Come Curare il Trisma

Il termine "trisma" indica degli spasmi dei muscoli masseteri (presenti nella mandibola) causati dall'infezione tetanica. Il tetano è una malattia grave e in tutti i casi deve essere sempre gestita da personale medico. Oltre alle indicazioni del dottore, ci sono alcuni rimedi che puoi seguire per gestire il dolore e gli spasmi mandibolari.

Cercare Aiuto Medico

  1. Informati in merito a questa contrattura spastica muscolare. Il termine "trisma" indica una serie di spasmi di natura tetanica a carico dei muscoli masseteri che si trovano nella mandibola. Il tetano è un'infezione batterica che provoca dolorose contratture ai muscoli; non esiste una cura e il 10-20% dei casi termina con un decesso, per questo motivo la vaccinazione preventiva è l'arma più efficace.
    • Attualmente, la maggior parte delle persone viene vaccinata quando è ancora giovane, quindi la malattia è piuttosto rara. La protezione offerta dall'iniezione dura 10 anni, quindi prima o poi è necessario un richiamo per mantenere l'immunità.
    • L'infezione non è contagiosa; si contrae attraverso una ferita aperta, di solito profonda, che permette ai batteri presenti nell'ambiente di penetrare nell'organismo. Questo è il motivo per cui a ogni paziente che si presenta al pronto soccorso con una ferita profonda vengono chieste informazioni in merito alla vaccinazione antitetanica.
    • I sintomi del tetano iniziano a manifestarsi circa una settimana dopo l'infezione. Oltre agli spasmi alla mandibola (il trisma appunto), gli altri sintomi sono cefalea, febbre, sudorazione, irrequietezza, difficoltà di deglutizione, irritabilità ed espressioni facciali anomale, causate dalla rigidità e dalle contratture muscolari.
  2. Vai prima possibile in ospedale. In teoria, dovresti essere visitato non appena c'è una potenziale esposizione al batterio. Di solito, questo accade quando ti ferisci in maniera profonda e l'infezione rappresenta un rischio reale; per i medici del pronto soccorso è un protocollo standardizzato informarsi in merito all'ultima vaccinazione antitetanica dei pazienti. Se non ti sei sottoposto all'iniezione da oltre dieci anni, ti verranno iniettate le immunoglobuline contro il tetano e in seguito il vaccino.
    • Le immunoglobuline vengono somministrate con un'iniezione intramuscolare. La soluzione contiene le IgG, degli anticorpi sintetizzati dall'organismo umano per sbarazzarsi di tutte le tossine prodotte dal batterio che causa il tetano. In questo modo, si rafforza il sistema immunitario per aiutarlo a superare l'infezione.
    • Il dosaggio raccomandato per i bambini e gli adulti è di 250 unità per via intramuscolare. A volte, viene somministrato un leggero anestetico locale per ridurre il dolore associato all'iniezione, che deve essere sempre eseguita sotto controllo medico.
    • Il personale sanitario pulirà accuratamente la ferita e rimuoverà ogni corpo estraneo presente al suo interno, per ridurre le probabilità di sviluppare l'infezione.
    • Ricorda che, se stai già mostrando i sintomi del trisma, significa che hai temporeggiato troppo a lungo prima di cercare aiuto medico. Tuttavia, il dottore ti sottoporrà comunque all'iniezione, sebbene sia meglio eseguirla prima (le immunoglobuline sono in qualche modo efficaci anche in seguito).
  3. Prova dei farmaci. Per gestire il dolore associato agli spasmi, il medico potrebbe consigliarti l'ibuprofene o il naprossene. Queste medicine riducono l'infiammazione presente nel tessuto articolare e alleviano il dolore.
    • Potrebbero esserti prescritti anche dei miorilassanti, come il carisoprodol, per darti sollievo dalle contratture muscolari alla mandibola e nelle altre parti del corpo.
    • Il medico a volte prescrive anche degli antibiotici per sconfiggere l'infezione, oltre a somministrare le immunoglobuline che sono una prassi in tutti i casi di trisma.
    • Potresti inoltre dover prendere dei sedativi per cercare di sopportare gli spasmi. La respirazione e il battito cardiaco possono essere alterati dalle contrazioni muscolari e dall'assunzione dei sedativi stessi. Tuttavia, nei casi molto gravi, è necessario il ricovero ospedaliero anche nel reparto di terapia intensiva. Queste strutture sono l'ideale per i pazienti in condizioni critiche, perché permettono il monitoraggio costante delle funzioni vitali, come la respirazione e il battito cardiaco, fino alla completa guarigione.

Usare Rimedi Casalinghi per Gestire i Sintomi

  1. Prova il massaggio. Massaggiando i muscoli masseteri e l'articolazione mandibolare puoi provare un po' di sollievo dal dolore. Applica una leggera pressione ai muscoli della mandibola e strofinali per alleviare il disagio.
    • Con l'aiuto del dito indice e del medio, strofina le guance fino a trovare il punto dolente sulla mandibola. Massaggia quindi la zona per trenta secondi, seguendo un movimento circolare con le dita. Fai attenzione e non premere troppo forte. Dovresti applicare la giusta forza per innescare il rilassamento senza causare dolore.
  2. Usa il calore. La terapia del calore è perfetta per rilassare i muscoli e ti permette di liberarti delle contratture aumentando l'apporto di sangue. Usa una borsa dell'acqua calda o uno scaldino e applicalo sulla zona interessata. Tieni l'impacco sul sito dolorante per circa mezz'ora.
    • Presta attenzione a non utilizzare una fonte di calore troppo forte, perché potresti ustionarti.
  3. Raffredda la zona. Gli impacchi di ghiaccio, in combinazione con quelli caldi, rappresentano un rimedio perfetto. Appoggia la borsa del ghiaccio sulla mandibola per 5-10 minuti dopo il trattamento con il calore e alterna i due impacchi.
  4. Tieni presente che questi rimedi casalinghi non sostituiscono le cure mediche. Devi utilizzarli solo per ridurre il dolore causato dagli spasmi mandibolari innescati dall'infezione tetanica; ricorda che la somministrazione delle immunoglobuline e l'intervento medico sono la chiave per guarire.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.