Come Sapere quando Chiamare il Medico dopo un Intervento di Mastectomia

La mastectomia è una procedura chirurgica usata per curare il cancro al seno. Una mastectomia semplice comporta la rimozione del seno con un'incisione ellittica della pelle che si estende oltre il capezzolo e l'areola. Una mastectomia radicale comprende i muscoli sottostanti. Ecco i dettagli su cosa aspettarti dopo l'intervento chirurgico e quando chiamare il medico.

Passaggi

  1. Cerca i sintomi del dolore. In generale, la mastectomia non è molto dolorosa. La paziente può sentire un leggero fastidio sul sito della ferita, ma se il dolore è più forte, si dovrebbe chiamare il medico. Quando è più blando, si può alleviare con l'assunzione di antidolorifici.
    • Nota quanto è doloroso su una scala da 1 a 10 in modo da poterlo comunicare al medico. Questi può prescriverti un antidolorifico più forte in base al dolore che avverti.
  2. Cerca i sintomi dell'infezione. Se vedi una fuoriuscita di pus e la zona è dolorante, potresti avere un'infezione.
    • Nota il colore della ferita e la quantità di pus (fai una stima, se possibile).
    • Di solito, quando è in corso, l'infezione è accompagnata da febbre. Misura la temperatura per determinare se hai febbre.
    • Se non curate, le infezioni chirurgiche sono pericolose e possono portare i batteri a circolare nel sangue, ma anche causare complicazioni cardiache e respiratorie. Informa immediatamente il medico se sospetti di avere un'infezione.
  3. Controlla se hai una tensione alla spalla o alla mano. Se hai un senso di oppressione o gonfiore al collo, alla spalla o alla mano, può essere un linfedema. Se hai uno di questi sintomi, chiama il medico.
    • Il linfedema è un gonfiore dei linfonodi. Si verifica nell'8-30% delle donne sottoposte a mastectomia, soprattutto in seguito a interventi chirurgici che comprendono la rimozione dei linfonodi.
    • I linfonodi sono i punti di appoggio per le cellule che combattono le infezioni. Il gonfiore ai linfonodi può indebolire il sistema immunitario.
    • Il linfedema può svilupparsi entro qualche giorno o mese dall'intervento chirurgico.
  4. Cerca piccoli punti o un diffuso scolorimento della pelle. Può indicare un ematoma, che si verifica quando una parete del vaso sanguigno è danneggiata e fa fuoriuscire il sangue dai tessuti con conseguente gonfiore.
    • Quando l'ematoma è lieve, assume l'aspetto di piccoli punti e di solito migliora da solo.
    • Quando è grave, può produrre un forte scolorimento della pelle. Se non curati, gli ematomi di grandi dimensioni possono comprimere i tessuti circostanti e impedire all'ossigeno di raggiungere la pelle, mandandola in necrosi. Chiama immediatamente il medico se sospetti di avere questa alterazione.
  5. Osserva se la ferita presenta inusuali cambiamenti nel colore della pelle o se emana un cattivo odore. In rare occasioni si verifica quello che viene chiamato necrosi da ferita (morte del tessuto intorno al sito della ferita); i sintomi sono cattivo odore o strani cambiamenti nel colore della cute.
    • La necrosi da ferita può aumentare ulteriormente il rischio di altre complicazioni, tra cui infezioni o separazione della ferita (apertura anomala della ferita chirurgica). Se hai questo sospetto, chiama immediatamente il medico.

Avvertenze

  • Se i segni e i sintomi persistono, non usare rimedi casalinghi. Consulta immediatamente un medico per evitare ulteriori complicazioni.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.