Come Comprendere lo Stoicismo

Se ti è mai capitato di sentir parlare dello stoicismo e vuoi seperne di più, comprenderlo meglio o, magari, diventare tu stesso uno stoico, questo è l'articolo che fa per te.

Passaggi

  1. Informati sulle origini dello stoicismo. Si tratta di una filosofia nata in età ellenistica e fondata da Zenone di Cizio, i cui scritti sono andati perduti.
  2. Comprendi gli insegnamenti di Zenone, secondo i quali ogni sofferenza deriva dalle passioni, che per gli stoici rappresentano emozioni distruttive.
  3. Per raggiungere la vera felicità, devi ottenere il controllo delle tue passioni. Le passioni primarie sono il dolore, la paura, il desiderio e il piacere, che Zenone descrive in questo modo:
    • Il dolore è una contrazione irrazionale, che si presenta quando non otteniamo ciò che desideriamo o ci imbattiamo in ciò che temiamo.
    • La paura è un'avversione irrazionale, che anticipa ciò che appare cattivo.
    • Il desiderio è un'aspirazione irrazionale, che anticipa ciò che appare buono.
    • Il piacere è un rigonfiamento irrazionale, che si presenta quando otteniamo ciò che desideriamo o sfuggiamo a ciò che temiamo.
  4. Ogni passione primaria si può suddividere in diverse emozioni distruttive.
  5. Leggi e comprendi i testi dello stoicismo, tenendo in considerazione il periodo in cui vennero scritti. Molte opere stoiche sono andate perdute, ma, per sapere di più sul pensiero stoico, puoi leggere i seguenti testi:
    • I Pensieri (o Colloqui con se stesso) di Marco Aurelio, le Lettere a Lucilio e La brevità della vita di Seneca.
    • Stoicism, scritto da John Sellars, fornisce una buona introduzione storica allo stoicismo, accessibile e allo stesso tempo esauriente.
    • Anche la Storia della filosofia occidentale di Bertrand Russell affronta lo stoicismo. Questo libro e quello di Sellars offrono una visione dall'esterno di questa filosofia.
  6. Controlla costantemente le tue emozioni attraverso l'"assenso", cioè formulando un giudizio sulle impressioni fornite da un oggetto percepito. L'impassibilità, ossia l'indifferenza nei confronti delle emozioni, è l'ideale morale degli stoici.
  7. Conduci una vita pura e semplice, disprezzando qualunque cosa il cui scopo sia esclusivamente decorativo.
  8. Adotta una propensione alla laconicità, come l'essenzialità nel parlare e nel mangiare.
  9. Indossa vestiti semplici e comodi.
  10. Dovresti avere una certa familiarità con la povertà, perché in futuro potresti diventare povero. Essere stoico non significa che non puoi arricchirti (Seneca era senatore e Marco Aurelio imperatore), ma sostenere una visione della realtà non materialista.
  11. Con il Buddismo, lo stoicismo condivide l'idea secondo la quale l'universo materiale è sottoposto a un continuo cambiamento, e il posto occupato dagli esseri umani ricopre un'importanza molto piccola. In quanto piccola parte della natura, quindi, sei tenuto ad accettare il volere del fato.
  12. Sii felice in ogni circostanza. Gli stoici sostenevano che dovresti essere sempre felice, indipendemente da quanto ti accade. Un adagio stoico dice più o meno così: "Felice a pancia piena, felice da affamato; felice e ben riposato, felice quando sei stanco", ecc.
  13. Dal momento che la vita è breve, devi prepararti e avere familiarità con la morte, senza però temerla, perché la paura non si addice agli stoici.
  14. Il coraggio dell'anima, l'umiltà e l'onestà sono alla base della filosofia stoica, così come la compassione e la solidarietà tra esseri umani.

Consigli

  • Sii sempre pronto e non dare mai nulla per scontato, perché tutto può venirti sottratto in qualunque momento.
  • Prova a fare meditazione: molti stoici raccomandavano una forma di meditazione simile a quella buddista.
  • Per saperne di più, leggi e documentati sullo stoicismo.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.