Come Fermare una Perdita di Sangue dal Naso

Perdere sangue dal naso, conosciuto anche come epistassi, è un disturbo piuttosto diffuso che può sorgere spontaneamente. Solitamente si verifica quando la mucosa interna del naso viene lesionata o è particolarmente secca; di conseguenza i sottili vasi sanguigni che la percorrono si rompono e iniziano a sanguinare. Quasi tutti gli episodi di epistassi sono dovuti al sangue che esce dai capillari presenti nella parte anteriore del setto nasale, che è il tessuto centrale interno che separa le narici tra loro. Si tratta di un problema più frequente in coloro che soffrono di rinite allergica, sinusite, ipertensione o disturbi della coagulazione. Se conosci le cause che possono provocarlo e sai come gestirle, puoi curare meglio il tuo problema di epistassi.

Misure di Primo Soccorso

  1. Posiziona il corpo in modo corretto. Se l'epistassi non è particolarmente grave, puoi curarla mettendo in atto delle misure di primo soccorso a casa. Per iniziare, siediti perché sarai più comodo. Inclina la testa in avanti, in modo che il sangue possa scorrere verso l'esterno attraverso le narici.
    • Può essere utile mettere un asciugamano sotto il naso per assorbire il sangue.
    • Evita di sdraiarti, perché il sangue potrebbe entrare in gola.
  2. Comprimi il naso. Usa pollice e indice per pizzicare la parte finale carnosa del naso e bloccare completamente le narici. In questo modo applichi pressione direttamente sui capillari danneggiati. Se premi in questo punto, il tuo intervento è più efficace, dato che blocchi il flusso di sangue. Mantieni il naso chiuso in questa maniera per 10 minuti e alla fine allenta la pressione.
    • Se l'emorragia continua, metti pressione per altri 10 minuti.
    • Durante questa operazione respira attraverso la bocca.
  3. Raffredda la zona. Riducendo la temperatura del corpo, puoi diminuire il flusso di sangue dal naso. A questo scopo, metti in bocca dei cubetti di ghiaccio che ti permettono di abbassare la temperatura della zona più velocemente, rispetto a raffreddare l'area esterna del naso. Inoltre, la temperatura rimane bassa per un periodo maggiore.
    • Questo rimedio risulta più efficace rispetto all'impacco freddo sopra il naso, recenti studi medici hanno dimostrato che quest'ultimo è piuttosto inutile.
    • Eventualmente puoi anche succhiare un ghiacciolo per ottenere lo stesso risultato.
  4. Usa uno spray nasale a base di ossimetazolina. Durante un episodio di epistassi, purché non sia una cosa frequente, puoi provare un spray nasale medicato, se non hai problemi di ipertensione. Questo farmaco provoca la costrizione dei vasi sanguigni nel naso. Per usarlo, prendi un piccolo batuffolo di cotone pulito o una garza, aggiungi 1-2 gocce di questo spray e inseriscilo nelle narici; continua a pizzicarle e dopo 10 minuti controlla se l'emorragia si è fermata.
    • Anche se l'epistassi si è fermata, non togliere il cotone o la garza per circa un'ora, perché il naso potrebbe ricominciare a sanguinare.
    • Sii cauto con questo farmaco, perché un uso troppo frequente, come più di 3-4 giorni ogni volta, può provocare dipendenza e congestione nasale.
    • Dovresti usarlo solo se il sanguinamento non si ferma dopo avere pizzicato le narici per i primi 10 minuti.
  5. Lava il naso e riposa. Una volta che l'epistassi si è interrotta, puoi pulire tutta l'area delle narici con acqua calda. Dopo esserti lavato il viso, dovresti riposare per un po', in questo modo previeni le recidive.
    • Puoi anche sdraiarti per riposare.

Prevenire Future Epistassi

  1. Sii delicato con il naso. Dato che il sanguinamento dal naso può anche essere causato da alcune azioni personali, ci sono alcuni modi per prevenirlo in futuro. Per esempio evita di mettere le dita nel naso. Questo comportamento può provocare delle lesioni a livello dei vasi sanguigni delicati. Inoltre, potresti anche staccare dei coaguli di sangue che coprono i capillari danneggiati e innescare ulteriori emorragie. Dovresti anche starnutire con la bocca aperta, per evitare di espellere l'aria attraverso il naso.
    • Un altro aspetto importante consiste nel mantenere umida la mucosa nasale, puoi quindi applicare delicatamente, due volte al giorno, uno strato di vaselina o di gel nasale inserendolo con un batuffolo di cotone.
    • Assicurati di soffiare sempre il naso in modo delicato e da una narice alla volta.
    • Dovresti anche tagliare regolarmente le unghie delle dita del tuo bambino, per evitare eventuali lesioni.
  2. Procurati un umidificatore. Dovresti acquistarne uno per aumentare l'umidità nell'ambiente. Puoi usarlo a casa o sul luogo di lavoro per prevenire un'eccessiva secchezza delle narici, soprattutto nella stagione invernale.
    • Se non riesci a procurartene uno, puoi mettere un contenitore di metallo con dell'acqua sui caloriferi per umidificare l'aria.
  3. Aumenta l'assunzione di fibre. Se soffri di stitichezza sei portato a fare sforzi per consentire il passaggio delle feci, causando in questo modo un aumento degli episodi di epistassi dovuti ai capillari che sono sotto pressione. Ciò provoca a sua volta un momentaneo aumento della pressione arteriosa e i coaguli di sangue che si sono formati sulle precedenti lesioni possono staccarsi, portando a una nuova emorragia. Puoi evitare la stitichezza e tutto ciò che ne consegue, mangiando alimenti ricchi di fibre e aumentando l'assunzione di liquidi.
  4. Mangia le fibre per ammorbidire le feci. Non spingere con eccessiva forza quando devi defecare, perché provocheresti un innalzamento della pressione intracranica, che a sua volta aumenterebbe il rischio di rompere i vasi sanguigni fragili e sottili presenti nel naso.
    • Se mangi da 6 a 12 prugne ogni giorno, otterrai maggiori risultati rispetto a quelli dati dall'assunzione di integratori di fibre; inoltre riduci la stitichezza.
    • Evita anche i cibi piccanti, dato che il calore che producono nell'organismo facilita la dilatazione dei vasi sanguigni stimolando il sanguinamento.
  5. Usa uno spray nasale salino. Puoi applicarlo diverse volte ogni giorno per creare un ambiente umido all'interno del naso. Questo prodotto non crea dipendenza, diversamente da quelli medicati, in quanto contiene solo sale. Se non vuoi acquistarlo, puoi preparare tu stesso in casa una soluzione salina.
    • Per prepararla, procurati un contenitore pulito. Unisci 3 cucchiaini colmi di sale non iodato con un cucchiaino raso di bicarbonato di sodio e mescola tra loro i due ingredienti. Quindi prendi un cucchiaino di questa soluzione in polvere e aggiungila in 240 ml di acqua tiepida distillata o acqua normale bollita.
  6. Mangia più alimenti ricchi di flavonoidi. Si tratta di un gruppo di nutrienti naturali, presenti soprattutto negli agrumi, che aiutano a rafforzare i capillari fragili. Per questa ragione, valuta di aumentare il consumo di agrumi. Altri cibi con un alto contenuto di flavonoidi sono il prezzemolo, le cipolle, i mirtilli e altri frutti di bosco, il tè nero, quello verde, quello oolong, le banane, tutti gli agrumi, il ginkgo biloba, il vino rosso, l'olivello spinoso e il cioccolato fondente (purché contenga almeno il 70% di cacao).
    • Non dovresti assumere i flavonoidi attraverso gli integratori, come le compresse di ginkgo biloba, di quercetina, l'estratto di semi d'uva e i semi di lino, perché ne contengono una quantità elevata e possono perfino risultare tossici.

Documentarsi sull'Epistassi

  1. Informati in merito a questo disturbo. Ci sono diversi tipi di epistassi e dipendono da quale zona del naso sanguina. L'epistassi anteriore si verifica quando l'emorragia proviene dall'area anteriore del naso, mentre l'epistassi posteriore ha origine nella parte più interna. Il sanguinamento può anche avvenire spontaneamente senza una causa chiara e riconoscibile.
  2. Conosci le cause. Sono diversi i motivi che possono provocare l'epistassi. Quando hai un episodio di sanguinamento, dovresti cercare di capire qual è stata la causa scatenante e cercare di evitarla in futuro. Potresti essere tu stesso a provocare l'emorragia, traumatizzando le mucose interne mettendoti le dita nel naso. In genere questa è la causa più comune tra i bambini. Altri motivi che possono provocare l'epistassi possono essere l'abuso di sostanze stupefacenti come la cocaina, dei problemi vascolari, disturbi della coagulazione del sangue o traumi alla testa o al viso.
    • Un fattore ambientale responsabile di questo sanguinamento è una scarsa umidità nell'aria, abbastanza frequente durante l'inverno, che può irritare le mucose e farle sanguinare. L'incidenza degli episodi di epistassi infatti è maggiore durante la stagione fredda.
    • Anche le riniti e la sinusite possono essere responsabili di epistassi, così come le allergie che infiammano le mucose, provocando spesso del sanguinamento.
    • In alcuni casi particolari, anche l'emicrania nei bambini si è dimostrata una possibile causa.
    • Anche un trauma al viso può essere responsabile di epistassi.
  3. Evita determinate situazioni. Se soffri di epistassi, dovresti evitare delle situazioni e azioni che possono aggravare il problema. Non sollevare la testa all'indietro, perché il sangue dal naso potrebbe scorrere verso la gola, provocandoti il vomito. Evita anche di parlare e tossire, perché provocheresti irritazione alle mucose e il naso potrebbe ricominciare a sanguinare.
    • Se devi starnutire durante un episodio di epistassi, cerca di espellere l'aria attraverso la bocca, per non ferire ulteriormente le cavità nasali e aumentare il flusso di sangue.
    • Non soffiare e non pizzicare il naso, soprattutto se la perdita di sangue si sta riducendo, in quanto potresti togliere i coaguli che si sono formati e stimolare una ripresa dell'emorragia.
  4. Recati dal medico. In alcune circostanze è necessario farsi visitare dal dottore. Se l'emorragia è grave, più di qualche semplice goccia, dura più di 30 minuti e si ripresenta con una certa frequenza, devi andare in ospedale. Devi trovare delle cure mediche anche se inizi a diventare estremamente pallido, provi un senso di spossatezza o ti senti disorientato. Questi sintomi si manifestano di solito dopo una perdita di sangue significativa.
    • Se hai difficoltà a respirare, in particolare se il sangue scorre verso la gola, devi recarti al pronto soccorso, in quanto il disturbo potrebbe causare irritazione e tosse, che a loro volta potrebbero facilitare lo sviluppo di un'infezione e creare problemi respiratori.
    • Devi sempre andare in ospedale, se l'epistassi è conseguente a una grave lesione.
    • Devi cercare delle cure mediche anche quando l'emorragia si verifica mentre stai assumendo dei farmaci fluidificanti, come il warfarin, il clopidogrel o un'aspirina ogni giorno.

Consigli

  • Non devi fumare durante un episodio di epistassi, perché il fumo irrita e secca i passaggi nasali.
  • Non usare una crema antisettica, molte persone sono sensibili a questo tipo di prodotto e potrebbe peggiorare l'infiammazione. Applica una pomata a base di bacitracina solo se ti viene prescritta dal medico e solo dopo aver accertato la presenza di una crosta infetta.
  • Mantieni sempre la calma, anche se il flusso di sangue è abbondante. Se resti tranquillo, eviti di spaventarti troppo o anche di svenire.
  • Ricorda di umidificare l'ambiente, idratare le cavità nasali, mantenere una dieta sana e tenere le dita fuori dal naso!
  • Non farti prendere dal panico se vedi molto sangue, in quanto potrebbe sembrarti molto di più di quanto non sia in realtà. Se esce molto materiale, può trattarsi di altri fluidi presenti nel naso, dato che ci sono molti vasi sanguigni all'interno dei passaggi nasali!
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.