Come Smettere di Ridere nei Momenti meno Opportuni

A volte, non puoi fare a meno di ridere anche in situazioni tutt’altro che comiche. Questo potrebbe far sí che le altre persone si sentano offese dal tuo comportamento. Bene, se a volte ti sembra quasi impossibile soffocare una risata, nella maggior parte dei casi puoi esserne capace. In questo articolo ti spieghiamo come.

Passaggi

  1. Riconosci i momenti in cui ridere è inopportuno. Si dice che “ridere è la miglior medicina”, ma se la situazione è seria, altre persone potrebbero non apprezzare la tua allegria. Se ti trovi in una situazione che sai individuare come “seria”, questo potrá aiutarti a mantenere il comportamento adeguato.
  2. Osserva il comportamento altrui: se nessuno ride o sorride insistentemente, sicuramente non è il momento migliore per farlo. Oppure, se noti una persona ridere in modo inappropriato mentre gli altri gli rivolgono occhiate di rimprovero, cerca di evitare la situazione in cui la risata altrui potrebbe essere contagiosa.
  3. Pensa a qualcosa di triste e deprimente. Se hai bisogno di ispirazione, le notizie dei giornali e telegiornali sono spesso una fonte inesauribile di eventi tristi che potrebbero mantenerti calmo. Pensa a qualcosa che ti faccia venire voglia di piangere: anche se ció puó non essere piacevole, sicuramente ti manterrá sotto controllo per un certo tempo. Pensa ad una scena di un film dell’orrore o a qualche incidente che hai appena visto. E’ fisicamente provato che questo funziona, poichè l’adrenalina (ormone della paura) rilasciata dal cervello durante questi pensieri bloccherá le endorfine (ormoni della felicitá o della risata). Sará necessaria un po’ di pratica per convincerti di avere paura, ma se riesci a dominare la tecnica, sortirá gli effetti desiderati.
  4. Prova a pizzicarti o a provocarti una sensazione fisica particolarmente intensa, come morderti l’interno della guancia o la lingua (ovviamente non troppo forte!). Mordi entrambe le estremitá della tua bocca, in modo da impedire alle estremitá delle tue labbra di formare un sorriso o direttamente di ridere. Ció puó distrarti fino a farti dimenticare dell’urgenza di ridere. A volte, trattenendo il respiro si ottiene l’effetto contrario, spesso si ride tra sé o addirittura si fa ancor piú rumore, quindi fallo con precauzione.
  5. Dissimula il sorriso o la risata con un colpo di tosse. Se ti scappa un sorriso o una piccola risata, copriti velocemente la bocca con una mano e tossisci. Abbandona il gruppo, anche se dovessi uscire dalla stanza in cui ti trovi: se stai tossendo, la gente capirá che vuoi allontanarti.
  6. Sforzati di trasformare la risata o il sorriso in pianto, se la occasione è triste come potrebbe ad esempio essere un funerale. Alcune persone sembra che ridano giusto quando stanno per piangere.
  7. Cerca di buttar fuori quanta più aria possibile dai polmoni. Questo ti impedirá di continuare a ridere. Se combini questa tecnica con quella del colpo di tosse, otterrai ottimi risultati.
  8. Se la situazione dovesse peggiorare, tappati il naso e la bocca con la stessa mano. In questo modo, potrai ridere tra te e te senza che la gente lo noti. E’ probabile che il tuo corpo sussulti, ma non è un problema cosí grave, si può interpretare come se stessi piangendo. E’ fondamentale non lasciarsi scappare nessun rumore, ma anche se ció succedesse potrebbe sembrare uno starnuto o una strana sbuffata.
  9. Apri bene la bocca e lascia fuoriuscire la risata in modo silenzioso. Può sembrare strano ma funziona.
  10. Fai finta di toglierti qualcosa dai denti. Apri bene la bocca e fai come se stessi cercando di rimuovere un pezzo di cibo rimasto incastrato tra i denti. Ció nasconderá completamente il tuo sorriso, peró fai attenzione poichè l’espressione del tuo volto potrebbe essere cosí buffa da far ridere gli altri.
  11. Utilizza la tecnica della psicologia inversa. Ripetendoti piu’ volte “Che divertente, ridi ancora!”, finirai per notare che ció di cui stavi ridendo non è poi cosí divertente.
  12. Conta al contrario, da 10 a 1. Se non funziona, riprova. Anche contare in ordine crescente, a volte, può sortire un effetto positivo.
  13. Cerca di morderti il bordo del labbro inferiore. Dopodiché, ridi quanto vuoi però senza aprire la bocca. La gente penserá che stai trattenendo il pianto. Stai comunque attento a non smettere di colpo: cerca di inalare aria un paio di volte almeno, come se stessi iperventilando.
  14. Spingi la lingua contro il palato e allo stesso tempo fai il movimento di chiudere la bocca.
  15. Morditi la lingua e muovi le guance all’indietro allo stesso tempo. Se ti trovi a doverlo fare in un’occasione particolarmente triste o tragica, copriti la faccia con entrambe le mani, lasciati andare alla risata, ma fallo sempre sembrare come se stessi piangendo.
  16. Chiudi la bocca e respira a fondo con il naso proprio come quando si ride, peró fallo con la bocca chiusa. Questo può essere scambiato per un raffreddore o qualcosa del genere.
  17. Mordicchiati l’interno delle guance.
  18. Ripassa mentalmente una serie di moltiplicazioni. Il risultato è garantito, ma è necessaria un po’ di pratica. Se non l’avessi mai notato, quando sentiamo una barzelletta o osserviamo qualcosa di particolarmente divertente, tendiamo a ricreare questo ricordo nella nostra mente e questo ci fa continuare a ridere. Di conseguenza, il modo migliore per smettere di ridere è deviare l’attenzione ad altri pensieri, come ad esempio effettuare calcoli a mente.
  19. Cerca di ricordare una cosa qualsiasi. Ad esempio, i nomi di tutti i tuoi amici e parenti; oppure, i titoli delle canzoni del tuo CD preferito. Ti sará d’aiuto qualsiasi pensiero che possa distrarti da ció che ti fa ridere.
  20. Se un tuo amico é appena stato insultato e l’insulto ti fa ridere, puoi trasformare questa risata in una risata di pena. Ridi però senza utilizzare i muscoli della faccia, guarda verso il suolo e borbotta, scuotendo la testa. Vedrai come funziona!
  21. Canta una canzone tra te e te e concentrati nelle parole.
  22. Esercita i muscoli delle guance a rilassarsi e liberare qualsiasi tensione.
  23. E' sempre una buona idea cercare di isolarsi per controllare meglio un attacco di risata.

Consigli

  • Non sentirti in colpa per il tuo desiderio di ridere, poichè la natura delle emozioni umane è complessa. Ad esempio, esistono persone che sentono la necessitá di ridere persino ad un funerale. Ció non significa che siano persone ciniche o insensibili. Al contrario, si tratta di una reazione emotiva alla perdita e al lutto, anche se apparentemente inusuale.
  • Se ti scoprono mentre ridi in modo giudicato inopportuno, chiedi semplicemente scusa, spiegando il tuo problema e dicendo che non è tua intenzione offendere.
  • Cerca di abbassare gli angoli della tua bocca in un’espressione di tristezza. Esiste una connessione stretta tra l’espressione corporea ed i sentimenti di una persona: alterando una si possono alterare gli altri. Allo stesso modo, se ti senti triste o depresso, sforzati di sorridere e ti sentirai meglio.
  • A volte, bere qualcosa potrebbe servire per evitare di scoppiare a ridere. Peró fai attenzione a non fare le due cose nello stesso momento.
  • Fletti tutti i tuoi muscoli senza muoverti: ció ti aiuterá a sfogare il tuo impulso di ridere.
  • Un’altra buona idea è quella di pensare a qualche situazione imbarazzante in cui ti sei trovato, in modo da ricreare la sensazione e distrarti.
  • Pensa ad una canzone a caso e concentrati sulle parole oppure pensa a qualcosa di triste.
  • Inspira ed espira lentamente. Elimina tutta l’aria che puoi dai tuoi polmoni finché non smetti di ridere.
  • Respira profondamente solo con il naso, sforzandoti di non aprire mai la bocca.
  • Se l’urgenza di ridere si fa imminente, cerca di pensare a qualcosa di molto triste, come una disgrazia o un incidente che potrebbe soffrire la persona amata o qualche tuo familiare.
  • Se sei seduto, affonda la faccia tra le gambe fino a controllare la tua risata. Fatto ció, torna a sederti dritto e comportati normalmente. Continua questo gesto, eventualmente ponendo le mani a cucchiaio davanti alla bocca e ridendo piano. Facendolo con la dovuta cautela, la gente non sospetterá che stai ridendo.
  • Mettiti nei panni dell’altra persona di cui stai ridendo. Se provi a ricordare una qualche occasione in cui tu stesso sei stato oggetto di scherno, ti renderai conto di ció che significa.
  • Cerca di fissare un punto della stanza in cui ti trovi e non distogliere lo sguardo.
  • Sviluppare un senso di superioritá o accondiscendenza ti aiuterá a smettere di ridere temporaneamente.
  • A volte, la miglior difesa è l’attacco. Ció che rende normalmente difficile frenare la tua risata è proprio la sensazione di non poterla controllare. Se invece decidi di ridere, rendi questa azione una conseguenza di una tua decisione, per cui piú facilmente controllabile quando decidi allo stesso modo di non ridere piú.

Avvertenze

  • Ridere in faccia alle persone (specie se sono degli estranei) potrebbe far arrabbiare qualcuno. Se dovessi sentire la necessitá impellente di ridere quando qualcuno ti parla seriamente, prova ad evitarlo utilizzando una qualsiasi delle tecniche spiegate qui sopra. Il danno che puoi evitare è verso te stesso (specie se ridi in faccia a qualcuno che non conosci bene), dato che esistono persone che non affrontano positivamente questa evenienza.
  • Se proprio non puoi evitare di ridere o piangere in momenti inopportuni, potresti soffrire un problema neurologico che può derivare da un danno al cervello. Milioni di persone in tutto il mondo sono vittime di questo problema, che può provocare situazioni sociali imbarazzanti. Molto spesso tutto si può risolvere con dei farmaci, per questo ti consigliamo di farti visitare da un neurologo.
  • Non morderti il labbro, la lingua o la guancia troppo forte poichè potresti farti del male.
  • Anche se trattenere il respiro può aiutarti in qualche occasione, in altre potrebbe farti letteralmente scoppiare a ridere in modo impossibile da controllare. Per cui ti consigliamo di fare molta attenzione nel caso decidessi di utilizzare questa tecnica.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.