Come Aiutare una Persona Orgogliosa

Molti di noi conoscono qualcuno che ha bisogno di aiuto, ma che è troppo orgoglioso per accettarlo. L'orgoglio può assumere molte forme. Alcune persone sono fiere della loro indipendenza, mentre altre del loro aspetto. L'orgoglio, tuttavia, può interferire con la capacità di accettare aiuto da parte del prossimo. Parlando a una persona con tatto, usando la delicatezza per offrire un aiuto finanziario o sostenendola in altri modi, potresti riuscire a farle accettare il tuo supporto. Ricorda, però, che non riuscirai a convincere tutti, perciò è importante capire quando è il caso di lasciare che una persona se la cavi da sola.

Parlare con la Persona

  1. Ascolta. Se vuoi aiutare una persona orgogliosa, devi per prima cosa ascoltarla attentamente. Senti ciò che ha da dire e falle capire che la comprendi. Puoi dire "Ho capito e voglio aiutarti". In alcuni casi, quando noti che una persona orgogliosa ha un problema, ascoltando i piccoli indizi che suggeriscono la presenza di qualche disagio, puoi comprendere meglio la situazione.
    • Concedi la tua piena attenzione, metti via il telefono e spegni la televisione.
    • Annuisci e guarda la persona negli occhi mentre ti parla per farle notare che sei attento. Puoi anche provare a ripetere una breve frase che ha appena detto, in modo da dimostrare che hai capito.
    • Poni domande di chiarimento. Ad esempio, se qualche frase ti ha lasciato dei dubbi, puoi dire: "Non sono sicuro di aver capito. Puoi spiegarti meglio?".
  2. Avvicinati al problema con tatto. Dopo aver ascoltato la persona orgogliosa e aver capito di che cosa ha bisogno, puoi provare a farle approfondire l'argomento. Tuttavia, è importante che tu non la costringa a dirti troppo. Se lo facessi, potresti spingerla a chiudersi. Potresti persino farla arrabbiare e portarla a smettere di ascoltare i tuoi consigli. La allontaneresti ancora di più dall'aiuto di cui ha bisogno.
    • Prova a dire: "Mi sembra che tu stia passando un momento difficile. Ti va di parlarne?".
  3. Fai attenzione a non mettere pressione alla persona. Fare pressioni a una persona in difficoltà può spingerla a chiudersi ancora di più in se stessa. Mentre parlate, assicurati di non dirle che cosa "deve" o "dovrebbe" fare. Prova piuttosto a farla arrivare a una soluzione da sola.
    • Ad esempio, invece di dire "Dovresti fare richiesta per il sussidio di disoccupazione per dare da mangiare alla tua famiglia", potresti provare: "Hai mai pensato di richiedere il sussidio di disoccupazione per pagare le spese per il cibo della tua famiglia?".
  4. Non porre i tuoi interessi davanti a quelli della persona in difficoltà. Magari desideri che la persona cambi in un modo a te favorevole, ma potrebbe non trattarsi della soluzione migliore per lei. Se la persona avesse l'impressione che tu stia cercando di cambiarla secondo la tua visione personale, smetterebbe di ascoltarti.
    • Ad esempio, se ritieni che un amico dovrebbe cercare un lavoro migliore perché non ha possibilità di ottenere una promozione, potresti chiederti perché lui apprezza il suo lavoro. Magari gradisce il tempo libero che può dedicare ai suoi hobby.
  5. Chiedi alla persona come vuole gestire la situazione. In questo modo le permetterai di mantenere la propria dignità. Le darai anche la possibilità di considerare tutte le opzioni. Per incoraggiarla a farlo, prova a porre domande invece di dirle che cosa dovrebbe fare o pensare.
    • Ad esempio, invece di dire "Penso che tu stia sbagliando" o "Non puoi farlo", prova "E se invece facessi così?" oppure "Hai mai pensato di provare questa soluzione?".

Offrire Sostegno Finanziario

  1. Parla con la persona. Il primo passo per aiutare una persona orgogliosa che ha problemi finanziari è chiederle quale sia lo stato della situazione e che cosa sta facendo per rimediare. Puoi suggerire le strategie che hai utilizzato tu in situazioni simili prima di offrire del denaro.
    • Ad esempio, potresti dire: "Anch'io ho avuto problemi a pagare le bollette in passato e ciò che mi ha aiutato di più è stato ricevere aiuto per acquistare il cibo e per pagare il riscaldamento. Sai che è possibile ricevere degli aiuti?".
  2. Se puoi, offri del denaro apertamente. Se la persona ha davvero bisogno di soldi, potrebbe essere troppo orgogliosa per chiederteli. Tuttavia, se offri il tuo aiuto con tatto, potrebbe accettarlo. Quando offri dei soldi, se ritieni che sia appropriato, puoi far sapere all'altra persona che non vuoi essere ripagato. Per alcuni si tratterà di un sollievo, mentre altri avranno l'impressione che tu abbia pietà di loro.
    • Ad esempio, potresti dire: "Mi hai aiutato in passato quando io ho avuto dei problemi, mi concedi di ricambiare il favore?".
    • Se la persona vuole ripagarti e a te invece non interessa, puoi dire "Non preoccuparti di questo per adesso".
  3. Offri un prestito. Se la persona che vuoi aiutare è troppo orgogliosa per accettare dei soldi in regalo, puoi offrirle un prestito. Questa strategia ha dei lati negativi, perché può imporre un peso ulteriore sulle finanze già in difficoltà della persona. Fai del tuo meglio per alleviare le sue preoccupazioni, negoziando dei termini molto favorevoli, ma che prevedono comunque la restituzione della somma prestata. Anche in quel caso può essere molto difficile convincerla, quindi non insistere troppo.
    • Ad esempio, potresti dire: "Si tratta di un prestito, ma non devi preoccuparti di ripagarlo subito. Per adesso concentrati sulla tua situazione".
  4. Suggerisci di ripagare il tuo prestito in beneficienza o a un terzo. Si tratta di una tattica particolarmente efficace per le persone che sono riluttanti ad accettare persino un prestito, perché le obbliga a ripagarti in qualche modo, ma allevia il peso di dover restituire subito la somma. Potranno saldare il debito quando saranno in condizioni finanziarie migliori.
    • Ad esempio, puoi dire: "Non devi restituirmi i soldi, promettimi solo che aiuterai qualcun altro che ne ha bisogno quando ne avrai la possibilità".
  5. Dai del denaro alla persona in via anonima. In questo modo puoi risparmiarle imbarazzo e vergogna, soprattutto se è troppo orgogliosa per chiedere il tuo aiuto. Puoi anche evitare situazioni difficili tra di voi a causa del prestito o della donazione di una somma di denaro.
    • Puoi lasciare un assegno intestato alla persona in difficoltà nella sua cassetta delle lettere. Se fai parte di un'organizzazione religiosa, puoi chiedere a un responsabile se può far arrivare i soldi alla persona in via anonima.
  6. Offriti di aiutare in altro modo. Puoi aiutare la persona in difficoltà occupandoti di attività per le quali dovrebbe pagare, ad esempio facendo da babysitter, tagliandole il prato o facendole da assistente personale. Si tratta di un'ottima scelta se lei ti ha aiutato nello stesso modo in passato. Non avrà l'impressione di ricevere la carità, ma si sentirà sollevata.
    • Prova a dire "Ehi Laura! Volevo ripagarti per aver tenuto i miei figli la settimana scorsa. Posso tenere i tuoi piccoli quando hai bisogno di una babysitter?".
  7. Assumi la persona. Se la persona con problemi finanziari è disoccupata o guadagna troppo poco, puoi offrirle un impiego. Assicurati di darle uno stipendio equo rispetto a quello degli altri dipendenti. Non pagarla né di più, né di meno.
    • Ad esempio, se la persona orgogliosa ha un'impresa edile, potresti assumerla per compiere delle piccole riparazioni nella tua abitazione. Se fa l'insegnante, puoi chiederle di fare lezione ai tuoi figli.

Aiutare una Persona Orgogliosa con Altri Problemi

  1. Parla delle tue preoccupazioni con la persona orgogliosa. Se noti che un amico si isola o si comporta in modo molto diverso da quanto faceva normalmente, chiedigli come sta. Fagli sapere che può parlare con te. Gli darai la possibilità di esprimere i propri sentimenti. Potrebbe sentirsi solo, oltre a essere troppo orgoglioso per chiedere l'aiuto di qualcuno. Potrebbe avere l'impressione di dover capire da solo come risolvere la situazione; tu fagli capire che non è così.
    • È importante che tu ponga la domanda in modo che non sembri una semplice frase di circostanza. Prova a dire: "Che cosa ti succede" oppure "Ho notato che ultimamente hai dei problemi. Come posso aiutarti?".
  2. Condividi le tue esperienze se hai vissuto una situazione simile. Si tratta di un ottimo modo per far capire alla persona in difficoltà che non è da sola. Se ti sembra ansiosa o depressa, parla di una volta in cui anche tu ti sei sentito così. Se non ti è mai capitato, cerca di trovare un'esperienza quantomeno simile. Non inventare una storia. Se necessario, suggerisci il nome di un amico che possa aiutarla più di quanto sia in grado di fare tu.
    • Prova a dire: "Non so esattamente che cosa stai passando, ma ho vissuto un'esperienza simile".
  3. Dimostra il tuo sostegno. Facendo sapere a una persona orgogliosa che sei dalla sua parte, puoi darle un grande sollievo. Dandole il tuo supporto in altri modi (facendo le pulizie, tenendole i figli, ecc.) puoi alleggerire il suo peso e incoraggiarla a trovare l'aiuto di cui ha bisogno. Puoi dire "Sono qui per te" oppure "Ti richiamerò domani per sapere come va e se posso fare qualcosa per te…".
    • Ad esempio, potresti offrirti di cucinare una cena dicendo "Sto pensando di provare una nuova ricetta sabato sera, ti piacerebbe venire a casa mia a cena?".
  4. Considera di convincere qualcuno che la persona in difficoltà stima molto a parlare con lei. Molti hanno come punto di riferimento almeno un'altra persona, che si tratti di un mentore, di un professore, di un capo o di un parente carismatico. Il tuo amico potrebbe essere meglio disposto ad ascoltare una persona che stima. Trova una figura che corrisponde a questa descrizione e chiedile di avvicinarsi a lui e di convincerlo ad accettare l'aiuto degli altri. Potrebbe riuscire a spingerlo a cercare il tuo aiuto o quello di qualcun altro.

Lasciare che Facciano la propria Scelta

  1. Conosci i tuoi limiti e impara ad accettarli. In alcuni casi non siamo in grado di aiutare qualcuno, o perlomeno non possiamo farlo nel modo necessario. Se vieni respinto con aggressività o se la persona in difficoltà richiede troppo tempo o impegno da parte tua potrebbe essere il momento di fare un passo indietro. Anche se dovesse accettare il tuo aiuto, un amico non può fare miracoli. In alcuni casi sono necessari terapie e farmaci, soluzioni fuori dalla portata di un amico.
    • Ricorda che puoi dire no, se hai l'impressione che qualcuno si stia approfittando della tua gentilezza.
    • Se sei preoccupato per la salute di un amico o di un parente, potresti parlare con una persona in grado di aiutarlo, come un insegnante o uno psicologo.
  2. Proteggi il tuo spazio personale. Ciò significa che non dovresti essere troppo invadente con il tuo aiuto né permettere alla persona in difficoltà di chiederti troppo. Ciò è particolarmente importante se la persona è orgogliosa, perché aiutandola troppo, potresti darle l'impressione che tu abbia pietà di lei o che tu provi pena. Quando ne hai la possibilità, chiedi come puoi essere utile e non fare più del richiesto.
    • Ad esempio, se la persona ti ha garantito che va tutto bene, non dovresti continuare a farle pressioni perché accetti il tuo aiuto. Potresti semplicemente dire "Sono sempre disponibile se hai bisogno di me. Devi solo farmelo sapere".
  3. Rispetta le sue scelte. Per quanto tu voglia aiutare, è importante concedere alla persona in difficoltà la possibilità di decidere da sola. In ultima analisi, si tratta della sua vita ed è lei a dover decidere se accettare aiuto quando ne ha bisogno o se rifiutarlo. Un rifiuto potrebbe farti stare male, ma essere un amico significa anche saper fare un passo indietro e lasciare che le persone care seguano la loro strada.

Consigli

  • Ascolta. In alcuni casi l'orgoglio è il risultato della sensazione che le persone non ci ascoltino, perciò ci chiudiamo quando ci sentiamo incompresi. Lascia al tuo amico la possibilità di aprirsi, ascoltando attivamente ciò che dice.
  • Sii umile e fagli dei complimenti, in modo da superare la barriera del suo orgoglio.

Avvertenze

  • Se farai arrabbiare il tuo amico, potresti perderlo. Se non sei certo che la tua offerta di aiuto sia interpretata nel modo giusto, meglio lasciare che risolva da solo i suoi problemi.
  • Se l'incapacità del tuo amico di gestire la situazione ha un impatto negativo sulle persone di cui deve prendersi cura, preparati a offrire il tuo aiuto in modo più deciso. Non è giusto che delle persone soffrano per l'orgoglio di qualcun altro.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.