Come Scoprire il Tuo Potenziale

Una volta sviluppato appieno il tuo potenziale è tempo di lavorare per mantenerlo in modo regolare. Solca il tuo oceano, non puoi sapere cosa ti aspetta.

Passaggi

  1. Determina qual è il tuo "vero" potenziale. Al cuore di tutto c'è l'essere la persona migliore che puoi diventare ed esprimerti completamente. Poiché siamo tutti diversi però, il "vero potenziale" è un termine relativo e interpreterai il concetto in modo diverso dal tuo migliore amico, dal tuo mentore o da chiunque altro. Mentre continui nella tua scoperta, considera i seguenti fattori:
    • C'è qualcosa che hai sempre desiderato fare/ottenere/raggiungere, come ad esempio ballare, cantare, scrivere o praticare uno sport?
    • Hai mai pensato a come migliorare in qualche modo, ad esempiodiventando più gentile, educato, assertivo?
    • Ci sono aspetti fisici di te stesso sui quali puoi lavorare, come ad esempio perdere peso, mettere su peso o farti i muscoli?
  2. Impegnati a raggiungere lo scopo. Una volta che hai confermato di averne uno realistico e realizzabile, che sia a lungo termine o già stabilito, mettiti al lavoro. La parte più difficile dell'iniziare francamente… è iniziare. Però, una volta fatto il primo passo sarai già sulla strada verso il successo! Spesso di dice che se fai qualcosa per 21 volte di fila diventa un'abitudine. Quindi inizia a concentrarti su 'cosa nuova' e fallo 21 volte almeno!
    • Nota che il tuo obiettivo non deve essere rigido. I tempi e le persone cambiano, quindi obiettivi e aspetti cambieranno per adattarsi a ciò che succede. Determina l'idea di base poi sentiti libero di correggerla strada facendo. Non è una scienza esatta, perciò non devi trattare tutto come se lo fosse. Concediti un po' di spazio per crescere.
    • Trova la tua ispirazione. Può essere una persona, punto di riferimento o il tuo portafortuna. Qualsiasi esso sia, tienilo vicino e al sicuro e lascia che ti motivi a continuare sulla tua strada. Quando ti sveglierai alla mattina ti farà sorridere e sarà l'ultima cosa che vedrai prima di addormentarti alla sera. Scopri cosa o chi è e fanne tesoro.
  3. Fai piccoli passi. Bisogna saper camminare prima di poter correre -perciò inizia con qualche timido passettino. Una volta che raccogli le energie e sei mentalmente pronto per ciò che devi fare, non importa quanto sarà grande o difficile, rallenta e portalo al tuo livello. Il tuo obiettivo può essere più o meno difficile di quanto ti aspettavi quando hai iniziato, perciò aggiusta il passo e affrontalo in modo che si "adatti perfettamente" a te.
    • Detto ciò, una volta che inizi a lavorare, mettiti alla prova. Forse dieci flessioni prima erano difficili ma adesso sono una semplice routine, perciò passa a venti. Magari un disegno elementare di un coniglietto una settimana fa era complicato, ma adesso che hai padronanza delle forme puoi passare al disegno libero. Ogni volta che ti rendi conto di quanto una cosa sia diventata semplice per te, alza il livello di una tacca. Non importa quanto tempo ti ci vuole per riuscirci, continuerai a migliorare sempre di più.
    • Un modo per tenere alto il morale è considerare ogni fallimento come un "tentativo sbagliato". Non ha funzionato perciò prova altro. Quando le cose vanno come vuoi, riconosci ciò che hai ottenuto. Scrivi i tuoi successi in un diario e ricorda a te stesso che ci sei arrivato, che fosse perdere tre kg o completare il primo capito di un romanzo. La maggior parte della gente fa l'opposto per un qualche motivo, dandosi la colpa per ogni fallimento ma considerando i successi come "colpi di fortuna" o riconoscendone il merito ad altri. L'abitudine mentale di riconoscere il merito a te stesso e di trattare ciò che è andato male come un tentativo errato, aiuterà a costruire la fiducia in modo più veloce e convincente. A meno che tu lo ignori, il successo serve per auto rinforzarsi.
  4. Accetta il dolore come parte della vita. Gli intoppi e i fallimenti capitano, sono parte naturale del tutto. I fallimenti sono un modo semplice di dimostrare cosa funziona e cosa no: aiutano a farti capire di cosa sei capace e cosa serve per farti proseguire verso il tuo obiettivo. La vita è provare e sbagliare e man mano che sbagli emergerai e diventerai una persona più forte.
  5. Trova la tua sicurezza. Tutti ce l'hanno, non importa quanto in profondità sia nascosta. La sicurezza può implicare molte cose diverse a seconda della persona e degli obiettivi. Se il tuo è imparare a fare il giocoliere con 5 palline alla volta, la tua sicurezza dovrà consistere nel tenerle in aria prima. Se vuoi diventare una persona migliore, dovrai prima fare dei complimenti alle persone con regolarità.
    • Ricorda che c'è un confine sottile fra la sicurezza e la presunzione. La sicurezza è essere grandi, la presunzione implica svilire gli altri. Cerca di essere umile nei tuoi sforzi per raggiungere gli obiettivi e diventare chi vuoi essere. Non solo guadagnerai il rispetto degli altri, ma ti sentirai meglio tu stesso. La vera umiltà e il vero orgoglio si riassumono nell'essere onesti con se stessi e nel non sfruttare il successo personale per tenere a freno gli altri.
  6. Trova un sostegno. Un aiuto esterno serve in caso di dipendenza o ossessione. Amici, familiari, colleghi di lavoro, compagni di palestra o chiunque altro andrà bene, a seconda dei tuoi obiettivi e dell'ambiente in cui ti trovi.
    • Non devi annunciare ai quattro venti il tuo obiettivo di diventare migliore o di voler fare un cambiamento come perdere peso, ma dare a chi ti circonda un'idea generale di cosa hai intenzione di fare, per ottenere l'aiuto e l'incoraggiamento che ti serve per andare avanti.
  7. Sviluppa l'intuito. Deriva dall'esperienza e dall'istinto. Alcune persone tendono a seguire il proprio intuito mentre altre preferiscono "buttarsi" o seguire l'istinto. Trova il giusto equilibrio fra questi due. In uno studio, a due gruppi di persone è stato chiesto di scegliere un poster da portare a casa. A un gruppo è stato chiesto di analizzare attentamente la propria decisione, soppesando i pro e i contro. All'altro di ascoltare il proprio istinto. Due settimane dopo, chi aveva seguito l'istinto era più felice della propria scelta degli altri che avevano analizzato tutto.
    • Sappi quando è giusto seguire l'istinto. Nel caso della scelta di un poster o una maglietta, spesso è perfetto. In casi più seri, ad esempio se devi assumere medicinali o abbandonare il lavoro per studiare, sarà più opportuno meditare. In pratica, le grandi decisioni avranno influenza su di te e sulla tua vita a lungo andare e vanno analizzate. Quelle piccole invece possono essere prese subito. Ti sentirai meglio e di certo sarai più felice.

Consigli

  • Tieni presente il tempo. A volte a tutti serve qualcosa a memento del fatto che la vita non è eterna e che ciò che abbiamo è un dono che ci può essere portato via da un momento all'altro. Detto ciò, non sentirti come se avessi la morte davanti alla porta. Non farti abbattere da quest'idea. Sfrutta la vita così come ti è stata data e cerca di essere al meglio "ora".
  • Impara la differenza fra sviluppare il tuo potenziale e raggiungerlo: lo svilupperai appena scoprirai qual è e come fare per arrivarci. Raggiungerlo vuol dire fare del tuo meglio per arrivarci più vicino possibile.
  • Ama te stesso . Non aspettarti che la gente ti rispetti e accetti se sei tu il primo a non rispettare e accettare te stesso!
  • Sorridi e sii positivo . È una frase molto usata ma è verissima. Sorridi a uno sconosciuto per la strada e il tuo umore migliorerà. Che tu stia andando in tribunale o in ufficio, avere un atteggiamento generalmente gentile sarà fonte di ispirazione per te e per chi ti circonda.
  • Accetta i cambiamenti grandi e piccoli che possono capitare mentre tenti di arrivare a ciò che cerchi. Preparati ad affrontarli.
  • Ricorda che questa è una semplice guida. Dovrai lavorarci un po' per adattarla agli obiettivi che hai in mente. Come menzionato prima, il pieno potenziale di tutti è variabile, perciò scopri il tuo e lavora per arrivarci nel modo migliore.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.