Come Gonfiare un Materasso ad Aria

Quando vai in campeggio, ospiti un amico per la notte oppure vuoi solo un posto comodo dove sdraiarti, un materassino ad aria può essere la soluzione. È abbastanza comodo per dormirci sopra e, una volta sgonfio, occupa uno spazio davvero ridotto rispetto alle sue dimensioni reali, caratteristica che lo rende pratico e facile da trasportare. Che tu stia usando una pompa specifica o stia facendo semplicemente affidamento sugli strumenti che hai a disposizione, gonfiare un materassino è solo questione di forzare dell'aria al suo interno (ed evitare che esca!).

Usare una Pompa

  1. Apri il tappo della valvola. La maggior parte dei materassini è dotata di una valvola di ritegno (che permette all'aria di entrare, ma non di uscire), oppure di un foro in qualche punto della superficie. La prima cosa da fare è individuare l'apertura e togliere il tappo di protezione; non puoi gonfiare il materassino senza un accesso che te lo consenta.
    • Sappi che alcuni modelli moderni hanno delle pompe integrate su un lato. In questo caso, ti basta ruotare l'interruttore su "On" e aspettare che il materassino si gonfi – purché la pompa riceva energia dalle batterie o da una presa.
  2. Inserisci la pompa. A prescindere dal fatto che sia elettrica o manuale, il primo passaggio non cambia: inserisci l'ugello nella valvola o nel foro. L'ugello dovrebbe aderire perfettamente al materiale della valvola; in caso contrario c'è la possibilità che l'aria fuoriesca, rendendo la procedura più difficoltosa.
    • Se non riesci a garantire un sigillo stagno sull'ugello (ad esempio usando una pompa non adatta al tipo di materassino), puoi provare ad avvolgerlo con del nastro adesivo, per creare un po' di spessore. Questo rimedio può però dimostrarsi inefficace se il beccuccio è davvero molto piccolo. In alternativa, fondi della plastica attorno alla pompa per renderla più spessa e ottenere una buona aderenza; questo metodo è un po' più complesso per chi non ha molta esperienza in riparazioni.
  3. Se hai una pompa automatica, avviala. La maggior parte dei materassini moderni viene venduta con una pompa elettrica. Se questo è anche il tuo caso, accertati che sia collegata a una presa di corrente o sia dotata di batterie e accendila! Il materassino dovrebbe iniziare immediatamente a gonfiarsi.
    • Le pompe elettriche sono piuttosto rumorose, quindi dovresti fare attenzione e non accenderle mentre gli altri stanno dormendo.
  4. Se hai optato per una pompa manuale, inizia a spingere l'aria nel materassino. Se il tuo modello è piuttosto vecchio o hai perso la pompa elettrica e devi comprarne una di ricambio, l'attrezzo manuale potrebbe essere l'unica cosa a tua disposizione. Sebbene non siano tanto rapide e pratiche come quelle elettriche, le pompe a mano sono efficaci all'interno del loro campo di azione. I due modelli principali che si usano per gonfiare un materassino sono:
    • Pompa a mano: si tratta di uno strumento che si sviluppa in verticale; in genere è piuttosto grande e si utilizza muovendo uno stantuffo verso l'alto e verso il basso. A volte vengono usate anche le piccole pompe da bicicletta.
    • Pompa a pedale: ha solitamente la forma di un pedale collegato a un tubo dotato di beccuccio; premendo ripetutamente il pedale, si forza l'aria nel materassino.
  5. Avvita il tappo al suo posto. Quando il materasso è completamente gonfio, al punto da essere sodo al tatto, stacca la pompa e avvita la chiusura della valvola o chiudi il foro con un tappo, per intrappolare l'aria al suo interno. A questo punto, sei pronto per dormire! Procurati delle lenzuola, delle coperte e dei cuscini.
    • Ricorda che i modelli dotati di valvola di ritegno trattengono automaticamente l'aria al loro interno. Vale comunque la pena avvitare il tappo, per aggiungere un ulteriore strato di protezione contro una possibile perdita. Al contrario, i materassi che hanno un semplice foro (e non una valvola), iniziano a sgonfiarsi non appena stacchi la pompa, pertanto devi avvitare il tappo in fretta!

Gonfiare il Materassino senza Pompa

  1. Usa un asciugacapelli, se non hai una pompa. Se non hai alcun attrezzo specifico per questo lavoro, non preoccuparti; puoi comunque ottenere il risultato desiderato grazie a qualche strumento presente in casa. Ad esempio, puoi utilizzare un normale phon elettrico. Accendilo e tienilo vicino alla valvola o al foro aperto per riempire il materassino. Dato che l'apertura dell'asciugacapelli non si adatta al foro di accesso del materassino, il procedimento sarà più lento di quello con la pompa.
    • Ricorda di impostare la temperatura dell'aria del phon al minimo oppure su "freddo", se possibile. La maggior parte dei materassini è fatta di plastica o vinile e può deformarsi o fondersi, se esposta al calore.
  2. Usa un aspirapolvere domestico o industriale. Per gonfiare il materasso puoi sfruttare qualunque strumento emetta un flusso d'aria abbastanza intenso. Ad esempio, molti aspirapolvere industriali prevedono anche la funzione di soffiatore e non solo quella di aspirazione. Altri macchinari, come il soffiatore per le foglie o la neve, sono studiati proprio per emettere un flusso d'aria. In questo caso, devi solo tenere il beccuccio vicino alla valvola o al foro e gonfiare il materasso.
    • Puoi anche trasformare un normale aspirapolvere in un soffiatore. Per farlo, rimuovi il sacchetto e sostituiscilo con il beccuccio lungo e sottile in dotazione con la maggior parte degli elettrodomestici. Così facendo, l'aria viene espulsa attraverso il beccuccio e può essere usata per gonfiare il materasso.
  3. Usa una pompa per bicicletta o per pneumatici. Se ti sei recato sul posto in cui devi usare il materassino con la bici o con l'auto, potresti avere a disposizione una pompa senza neppure saperlo. La maggior parte dei modelli per bici e auto può essere usata per gonfiare un materassino, anche se non sempre è facile far aderire perfettamente l'ugello alla valvola. Potrebbe essere necessario usare un adattatore specifico o aumentare il diametro del beccuccio, avvolgendolo con altro materiale.
  4. Usa un sacchetto della spazzatura. La maggior parte della gente non sa che è possibile gonfiare un materassino con niente più di un normale sacchetto per la spazzatura. Per prima cosa, apri il sacco e agitalo per catturare parecchia aria. Mettilo sopra la valvola o il foro del materassino e tieni l'estremità aperta attorno a questo elemento. Spremi il sacco per forzare l'aria nel materasso (per rendere più semplice questa operazione basta sdraiarsi lentamente sul sacco). Ripeti la procedura tutte le volte necessarie.
    • Se puoi scegliere, usa un sacco della spazzatura molto robusto. Quelli molto sottili possono scoppiare sotto il tuo peso.
  5. Gonfia il materasso a bocca, se le altre soluzioni non funzionano. Se non puoi procurarti nessuno degli strumenti descritti in precedenza, fai un respiro profondo e prova il vecchio metodo. Usa del sapone o un igienizzante per mani per pulire la valvola o il foro, appoggiaci sopra la bocca e soffia. Continua a soffiare finché il materassino non sarà duro. Questa tecnica richiede tempo.
    • Se il tuo non è dotato di valvola di ritegno, dovrai mantenere la pressione con la bocca e chiudere la gola, per evitare che l'aria esca fra un soffio e l'altro. Inspira dal naso e non dalla bocca.

Sgonfiare il Materassino

  1. Svita il tappo della valvola. Quando non devi più usarlo e vuoi riporlo, svita il tappo dall'apertura. Se c'è un semplice foro, il materassino comincia a sgonfiarsi immediatamente. Tuttavia, quelli con sistemi più complessi richiedono un intervento maggiore da parte tua. Se non si sgonfia subito, prova a seguire uno di questi consigli:
    • Cerca un interruttore di rilascio da azionare;
    • Attiva il meccanismo di rilascio sulla valvola per far uscire l'aria;
    • Svita la valvola dal suo alloggiamento.
  2. Piega o arrotola il materassino per forzare l'uscita dell'aria all'esterno. Man mano che l'aria esce, il materassino si stabilizza in uno stato parzialmente gonfio. Per forzare tutto il gas all'esterno inizia a piegarlo o ad arrotolarlo, partendo dall'estremità opposta alla valvola e muovendoti verso di essa. In questo modo sei sicuro che, una volta sgonfio, occuperà uno spazio minimo.
    • Per espellere tutta l'aria, avvolgi o piega il materassino poco per volta, stringendolo bene proprio come se stessi spremendo un tubetto di dentifricio.
  3. Usa un aspirapolvere per risparmiare tempo. Se vuoi accelerare il processo, utilizza l'aspirapolvere. Puoi usare quello per le faccende domestiche, un modello industriale oppure un altro dispositivo specifico per creare suzione. Apri semplicemente il foro, aspetta che l'aria inizi a uscire dal materassino e tieni il beccuccio dell'aspirapolvere sopra il foro, per rendere il procedimento più rapido.

Consigli

  • Gli asciugacapelli e i soffiatori funzionano meglio se crei un sigillo con le mani.

Avvertenze

  • Non svenire nel tentativo di gonfiare a bocca il materassino! Se inizi a vedere dei punti luminosi o ti senti stordito, fermati e fai qualche respiro per riprenderti.
  • L'aria calda emessa dall'asciugacapelli potrebbe fondere o accartocciare il materassino. Se possibile, imposta l'elettrodomestico su "freddo".
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.