Come Trattare la Pelle del Viso Gravemente Irritata

Una grave irritazione della pelle nel viso crea sicuramente imbarazzo ed è un problema che vorresti risolvere rapidamente; tieni comunque a mente che a volte potrebbe essere sintomo di qualche patologia grave, anche mortale, soprattutto se è associata a una reazione allergica o a una pericolosa intossicazione. Pertanto, se manifesti dei sintomi gravi come difficoltà di respirazione, nausea intensa o perdita di coscienza, è una decisione saggia recarti immediatamente al pronto soccorso più vicino. Se, al contrario, in linea generale ti senti bene, esistono un'infinità di approcci e rimedi che puoi mettere in atto per combattere in modo efficace questo tipo di irritazione.

Stabilire la Causa

  1. Fissa un appuntamento con il medico di famiglia. Ci sono diverse malattie e disturbi che possono manifestarsi con eruzioni cutanee o irritazione del viso: reazioni allergiche moderate, problemi autoimmuni (psoriasi), sfoghi di acne, gravi scottature solari, eczema, rosacea (dermatosi cronica), infezioni, carenze vitaminiche o dermatiti da contatto. Il medico può escludere altre possibili malattie più gravi, ma ricorda che non è un dermatologo; dovrai quindi rivolgerti a uno specialista della pelle, se vuoi ottenere una diagnosi accurata.
    • Chiedi al medico se l'irritazione può essere un tipico effetto collaterale di qualche farmaco su prescrizione che stai assumendo.
    • Chiedi inoltre che ti venga prescritto un esame del sangue per verificare eventuali carenze di vitamina B12 e altre vitamine del gruppo B, perché in tal caso i disturbi cutanei sono più probabili.
  2. Fatti consigliare un dermatologo. Si tratta del professionista esperto nella cura della pelle che può diagnosticare correttamente il tuo problema e raccomandarti una varietà di trattamenti come delle creme medicate, i farmaci antiacne, gli antinfiammatori, la microabrasione o anche la terapia laser.
    • Questo specialista vorrà sapere se lo stesso disturbo colpisce altri membri della famiglia — l'aspetto genetico svolge un ruolo importante nelle malattie della pelle come la psoriasi.
    • Scottature solari a parte, l'eccessiva esposizione al sole rappresenta un fattore scatenante piuttosto comune per molte malattie cutanee, soprattutto la rosacea.
    • Estetisti, erboristi, nutrizionisti, naturopati e chiropratici possono essere delle ottime fonti di informazioni per quanto riguarda i disturbi della pelle e i possibili trattamenti naturali.
  3. Fatti indicare un buon allergologo. Si tratta di un medico specializzato nella diagnosi delle allergie. Le reazioni allergiche possono essere lievi, ma a volte anche mortali; tuttavia, si manifestano solitamente in maniera repentina, entro pochi minuti o ore dall'esposizione all'agente allergenico. Se l'irritazione in viso dura da molti giorni o settimane e peggiora, probabilmente non si tratta di una reazione allergica.
    • Quando uno sfogo grave sul viso si sviluppa rapidamente, è probabile che sia dovuto all'orticaria, soprattutto se è associato a difficoltà di respirazione, congestione nasale o gonfiore di labbra o lingua.
    • I cibi più comuni che possono scatenare l'orticaria sono la frutta secca (arachidi) e i crostacei (gamberi).

Trattare un'Ustione Solare Grave

  1. Metti la crema solare quando vai all'aperto. Il sole può farti sentire bene e offre molti benefici per la salute, come la stimolazione della produzione di vitamina D; ma quando ti esponi per troppo tempo, può bruciare la pelle e seccarla, causando arrossamento, vesciche, infiammazione, rigidità e sensibilità. Difendi la tua cute con un prodotto con un fattore di protezione 15 o anche più alto per evitare il rischio di ustionarti.
    • Le creme a base di ossido di zinco sono piuttosto dense e si assorbono con difficoltà, con il rischio di macchiare i vestiti, ma nella formulazione più forte (più del 25%) sono in grado di bloccare in maniera efficace i raggi solari.
    • Anche l'olio di cocco ha proprietà naturali che permettono di bloccare i raggi del sole.
  2. Indossa un cappello quando sei al sole. Per proteggere il viso dai danni solari, metti un cappello a tesa larga di colore chiaro e materiale traspirante. Puoi anche indossare degli occhiali con una montatura grande per riparare la pelle, perché possono coprire una vasta area del viso. Assicurati che abbiano lenti in grado di bloccare i raggi UV al 100%.
    • Cerca riparo all'ombra di un albero o di un ombrellone, se devi restare all'aperto quando le radiazioni UV sono intense.
  3. Applica un rimedio naturale contro la scottatura solare sul viso. Esistono diversi prodotti naturali in gel, lozioni o creme che possono alleviare, idratare e lenire la pelle del viso dalle ustioni, come il gel di aloe vera, l'olio di vitamina E, le creme a base di cetriolo o anche degli impacchi freddi realizzati con una tisana di camomilla ghiacciata.
    • Applica una maschera facciale con lo yogurt greco, perché raffredda, idrata e rende alcalina la pelle danneggiata.

Trattare un'Orticaria

  1. Evita gli allergeni alimentari noti. Se il dermatologo e l'allergologo ritengono che l'irritazione della tua pelle sia dovuta a sensibilità alimentari, devi evitare questo tipo di cibo. Qualunque alimento può potenzialmente scatenare una reazione allergica, ma quelli che la inducono più facilmente sono la frutta a guscio, le uova, il frumento, i frutti di mare e i latticini.
    • Non si deve arrivare necessariamente a mangiare l'edera velenosa per avere una reazione allergica; a volte basta entrare in contatto con la pianta e poi strofinarsi il viso per sviluppare una grave o moderata irritazione.
    • Devi iniziare a fare più attenzione nei ristoranti e conoscere meglio gli ingredienti delle pietanze e i metodi di preparazione del cibo.
  2. Valuta se sei stato punto da un insetto. I morsi o le punture di insetti e il veleno che possono rilasciare causano talvolta gravi reazioni cutanee, soprattutto api, vespe, ragni, scorpioni, formiche di fuoco e zanzare. Presta anche attenzione a una possibile infestazione da cimici dei letti e acari sui cuscini e i letti stessi.
    • I pidocchi possono diffondersi dalla cima della testa e causare irritazione sul viso.
  3. Usa un detersivo per il bucato che riporti chiaramente la dicitura "ipoallergenico". Anche i prodotti chimici, come la candeggina e altri solventi, possono provocare gravi sfoghi cutanei (solitamente chiamati dermatiti da contatto). Se la tua grave irritazione del viso si sviluppa durante la notte, il responsabile potrebbe essere il cuscino lavato con queste sostanze. Fai quindi un nuovo ciclo di lavaggio di federa, lenzuola e indumenti con un detersivo privo di qualunque irritante noto.
    • Puoi anche lavare lenzuola e indumenti con il bicarbonato di sodio — è un'alternativa sicura ed economica che non irrita la cute.
    • I prodotti chimici irritanti possono anche essere presenti nei cosmetici (per esempio, laurilsolfato di sodio e parabeni), shampoo e tinte per capelli.
  4. Applica delle creme medicate sul viso. Se l'eruzione cutanea è dovuta a una reazione allergica, potresti optare per una crema da banco a base di idrocortisone (che riduce l'infiammazione e il dolore) o altri prodotti più naturali contenenti calamina, vitamina E e/o farina d'avena (che alleviano l'infiammazione e il dolore). Altre sostanze in grado di dare sollievo dallo sfogo e dalla pelle secca sono l'acido lattico, l'urea, l'acido ialuronico, il dimeticone, la glicerina, la lanolina, l'olio minerale e la vaselina.
    • Una delle maniere più facili, rapide ed economiche per fornire sollievo dall'irritazione cutanea causata da orticaria, edera velenosa o puntura di insetto è quella di usare un impacco freddo o del ghiaccio avvolto in un asciugamano.
    • Prendi degli antistaminici per uso orale per ridurre l'infiammazione e il gonfiore del viso, se sono dovuti a una reazione allergica.

Trattare un'Acne Grave

  1. Tieni sotto controllo gli ormoni. Questi svolgono un ruolo importante nella produzione di sebo e possono causare l'ostruzione dei pori della pelle, aumentando le probabilità di sfoghi acneici. Consulta il medico di base per monitorare i livelli ormonali.
    • Le donne che prendono la pillola anticoncezionale spesso risolvono il loro problema di acne.
    • In alcuni casi gravi, questo disturbo può essere causato da prodotti lattiero-caseari che scatenano reazioni allergiche.
  2. Mantieni la pelle pulita. Un buon modo per evitare che il sebo ostruisca troppo i pori è di lavarlo via. In questa maniera ti sbarazzi inoltre anche dei batteri e della sporcizia, altri fattori che possono contribuire alla formazione di acne. Tuttavia, non devi esagerare; un'eccessiva detersione potrebbe stimolare una sovrapproduzione di sebo come reazione alla secchezza cutanea. Pertanto, applica sempre un prodotto idratante dopo avere lavato ed esfoliato la pelle.
    • Le creme e le lozioni contenenti perossido di benzoile uccidono i batteri responsabili dell'acne.
  3. Cerca di non schiacciare i brufoli. Potresti essere tentato di pizzicare o schiacciare i brufoli nel tentativo di sbarazzartene velocemente, ma non faresti altro che infiammare ancora di più il viso, oltre al rischio di provocare cicatrici permanenti sulla pelle. Lascia che siano il dermatologo o un estetista esperto a occuparsi dei tuoi brufoli, in quanto sono qualificati e istruiti per questo genere di procedure.
  4. Valuta di prendere dei farmaci su prescrizione. Se hai un'acne cronica e ostinata, il dermatologo potrà prescriverti delle lozioni antibiotiche, come quelle a base di clindamicina o eritromicina (oppure degli antibiotici per uso orale). La tretinoina (Airol) è un farmaco in grado di prevenire l'ostruzione dei pori, mentre l'isotretinoina riduce la quantità di sebo prodotto dall'organismo.
    • Il miglior trattamento medico contro l'acne è spesso una combinazione di farmaci topici e per uso orale.
    • Attieniti sempre alle indicazioni del medico quando si tratta di prendere farmaci su prescrizione.
  5. Usa dei rimedi naturali contro questo disturbo. Esistono numerosi trattamenti a base di erbe che possono aiutarti a combattere un'acne grave, come l'estratto di radice di liquirizia (antinfiammatorio), il tè verde (antinfiammatorio e astringente), l'olio di lavanda, di camomilla, di melaleuca (antisettici), l'olio di canfora (antimicrobico e analgesico) o l'aceto di sidro di mele.
    • Fai una maschera di miele e avena. Il miele è un ottimo antisettico, mentre l'avena pulisce, idrata, allevia l'irritazione e offre sollievo dal prurito.
    • In alternativa, applica una maschera di argilla bentonite — libera i pori e allevia il prurito.

Consigli

  • La bigiotteria (come gli orecchini o i piercing a bastoncino che si trovano molto vicini al viso o addirittura su di esso) che contiene nickel, alluminio, platino o cromo può scatenare una reazione allergica alla pelle.
  • Alcuni sfoghi cutanei possono essere causati da infezioni batteriche o micotiche, quindi assicurati di mantenere una corretta igiene personale, per evitare di contrarle.
  • Al mattino lava il viso con acqua fredda e un sapone neutro, quindi lascialo asciugare all'aria. In seguito, applica una lozione che contenga acido stearico e gliceril stearato. Ripeti la procedura tre volte al giorno.
  • Non lavare troppo spesso il viso con il sapone, perché potresti seccarne la cute, provocando arrossamento e desquamazione. Usa un sapone neutro due volte al giorno.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.