Come Riconoscere i Sintomi delle Malattie Sessualmente Trasmissibili (per Adolescenti)

Una malattia sessualmente trasmissibile (MST), conosciuta anche come infezione trasmessa sessualmente (ITS) o malattia venerea, può essere un disturbo innocuo e curabile, ma anche una patologia mortale. È importante riconoscere i sintomi e trattarli. I principali sono secrezioni, piaghe, gonfiore delle ghiandole, febbre e spossatezza. Dato che in alcuni casi i sintomi non si manifestano, è fondamentale sottoporsi agli esami del caso, se sei sessualmente attivo. Se sai di avere contratto una di queste malattie, devi assolutamente seguire le indicazioni del medico per curare l'infezione e prendere tutte le misure preventive per evitare di diffonderla.

Individuare i Sintomi

  1. Parla con il medico o rivolgiti a una clinica per sottoporti agli esami. Alcune malattie sessualmente trasmissibili non mostrano sintomi ed è possibile diagnosticarle solo attraverso un test. Se sei preoccupato di avere contratto una MST, questa è la cosa migliore da fare. Anche i minorenni possono eseguire il test in pieno anonimato e senza che i genitori ne siano al corrente. Se vuoi avere maggiori dettagli, puoi rivolgerti al medico di famiglia, a un consultorio o all'ASL di competenza. Gli esami più comuni a cui puoi sottoporti sono:
    • Test dell'urina. Il medico potrà prescriverti questo esame per determinare se sei affetto da clamidia o gonorrea, le due MST più diffuse. Ti verrà chiesto di urinare in un contenitore che verrà inviato a un laboratorio per eseguire le analisi..
    • Esame del sangue. Viene prelevato un campione di sangue per determinare la presenza di sifilide, herpes genitale, HIV ed epatite. Un infermiere inserisce un ago nella vena per estrarre un campione di sangue e sottoporlo alle analisi del caso.
    • Pap test, se sei una donna. Per quelle che sono asintomatiche, questo è il solo modo di diagnosticare il virus del papilloma umano (HPV). Se dall'esame si riscontrano risultati anomali, verrà eseguito un test del DNA per rilevare la presenza dell'infezione. Si tratta dell'unico esame possibile per le donne. Attualmente, non esiste ancora alcun test attendibile per diagnosticare l'HPV negli uomini.
    • Test del tampone. Si applica un tampone sulla zona infetta per determinare la presenza di tricomoniasi. Il medico strofina un cotton fioc sull'area colpita e lo invierà al laboratorio per le analisi. Dato che solo il 30% delle persone affette da questa malattia manifesta i sintomi, sottoporti al test è spesso il solo modo per sapere se hai contratto l'infezione. Il test del tampone viene a volte eseguito anche per diagnosticare la clamidia, la gonorrea e l'herpes genitale.
  2. Fai attenzione se hai difficoltà a urinare e mostri un'insolita perdita di secrezioni. Il loro colore, consistenza e odore, oltre al dolore durante la minzione, possono aiutare a individuare il tipo di MST che hai contratto. Solo tu conosci il tuo corpo, ma se pensi di presentare delle perdite insolite o delle alterazioni nella minzione, sappi che potrebbero essere segno di:
    • Gonorrea. Si manifesta sia negli uomini sia nelle donne con un aumento delle secrezioni dagli organi genitali (in genere di colore bianco, giallo o verdastro) o con una sensazione di bruciore durante la minzione. Le donne possono anche avere delle mestruazioni irregolari e gonfiore alla vulva. Quattro donne su cinque e un uomo su dieci hanno la gonorrea e non presentano sintomi.
    • Tricomoniasi. Può manifestarsi in entrambi i sessi con bruciore durante la minzione; le donne possono anche riportare odore insolito e perdite vaginali (bianche, trasparenti o giallastre). Tuttavia, circa il 70% delle persone che ne sono affette non manifesta alcun segno o sintomo.
    • Clamidia. Possono soffrirne uomini e donne, che presentano secrezioni genitali o dolore durante la minzione. Le donne possono anche lamentare dolore addominale e un bisogno di urinare più urgente del solito. Tieni presente che il 70-95% delle donne e il 90% degli uomini che hanno sviluppato quest'infezione non presentano sintomi.
    • Vaginosi batterica. Colpisce le donne che presentano perdite vaginali lattiginose e dall'odore simile a quello del pesce.
  3. Osserva gli sfoghi cutanei e le vesciche. Se si formano in specifiche parti del corpo, potrebbero essere segno di una MST. Sii particolarmente attento alle eruzioni e vesciche che si formano sui genitali o in bocca, perché sono quelle che vengono associate più frequentemente alle malattie sessualmente trasmissibili. Se presenti uno sfogo di questo tipo, rivolgiti al medico o fatti visitare in un consultorio familiare il prima possibile, per ottenere una diagnosi accurata.
    • Le piaghe indolori che si sviluppano sia negli uomini sia nelle donne potrebbero indicare la sifilide nel suo primo stadio. Queste vesciche (chiamate ulcere) si formano solitamente nell'area genitale e appaiono da tre settimane a tre mesi dopo aver contratto l'infezione.
    • Se si formano delle vesciche o piaghe dolorose nell'area genitale o in bocca, potrebbero essere un segno di herpes genitale per entrambi i sessi. Solitamente, queste lesioni si formano precocemente, già due giorni dopo aver contratto la malattia, e possono durare una o due settimane.
    • Quando uomini o donne indistintamente manifestano le verruche genitali, potrebbero aver contratto il virus del papilloma umano. Queste appaiono come piccole escrescenze o gruppi di rigonfiamenti nell'area genitale. Possono essere grandi o piccole, rilevate o piatte e persino a forma di cavolfiore. L'HPV è l'infezione sessualmente trasmissibile più diffusa e quasi tutte le persone che hanno rapporti intimi possono infettarsi a un certo punto della loro vita.. Nella maggior parte dei casi, l'HPV sparisce da solo, ma quando ciò non avviene, alcuni ceppi del virus possono anche portare al cancro alla cervice nelle donne.
  4. Osserva i sintomi simil-influenzali. A volte, è difficile riconoscere determinate MST, perché i sintomi sono simili alla normale influenza. Tra questi ci sono: tosse o mal di gola, rinorrea o naso chiuso, brividi, spossatezza, nausea e/o diarrea, mal di testa o anche febbre. Se presenti questa sintomatologia, devi parlarne con il medico per capire se hai effettivamente l'influenza o se si tratta di qualche MST.
    • Per esempio, se presenti i sintomi simili all'influenza dopo un rapporto sessuale, potresti aver contratto la sifilide o anche l'HIV, indipendentemente dal fatto che tu sia uomo o donna.
  5. Controlla se le ghiandole sono gonfie e se hai febbre. Si tratta di sintomi associati ad alcuni tipi di MST. Per esempio, se le ghiandole sono dolenti, provi dolore quando le premi e hai la febbre, potresti soffrire di herpes genitale. Generalmente, si gonfiano le ghiandole che si trovano in prossimità del sito dell'infezione; quindi, a seguito di un'infezione genitale potresti notare che quelle inguinali sono più grosse.
    • In caso di herpes genitale, i sintomi di solito appaiono da due a venti giorni dopo l'infezione.
  6. Nota un senso di spossatezza. Ci sono molte ragioni per cui una persona può sentirsi stanca. Tuttavia, se manifesti questo sintomo, oltre a inappetenza, dolori articolari e addominali, nausea o itterizia, potresti aver contratto l'epatite B.
    • Mediamente, un adulto su due che contrae questa malattia non manifesta mai dei sintomi, ma quando si verificano, generalmente compaiono tra le 6 settimane e i 6 mesi successivi all'infezione.
  7. Identifica un insolito prurito. Alcune MST possono provocare una sensazione di prurito o bruciore nella regione genitale, presta quindi attenzione a questi sintomi. Per esempio, se provi prurito o irritazione all'organo sessuale, potrebbe essere segno di tricomoniasi negli uomini o di vaginosi batterica nelle donne. Anche la clamidia può causare prurito, soprattutto nella zona anale.
    • Quando si manifestano, i sintomi della tricomoniasi appaiono da 3 a 28 giorni dopo il contagio..
    • Se la vaginosi batterica presenta dei sintomi, questi possono manifestarsi da dodici ore a cinque giorni dopo l'esposizione agli agenti patogeni. Le donne possono contrarre questa infezione anche in altri modi che non siano rapporti sessuali (per esempio usando i dispositivi intrauterini, fumando o facendo frequenti bagni con schiuma); per questo motivo, è ancora in discussione la sua classificazione come MST.

Trattare e Prevenire le Malattie Sessualmente Trasmissibili

  1. Vai dal medico. Se temi di esserti contagiato, fissa immediatamente un appuntamento con il dottore oppure vai in un consultorio familiare. Una cura tempestiva è fondamentale con questo tipo di patologie, per evitare che si diffonda e che possano sorgere problemi a lungo termine. Se vengono trascurate, alcune malattie veneree possono causare gravi danni nel lungo periodo, come perdita dei capelli, artrite, infertilità, difetti congeniti, tumore e, anche se raramente, la morte.
  2. Attieniti alle istruzioni per curare l'infezione. Alcune di queste possono essere trattate con antibiotici, mentre altre non possono essere curate. A prescindere dalla situazione specifica, è però importante seguire le indicazioni del medico per gestirla. Se ti è stata diagnosticata una malattia sessualmente trasmissibile, il medico ti informerà in merito alle possibili terapie a disposizione e ti darà consigli per evitare di diffonderla alle altre persone.
    • Il dottore potrebbe prescriverti dei medicinali per trattare l'infezione o almeno per controllare la gravità dei sintomi.
    • Sappi che non esiste alcuna cura per l'HIV/AIDS, l'epatite B o l'herpes. Tuttavia, ci sono delle terapie per alleviare il disagio.
  3. Fai tutto quello che è in tuo potere per evitare il contagio. Ci sono molti modi per ridurre il rischio di infettarsi. Scegli il metodo più adatto al tuo stile di vita. Le tecniche a tua disposizione includono:
    • L'astinenza. L'unica maniera certa per non contrarre una malattia venerea è quella di astenersi da ogni attività sessuale orale, vaginale e anale.
    • Usa una protezione. Se hai rapporti sessuali, usa un profilattico di lattice per ridurre al minimo il rischio di contagio.
    • Sii monogamo. Una delle tecniche più affidabili consiste nell'impegnarsi in una relazione reciprocamente monogama. Parla con il tuo partner in merito alla possibilità di eseguire dei test prima di avere rapporti sessuali.
    • Sottoponiti ai vaccini. È possibile vaccinarsi contro l'epatite B e il papilloma virus umano. In questo modo, sei certo di non contrarre queste malattie, anche se dovessi entrare in contatto con un partner sessuale infetto. Il vaccino contro l'epatite B viene in genere somministrato ai neonati alla nascita, ma verifica il tuo stato vaccinale. Quello per l'HPV consiste in tre iniezioni che proteggono contro i ceppi più comuni del virus.

Avvertenze

  • Molte persone affette da malattie veneree sono del tutto asintomatiche, cioè non presentano alcun disturbo evidente. L'unico modo per accertarsi della presenza dell'infezione è quello di sottoporsi a un test presso l'ambulatorio del medico.
  • Se non pratichi sesso sicuro, puoi infettare gli altri.
  • Le malattie sessualmente trasmissibili possono causare gravi danni all'organismo, devi quindi cercare un aiuto medico immediato, se sei infetto. Se vengono trascurate, queste malattie possono portare all'infertilità (impossibilità di avere figli), aumentano il rischio di determinati tumori e possono essere trasmesse ai partner futuri.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.