Come Essere un CEO

Non si diventa CEO da un giorno all'altro: questa carriera si costruisce gradino per gradino sui ranghi di un'impresa e richiede una combinazione di duro lavoro, perseveranza e tratti e qualità da leader. Leggi questo articolo per conoscere il percorso per arrivare a diventarlo, e quello che devi imparare per rimanere in vetta.

La Formazione Giusta

  1. Per diventare CEO, occorre studiare. In teoria, dovresti completare la tua carriera universitaria, magari concentrando gli studi sull'area rilevante per l'industria nella quale speri di entrare. D'altro canto, non fossilizzarti, cerca di essere flessibile, giacché non è detto che dopo la laurea otterrai subito il lavoro dei tuoi sogni.
    • Molti CEO si laureano, lavorano per diversi anni come impiegati, ascendono e poi seguono un programma di studio prestigioso, come un Master. Insomma, puoi unirti alla forza lavoro della compagnia pur non avendo concluso del tutto la formazione che avevi in mente.
    • Più grande è l'azienda nella quale speri di ascendere, più importante sarà frequentare (e laurearti) una buona università. Ovviamente esistono CEO che non si sono nemmeno laureati, ma, al giorno d'oggi, la tua migliore chance è avere una buona formazione alle tue spalle, meglio se internazionale. Questo non significa che tu debba necessariamente studiare all'estero: puoi iscriverti in una buona facoltà italiana e poi richiedere il doppio titolo di laurea e partecipare ai programmi di scambio internazionali per trascorrere un semestre o un anno in un'università di un altro Paese.
  2. Interessati al mondo dell'economia. Un CEO prende delle decisioni sagge per la compagnia in base alle sue conoscenze finanziarie. Naturalmente puoi studiarle da autodidatta, ma iscriverti a una facoltà a indirizzo economico o che contenga esami di questo tipo aumenta le tue chance.
    • Entrato a far parte dell'impresa, cogli ogni opportunità offerta per migliorare le tue conoscenze finanziarie grazie ai seminari, ai corsi speciali e agli altri eventi. Un grande CEO non smette mai di imparare e di rinfrescare quello che sa già.
  3. Inizia a stabilire delle connessioni sin dall'università. Frequenta seminari sul business e fai networking a tutti gli eventi possibili. Candidati per uno stage in un posto in cui tu possa sfoggiare le tue capacità di leadership e la tua buona volontà. Se rifiutano la tua candidatura, prova in un'altra compagnia. Fai del volontariato per supportare le associazioni benefiche e partecipa agli eventi, che in genere ospitano anche persone di successo. Per farla breve, comincia ad arrampicarti sulla scala aziendale prima ancora di iniziare a lavorare.
    • Non esitare. Non è mai troppo presto per iniziare a fare l'impressione giusta sui leader aziendali e sui politici locali. Qualcuno potrebbe notarti e aiutarti ad ottenere il tuo primo vero lavoro o mettere una buona parola per te al momento giusto.
  4. Non appena ottieni un lavoro idoneo alle tue qualifiche, trattalo come se volessi possedere tutta la compagnia. Gli impiegati che portano un senso di vitalità e di serietà nella loro professione sono pochi. Incoraggia i tuoi colleghi, fai gioco di squadra e qualcuno sicuramente ti noterà. Fai il possibile, e anche di più, per dimostrare ai capi che sei veramente disposto a fare grandi cose nella tua vita professionale.
    • Fai del tuo meglio per metterti in contatto e avere un rapporto amichevole con i manager più importanti dell'impresa e con chiunque incontri nel corso della tua carriera. Osserva la loro maniera di agire e di parlare. Puoi anche chiedere a qualcuno di farti da mentore: se ti dice di no, potrai domandarlo ad un altro. Questo strumento è potente e darà una marcia in più alla tua ascesa. I dirigenti tendono ad apprezzare chi si fa avanti.
  5. Non perdere la flessibilità. L'ambizione è un tratto fondamentale, qualcuno direbbe persino vitale, per un leader. Questo significa, tra le altre cose, che dovresti essere aperto a percorrere cammini che non ti saresti mai aspettato di trovare davanti a te, dal dedicarti a varie mansioni a essere disposto a trasferirti. Se approfitti della possibilità di diventare manager in un ufficio lontano, probabilmente otterrai la promozione perché è possibile che i tuoi colleghi abbiano avuto delle riserve a proposito.
    • Se hai lavorato in una compagnia per un paio d'anni e non noti progressi, controlla regolarmente gli annunci di lavoro e candidati per una posizione che ti permetta di fare un passo avanti. Tanti CEO hanno iniziato le loro carriere come manager e vice presidenti junior in due o tre imprese prima di diventare i capi delle proprie compagnie.
    • Cerca di avere uno spirito imprenditoriale. I CEO e gli imprenditori condividono molte caratteristiche ed una persona che ha intenzione di seguire una delle due carriere può ritrovarsi a ricoprire l'altro ruolo. Se vedi un'opportunità nell'intraprendere un business da solo e ti sembra un percorso migliore verso il rango dirigenziale rispetto a quello attuale, cambia strada. Coltivare una compagnia di successo dalle basi farà la differenza sul tuo curriculum.
  6. Se puoi, diventa membro della commissione dirigenziale di una compagnia rispettabile. Ciò ti garantisce un'esperienza di valore che puoi usare per interagire con la commissione della tua compagnia una volta che sarai diventato CEO. Quasi la metà degli amministratori delegati statunitensi è stata membro di una commissione prima di rivestire questo incarico.

Essere un Grande CEO

  1. Comprendi cosa fa un amministratore delegato. Il CEO di una compagnia non ne è necessariamente il fondatore o il proprietario; in effetti, non è detto che questa figura corrisponda a quella dell'imprenditore. Non è neanche un contabile o un semplice impiegato. Il suo compito è gestire l'azienda, monitorare le decisioni finali, risolvere gli squilibri e mantenere tutto in carreggiata per aumentare il profitto di anno in anno. Un buon CEO è dunque un mix di imprenditorialità, di volontà di assumersi i rischi e di pensare in grande, è partecipativo, è lungimirante nella gestione del denaro e delle risorse umane ed è sempre disposto a scavare nei dettagli finché non sarà tutto perfetto.
  2. Fai esperienza. La maggior parte dei CEO raggiunge questa posizione dopo anni, a volte decenni, nella stessa industria o persino nella stessa compagnia. Raggiunta la cima, non dimenticare le tue radici. Usa tutto quello che sai sul tuo business per gestirlo in maniera più efficace possibile: distinguere tra regolamenti scritti e regole pratiche; avere contatti con i dipartimenti con i quali non hai più una relazione stretta; attitudine e credo tra gli impiegati di livello inferiore riguardo ai valori aziendali.
  3. Guida la compagnia in base alla tua lungimiranza. Per essere un ottimo CEO, devi esercitare il controllo sulla tua azienda modellando l'ambiente lavorativo in modo da avere una cultura distinta e palpabile. In altre parole, un grande leader sa motivare i suoi impiegati per farli sentire parte di qualcosa di speciale e significativo nella sua interezza. Il tuo comportamento e le tue azioni nei confronti della forza lavoro mettono in sinergia tutti i livelli della compagnia.
    • Chiedi ai tuoi dipendenti di dare il massimo, ma permetti loro di continuare a tentare finché non riescono - basta che sappiano svolgere il loro lavoro in maniera che il loro successo sia sempre una grande conquista. Promuovi la produttività incoraggiandoli ad assumersi dei rischi e a compiere delle scelte basate sul giudizio personale; hai sempre l'ultima parola qualora non siano adatte al tuo business.
  4. Sii preciso. Sebbene tu possa delegare molti degli incarichi quotidiani ai tuoi dipendenti, sei tu a vedere la compagnia nella sua completezza e come respira e cambia nel corso del tempo. Tenendolo presente, utilizza quello che vedi per comunicare i tuoi piani e spiegare chiaramente e apertamente le tue decisioni ai lavoratori. Se sanno qual è la tua visione dell'impresa, per loro sarà molto più facile aiutarti a realizzarla.
  5. Non perdere la connessione con i tuoi dipendenti. Mai lasciarsi andare all'illusione che il CEO viva e lavori in una torre d'avorio mentre il resto dell'impresa viene guidato dall'alto con le tue regole. Un bravo amministratore delegato è sempre presente: visita ogni dipartimento, assiste nei compiti, parla con gli impiegati e ascolta le loro opinioni. Una parte del tuo tempo va trascorsa pianificando e pensando a lungo termine, ma dovresti anche partecipare in prima persona.
    • Sii pignolo se hai bisogno di far vedere a qualcuno come preferisci che venga fatto qualcosa. Non rimproverare i dipendenti né intimarli, mostra come si fa una determinata cosa affinché imparino, spiegando le ragioni di ogni passaggio e l'azione lungo il percorso. Un grande CEO guida con l'esempio, non con le offese.
  6. La strategia della tua impresa dovrà influire in tutte le tue scelte. Una volta che diventi CEO, il tuo business è il futuro della compagnia. Devi considerare tutto quello che ti è stato illustrato finora ed essere sempre un passo avanti rispetto agli altri. Come continuare a restare in vetta? Come risolvere i problemi? Mettiti sempre in discussione e sarai il migliore!
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.