Come Scrivere un Contratto di Appalto

Un contratto di appalto è un accordo tra un appaltatore ed un committente che elenca i diritti e le obbligazioni di entrambe le parti in relazione ad un'opera che deve essere realizzata dall'appaltatore. Se è vero che tutti i fornitori di servizi dovrebbero far firmare un contratto ai clienti prima di realizzare alcun lavoro, ciò è specialmente importante per gli appaltatori del settore delle costruzioni. Per scrivere un contratto di appalto, è sufficiente che tu segua i passaggi qui sotto.

Passaggi

  1. Dai un titolo al contratto. Il tuo titolo dovrebbe descrivere lo scopo del contratto, per esempio “Contratto di Appalto per la Costruzione di un Immobile”, “Contratto di Appalto per la Ristrutturazione di un Appartamento”, o semplicemente “Contratto di Appalto”.
  2. Indica i nomi delle parti del contratto. Specifica chi sono le parti del contratto e designa ciascuna come “Appaltatore” o “Committente”. Per esempio, la società ABC s.r.l. (“Appaltatore”) e Mario Rossi, (“Committente”) stipulano il presente Contratto di Appalto per la Ristrutturazione di un Appartamento.
  3. Inserisci l'indirizzo dove il lavoro verrà realizzato. Ciò è essenziale per la esatta individuazione dell'oggetto del contratto.
  4. Descrivi il lavoro che sarà realizzato. Devi essere il più chiaro possibile nel delineare quale lavoro esattamente è previsto nel contratto. Alcune cose da considerare:
    • Incorporare un altro documento nel contratto. Potresti dover fare riferimento a una perizia di stima, a un set di modelli, o ad un altro documento nella sezione del contratto dedicata alla descrizione del lavoro, e quindi allegare il documento al contratto per includerlo come parte (o come integrale) descrizione del lavoro che sarà realizzato.
    • Questioni e problemi imprevisti. Assicurati di formulare la descrizione del lavoro in modo che sia chiaro come verrà svolto il lavoro nel caso in cui sorgano problemi imprevisti. Ad esempio, invece di scrivere, "riparazione del muro" scrivi "rimozione dell'intonaco e sotto-intonaco nella parete sud del soggiorno, e sua sostituzione con cartongesso". In questo modo, se trovi umidità all'interno del muro, non sei obbligato a riparare il danno causato da questa perché non hai scritto semplicemente ‘riparazione’ del muro.
    • I materiali che verranno usati. Salvo patto contrario, i materiali devono essere forniti dall'appaltatore. In questo caso è meglio specificare i tipi di materiale che verranno usati. Così, per esempio, dovresti specificare nel contratto se ricoprirai il bagno per lo più con cartongesso, per evitare lavoro extra nel caso in cui il committente cambi idea e voglia invece le mattonelle.
  5. Descrivi l'arco temporale in cui il lavoro verrà completato. Ciò dovrebbe includere la data di inizio e fine lavori. Per esempio, “I lavori inizieranno il 3 giugno 2015 e saranno completati approssimativamente entro il 10 giugno 2015”. Potrebbe essere utile indicare gli eventi prevedibili che possono impedire la realizzazione del lavoro entro la data di fine lavori, come per esempio certe condizioni meteorologiche o ritardi nella consegna del materiale da parte dei fornitori.
  6. Fornisci i dettagli del pagamento. Questa sezione dell'accordo dovrebbe includere l'ammontare totale del corrispettivo da pagare, la data in cui ciascun pagamento è dovuto, l'ammontare di ciascun pagamento, come i pagamenti devono essere effettuati, e se ci sono penali per il ritardato pagamento, come queste vengono calcolate e quando verranno addebitate. Se ci sono altre conseguenze per il ritardato pagamento, per esempio la sospensione dei lavori, assicurati di scriverle anche in questa sezione.
  7. Descrivi come saranno gestiti eventuali cambiamenti dell'opera. Gli appaltatori che vogliono un accordo scritto firmato da entrambe le parti per cambiare l'opera commissionata, possono scrivere, per esempio, “Qualsiasi cambiamento dell'opera commissionata descritta in questo accordo dovrà essere messo per iscritto e sottoscritto da entrambe le parti.”.
  8. Inserisci altre clausole. Fin qui abbiamo analizzato il contenuto necessario del contratto di appalto. Un'altra cosa essenziale da aggiungere è l’indicazione dei costi della sicurezza. L'indicazione deve essere analitica cioè indicata voce per voce (ad esempio, costi dei mezzi di protezione, costi per consulenze, ecc). Rivolgiti al tuo consulente sulla sicurezza se sei in dubbio su quali costi inserire. Altre clausole utili da inserire comprendono:
    • Garanzie. In Italia non è obbligatorio inserire specifiche clausole di garanzia, perché opera la garanzia legale per i difetti dell'opera. Potresti tuttavia inserire per esempio disposizioni specifiche per la garanzia dei materiali forniti.
    • Risoluzione delle dispute. È possibile prevedere che, nel caso vi sia un disaccordo tra le parti su qualche questione, la disputa tra le parti venga risolta tramite arbitrato, mediazione, negoziazione assistita o altri strumenti di risoluzione alternativa delle controversie.
    • Comunicazione di recesso. Il codice civile italiano concede al committente il diritto di recedere dal contratto di appalto, anche dopo l'inizio dei lavori, purché rimborsi all'appaltatore le spese sostenute per i lavori eseguiti e il mancato guadagno. È tuttavia possibile regolare diversamente l'esercizio del recesso, escludendolo o ponendo delle limitazioni (ad esempio, un termine). Se il contratto non dice nulla si applicherà la disciplina del codice civile.
  9. Decidi se includere clausole standard. Le clausole standard che possono essere incluse in un contratto di appalto ricomprendono:
    • Scelta della legge applicabile. Una clausola di scelta della legge applicabile individua la legge che verrà usata nel caso sorga una disputa contrattuale. Quando il contratto è stipulato tra parti che risiedono entrambe in Italia e che deve essere realizzato in Italia, la scelta della legge applicabile non è necessaria. Altrimenti, se fai un lavoro, per esempio, in Svizzera, è opportuno specificare quale legge vuoi che sia applicata (normalmente, preferirai quella italiana).
    • Cedibilità del contratto e successione. Una clausola sulla cedibilità del contratto permette alle parti di cedere il contratto ad una altro soggetto, per esempio, una società cede il contratto ad un'altra società e/o rende il contratto vincolante per i successori di entrambe le parti, o i loro eredi.
    • Clausola di salvaguardia. Una clausola di salvaguardia stabilisce che nel caso in cui una clausola del contratto venga ritenuta nulla o inapplicabile da un tribunale, tutte le altre clausole rimarranno efficaci così come sono, o saranno cambiate il meno possibile.
  10. Crea la riga della firma. La riga della firma dovrebbe includere spazio per la firma di ciascuna parte col nome, indirizzo e numero di telefono indicato sotto..

Consigli

  • Nel dubbio, fai controllare il tuo contratto da un legale.

Avvertenze

  • Dovresti consultarti con un avvocato iscritto all'albo prima di firmare qualsiasi atto che possa influenzare i tuoi diritti e le tue obbligazioni.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.