Come Addestrare un Gatto al Guinzaglio

Addestrare un gatto abituato a vivere in casa a camminare al guinzaglio gli permette di sentirsi sicuro anche nei grandi spazi aperti. Addestrarlo al guinzaglio può anche essere un buon trampolino di lancio se alla fine vorrai aiutarlo a uscire di casa liberamente senza controllo. Quando gli insegni a uscire con un guinzaglio, devi ricordarti che la vita all'aria aperta all'inizio potrebbe sembrargli stressante, se è abituato a stare sempre al chiuso. I primi tempi dovrai entrare in sintonia con il tuo animale ed essere paziente, se ti sembrerà allarmato o in preda al panico. Ci vorrà del tempo perché il gatto si senta a proprio agio indossando un'imbracatura per uscire, quindi affronta la cosa con calma e premialo con molte lodi e tanti dolcetti. Continua a leggere per imparare come educare il tuo gatto a esplorare gli spazi aperti in sicurezza.

Scegliere l'Imbracatura

  1. Prendi le misure del gatto. Per riuscire a portarlo a passeggio con te, devi trovare un'imbracatura specifica e di qualità; non usare mai guinzaglio e collare. Se lo porti a camminare con collare e guinzaglio, cosa che alcuni gatti amano fare, sappi però che puoi provocargli danni alla trachea, alla laringe con conseguenti gravi problemi di deglutizione. La pettorina invece distribuisce la forza in modo equilibrato tra le spalle, il petto e la pancia del gatto, rendendo meno probabili possibili ferite o infortuni.
    • Per calcolarne la giusta taglia, prendi nota della circonferenza del petto del gatto, proprio dietro le zampe anteriori. È questa misura che devi comunicare al commesso quando acquisti l'attrezzatura.
  2. Scegli una pettorina. Quasi tutti i modelli sono realizzati con cinghie regolabili progettate per adattarsi sia ai gattini più piccoli che a quelli adulti e sono realizzati in nylon o in neoprene. Alcune imbracature sono disponibili anche con mezze taglie per adattarsi alle misure del micio.
    • Devi metterla sul corpo del gatto in modo che non comprima né stringa nessuna parte, ma allo stesso tempo non deve essere troppo allentata e larga da scivolare. Se indossata correttamente, dovresti riuscire a mettere solo due dita sotto la fascia.
    • Non usare mai l'imbracatura per bloccare l'animale quando vai in macchina; non è un accessorio progettato per proteggere i gatti in caso di un incidente d'auto.
  3. Scegli il guinzaglio. I gatti hanno esigenze diverse rispetto ai cani, quindi assicurati di sceglierne uno con attenzione e che sia adeguato alle specifiche caratteristiche dell'animale.
    • Alcune marche producono guinzagli più leggeri progettati specificamente per i gatti, dato che questi felini in genere sono meno pesanti e forti dei cani.
    • I guinzagli elastici sono l'ideale per i gatti, perché si allungano abbastanza da permettere all'animale di vagare un po' in modo sicuro.
    • Evita quelli estensibili (in genere venduti per i cani), perché sono poco adatti per il felino e possono ferirlo.

Permettere al Gatto di Abituarsi alla Pettorina

  1. Fai indossare l'imbracatura al gatto per brevi periodi all'inizio. Prima di riuscire a portarlo fuori, devi abituarlo a tenere la pettorina per un po'.
    • Inizia mettendogliela per brevi periodi di tempo ogni giorno per alcuni giorni. I primi tempi dovrai lasciargliela solo per pochi minuti aumentando gradatamente.
    • Premia e loda molto il gatto quando l'indossa e quando riesce a camminare con essa.
    • Dovresti arrivare a farlo sentire completamente a suo agio tenendo l'imbracatura anche in casa al punto da non accorgersi neppure più di averla.
  2. Aggancia il guinzaglio alla pettorina. Una volta che il gatto si sente a proprio agio, inizia a mettere il guinzaglio.
    • Le prime volte lascia il guinzaglio libero agganciato alla pettorina. Invita il gatto a camminare con il guinzaglio attaccato offrendogli dolcetti e facendogli molti complimenti e carezze.
  3. Inizia ad addestrarlo a camminare con l'imbracatura e il guinzaglio. Quando il gatto diventa tranquillo anche con il guinzaglio alle spalle mentre cammina, puoi prendere il guinzaglio e incoraggiare nuovamente l'animale a camminare; ora però sei tu che lo tieni al guinzaglio.
    • Offrigli sempre dei dolcetti, dei premi e lodalo quando inizia a farsi guidare al guinzaglio. Cerca però di non tirare o trascinare il gatto quando ti muovi, ma concedigli di seguire la sua andatura e di camminare di sua spontanea volontà.

Aiutare il Gatto a Camminare all'Aperto

  1. Inizia lentamente. Non forzarlo mai per uscire. La prospettiva di andare all'esterno può essere molto traumatica per alcuni gatti, quindi se vedi che il tuo è riluttante a seguirti all'aperto, non insistere.
    • Se il micio è insicuro e timoroso di uscire, prova a lasciare la porta aperta in modo che inizi ad abituarsi e si prenda il suo tempo. Se vedi che non vuole proprio avventurarsi, prova di nuovo un altro giorno e sii paziente; potrebbe essere un processo che richiede del tempo.
  2. Aiutalo ad affrontare il mondo. Quando il gatto è pronto agli spazi aperti, seguilo continuando a incoraggiarlo con dolcetti e lodi.
    • Fai un percorso breve, non più di cinque minuti. Se resti fuori più a lungo rischi che il gatto si senta sopraffatto e sia meno disposto a uscire ancora in futuro.
    • Aspetta che sia un giorno senza pioggia. Se piove oppure ha piovuto di recente, molti dei normali odori che il gatto dovrebbe usare per ambientarsi sono lavati via e l'animale potrebbe avere difficoltà a orientarsi.
  3. Portalo fuori regolarmente. Aumentare gradualmente la durata della passeggiata permette al gatto di rimanere all'aperto e di inserire le camminate nella sua normale routine quotidiana.
    • Man mano che si sente sempre più a suo agio all'aperto, puoi anche concedergli di allontanarsi un po' da te, se vuole. Seguilo alla distanza che ti permette il guinzaglio.

Avvertenze

  • È obbligatorio vaccinare il gatto se pensi di portarlo all'aperto (ed è comunque altamente consigliabile, anche se lo tieni sempre in casa). Malattie come il cimurro sono trasmesse da un virus che può restare inerte nell'ambiente per settimane, ma se il gatto entra in contatto con un altro micio infetto, può ammalarsi. Parla con il veterinario in merito ai vaccini più adatti per la tua zona specifica.
  • I gatti sono animali cauti per natura e probabilmente paurosi se messi di fronte a stimoli sconosciuti. Quando porti fuori il tuo animale, sii preparato al fatto che può cercare di correre e nascondersi. Tienilo saldamente al guinzaglio e stagli vicino, offrendogli dolcetti, tante coccole e lodi di incoraggiamento.
  • Ricordati che un gatto si comporta in modo diverso da un cane. Non aspettarti che ti rimanga accanto trotterellando allegramente durante la passeggiata, perché molto probabilmente non lo farà. Addestrare un gatto al guinzaglio ha sostanzialmente lo scopo di permettergli di andare all'aperto in modo sicuro e controllato, non per insegnargli a essere un sostituto del cane.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.