Come Litigare in Modo Corretto

Perché è considerato corretto battersi per diventare il migliore in qualcosa, ma non altrettanto battersi contro un amico per avere la meglio in una discussione su un tema che sta a cuore a entrambi – ma su cui si hanno opinioni divergenti? Perché si rischia di rovinare il rapporto! In altre relazioni è considerato legittimo competere con tutte le proprie energie, ma non fino ad arrivare a distruggere o umiliare l’altro. Esistono dei modi corretti e leali per litigare con il proprio partner o con il proprio capo.

Passaggi

  1. Assumi il giusto atteggiamento mentale. Fintanto che segui le regole del gioco, non c’è nulla di male ad avere un incontro competitivo e accalorato con il proprio avversario. Lo stesso vale per uno scontro emozionale con il proprio partner: ci rafforza, ci potenzia e ci permette di capire molte cose riguardo all’altra persona. Se il tuo avversario è una donna, sii ancora più cauto.
  2. Non usare la violenza fisica o l’abuso emozionale durante la discussione o il litigio.
  3. Non insultare l’altra persona e non lanciare imprecazioni. Non attaccare il suo carattere con espressioni del tipo “Non sapevo che fossi così…”, oppure “Sei talmente…”.
  4. Attieniti all’argomento della discussione. Non rivangare il passato, a meno che non sia questo l'argomento.
  5. Evita le esagerazioni. Affermazioni come "Tu sei/fai sempre..." o "Tu non sei/fai mai..." o, ancora "Sono l'unico che..." sono menzogne inutili che non contribuiscono a risolvere il problema.
  6. Se hai già perdonato l'altra persona per qualcosa accaduto in passato, non risollevare l'argomento come ammonimento.
  7. Non andartene nel mezzo della discussione. Se hai bisogno di una pausa perché ti stai facendo travolgere dalle emozioni e non riesci più a pensare chiaramente e a ricordare le regole del confronto, chiedi una pausa e concorda un momento in cui la discussione verrà ripresa. Non c'è bisogno di esagerare minacciando la fine della relazione, basta chiedere un attimo di tregua.
  8. Nessun ultimatum né minaccia. L'obiettivo di un litigio corretto non è vincere, ma confrontarsi con il proprio partner finché non si raggiunge una soluzione o un compromesso. Nel frattempo, goditi il litigio con l'altra persona e affina le abilità che ti permettono di muoverti nel mondo delle relazioni umane. Non minacciare MAI di porre fine alla relazione a meno che tu non lo desideri davvero. Non minacciare una rottura soltanto per riconquistare controllo e potere.
  9. Dai all'altra persona il giusto riconoscimento. Critica le ragioni dell'altra persona, ma sii altrettanto rapido nel riconoscere quando ha ragione o quando è sulla strada giusta.
  10. Non leggere la mente. Non dire all'altra persona: "Non tieni a me perché...", "Tu pensi che...", oppure "Hai fatto questo perché...". Invece di dire all'altra persona come si sente, CHIEDIGLIELO.
  11. Mantieni la discussione circoscritta a voi due soltanto. Non chiamare in causa la famiglia dell'altro e non fare paragoni con altre persone dicendo cose come: "Perché non puoi essere come [il tale o il tal altro], lui fa sempre [la tal cosa]".

Consigli

  • Ciascuno può imparare a esprimere il disappunto e le lamentele in un modo rispettoso.
  • Ricordati che c'è uno scopo nel litigare con il tuo partner: entrambi avete bisogno di chiarire delle questioni, di porre quesiti riguardo a determinati comportamenti e di esprimere sensazioni negative.
  • "Il modo in cui comunicate influisce su tutti!" Queste regole possono essere applicate a ogni relazione (con i figli, con la famiglia, gli amici e i colleghi di lavoro) e denotano rispetto nei confronti del benessere mentale e fisico delle altre persone.
  • Un litigio di coppia può aumentare le capacità di convivenza e permettere di mantenere i differenziali di potere tra i partner a un livello accettabile, in modo che la relazione resti equilibrata. Se condotto in modo corretto, un conflitto ha le potenzialità di cambiare quello che deve essere cambiato, di risolvere i problemi e di armonizzare le differenze.

Avvertenze

  • Non cominciare una discussione se non siete entrambi disposti a seguire le regole precedentemente illustrate.
  • Fai attenzione alla possibile escalation che può avvenire se una delle due parti non si comporta in modo corretto e desidera più vincere che risolvere il problema. Gli insulti, le grida, le accuse e lo scaricare la colpa sono tattiche che feriscono: ferma immediatamente la discussione e rimandala a un altro giorno.

Cose che ti Serviranno

  • Un luogo e un tempo designati appositamente al litigio, concordati da entrambi e senza possibili interruzioni.
  • Un accordo sul tempo da dedicare al litigio. Termina la discussione quando è finito il tempo e, se l'argomento non è ancora esaurito, concorda un nuovo incontro.
  • La tabella che descrive le regole per un litigio corretto (vedi alla sezione “Fonti e Citazioni”).
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.