Come Raccogliere il Riso Selvatico

Il "riso selvatico" che viene acquistato nei negozi viene lavorato in modo che i chicchi diventino molto duri (così restano intatti durante il processo e coloro che l’acquistano trovano i classici grani lunghi e uniformi). Tuttavia, ottenere dei cereali belli da vedere richiede un costo e nel nostro caso è un riso che non diventa morbido in cottura. La raccolta e la lavorazione manuale del riso selvatico consente di ottenere un alimento morbido (una volta cotto, la consistenza non è tanto diversa da quello coltivato) e dal sapore meraviglioso.

Passaggi

  1. Trova una vasta area dove cresce il riso selvatico e dall'acqua poco profonda, così che sia relativamente facile attraversarla.
  2. Trova una persona che possa guidare lentamente una canoa attraverso il campo di riso selvatico.
  3. Fatti aiutare da una seconda persona che batta gli steli di riso dopo averli piegati nella canoa, in modo che le spighe sciolte cadano sul fondo dell’imbarcazione. Puoi usare due bastoni di legno chiamati “battenti”. Eventualmente fai una ricerca in internet per vedere con esattezza come usarli.
  4. Raccogli il riso selvatico distribuendolo su un telo. Le cime delle spighe possono nascondere bruchi, cavallette, diverse specie di ragni, coccinelle e altri insetti. Probabilmente il tappeto di riso sul fondo della canoa sarà brulicante di vita.
  5. Lascia asciugare il riso (sono necessari circa 2-3 giorni di clima secco).
  6. Metti il cereale in una grande padella di ferro e falla scaldare sopra delle braci. L’obiettivo è quello di asciugare il riso e rendere fragile la buccia esterna, senza però bruciarlo. Ci vuole un po’ di esperienza per calcolare la temperatura. È opportuno ogni tanto agitare la padella, in modo che i chicchi si muovano e non si brucino.
    • Dopo questo trattamento avrai dei chicchi di riso asciutti, dal colore marrone dorato (devono essere appena ambrati, non troppo scuri).
  7. Una volta essiccato, metti il riso in una buca foderata con della pelle.
  8. Ora è arrivato il momento di sbramarlo. Appoggia l’avampiede sul riso e ondeggia i talloni a destra e a sinistra come se ballassi il twist. In questo modo schiacci e torci la crusca e fai uscire i chicchi di riso. Per questo processo hai bisogno di qualcosa che faccia presa sul riso, come una pelle scamosciata (o le scarpe con la suola in gomma, molto usate al giorno d'oggi). Non devi pestare i piedi per battere il riso (non otterresti il risultato che desideri); è il movimento di torsione e di “spremitura” che libera i chicchi dalle bucce.
  9. Una volta che hai calpestato completamente il riso (ci vorranno circa 10 minuti), devi toglierlo dalla buca e trasferirlo in un grande contenitore per sgranarlo.
  10. La sgranatura viene fatta muovendo verso il basso il contenitore, in modo da trasferire tutta la pula di fronte alla ciotola (lontano dalla persona che sta svolgendo l’operazione), dove può essere rimossa piuttosto facilmente. Gran parte della pula, a dire il vero, vola via grazie al "vuoto" d’aria che hai creato facendo il movimento verso il basso, mentre il materiale più grande può essere eliminato con la mano o spazzato via soffiando leggermente.
  11. Ecco completata la sgranatura del riso. Tieni presente che ci saranno molti chicchi lunghi (alcuni di questi anche rotti, purtroppo), ma non la pula, così potrai godere al meglio il tuo raccolto.

Consigli

  • Il genere Zizania di riso selvatico prevede la varietà "manoomin".
  • In alcune località, come nello stato americano del Minnesota, è necessario acquistare una licenza per poter raccogliere il riso selvatico.
  • Durante la tua raccolta potrai vedere un sacco di animali selvatici, come uccelli, pesci e mammiferi.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.