemente quello che ha detto, gli dai l'impressione di averlo ascoltato attentamente, ed effettivamente lo farai sentire meglio.
  5. Fai complimenti alle persone. Anche questo passaggio sembrerà piuttosto ovvio. Purtroppo, però, congratularti con la gente a volte è strano (molti non sanno come accettare i complimenti!), e può dare l'impressione che tu abbia doppi fini (come portarti a letto qualcuno). Tanto per iniziare, allontana i riflettori da te stesso. Tutti adorano ricevere complimenti. Beh, almeno, quelli sentiti e fatti al momento giusto.
    • Assicurati che il complimento abbia uno scopo e sia appropriato. Se una persona ha avuto chiaramente una nottataccia e sulla pelle le sono rimaste le tracce di sporco di un sordido bagno pubblico, non dirle che sta benissimo. I complimenti devono essere onesti al fine di essere apprezzati e presi sul serio.
    • Dire a un ragazzo che ti piace la sua cravatta va benissimo, ma cosa dovrebbe risponderti? “Grazie, l'hanno fatta dei bambini in una fabbrica lontana e io non ho nulla a che vedere con lo sfruttamento minorile”? Certo, probabilmente non ti dirà niente del genere, ma ci siamo capiti. Congratulati invece per la stupenda presentazione su PowerPoint, il suo senso dell'umorismo, un qualcosa che per lui abbia importanza e su cui ha effettivamente lavorato. Apprezzerà il tuo riconoscimento.
  6. Reagisci bene nelle situazioni imbarazzanti. Quando compiamo cinque o sei anni, iniziamo a renderci conto che la società ci osserva 24 ore su 24, e certi comportamenti sono considerati sbagliati e messi sotto scrutinio. Dal momento che gli esseri umani non sopportano le critiche, le evitano come la peste. Purtroppo, questi istanti imbarazzanti ci capitano a tutti, quindi, quando vediamo che succedono a qualcun altro, avvertiamo il loro disagio. E apprezziamo maggiormente quella persona che si trova in una situazione del genere .
    • Per esempio, quando vedi una persona con i pantaloni abbassati, entrambi avete una reazione automatica ben precisa. Questo individuo probabilmente si fa una risata (si spera), arrossisce un po', magari fa una battuta, scuote la testa, si prende in giro e cerca di andare avanti con un briciolo di dignità. Cosa ha fatto? Ha dimostrato di essere umano. È stato “accusato” di qualcosa e lo ha riconosciuto con il suo comportamento. È una risposta gradevole. È una persona reale.
      • Presumiamo che si ripeta la stessa situazione (pover'uomo), ma questa volta la sua espressione è imperturbabile. Si rialza i pantaloni, annuisce bruscamente e va via. Senza nemmeno un sorriso. Il suo comportamento dimostra che non ha accettato il proprio imbarazzo, e di conseguenza è impossibile relazionarsi a questa persona, provare empatia nei suoi confronti o trovarla simpatica. Non è assolutamente gradevole.
  7. Tocca il tuo interlocutore. In linea di massima, devi toccare le persone con cui vuoi sentire una connessione. Ovviamente, ogni relazione è a se stante, quindi esistono diversi tipi di contatti fisici validi. In generale, però, è utile per instaurare un legame . Basta anche farlo leggermente.
    • Immagina di salutare bruscamente una persona dicendole “Ciao” e passandole davanti. Il saluto è stato istantaneo, come se non avessi tempo da dedicarle. Ora, immagina la stessa scena: le passi davanti velocemente e la saluti, solo che questa volta le tocchi delicatamente la spalla. Vedi? Basta poco per instaurare il contatto fisico. La colpirai e ti prenderà in simpatia.
  8. Fai sentire bene gli altri. Cosa vorrà mai dire? L'argomento principale di questo articolo effettivamente è imparare a far stare bene la gente. Ed è il modo in cui lo fai che può cambiare. Ogni persona è un mondo a se stante, ma tutti condividiamo certe caratteristiche. Tutti vogliamo attenzioni, essere felici, sentirci apprezzati e utili. Quando qualcuno ci concede queste cose, lo apprezziamo.
    • Meglio usare una serie di tattiche per riuscirci. Non basta fare complimenti, chiedere favori o sorridere. Devi usare tutte queste strategie. Mantenendo i riflettori puntati sul tuo interlocutore, preparati all'azione: fagli domande (per dimostrargli attenzione), congratulati con lui (per innalzare la sua autostima), chiedigli un consiglio (per farlo sentire saggio e utile) e mostragli empatia (per fargli capire che qualcuno si prende cura di lui). Quando una persona sta bene con se stessa, starà bene anche con te.

Piacere al Mondo

  1. Frequenta persone che migliorino la tua immagine. Purtroppo, tutti gli esseri umani sono in cerca di indizi rapidi per affrettarsi nei giudizi sulle persone che incontrano. No, questo non è affatto giusto, eppure tutti lo facciamo, perché è facile e relativamente innocuo. Osserviamo una situazione per un istante e la valutiamo automaticamente per quello che appare a livello superficiale. Se una cosa non ci piace, la demoliamo. Quindi, quando vieni giudicato, devi sapere che questa valutazione non si basa solo su di te, ma anche su quello che ti circonda.
    • In altre parole, vieni giudicato anche per le persone che ti circondano. Se i tuoi amici rientrano evidentemente in una certa categoria, e tu invece no, rischi di essere considerato nello stesso modo, indipendentemente da tutto. Questo è particolarmente vero su Facebook: più attraenti sono i tuoi amici, più attraente risulti tu . Sembra assurdo, ma è la verità.
  2. Vestiti per fare colpo. Conosci quel detto che recita “Vestiti per il lavoro che vuoi, non per il lavoro che hai?”. Basati proprio su questo. Vestiti a seconda dell'immagine che vuoi trasmettere agli altri, non in base a come ti senti o a quello che sei. Le persone vengono ingannate facilmente dall'abbigliamento degli altri. Insomma, in questo caso possiamo dire che “L'abito fa il monaco”. Insomma, avrai capito cosa stiamo cercando di dirti.
    • Secondo uno studio recente, portare vestiti e accessori di marca tende a innalzare lo status percepito di una persona. Non conta la qualità di questi pezzi: i partecipanti hanno solo dovuto indossare grandi marche per convincere gli altri del loro elevato status sociale, e quindi della loro gradevolezza . È un altro segnale per capire che gli esseri umani saltano a conclusioni affrettate quando si trovano davanti una persona. Non è infallibile (o la cosa giusta da fare), ma è facile.
  3. Fai qualcosa per essere ricordato. Con questo suggerimento, non possiamo entrare troppo nel dettaglio, perché tutto quello che fai deve adattarsi alla tua personalità. In linea di massima, dovresti avere una caratteristica che ti renda piacevole. Ti ricorderanno, avrai un'identità concreta (o, almeno, la vedranno così) e riusciranno a farsi un'idea sul tuo conto. “Ehi! Quello è il ragazzo che ha un pappagallo! Troppo simpatico!”. Qualcosa del genere.
    • Se ti è mai capitato di lavorare nell'industria della ristorazione, probabilmente hai un aneddoto collegato a questo fenomeno. Pensa a quel cliente che ti racconta sempre una storia divertente o interessante mentre gli servi da mangiare. Dopo essere andato al ristorante un paio di volte, i camerieri fanno a gara per avere il suo tavolo. Perché? Ha qualcosa di particolare. È facile da ricordare e da distinguere, è singolare. È gradevole .
  4. Cerca di essere prevedibile. Come avrai immaginato, alle persone non piace circondarsi di mine vaganti. Quando non sanno cosa aspettarsi, iniziano a sentirsi a disagio e tese. Prova ad avere un atteggiamento rilassato, calmo e solare, anche quando qualcosa non va come volevi. Le persone che non conosci bene potrebbero perdere facilmente l'interesse di fronte a manifestazioni di nervosismo, nevrosi e insicurezza immotivata.
    • Non ti stiamo dicendo che tu debba nascondere le tue emozioni. Assolutamente no. Devi essere sincero. Se c'è qualcosa che ti abbatte, dimostralo pure. Alle persone non piace? Sarà un problema loro. Prima di iniziare a essere un libro aperto, però, scegli le tue battaglie. Vale la pena di manifestare certe emozioni? In tal caso, fallo. In caso contrario, rivaluta la tua reazione di fronte a questa situazione.
  5. Conosci il tuo “pubblico”. Ogni fascia d'età, gruppo sociale o tipologia di persona è in cerca di determinate caratteristiche in un amico o un partner. Più passano gli anni, meno vuoi che sia inquieta e melodrammatica la tua cerchia di conoscenze. Per questo, ogni individuo va più d'accordo con determinati tipi di persone. Cerca di capire chi ti trovi davanti e cosa vuole.
    • Le esperienze che si vivono alle medie e alle superiori sono diverse rispetto a quelle del mondo adulto. Quello che stiamo per dire va preso con le pinze, ma spesso a queste età le persone antipatiche ed egoiste vengono apprezzate leggermente di più. Uno studio recente ha dimostrato che la popolarità di un adolescente aumenta quando si comporta vagamente da bullo . Questo succede perché, a quell'età, gli altri ragazzi pensano che la prepotenza sia una caratteristica positiva. Infatti, non sanno come funzionano realmente le cose. Per farla breve, se sei un adulto, difficilmente potrai relazionarti con gli adolescenti, e viceversa.
  6. Cerca di avere buone abitudini di igiene personale. Nessuno vuole stare in compagnia di gente sgradevole, e i cattivi odori possono rendere spiacevole la tua presenza. Quindi, fai regolarmente la doccia o il bagno, fai lo shampoo, raditi quando è necessario, lava i denti, passa il filo interdentale, pettinati, mastica mentine o gomme rinfrescanti, taglia e pulisci le unghie, usa il deodorante, cambia i vestiti, lava le mani, ecc. Insomma, tutte cose fattibili!
    • Consideralo un investimento su te stesso. Il tempo che dedichi alla tua esteriorità (e per sentirti bene!) ti garantisce benefici in futuro. Non solo è positivo per attrarre più persone, fa bene anche alla salute.
  7. Ama te stesso. Per farla breve, se non piaci a te stesso, a chi altro piacerai? Quella negatività che covi trapelerà dalle tue azioni quotidiane, e la gente la vedrà. E poi perché non amarti? Sei fantastico, almeno quanto la gente che ti circonda.
    • Non provare a essere diverso: se lo fai, sarà evidente. Devi sapere chi sei, e adattare questi consigli alla tua personalità. Evitare di omologarti ti ripaga a lungo andare. Tutti i cambiamenti ai quali ti sottoponi senza volerlo davvero si eroderanno nel tempo, quindi è meglio essere te stesso sin dall'inizio.
  8. Avvaliti del tuo umorismo. Probabilmente ne hai uno, quindi usalo! Se riesci a far ridere una persona, sei sulla buona strada. Cerca solo di fare battute adeguate in ogni singolo contesto. Lo scopo non è quello di offendere la gente, ma farla sorridere.
    • Se non pensi di essere simpatico, non preoccuparti, non fare di tutto per sembrarlo. Probabilmente hai un senso dell'umorismo tutto tuo. Magari sei sarcastico, magari hai uno humor stravagante o incredibilmente intelligente: tutte queste tue caratteristiche possono essere rielaborate in chiave comica. Utilizza quello che hai e sfoderalo a tuo vantaggio. Può dare spunti per ridere.

Consigli

  • Mai parlare male di qualcuno, amico o nemico. Prima o poi le voci gli giungeranno, finirai per essere considerato falso, e la gente ti eviterà il più possibile perché non vorrà essere pugnalata alle spalle. Potresti perdere un amico, e precluderti l'opportunità di trovarne altri in futuro. Inoltre, attrarrai a te gente simile. Ricorda che, frequentando persone fedifraghe, ne rimarrai scottato.
  • Trascorri del tempo di qualità con i tuoi amici, ma cerca anche di stringere nuove amicizie, altrimenti rischi di isolarti.
  • L'onestà è importante. Se una volta menti a qualcuno, in futuro non ti crederà quando gli dirai qualcosa.
  • Mai dare l'idea che tu stia cercando di piacere agli altri. Potrebbe allontanare qualcuno. Inoltre, come abbiamo affermato prima, attieniti sempre a un principio fondamentale: non fingere.
  • Sii gentile. La cortesia ti permette di fare sempre bella figura.
  • Non frequentare la gente sbagliata. Stai sempre in compagnia di persone solari e che ti apprezzano.
  • Può capitare di essere presi in antipatia da qualcuno, ma questo non significa che tutti ti vedano nella stessa maniera. Non ossessionarti se succede, e prova queste tattiche con altra gente.
  • Cerca di essere naturalmente simpatico in compagnia dei tuoi amici, e ti gradiranno di più.
  • Non discutere di argomenti controversi, quali religione, politica o aborto, a meno che tu non conosca molto bene qualcuno.

Avvertenze

  • Non provare a comprare l'amicizia di qualcuno riempiendolo di regali. Lo metterebbe a disagio e lo farebbe sentire in obbligo di contraccambiare. Inoltre, gli amici di cui dovresti circondarti non sono di certo quelli che basano il rapporto su quello che puoi offrire da un punto di vista materiale.
  • Non fingere di apprezzare qualcosa, se non è così. Solitamente, questo non fa bene a un rapporto.
  • Non spettegolare e non partecipare a discussioni di gruppo incentrate su gossip particolarmente maligni. Allontanatene. Sii superiore!
  • Quando guardi negli occhi qualcuno, assicurati di farlo in maniera amichevole, come se stessi ascoltando attentamente. Evita di fissare come se fossi un cecchino sul punto di sparare.
  • Non aspettarti troppo dagli altri. Considera le diverse reazioni che potrebbe avere la gente.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.