Come Gestire uno Svenimento

Lo svenimento, o sincope, è un'improvvisa perdita di coscienza causata in genere da una rapida diminuzione del flusso sanguigno nel cervello. Esistono diversi problemi di salute che possono provocare episodi di svenimenti, tra cui anche malattie cardiache o del sistema nervoso, ipoglicemia, spossatezza e anemia. Tuttavia, è possibile che anche le persone sane ne siano colpite. Sebbene si tratti un disturbo di salute piuttosto diffuso – rappresenta circa il 6% delle visite al pronto soccorso – desta comunque una certa preoccupazione in chi ne soffre. Per questo motivo è importante riuscire a riconoscerne i segnali premonitori, imparare i possibili metodi per evitare lo svenimento e anche sapere come ottenere aiuto per restare al sicuro e vivere in modo sano.

Riconoscere e Reagire ai Segnali Premonitori

  1. Valuta se lo svenimento è imminente. Appena prima di svenire potresti manifestare diversi sintomi, definiti pre-sincope (o lipotimia). La maggior parte degli svenimenti si verifica quando si è in posizione eretta, quindi imparare a riconoscere i segnali di avvertimento può essere di aiuto per prepararsi e non riportare danni nel caso si stia veramente per perdere conoscenza.
    • I sintomi più comuni sono sbadigli, sudorazione improvvisa, nausea, respirazione accelerata e profonda, stato confusionale, vertigini, visione offuscata o macchie davanti agli occhi, ronzio nelle orecchie.
  2. Reagisci velocemente ai sintomi. I segnali possono presentarsi molto rapidamente e con pochissimo preavviso. Se manifesti i sintomi descritti sopra, è opportuno prendere delle misure "antigravità" che, se vengono messe in atto appena prima della sensazione di svenimento, possono anche evitare che questo si verifichi.
    • I medici consigliano di sdraiarsi o sedersi con la testa tra le ginocchia. Questa posizione aiuta a ripristinare la normale circolazione del sangue verso il cervello ed evitare lo svenimento.
    • Se sei in piedi, puoi anche incrociare le gambe e contrarre i muscoli addominali. Questa soluzione può essere efficace se ti trovi in un ambiente affollato e non hai la possibilità di sdraiarti subito.
  3. Preparati alla perdita di coscienza. In questo modo puoi metterti al sicuro e in un luogo privo di pericoli per quando sverrai. Cerca di parlare con qualcuno nei paraggi, spiegagli ciò che sta per succedere e chiedi aiuto; prova a distenderti o cerca un sostegno appoggiandoti a un muro per prepararti. Se ti trovi su delle scale o in un'altra circostanza precaria, siediti e aggrappati subito alla ringhiera o a un sostegno.
    • Se svieni, il sangue torna naturalmente al cervello e puoi recuperare lo stato di coscienza in due minuti o meno.
  4. Riprendi lentamente le tue attività. È normale sentirsi debole e confuso per 20-30 minuti dopo un episodio di svenimento. Resta calmo quando riprendi coscienza. Cerca inoltre di restare per un po' sdraiato sulla schiena per consentire al sangue di tornare al cervello. Bevi anche dell'acqua per idratarti.

Prevenire lo Svenimento Senza Farmaci

  1. Individua la causa. Gli svenimenti non indicano necessariamente un grave problema di salute. Infatti le cause possono essere diverse, come ansia, paura, stress emotivo, fame o anche l'assunzione di droghe o alcol. Se pensi che il tuo disturbo sia causato da uno di questi fattori, puoi prendere delle misure per evitare futuri episodi.
  2. Previeni lo svenimento idratandoti. Questo è il modo migliore per evitare di perdere coscienza senza l'uso di farmaci. L'ideale sarebbe bere più acqua, ma dovresti anche eliminare tutte le bevande a base di caffeina. Quando sei adeguatamente idratato, hai uno stimolo regolare della minzione e produci un'urina di colore chiaro, non scuro.
    • La caffeina agisce sul cuore, aumentando il rischio di episodi di svenimento. Se bevi grandi quantità di bevande caffeinate, dovresti ridurle gradatamente, per evitare di avere mal di testa.
    • Il fabbisogno giornaliero di fluidi dipende da vari fattori tra cui il livello di attività, il clima, la condizione di salute in generale e se in gravidanza o allatti.
    • Gli esperti consigliano di bere 60 ml di acqua per ogni chilo di peso corporeo, fino a un massimo di 3,5 litri.
    • Anche dei pasti regolari possono aiutarti a ridurre la sensazione di vertigini e il rischio di svenimenti, grazie all'aumento dello zucchero nel sangue.
  3. Metti in atto delle tecniche di rilassamento. Se la causa dei tuoi svenimenti è da attribuire all'ansia o allo stress, queste tecniche possono aiutarti a evitarli. Puoi provare a contare i respiri, a contrarre e rilassare i diversi gruppi muscolari e prestare attenzione al momento presente anziché concentrarti sul futuro o sul passato.
    • Evita di trovarti in situazioni stressanti e fai del tuo meglio per allontanarle quando si presentano. Impara a restare calmo e mantieni la fiducia in te stesso per superare la sensazione di ansia.
  4. Non bere troppi alcolici e non fare uso di droghe. Molte persone che consumano alcool mostrano un viso arrossato; questo è causato dal sangue che percorre i vasi sanguigni superficiali della pelle. In tal modo, il sangue si allontana dal cervello, causando episodi di svenimento. Inoltre un consumo esagerato di alcolici provoca disidratazione, che a sua volta innesca la sincope. Anche le droghe illegali, soprattutto quelle stimolanti come la cocaina e l'ecstasy, possono indurre gli svenimenti e dovresti evitarle.

Consultare il Medico

  1. Cerca di capire se hai problemi di salute. Anche se gli svenimenti non sempre sono correlati a malattie, è però possibile che la causa sia da attribuire a delle patologie. Per stabilirlo, è necessario recarsi dal medico per una visita. Dovresti sottoporti a un controllo medico se svieni durante dell'attività fisica, se congiuntamente alla perdita di conoscenza manifesti un battito cardiaco accelerato o se hai familiarità con questo disturbo. Devi contattare il medico anche se hai sincopi frequenti.
  2. Informa il medico in merito alla tua storia clinica. Egli ti porrà una serie di domande per capire la causa del tuo problema. Vorrà sapere anche le situazioni in cui ti trovi quando svieni, quanto tempo durano gli episodi, quanto velocemente torni alla normalità e altri sintomi che manifesti durante gli attacchi. Il medico potrà inoltre prescriverti diversi esami per capire la causa del disturbo.
    • Ti sottoporrà a un elettrocardiogramma, se sospetta che la causa sia un problema cardiaco.
    • Dovrai fare un elettroencefalogramma se il medico teme che ci siano problemi correlati al cervello.
  3. Attieniti alle indicazioni del medico. Potrebbe anche stabilire che i farmaci non sono necessari. Non ci sono medicine che trattano lo svenimento in sé, quindi potrà indicarti una terapia per curare la causa di fondo. Potrà prescriverti dei medicinali per l'ipoglicemia, le convulsioni, l'anemia o l'ipotensione.
    • Se ti vengono prescritti dei farmaci, assicurati di assumerli scrupolosamente secondo le indicazioni del medico.

Consigli

  • Tieni traccia del tempo in cui resti incosciente (chiedi l'aiuto di una persona, se possibile). Il personale medico vorrà saperlo per formulare una diagnosi più accurata.
  • Quando senti che stai per svenire, hai circa 15-30 secondi di tempo per prendere delle misure "antigravità".
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.