Come Curare la Scabbia

La scabbia è un'infezione della pelle piuttosto comune e persistente che provoca un intenso prurito ed è causata dagli acari che scavano sotto la pelle. Si contrae facilmente attraverso il contatto diretto con persone malate. Il prurito è causato dalla reazione allergica agli acari, alle loro feci e alle uova che questi parassiti depositano sotto la pelle. Attorno a ogni acaro presente sulla pelle, si possono formare delle vesciche e delle macchie rosse e il prurito è causato dalla reazione epidermica. La scabbia è molto contagiosa, ma puoi gestire il prurito uccidendo questi parassiti e tornare a svolgere una vita normale.

Trovare i Trattamenti

  1. Riconosci i segni della scabbia. Qualunque tipo di prurito intenso che permane per settimane o mesi può essere dovuto a questa malattia. Tra i sintomi principali puoi notare:
    • Un intenso prurito, soprattutto durante la notte.
    • Dei brufoli sottili sollevati, simili a bozzi, che appaiono sulla pelle come un'eruzione cutanea. Gli sfoghi possono formarsi su tutto il corpo o solo su alcune zone limitate. I punti più tipici in cui è possibile notarli sono i polsi, le ascelle, i gomiti, l'area tra le dita, la zona genitale, la vita e il giro vita.
    • Piccole linee sottocutanee tra i bozzi. Generalmente hanno un aspetto leggermente grigiastro e sono un po' in rilievo.
    • La forma più grave di questa malattia è la scabbia norvegese, che si presenta come delle croste spesse che si sbriciolano facilmente e molte volte hanno un aspetto grigiastro. Queste croste contengono centinaia di migliaia di acari e uova.
    • Presta particolare attenzione a questi sintomi, se sei stato in contatto con qualcuno colpito da questa infezione.
  2. Rivolgiti al medico. È importante che possa visitarti, dato che i farmaci da banco e i rimedi casalinghi non sono sufficienti a trattare completamente questo tipo di infezione.
    • Spesso al medico basta osservare gli sfoghi sulla tua pelle per poter effettuare una diagnosi. A volte può decidere di prelevare un campione di pelle grattando sotto lo strato della bolla per osservare al microscopio la presenza di acari, uova e feci.
    • Assicurati di informare il dottore se sei incinta o se soffri di qualche problema, come una grave malattia o altri gravi disturbi dermatologici.
  3. Gestisci tu stesso il prurito. Se è davvero insopportabile, puoi valutare di prendere tu stesso delle misure per lenire il disagio in attesa di recarti dal medico e di farti prescrivere farmaci più forti L'acqua fredda o una lozione a base di calamina può darti sollievo. Puoi anche prendere degli antistaminici per via orale, come l'idrossizina cloridrato (Atarax) o la difenidramina cloridrato (Benadryl o Allergan).
    • Se il disagio è davvero insostenibile, il medico potrebbe consigliarti un breve ciclo di steroidi da prendere per via orale o per uso topico.
  4. Fatti prescrivere la terapia farmacologica. Una volta diagnosticata l'infezione, il medico in genere prescrive una pomata o una lozione con il 5% di permetrina per uccidere gli acari.
    • La permetrina viene applicata sulla pelle e presenta alcuni effetti collaterali, come una sensazione pungente o di bruciore e prurito.
    • Di solito è efficace con una sola applicazione (di 8-14 ore), anche se il medico può consigliarne un'altra una settimana dopo la prima, in modo da uccidere anche gli ultimi acari nati successivamente.
    • Se un soggetto ha una grave infestazione e il sistema immunitario è particolarmente debole, il medico può prescrivere l'ivermectina, che è un trattamento orale. Di solito è un farmaco che viene somministrato nel caso della scabbia norvegese e viene preso in una dose singola. Alcuni medici possono consigliare una seconda dose a distanza di una settimana. Tra gli effetti collaterali di questa medicina puoi riscontrare febbre/brividi, mal di testa, perdita di appetito, dolore alle articolazioni ed eruzioni cutanee.
    • Al posto della permetrina, a volte, vengono somministrati altri farmaci, come il crotamitone 10%, il lindano 1% o lo zolfo 6%. Si tratta di medicine meno diffuse e vengono date a pazienti su cui la permetrina o l'ivermectina non hanno fatto effetto. Anche con il crotamitone spesso il trattamento non è efficace e tra i suoi effetti collaterali si notano eruzioni cutanee e prurito. Il lindano è tossico quando viene usato troppo o in modo improprio. I suoi effetti collaterali sono convulsioni e sfoghi cutanei.
    • Se hai una grave infezione batterica, il medico può prescriverti degli antibiotici.
  5. Informati in merito ai rimedi erboristici. Ci sono diverse erbe e piante che vengono usate comunemente per curare la scabbia. C'è una ricerca in corso il cui scopo è quello di identificarne gli effetti terapeutici. Al momento, i soli rimedi di provata efficacia sono i farmaci prescritti; quindi, non fare affidamento solo su queste cure alternative per gestire la tua infezione. Parla con il tuo curante per trovare il modo di associare una di queste erbe con una terapia medica:
    • Neem (Azadirachta indica).
    • Karanja (Pongamia pinnata).
    • Curcuma (Curcuma longa).
    • Manjistha (Rubia cordifolia).
    • Darvi (Berberis aristata).

Curare la Scabbia

  1. Fai la doccia e asciugati con un asciugamano fresco e pulito. Aspetta che il corpo si raffreddi un po' dopo la doccia, prima di applicare i farmaci.
  2. Applica la crema o la lozione. Inizia dal punto dietro le orecchie e dalla mascella e procedi verso il basso. Applica il prodotto usando dei batuffoli di cotone, un pennello, una spugna o un qualunque strumento incluso nella confezione e adatto allo scopo.
    • Continua a strofinare la crema seguendo un movimento verso il basso e procedi su tutto il corpo, senza tralasciare nessun punto. Devi anche coprire la zona genitale, la pianta dei piedi, la zona tra le dita, la schiena e le natiche. Se non riesci a raggiungere da solo alcune parti del corpo, fatti aiutare da qualcuno.
    • Una volta applicata la crema sul corpo, devi prenderti cura delle mani. Applica il farmaco tra le dita e sotto le unghie. Ricorda di riapplicare il prodotto sulle mani ogni volta che le lavi.
  3. Aspetta. Lascia la lozione o l'olio sul corpo per un po' di tempo; in genere viene consigliato tra le 8 e le 24 ore.
    • Il tempo in cui il prodotto deve rimanere sulla pelle dipende dal tipo di farmaco e dalle indicazioni del medico.
  4. Fai una doccia per togliere la crema o la lozione. Una volta trascorso il tempo raccomandato di applicazione, risciacqua il prodotto facendo una doccia calda. Tieni presente che il prurito potrebbe rimanere per un paio di settimane dopo la cura.
    • Questo perché la reazione allergica agli acari continua finché i parassiti restano sulla pelle. Se sei preoccupato, discuti della questione con il medico.
  5. Assicurati che tutti i membri della famiglia si sottopongano al trattamento. È importante che tutti i familiari seguano la cura — anche se non hanno manifestato la presenza o i sintomi della scabbia. Così facendo previeni una possibile nuova infestazione.
    • Non dimenticarti di tutti coloro che entrano nella tua casa, come altri familiari che rimangono a farti visita per molto tempo, babysitter o altri ospiti.
  6. Ripeti il trattamento seguendo le indicazioni. In genere il farmaco deve essere spalmato una seconda volta dopo 7 giorni dalla prima applicazione, anche se molto dipende dalle istruzioni del medico o farmacista. Assicurati di attenerti a quanto ti viene prescritto.
    • Probabilmente dovrai sottoporti a una visita di controllo una o due settimane dopo, in modo da valutare l'opportunità di ulteriori trattamenti e per osservare i miglioramenti.

Evitare nuove Infestazioni

  1. Pulisci la casa. Una volta terminato il trattamento, se vuoi evitare recidive, è fondamentale pulire accuratamente la casa. Gli acari della scabbia possono vivere uno o due giorni fuori dal corpo dell'ospite; pulendo la casa sei certo di uccidere tutti i parassiti rimasti.
    • Disinfetta i pavimenti e le superfici del bagno lavandoli scrupolosamente (questo passaggio è necessario solo dopo il primo trattamento).
    • Usa l'aspirapolvere su pavimenti, moquette e tappeti. Getta immediatamente il sacchetto o il contenuto dell'elettrodomestico in un bidone della spazzatura esterno e assicurati di sbarazzartene il prima possibile.
    • Pulisci il mocio con la candeggina dopo ogni pulizia.
    • Pulisci il tappeto con il vapore rivolgendoti a un professionista o usando tu stesso un pulitore a vapore.
    • Cambia ogni settimana i filtri della caldaia.
  2. Lava tutti gli asciugamani e la biancheria da letto in acqua molto calda. Lavali ogni giorno, finché non presenterai più nessuna nuova vescica sulla pelle per almeno una settimana. Indossa dei guanti monouso quando togli le lenzuola dal letto.
    • Se hai un piumone pesante, puoi valutare di metterlo in un sacco a chiusura ermetica per 72 ore.
    • Metti i vestiti e le lenzuola in asciugatrice impostando un programma caldo oppure stendili alla luce diretta del sole, se c'è una giornata calda. Se preferisci puoi anche portare tutti i tuoi capi presso una lavasecco.
    • Metti le coperte nell'asciugatrice prima di andare a letto la sera, finché non sei certo che l'infestazione è stata eliminata completamente.
  3. Lava gli indumenti ogni giorno. Conserva gli abiti che non puoi lavare in un sacco ermetico per 72 ore o una settimana.
    • Devi applicare lo stesso metodo per gli animali di peluche, le spazzole, i pettini, le scarpe, i cappotti, i guanti, i cappelli, gli accappatoi, le mute e così via. I sacchetti sottovuoto sono facilmente disponibili in commercio e occupano poco spazio.
    • Metti gli indumenti nei sacchetti nel momento stesso in cui te li togli.
  4. Fatti aiutare. Se possibile, il giorno successivo al trattamento chiedi ad altre persone se possono cucinare e svolgere le faccende domestiche che prevedono l'uso dell'acqua. In questo modo la cura con i farmaci può avere un effetto migliore. Le medicine contro la scabbia, infatti, diventano meno efficaci, se la pelle si bagna lavando i piatti o cucinando.
    • Se vivi solo, procurati dei piatti precotti da scaldare e mangiare. Lava le stoviglie nella lavastoviglie o procurati quelle monouso finché non potrai tornare a toccare l'acqua normalmente.
    • Se dell'acqua entra in contatto con la pelle, riapplica immediatamente il farmaco sulla zona interessata.
  5. Rivaluta la situazione sei settimane dopo. Se dopo sei settimane provi ancora prurito, significa che il trattamento non ha dato i risultati sperati. In questo caso rivolgiti al medico per ottenere altre indicazioni e nuove cure.

Consigli

  • Probabilmente continuerai a provare prurito per circa un mese dopo che sono morti tutti gli acari, ma se non mostri nuove bolle, significa che sei guarito.
  • Le uova si schiudono, in media, ogni 2,5 giorni. Se 2,5 giorni dopo il primo trattamento noti nuove vesciche, parlane con il medico, in quanto potrebbe rendersi necessaria una seconda applicazione di crema e di tutti gli altri prodotti. In questo caso, probabilmente, sono morti gli esemplari adulti, ma le uova che si trovano nello strato sottocutaneo non sono state uccise e di conseguenza sono nate le larve. Devi sbarazzarti anche di queste, prima che depongano a loro volta le uova.
  • Evita il contatto con persone infette.
  • Affronta in maniera seria e meticolosa la pulizia di tutti gli elementi di casa. Dopo il trattamento lava tutti i tessuti (come i vestiti, la biancheria da letto e gli asciugamani) che sono stati a contatto negli ultimi tre giorni con le persone infestate.
  • Quando metti gli indumenti sporchi delle persone malate all'interno della lavatrice, assicurati di usare dei guanti monouso. Devi evitare che gli acari si diffondano più di quanto già non siano. Usa un paio di guanti nuovo ogni giorno e usane un paio diverso quando devi estrarre i panni dall'asciugatrice per piegarli.
  • Metti gli indumenti sporchi delle persone infette nei sacchi della spazzatura, lontano dagli abiti degli altri membri della famiglia. Non metterli nella stessa cesta che usi per la biancheria pulita, altrimenti potresti infestare tutti i capi di abbigliamento.
  • L'ivermectina va usata solo se nessun altro prodotto si è dimostrato efficace. Potresti provare sensibilità alla luce per circa 24 ore, quindi indossa gli occhiali da sole per la maggior parte della giornata.

Avvertenze

  • Non prendere steroidi o corticosteroidi, se non ti viene espressamente indicato dal medico. Non devi usare questi farmaci per combattere il prurito, in quanto possono indebolire il sistema immunitario.
  • Non insistere nell'applicare i farmaci contro la scabbia, se continui a provare prurito. Rivolgiti al medico o al farmacista per avere dei consigli.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.