Come Disintossicare i Reni in Modo Naturale

La vita stressante ed impegnativa ci espone a molte tossine. Cibo poco salutare, come quello dei fast food, stimolanti come la caffeina e l’alcol, spesso mantengono le persone sveglie ed energetiche, al passo con la vita frenetica. E chi ha il compito di espellere le tossine dal nostro corpo? Un paio di organi a forma di fagiolo posti agli angoli della cavità addominale. Lavorano giorno e notte, 24 ore su 24, 7 giorni su 7, per filtrare ed espellere le tossine nocive. Tuttavia quando la quantità di tossine da espellere è troppa, i reni rallentano le loro funzioni, il che può causare calcoli renali, infezioni, cisti, tumori, fino a non farli funzionare più. Se vuoi bene ai tuoi reni inizia a leggere il primo passaggio.

Disintossicare l’Alimentazione

  1. Bevi tantissima acqua. La cosa più importante per depurare i reni regolarmente è bere molta acqua naturale pulita. Bere 10-12 bicchieri d’acqua al giorno aiuta a filtrare le tossine accumulate. La prova del nove la farai con l'urina: se è trasparente e non ha un forte odore sei nella giusta strada. Se invece l’urina è gialla o più scura significa che è concentrata. Se l’urina è trasparente o comunque molto chiara significa che i reni stanno filtrando le tossine nel modo giusto Liquidi come coca cola, caffè ed altre bevande gassate non possono sostituire l’acqua naturale, in quanto contengono zuccheri e altre sostanze che possono affaticare i reni .
    • Diversi tipi di tè e succhi di frutta possono depurare i reni, tuttavia, dal punto di vista medico, solo l’acqua pulita possiede questa proprietà. Tè e succhi di frutta possono avere sostanze benefiche come vitamine e minerali. Tuttavia, queste bevande contengono anche caffeina o zucchero, che incidono sul funzionamento dei reni. Ricorda che l’acqua è sempre la miglior soluzione.
  2. Mangia molta frutta. Frutta e verdura che contengono molto potassio aiutano a pulire i reni. Agrumi, uva, lime, arance, meloni, banane, kiwi, albicocche e prugne sono frutti ricchi di potassio. Latte e yogurt sono altri alimenti che contengono molto potassio.
    • Includere questi tipi di frutta nella tua alimentazione aiuterà a mantenere il livello di elettroliti nel sangue, il che farà sì che i reni lavorino al loro meglio. Un bicchiere di succo d’uva bevuto tutti i giorni al mattino o nel pomeriggio è ideale per eliminare l’acido urico in eccesso, un sottoprodotto della filtrazione dei reni.
    • Il consumo di alimenti ricchi di potassio deve essere equilibrato. Assumere troppo potassio può causare una condizione chiamata iperkaliemia, che può essere persino fatale o causare un arresto cardiaco. Persone con problemi ai reni non possono assumere troppo potassio. Una persona in salute può assumere fino a 4,7 grammi di potassio al giorno
  3. Non dimenticarti dei frutti di bosco! Frutti di bosco come il mirtillo rosso aiutano a depurare i reni. Il mirtillo rosso contiene un nutriente chiamato chinino, che si trasforma in acido ippurico attraverso una serie di cambiamenti metabolici nel fegato. L’acido ippurico ripulisce gli eccessi di urea e acido urico nei reni. Un bicchiere di mirtillo rosso al giorno è sufficiente per depurare i reni.
    • Studi scientifici hanno dimostrato che il mirtillo rosso è molto utile anche per curare e prevenire infezioni alle vie urinarie, poiché ha proprietà anti-batteriche.
  4. Aggiungi l’orzo alla tua alimentazione. L’orzo è un grano eccezionale usato per depurare i reni e prevenire danni causati dal diabete. L’orzo non è una cura, ma uno dei tanti cibi benefici da poter consumare per mantenere i reni sani e ben funzionanti. L’orzo è un cereale integrale e la sua farina può sostituire quella classica: consumare farina d’orzo è una buona soluzione per integrare la nostra alimentazione con questo alimento.
    • Un altro modo per assumere più orzo è di immergerne un po’ nell'acqua di notte e di berla alla mattina, a digiuno. In questo modo le tossine accumulate nei reni verranno ripulite ed eliminate. È stato anche dimostrato che il consumo regolare di orzo aiuta a mantenere i livelli di creatinina, o nel caso dei pazienti diabetici, la fa abbassare.
  5. Evita alcol, caffeina e cioccolato. Anche se i medici non hanno raggiunto un consenso su questo argomento, la lista possibile di alimenti da evitare include: alcol, caffeina, cioccolata, noci e cibi trattati. Questi cibi sono sconsigliati non per i loro effetti sui reni, ma per i loro effetti generali. Che tu voglia depurarti o no, è consigliato limitare l’uso di tali alimenti.
    • Tuttavia, devi sapere che gli studi non hanno ancora prodotto risultati evidenti e conclusivi riguardo questi alimenti e la loro influenza sui reni. Dipende da te, poiché non c’è ancora una risposta esaustiva sull'argomento.
  6. Evita le proteine. È stato dimostrato che gli unici alimenti nocivi al funzionamento dei reni sono quei cibi ricchi di proteine. Strano, eh? I cibi ricchi di proteine sono dannosi perché quando vengono digeriti e metabolizzati producono il più alto livello di tossine e rifiuti, tra cui la creatinina. La creatinina viene infatti usata come parametro per visitare i pazienti con malattie ai reni. Se i livelli di creatinina salgono, i reni avranno problemi a filtrare ed eliminare le tossine. Per questo motivo, per mantenere la creatinina bassa, occorre mangiare meno proteine.
    • Per adulti con malattie renali croniche è consigliato limitare il consumo quotidiano di proteine a soli 0,8 grammi per chilo (a seconda del peso) al giorno. Questo secondo la KDOQI (National Kidney Foundation Kidney Disease Outcomes Quality Initiative), Clinical Practice Guidelines and Clinical Practice Recommendations for Diabetes and Chronic Kidney Disease. Quindi un maschio adulto di 60 kg dovrebbe consumare solo 48 grammi di proteine al giorno. Questo equivale circa ad una braciola di maiale o una fetta di formaggio!
    • Parla con il tuo medico per prima cosa. Le proteine sono molto importanti per l’alimentazione e non devono essere eliminate, per lo meno per la maggior parte degli individui.

Sperimentare la Medicina Alternativa

  1. Prova i denti di leone. Il dente di leone è un’erba usata come conservante alimentare in molti cibi, come insalate, salse, tè, caffè e cioccolata. Il dente di leone è ricco di potassio ed ha un’azione diuretica, quindi aiuta ad eliminare l’acqua in eccesso dall'organismo.
    • Grazie alle sue proprietà depurative, puoi prendere degli integratori al dente di leone per purificare i reni.
  2. Prova l’uva ursina. È un integratore naturale eccellente per disintossicare i reni. Combatte le infiammazioni e le lacerazioni del tessuto renale causate da infezioni e calcoli. Contiene anche un glicoside, l’arbutina, che ha proprietà anti-microbiche e quindi combatte le infezioni del tratto urinario.
    • E non è finita qui! È anche un rilassante per i muscoli e combatte infiammazioni e gonfiori dei muscoli e del tratto urinario. Elimina la componente acida dell’urina e di conseguenza allevia la sensazione di bruciore causata dalle infezioni.
    • Di solito, inserire questo integratore nell'alimentazione non comporta problemi, ma le persone che assumono farmaci anti-psicotici (a base di litio) devono stare attenti. L’uva ursina può infatti interferire con il modo in cui il nostro corpo elimina il litio e potrebbe aumentarne il livello nel sangue. Quest'ultimo è estremamente tossico e potrebbe essere fatale. Quindi, i pazienti con altre comorbilità devono stare molto attenti prima di scegliere l’uva ursina per purificare i reni.
  3. Prova il tribulus terrestris (gokshura). È un integratore ayurvedico che migliora la salute dei reni e porta beneficio a coloro che soffrono frequentemente di infezioni alle vie urinarie e calcoli ai reni. Aiuta a mantenere stabile il flusso di urina e rilassa le membrane urinarie, riducendo dolore ed infiammazione. Inoltre, ha proprietà antibiotiche e combatte infezioni alla vescica.
    • Una capsula di tribulus terrestris può essere presa una o due volte al giorno per aiutare la funzione renale.
  4. Prova il crespino (barberis vulgaris). È un integratore usato da secoli per combattere i calcoli renali. Nell'omeopatia, si può trovare una tintura ricavata da quest’erba, benefica per combattere coliche renali. Tuttavia, il calcolo renale deve essere più piccolo del diametro dell’uretra, poiché un calcolo più grande può danneggiare l’epitelio dell’uretra quando viene espulso.
    • 10-15 gocce di questa tintura con dell’acqua prese 3 volte al giorno aiutano ad eliminare calcoli renali nel giro di poche settimane.
  5. Parla sempre con il tuo medico prima di assumere medicine alternative. Questi metodi detox non sono adatti a persone con scarsa salute. Non è una dieta bilanciata, non è sostenibile e deve essere seguita nel modo corretto. Inoltre, alcuni integratori non potrebbero fare al caso tuo. Per essere sicuri, occorre sempre consultare un medico.
    • Alcune medicine per la pressione o il diabete possono interferire con certi integratori e danneggiare i reni. Quindi se prendi certi farmaci devi essere molto attento. Ad esempio, medicine contro l’ipertensione come gli inibitori ACE, il ramipril, lisinopril, benazipril, aumentano i livelli di potassio nel sangue. Se hai già un’alimentazione ricca di potassio, potresti raggiungere livelli troppo alti, che sono pericolosi. Pazienti con livelli alti di creatinina devono evitare un’alimentazione ricca di proteine.
    • Quindi, un programma detox per i reni è adatto per persone in salute, ma con problemi come infezioni alle vie urinarie o calcoli renali.

Consigli

  • Solo 2 cose sono certe quando si parla di disintossicare i reni: evita cibo ricco di proteine e bevi tanta acqua.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.