Come Preparare un Rimedio per la Tosse con il Succo di Limone

La tosse è la maniera in cui l'organismo cerca di liberare i polmoni e le vie aeree superiori dal muco e dalla presenza di corpi estranei. Tienilo presente quando hai la tosse, giacché a volte è meglio non eliminare del tutto questo disturbo. Pertanto, è preferibile alleviarla quando non dà tregua, ma è sempre meglio riuscire a tossire permettendo al corpo di liberarsi del muco che si accumula. Se vuoi diminuire il disagio associato alla tosse senza sbarazzartene completamente, considera la possibilità di ricorrere a un rimedio casalingo.

Preparare in Casa un Rimedio Contro la Tosse

  1. Prepara un rimedio con miele e limone. Riscalda 350 g di miele a fuoco basso. Aggiungi al miele caldo 3-4 cucchiai di succo di limone appena spremuto; unisci alla miscela di miele e limone 60-80 ml di acqua e mescola, mentre continui a scaldarla a fuoco lento. Infine metti il tutto in frigorifero. Quando ne senti il bisogno, prendine 1-2 cucchiai in base alle tue esigenze.
    • Si consiglia l'uso di un miele dalle proprietà curative, come quello di Manuka proveniente dalla Nuova Zelanda, ma qualsiasi miele biologico possiede proprietà antivirali e antibatteriche.
    • Il succo di limone contiene grandi quantità di vitamina C: il succo di 1 limone contiene il 51% del fabbisogno giornaliero di vitamina C. Ha anche un potere antibatterico e antivirale. Il limone è ritenuto utile contro la tosse perché combina in sé vitamina C e proprietà antimicrobiche.
    • Non somministrare miele ai bambini di età inferiore ai 12 mesi. Malgrado sia basso, esiste il rischio di intossicazione da botulismo infantile a causa delle tossine batteriche che a volte si trovano all'interno di questo alimento. Anche se i dati riferiscono che ogni anno nei soli Stati Uniti si verificano meno di 100 casi di botulismo infantile e che la maggior parte dei bambini guarisce completamente, è meglio non correre rischi!
  2. Usa un metodo alternativo per preparare la miscela a base di miele e limone. Lava un limone e taglialo a fette sottili (insieme a buccia e semi). Aggiungi le fette a 350 g di miele. Riscalda il tutto a fuoco lento per 10 minuti, girando costantemente.
    • Frantuma le fette di limone mentre giri;
    • Una volta terminata la cottura, filtra la miscela in modo da eliminare i residui lasciati dalle fette, dopodiché conservala in frigorifero.
  3. Considera di aggiungere un po' di aglio. L'aglio ha proprietà antibatteriche, antivirali, antiparassitarie e antifungine. Sbuccia 2-3 spicchi d'aglio e tritali più finemente possibile. Mettili nella miscela di miele e limone prima di aggiungere l'acqua. Riscalda il tutto a fuoco basso per circa 10 minuti, quindi aggiungi 60-80 ml di acqua e mescola mentre è sul fuoco.
    • Metti il composto nel frigorifero. Quando ne senti il bisogno, prendine 1-2 cucchiai in base alle esigenze.
  4. Considera di aggiungere lo zenzero. Spesso lo zenzero viene usato per favorire la digestione e alleviare la nausea e il vomito, ma viene anche utilizzato come espettorante. Può aiutare a calmare la tosse, sciogliendo muco e catarro e rilassando la muscolatura liscia dei bronchi.
    • Taglia e sbuccia circa 40 cm di radice di zenzero fresco. Grattugiala finemente e aggiungila al composto di miele e limone prima di versare l'acqua. Riscalda a fiamma bassa per circa 10 minuti, dopodiché aggiungi 60-80 ml di acqua, mescola e conserva in frigorifero.
    • Lascia raffreddare la miscela;
    • Quando ne hai bisogno, prendine 1-2 cucchiai.
  5. Considera di aggiungere la liquirizia. La liquirizia è anche un espettorante con un'azione leggermente stimolante, perciò aiuta la fuoriuscita del catarro, eliminandolo dai polmoni.
    • Aggiungi 3-5 gocce di olio essenziale di liquirizia (Glycyrrhiza glabra) o 1 cucchiaino di radice di liquirizia secca alla miscela di miele di limone prima di versare l'acqua. Riscaldala a fuoco basso per circa 10 minuti, quindi aggiungi 60-80 ml di acqua mentre continui a riscaldarla.
    • Lascia raffreddare il composto. Prendine 1-2 cucchiai in base alle necessità.
  6. Usa la glicerina come sostituto del miele. Se non hai il miele, non ti piace o non puoi utilizzarlo, sostituiscilo con la glicerina. Riscalda a fuoco lento mezza tazza di glicerina unita a 120 ml di acqua, quindi aggiungi 3-4 cucchiai di succo di limone. Versa 60-80 ml di acqua nella miscela a base di glicerina e limone e mescola, mentre continui a scaldarla a fiamma bassa. Mettila in frigorifero. Quando ne senti il bisogno, prendine 1-2 cucchiai in base alle esigenze.
    • La glicerina è ritenuta "generalmente sicura". Pura, è un prodotto vegetale incolore e dal sapore leggermente dolce, usato nella preparazione di vari tipi di prodotti destinati al consumo umano e alla cura personale.
    • Dal momento che la glicerina è una sostanza igroscopica (capace di assorbire l'acqua), in piccole quantità può essere utile per alleviare il gonfiore della gola.
    • Procurati della glicerina naturale (non in forma sintetica o artificiale);
    • Tieni conto che la glicerina viene usata per trattare la stitichezza, quindi, se hai problemi di diarrea, riduci la quantità (¼ di tazza di glicerina con 180 ml d'acqua nella ricetta base).
    • Un'ingestione prolungata ed eccessiva di glicerina può aumentare il tasso di glucosio e lipidi nel sangue.

Valutare la Tosse

  1. Informati sulle possibili cause della tosse. Le più comuni per una tosse acuta sono: raffreddore, influenza, polmonite (infezione dei polmoni provocata da batteri, virus o funghi), sostanze chimiche irritanti e tosse convulsa (conosciuta anche come pertosse: si tratta di un'infezione polmonare batterica altamente contagiosa). Le cause più comuni della tosse cronica sono: reazioni allergiche, asma, bronchite (infiammazione dei bronchi o dei bronchioli), reflusso gastroesofageo e catarro retronasale (scolo di muco in gola dai seni paranasali che provoca irritazione accompagnata dal riflesso della tosse).
    • Esistono altre cause meno frequenti, tra cui malattie polmonari come la broncopneumopatia cronica ostruttiva che si accompagna a enfisema e bronchite cronica.
    • La tosse può anche essere causata dagli effetti collaterali di alcuni farmaci. Si manifesta soprattutto con l'assunzione di una certa classe di farmaci contro l'ipertensione: gli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina (ACE-inibitori).
    • La tosse può essere l'effetto collaterale di altre malattie, tra cui fibrosi cistica, sinusite cronica e acuta, insufficienza cardiaca congestizia e tubercolosi.
  2. Decidi se è il caso di consultare il medico. Prova i rimedi casalinghi per 1-2 settimane. Nella maggior parte dei casi offrono un sollievo tale da permetterti di guarire. Tuttavia, se non noti alcun miglioramento nel giro di 1-2 settimane, recati dal tuo medico curante per una diagnosi completa e per sapere qual è il trattamento migliore.
    • Inoltre, consulta il medico se durante 1-2 settimane manifesti: febbre oltre 38 °C per più di 24 ore, tosse con espettorato denso di colore giallo-verdastro (può indicare una grave polmonite batterica), tosse e muco con tracce rosse o rosate di sangue, vomito (soprattutto se si presenta con emissione di materiale liquido di colore bruno: può indicare un'ulcera sanguinante), difficoltà nella deglutizione o nella respirazione, affanno o fiato corto.
  3. Valuta se è il caso di portare un bambino dal medico a causa della tosse. Esistono patologie che possono debilitare più velocemente i pazienti più piccoli e malattie alle quali sono particolarmente soggetti. Pertanto, è necessario valutare la tosse in relazione alle situazioni. Chiama immediatamente il medico se si manifesta uno dei seguenti sintomi:
    • Febbre oltre 40 °C;
    • Tosse caratterizzata da un timbro metallico gutturale, simile all'abbaiare di un cane. Potrebbe trattarsi di laringotracheobronchite (infezione virale della laringe e della trachea). Alcuni bambini possono anche emettere un rumore inspiratorio stridente (definito stridore laringeo), talvolta simile a un fischio acuto, o un suono ansimante. In questi casi, chiama subito il medico.
    • Tosse caratterizzata da gorgoglio respiratorio che può somigliare a un rantolo o un sibilo. Potrebbe trattarsi di bronchiolite, causata probabilmente dal virus respiratorio sinciziale.
    • Rumore simile a quello del raglio di un asino quando il bambino inspira: potrebbe trattarsi di pertosse.
  4. Decidi se è necessario curare la tosse. Ricorda che la tosse è il modo naturale tramite cui il corpo cerca di sbarazzarsi di batteri, virus o funghi, perciò ha la sua utilità! Tuttavia, se non permette a te o a tuo figlio di riposare o dormire, oppure se causa difficoltà respiratorie, non esitare a trattarla. Quando hai la tosse, hai bisogno di riposare e dormire adeguatamente, quindi prova a ricorrere a qualche rimedio per alleviarla.
    • Puoi utilizzare molti rimedi casalinghi tutte le volte e nelle quantità che vuoi. Inoltre, ti aiuteranno a mantenerti idratato mentre il sistema immunitario e l'organismo si rimettono in sesto.

Consigli

  • Prendi 2 cucchiai del tuo medicinale preferito contro la tosse poco prima di coricarti, per favorire il sonno e riposare bene.
  • Cerca di mantenerti idratato: bevi almeno 8-10 bicchieri di acqua da 250 ml al giorno.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.