Come Evitare di Essere un Disadattato Sociale

La goffaggine sociale nasce dalla sensazione di non sembrare "normali" o "socialmente adeguati" agli occhi degli altri. Questo senso di inadeguatezza si presenta quando si ha paura del giudizio altrui, ma viene generato anche dalle aspettative sociali. Può quindi impedire di interagire in maniera sana con le persone nel timore di essere ridicolizzati o addirittura esclusi. Se ti rendi conto che in realtà tutti hanno paura di risultare goffi in pubblico e che esistono diversi modi per superare i momenti di imbarazzo con grazia e sicurezza, sarai sulla strada giusta per vivere serenamente le interazioni interpersonali, senza più temerle.

Modificare la propria Predisposizione Mentale

  1. Ricorda che non sei il solo. Forse pensi che chiunque (tranne te) se la cavi benissimo con gli altri, ma in realtà quasi tutti hanno paura di fare figuracce in pubblico. Tutti temono di non piacere agli altri, ci tengono a fare una buona impressione e non vogliono annoiare la gente.
    • Forse pensi che alcune persone trasudino sicurezza da tutti i pori, senza mai preoccuparsi di quello che pensano gli altri, ma la verità è che tutti sono insicuri per quanto riguarda certi aspetti delle interazioni sociali. Tutti vogliono essere apprezzati e avere amici.
  2. Interrogati sulle origini di queste sensazioni e di questi timori. Nella maggior parte dei casi, questa sensazione nasce dall'ansia, dalla paura, dall'insicurezza o da una bassa autostima. Se sei disposto a superare i tuoi limiti poco a poco e a trovare dei modi per coltivare una buona autostima, puoi affrontare ciascuna di queste cause. Ogni volta che ti senti a disagio, cerca di individuare la ragione che ha scatenato questa sensazione, in modo da poterla fronteggiare direttamente. Prima scopri qual è la vera causa, prima riuscirai a combatterla.
    • Il disagio sociale può avere molte altre ragioni, come aver avuto brutte esperienze passate, sentirsi incompresi, avvertire una certa pressione in alcune situazioni (per esempio al lavoro, con i colleghi, con i genitori e così via) o non capire le motivazioni e i comportamenti degli altri.
  3. Impegnati a sconfiggere la timidezza. Essere timido può inibirti molto dal punto di vista sociale. La timidezza può presentarsi in diversi modi: forse si manifesta con tutti o magari solo quando ti trovi in certi gruppi. Per paura di metterti in imbarazzo, sei riluttante a interagire . Puoi però fare degli sforzi per sentirti più rilassato quando interagisci con gli altri e uscire un po' di più dal tuo guscio.
    • Se sei timido, forse vuoi partecipare agli eventi sociali, ma hai paura di sentirti in imbarazzo o di essere escluso.
    • Leggi questo articolo per saperne di più: ti renderai conto che la timidezza è assolutamente gestibile.
  4. Smetti di preoccuparti del giudizio altrui. Sembra più facile a dirsi che a farsi, ma smettere di pensare a come vieni percepito dagli altri è fondamentale per non sentirti a disagio. Quasi tutti si preoccupano del giudizio altrui: non appena inizi a innervosirti perché hai paura di che cosa pensano gli altri, può esserti utile ricordarlo . Se pensi esclusivamente al giudizio di chi hai di fronte, non sarai mai in grado di rilassarti o di goderti un'interazione sociale. Una volta che ti sarai liberato di queste preoccupazioni, sarà più facile essere te stesso, parlare con calma e naturalezza.
    • Ricorda a te stesso quali sono le opinioni che contano davvero. Non hai fatto una bella impressione su uno sconosciuto, ma rivedrai mai questa persona? Per quanto riguarda gli amici, quelli veri ti rimarranno accanto, anche se dovessi commettere errori.
  5. Cerca di capire se sei affetto da ansia sociale. È un disturbo che impedisce di affrontare con normalità la vita quotidiana, tra cui scuola, lavoro o eventi sociali. Una persona che soffre di ansia sociale tende a frequentare solo familiari e amici fidati, evitando tutte le altre relazioni interpersonali. Chi ne è affetto, ha la paura costante di essere squadrato dagli altri per essere umiliato o messo in imbarazzo .
    • Per saperne di più sull'ansia sociale e su come trattarla, leggi questo articolo.
  6. Riconosci le sensazioni che si presentano. Cerca di capire in quali momenti ti senti a disagio. Se quando provi imbarazzo o ansia riesci ad avere una buona consapevolezza delle tue sensazioni corporee, puoi sentire l'adrenalina scorrere e farti avvertire l'esigenza di scappare o nasconderti.
    • Cerca di osservare se si presentano sensazioni insolite: avere caldo, sudare, agitarti, sentirti inquieto o non sapere che cosa fare con il tuo corpo, come se fosse un peso e non riuscissi a muoverti con naturalezza. Esamina i tuoi pensieri e prova a capire se tendi a criticare ferocemente il tuo rendimento sociale. Inoltre, tieni sotto controllo le tue emozioni, che tu ti senta indifeso o incapace. Entra in sintonia con queste sensazioni, in modo da imparare a riconoscerle.

Usare Tecniche di Rilassamento

  1. Prova a dialogare con te stesso. Il dialogo interiore ti aiuterà a concentrarti sulle tue priorità. Ti spronerà a ritrovare la calma anziché preoccuparti del giudizio altrui, in modo da poter trasmettere una maggiore serenità mentale . Ecco alcune frasi che possono aiutarti a superare i momenti di ansia sociale:
    • "Andrà tutto bene. Le mie emozioni non sempre sono razionali, quindi posso rilassarmi e calmarmi".
    • "Sto dando troppa importanza alle sensazioni negative".
    • "Queste persone sono simpatiche e mi sto divertendo in loro compagnia".
    • "Sono qui per divertirmi".
  2. Impara a rilassarti. Dovresti iniziare a farlo a casa, dove ti senti più a tuo agio. Rilassarti prima di vivere un'interazione sociale può aiutarti ad aprirti, a essere onesto con gli altri e ad abbassare la guardia in un contesto pubblico. Se non ti senti teso, sarai anche più predisposto a vivere serenamente le situazioni sociali anziché temerle. Inoltre, rilassarsi aiuta ad attenuare l'ansia .
    • Pratica la respirazione profonda per superare i momenti di ansia.
    • Prova a praticare la meditazione consapevole e leggi questo articolo per trovare ulteriori idee.
  3. Prendi le cose con più leggerezza. Capita di vivere momenti spiacevoli o addirittura imbarazzanti. Impara a prenderti meno sul serio e a cogliere il lato comico degli episodi sgradevoli. Avere un buon senso dell'umorismo non solo ti aiuterà a vedere gli eventi meno piacevoli da una prospettiva diversa, spesso spezza la tensione, spronando gli altri a ridere con te piuttosto che di te. Smettere di prenderti troppo sul serio è uno dei segreti per combattere la goffaggine sociale. Ridurrà la pressione e ti aiuterà a rilassarti.
    • Spesso è impossibile controllare le situazioni scomode, come un lungo silenzio imbarazzante nel bel mezzo di una conversazione, l'emissione di gas rumorosi nel momento meno opportuno o inciampare su un tappeto mentre si va a ritirare un premio. Una risata ti salverà.
  4. Cerca di pensare positivo. I momenti scomodi possono farti rimuginare su tutto quello che va storto durante una certa interazione o addirittura nella tua vita. Devi però sforzarti di concentrarti intenzionalmente sugli aspetti positivi. Che cosa sta andando particolarmente bene in quel preciso momento? Definire con accuratezza gli aspetti positivi può aiutarti a cambiare prospettiva e a capire che gli episodi imbarazzanti sono un'inezia nel grande schema delle cose .
    • Cerca di non dare troppa importanza a un evento negativo e di usarlo come criterio di giudizio per confermare che le interazioni sociali sono tutte scomode. Concentrati quanto più possibile su tutti gli episodi che hai gradito e che sono andati a meraviglia.
  5. Coltiva una maggiore autostima. Pur non sentendoti sicuro, puoi fingere di esserlo fino a diventarlo davvero o ricordare a te stesso di essere quanto più amichevole possibile. È difficile sentirsi sicuri in quelle situazioni che suscitano paure, ansia, panico e il desiderio di nascondersi o scappare .
    • Chiederti "Quale sarà mai la cosa peggiore che potrebbe succedere?" e provare a fare il primo passo per avvicinarti agli altri è un buon punto di partenza. Probabilmente non capiteranno tutte le cose brutte che hai immaginato.
    • Leggi questo articolo per trovare dei suggerimenti su come acquisire fiducia in te stesso.
  6. Sii gentile con te stesso. Non sei condannato ad avere per sempre problemi di goffaggine sociale, è soltanto una fase temporanea. Riuscirai a superare i piccoli incidenti e li sostituirai con molte più esperienze positive. Tutti commettono errori e tutti hanno almeno un aneddoto mortificante da raccontare. Ricordare questi episodi con un sorriso e capire che non ti hanno rovinato la vita (sono più che altro storielle divertenti da raccontare a cena) significa essere gentile con te stesso.

Migliorare le Proprie Competenze Sociali

  1. Impara a essere un buon ascoltatore. Se non ti senti pronto a intervenire in una conversazione con un commento sagace, ci sono comunque altri modi per avvicinarti agli altri: ascoltare attivamente è uno di questi. Ciò allevia almeno in parte la pressione esercitata dalle interazioni sociali, in quanto non devi preoccuparti di sembrare intelligente o interessante: devi semplicemente ascoltare attentamente e fare domande. Ricorda che alla gente piace parlare di sé, specialmente se il proprio interlocutore sembra molto interessato .
    • Quando ascolti attivamente, dimostra al tuo interlocutore che segui il filo del discorso parafrasando il suo messaggio e ripetendolo. Per esempio, potresti dire: "Quindi, da quello che ho capito...".
    • Fai delle domande pertinenti. Non devi essere invadente o andare troppo sul personale, ma fagli costantemente domande o chiedigli delle opinioni .
    • Dimostragli che lo ascolti annuendo, guardandolo negli occhi, emettendo suoni o dicendo parole che lo confermino (come "Sì" o "Certo").
  2. Utilizza un linguaggio del corpo aperto. Non devi sembrare chiuso in stesso, devi invitare gli altri ad avvicinarsi dimostrando che sei amichevole e ben disposto. Il corpo lo comunica subito. Se incroci le braccia o le gambe, non sembrerai interessato alle interazioni sociali. Lo stesso succede se eviti il contatto visivo. Fai attenzione a non incrociare braccia e gambe, ingobbirti o tenere la testa bassa; invece, guarda negli occhi gli altri e mantieni una postura che denoti una buona predisposizione .
  3. Fai conversazione. Questo può aiutarti a far aprire gli altri e a scambiare quattro chiacchiere con persone che conosci da poco .
    • Chiedi agli altri come stanno o come procede la loro giornata.
    • Cerca di scoprire se avete qualcosa in comune. Prova a capire se tu e il tuo interlocutore tifate per la stessa squadra, guardate gli stessi programmi o avere gli stessi animali domestici.
    • Sfrutta l'ambiente circostante a tuo vantaggio. Se incontri qualcuno in un bar, chiedigli se ha provato i dolci che vendono. Se sei all'aria aperta ed è una splendida giornata, chiedi al tuo interlocutore se approfitterà del bel tempo per fare qualcosa di divertente.
  4. Sii amichevole. Partire dal presupposto che una persona sia ben predisposta nei tuoi confronti ti permette di essere più aperto e socievole con gli altri. È pur sempre vero che qualcuno risponderà in maniera negativa e antipatica indipendentemente dalla tua predisposizione, ma questo non è un motivo valido per arrenderti o prendertela con te stesso. Dopotutto, non sei responsabile del comportamento altrui. È probabile che questa persona abbia un passato difficile alle spalle o stia affrontando una brutta giornata. In ogni caso, il suo atteggiamento non riflette quello che sei o che fai. Essere amichevole metterà gli altri a proprio agio, offrirà un modo per rompere il ghiaccio, darà alla gente la libertà di sentirsi più aperta e rilassata in tua presenza.
  5. Fai una battuta o racconta una barzelletta. Un cattivo tempismo può rovinare la tua credibilità sociale e rischi di fare brutta figura. Invece, fare una battuta al momento giusto e con il tono adeguato può alleggerire persino la più tesa delle situazioni.
    • Cerca di farti un'idea della situazione. Se l'atmosfera è pesante, ma non troppo, la battuta giusta può alleggerirla. Se invece si tratta di una discussione molto seria, come la morte dei propri nonni, dovresti evitare di sfoggiare il tuo senso dell'umorismo finché il tono della conversazione non sarà cambiato almeno un po'.
  6. Fai complimenti significativi. In questo caso, è fondamentale essere sincero e sfoderare i complimenti al momento giusto. Se non sei onesto, evitalo. Se non sei abituato a farlo, osserva gli altri per capire come comportarti e imitali. Puoi fare complimenti sugli accessori, sui vestiti o sul nuovo taglio di capelli di una persona. Una volta che l'avrai conosciuta meglio, potrai passare a complimenti più profondi.
    • Fare complimenti sulla personalità di qualcuno, per esempio dirgli che ha un ottimo senso dell'umorismo o che sa sempre che cosa dire quando parla con gli sconosciuti, può farlo sentire più speciale rispetto a un commento sull'aspetto fisico.
    • Se fai un complimento sull'aspetto fisico, assicurati che non si presti a fraintendimenti. Per esempio, se vuoi fare un complimento a una donna, concentrati sul suo viso o sui suoi capelli, evita i commenti sul suo corpo, altrimenti potrebbero risultare più invadenti di quanto sperato.
  7. Cerca di capire che cosa evitare. Ogni situazione sociale è diversa, ma ci sono certe cose che dovresti evitare per saperci fare con gli altri. Esistono determinati commenti o azioni che tendono a risultare scomodi dal punto di vista sociale, quindi è preferibile controllarsi per non causare imbarazzi. Ecco a che cosa fare attenzione:
    • Non dire che sei un disadattato sociale. Puoi immaginare il risultato.
    • Se non conosci bene una persona, non fare domande troppo personali, per esempio perché non frequenta nessuno o se è ingrassata.
    • Non devi stare a chilometri di distanza dalle persone, ma dai loro spazio.
  8. Osserva il galateo. Se non conosci le regole sociali del gruppo in cui ti trovi, sforzati di impararle, altrimenti rischi di sentirti un disadattato. Questo è particolarmente importante quando visiti un'altra città o vai all'estero. Usa le buone maniere, non dimenticare di dire "Grazie" e "Prego" .
  9. Mettiti in gioco. Rinchiuderti in casa dietro allo schermo del computer, nasconderti nel tuo ufficio o schivare gli appuntamenti all'ora di pranzo non ti aiuterà a evitare i momenti scomodi. Se trascorri la maggior parte del tempo da solo in casa o di fronte al computer per paura di interagire con gli altri, non riuscirai mai ad affinare le tue competenze sociali.
    • Ricorda che alcune persone sono snob o fredde. Non rappresentano la maggioranza e non ti danno un valido motivo per nasconderti. Per avere a che fare con questa gente, impara a prendere educatamente le distanze: saluta con un cenno veloce e afferma "È stato un piacere conoscerti", poi allontanati subito.
    • Oltre a saper intavolare una conversazione, impara a terminarla. Per molti il disagio deriva dalla difficoltà di mettere fine a un dialogo che non va da nessuna parte o che è insopportabilmente noioso: temono infatti di sembrare scortesi o insensibili.

Consigli

  • Molti superano con gli anni la goffaggine sociale. Infatti, è una caratteristica comunemente associata all'adolescenza e ai primi anni dell'età adulta. Crescendo, le persone cercano diversi modi per controllare queste emozioni che le hanno messe in crisi per una buona parte della propria vita.

Avvertenze

  • Non ostentare allo scopo di provare a instaurare un rapporto o fare colpo sugli altri. Se ti ritrovi a parlare incessantemente delle tue capacità o di quello che possiedi, fermati e scusati o cerca semplicemente di fare domande al tuo interlocutore.
  • Non preoccuparti e, in particolare, non perderti in analisi minuziose. Più affronti in maniera rilassata le interazioni sociali e la loro finalità, meglio sarà.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.