Come Prevenire la Caduta dei Capelli

La caduta dei capelli può avere molteplici cause, tra cui alimentazione, carenza di minerali, medicinali, grave stress, varie patologie, inquinamento e genetica. Circa un terzo della popolazione ne soffre, e di questa frazione migliaia di persone sono di sesso femminile . Non hai la garanzia di poter prevenire una caduta geneticamente programmata o dovuta a fattori che sfuggono al tuo controllo. Tuttavia, puoi fare del tuo meglio su numerosi fronti per consentire ai capelli di mantenersi sempre al top della forma, senza lasciare che cadano prima del necessario.

Evitare di Danneggiare i Capelli

  1. Riduci l'utilizzo dell'asciugacapelli. Il calore indebolisce le proteine dei capelli. Il calore costante e l'asciugatura possono renderli fragili, il che causa una caduta che non si verificherebbe altrimenti . L'asciugatura all'aria è preferibile per tutelare la loro salute, quindi cerca di lasciarli asciugare naturalmente e limita l'utilizzo dell'asciugacapelli.
    • Anche altri strumenti che riscaldano i capelli, tra cui piastre, spazzole e bigodini termici, possono avere questo effetto.
    • Se usi strumenti che richiedono calore, presta attenzione, perché bruciare il cuoio capelluto può danneggiare permanentemente i follicoli capillari .
  2. Evita di farti la permanente. Questo trattamento fa riferimento sia alla stiratura chimica che alla permanente riccia, entrambe potenzialmente dannose per i capelli. Nello specifico, spezza la struttura interna del capello, per poi rimodellarlo in maniera diversa allo scopo di lisciarlo o arricciarlo. Ciò indebolisce i capelli, rendendoli spenti, secchi e fragili . Nel tempo, i capelli aridi e deboli corrono maggiormente il rischio di cadere.
  3. Riduci tinture e trattamenti chimici affini. L'uso frequente di sostanze chimiche che servono a tingere i capelli aumenta le probabilità che vengano danneggiati gravemente. Aspetta almeno 4-6 settimane tra una tinta e l'altra. Quando li tingi, è preferibile usare sempre il balsamo dopo lo shampoo . Se i capelli iniziano a ingrigirsi, invece di tingerli, sarebbe molto più delicato lasciarli così come sono.
  4. Non decolorare i capelli. La decolorazione rimuove il pigmento naturale non appena le sostanze chimiche penetrano nelle cuticole. Così facendo, cambi la struttura del capello e lo rendi più vulnerabile ai danni. Lo indebolisci, quindi la decolorazione associata all'asciugatura con il phon e alla messa in piega può essere veramente dannosa .
  5. Non tirare troppo i capelli quando li raccogli. Alcune pettinature ti portano a tirare i capelli mediante l'utilizzo di elastici e fermagli. Se fatto quotidianamente, ciò può provocare la caduta. Per esempio, le code di cavallo, le trecce, le treccine aderenti e le trecce avvolte intorno alla testa possono causare una perdita significativa qualora venissero realizzate tutti i giorni . Tirare i capelli con i bigodini, specialmente quelli caldi, è un'altra azione responsabile della caduta e può esacerbarla .
    • L'espressione medica per definire la caduta dei capelli a causa di pettinature troppo aggressive è "alopecia da trazione", che è assolutamente prevenibile perché dipende da fattori che puoi controllare .

Prenderti Attivamente Cura dei Capelli

  1. Lava i capelli regolarmente con uno shampoo delicato. Il lavaggio aiuta a evitare la caduta, perché può mantenere i capelli e il cuoio capelluto puliti (prevenendo le probabilità di infezione, possibile causa di perdita). A condizione che utilizzi un prodotto delicato, i capelli puliti sembrano avere più volume di quelli sporchi, i quali tendono ad appiattirsi e separarsi in ciocche .
  2. Scegli uno shampoo adatto al tuo tipo di capelli. Comprare un buon prodotto ti aiuterà molto ad avere capelli sani, quindi prenditi del tempo per trovarne uno adeguato per il tuo tipo di capigliatura. Considera se hai capelli sottili, secchi, grassi o normali e prova vari shampoo per capire quale funziona. Se hai la forfora o tingi i capelli, preferisci un prodotto apposito .
    • Gli shampoo e i balsami arricchiti con proteine e volumizzanti rendono i capelli temporaneamente più lisci e folti, perché vanno a riempire le parti vuote del fusto capillare. Tuttavia, non riparano i capelli danneggiati .
  3. Per capire se uno shampoo è delicato, leggi la lista degli ingredienti. Usare un prodotto delicato può aiutarti a mantenere il cuoio capelluto e i capelli sani. Controllare gli ingredienti dello shampoo ti permette di capire se è adeguato o meno. Evita quelli contenenti solfati e/o solfonati. Invece, il primo ingrediente dopo l'acqua dovrebbe essere l'isetoniato o il glucoside .
    • Alcuni degli ingredienti più diffusi contenuti negli shampoo delicati includono solfosuccinati, sultaine e anfodiacetati.
    • I siliconi, il polyquaternium e il guar possono essere buoni ingredienti idratanti .
  4. Usa una buona spazzola. Il modo in cui spazzoli i capelli può avere un impatto enorme sulla loro idratazione. Scegli una spazzola delicata di fibre naturali e non spazzolare dall'alto verso le punte, ma dal basso verso le punte; afferra una ciocca, metti la spazzola sotto la parte inferiore dei capelli e spazzolali verso l'esterno . Procedi il più dolcemente possibile e non tirarli troppo.
    • Meglio evitare di spazzolare i capelli quando sono bagnati, usa invece un pettine .
  5. Prova a massaggiare il cuoio capelluto. Un massaggio eseguito con olio d'uovo aumenta il flusso arterioso verso la superficie cutanea della testa e i follicoli capillari. Massaggiare con decisione il cuoio capelluto riscalda la pelle e migliora la circolazione, quindi le cellule dei follicoli ricevono abbastanza nutrienti, il che a sua volta massimizza il potenziale della crescita .
    • Il massaggio del cuoio capelluto può anche rilassarti, il che è utile per il funzionamento generale dell'organismo .
  6. Se sei preoccupato, fai un test per verificare l'assottigliamento dei capelli. L'esame che ti permette di capire se soffri o meno di caduta dei capelli può essere eseguito con una prova di trazione. Prendi un mucchietto di capelli, circa 20-30, e afferrali tra il pollice e l'indice. Tirali lentamente ma con fermezza. Se cedono più di 6 capelli contemporaneamente, forse hai un problema di caduta .
    • Non è una prova infallibile, ma assicurati di andare dal medico o da un tricologo se pensi di perdere più capelli del consueto. Ricorda però che ogni giorno è naturale perdere capelli, succede a tutti.

Alimentazione Corretta per Capelli Sani

  1. Cerca di seguire un'alimentazione sana ed equilibrata. Come prevenire la caduta dei capelli agendo sul fronte nutrizionale? Bastano semplici metodi basati sul buonsenso per avere un cuoio capelluto e dei capelli in buona salute. Un corpo sano è più predisposto ad avere capelli sani rispetto a un organismo indebolito. È possibile che la perdita dei capelli venga rallentata da un'alimentazione sana, ricca di frutta e verdura . Ci sono vitamine e minerali che possono essere particolarmente utili per promuovere una buona salute dei capelli e quindi prevenire la perdita.
  2. Consuma abbastanza ferro. Il ferro è un minerale essenziale. Quello contenuto nelle fonti alimentari animali viene chiamato ferro eme, mentre quello vegetale ferro non eme. Assumerne poco può causare anemia. Ciò interrompe la distribuzione di nutrienti ai follicoli, aumentando potenzialmente la caduta dei capelli . Per evitarlo, assicurati che i cibi ricchi di ferro non manchino nella tua alimentazione.
    • La carne rossa, il pollo e il pesce sono buone fonti di ferro.
    • Lo stesso vale per verdure di colore verde, come broccoli, spinaci e cavolo nero.
  3. Assumi abbastanza proteine. Sono essenziali per avere capelli forti. Una carenza proteica può seccare e indebolire i capelli, causandone dunque la caduta . Un apporto di proteine adeguato può aiutare ad assorbire gli amminoacidi che rafforzano i capelli. Spesso si trovano negli shampoo, ma sono le proteine di derivazione alimentare che migliorano davvero lo stato dei capelli e ne prevengono la caduta.
    • Assumi proteine mangiando frutti di mare, pollo, latte, formaggio, yogurt, uova, legumi, filetto di maiale, soia, carne di manzo magra e barrette proteiche .
    • I vegani, le persone che non consumano latticini e altri possono ricavare buone proteine che non siano di origine animale da tempeh, tofu, pane integrale, burro d'arachidi, riso integrale, lenticchie, quinoa, frutta secca, seitan, fagioli e broccoli .
  4. Consuma vitamina C. I cibi che ne sono ricchi favoriscono un buon assorbimento del ferro, quindi cerca di combinare gli alimenti che hanno tanto ferro con quelli ad alto contenuto di vitamina C per trarre il massimo dal minerale. Questa vitamina promuove anche la produzione di collagene nel corpo. Ciò rafforza i capillari che apportano nutrienti al fusto . Ecco alcune buone fonti di vitamina C:
    • Agrumi, verdure a foglia verde, insalata, patate al forno e pomodori .
    • I mirtilli, le more e le fragole sono altre buone fonti.
  5. Assicurati di assumere abbastanza acidi grassi omega-3. Questi grassi mantengono in buona salute i capelli e permettono di evitare che diventino secchi e fragili . Si trovano nelle cellule che rivestono il cuoio capelluto e permettono sia ai capelli sia al cuoio capelluto di mantenersi idratati. Sono grassi importanti che il corpo non può produrre da solo, vanno dunque ottenuti attraverso l'alimentazione .
    • Aggiungi abbastanza pesce grasso alla tua alimentazione, come tonno, salmone e sgombro.
    • Puoi ricavare questi acidi anche attraverso semi e frutta secca, specialmente semi di lino, semi di zucca e noci.
  6. Mangia cibi ricchi di biotina. È una vitamina del gruppo B idrosolubile. È particolarmente importante per i capelli, dal momento che una carenza può farli diventare fragili e accelerarne la caduta . Ecco alcune buone fonti di biotina: cereali integrali, fegato, albume, farina di soia, noci e lievito.
    • I cereali integrali sono anche una buona fonte di zinco. Una carenza può contribuire a un cuoio capelluto secco e pruriginoso e alla caduta dei capelli .
  7. Valuta l'assunzione di integratori. Prima parlane con il medico di famiglia. Potresti considerare l'utilizzo di integratori per prevenire la caduta di capelli. Dovresti informarti, tra gli altri, su biotina, inositolo, ferro, vitamina C e saw palmetto (chiamata anche serenoa repens e palmetta della florida).
  8. Informati sui cibi da cui dovresti tenerti alla larga. Oltre a sapere che cosa ti fa bene, è meglio essere al corrente di che cosa evitare. Valgono sempre le regole basilari di una classica alimentazione sana ed equilibrata, ma ci sono alcuni alimenti particolari che possono contribuire alla caduta dei capelli. L'aspartame, un dolcificante artificiale, è stato indicato come causa dell'assottigliamento dei capelli e della relativa perdita. Anche gli additivi alimentari possono sortire un effetto negativo .
    • Le diete liquide a bassissimo contenuto calorico esauriscono parecchio le energie, senza contare che possono causare la caduta dei capelli.
    • Gli albumi crudi contengono una sostanza che si lega alla biotina, impedendone l'assorbimento .

Rivolgerti a un Medico per Trovare una Soluzione

  1. Cerca di capire quando andare dal medico. È importante sapere quando la caduta dei capelli potrebbe diventare sintomo di un problema di salute più grave. In tal caso, dovresti fissare subito un appuntamento con uno specialista. Mettiti in contatto con un esperto se la perdita segue uno schema insolito o avviene rapidamente in giovane età, per esempio durante l'adolescenza o nei primi 20 anni . Ecco altri sintomi da osservare:
    • La caduta dei capelli è accompagnata da dolore e prurito o da un cuoio capelluto arrossato e desquamato;
    • Alcuni punti della barba o delle sopracciglia sono glabri;
    • Sei una donna e stai assistendo a schemi di alopecia androgenetica o hai un ciclo mestruale anomalo;
    • Ultimamente hai accumulato peso, sofferto di una sensazione di fatica, debolezza muscolare o intolleranza al freddo .
  2. Preparati per l'appuntamento. Prima di andare alla visita, ti conviene pensare ai sintomi che hai notato, in modo da poterli descrivere chiaramente al medico. Considera quando hai iniziato a osservare la caduta dei capelli, se è stata occasionale o continua . Inoltre, chiediti:
    • Hai osservato una scarsa crescita, rottura o assottigliamento?
    • Una persona con cui hai un legame di sangue stretto ha sofferto di caduta?
    • Stai prendendo medicinali o integratori ?
  3. Scopri i trattamenti maschili. La calvizie ereditaria è la causa più comune della caduta dei capelli. Per quanto riguarda gli uomini, è caratterizzata da un diradamento all'attaccatura che forma una sorta di M. Sebbene non sia una patologia e abbia un'origine genetica, il medico può prescriverti dei trattamenti . Ecco i medicinali che più vengono usati:
    • Il minoxidil (Aloxidil) spesso è contenuto in soluzioni da applicare sul cuoio capelluto per stimolare i follicoli capillari.
    • La finasteride (Propecia, Proscar) è un principio attivo che blocca la produzione di una forma di testosterone correlata alla calvizie .
  4. Scopri i trattamenti femminili. Un terzo circa delle donne assiste alla caduta dei capelli. Approssimativamente i due terzi delle donne in menopausa osservano un certo assottigliamento o punti calvi. Le donne raramente presentano un diradamento dell'attaccatura dei capelli, ma si sviluppa un assottigliamento nella zona in cui si trova la riga. Esso determina una maggiore scarsità di capelli sulla sommità della testa . Ecco alcuni dei medicinali più comuni per trattare l'alopecia femminile:
    • Il minoxidil (Aloxidil) è concepito per uso topico e va massaggiato sul cuoio capelluto.
    • Gli antiandrogeni sono antagonisti del recettore dell'ormone che vengono prescritti molto raramente.
    • Gli integratori di ferro vengono prescritti ad alcune donne, specialmente se vegetariane, che in passato hanno sofferto di anemia o presentano un ciclo mestruale abbondante .

Consigli

  • Evita di esporre troppo i capelli ai raggi solari.
  • Evita gli strumenti per la messa in piega caldi, perché danneggiano i capelli e possono causare doppie punte, determinandone la rottura.
  • Dormi con i capelli intrecciati, non lasciarli sciolti. Quando ti giri nel sonno, li stresserai di meno.
  • Preferisci gli shampoo e i balsami delicati: sono più dolci sui capelli e in generale favoriscono una migliore idratazione. Analogamente, evita i prodotti aggressivi, specialmente quelli contenenti ingredienti deodoranti, perché danneggiano il cuoio capelluto.
  • Evita i gel e altri prodotti simili per la messa in piega: tendono ad accelerare la caduta, la rottura e il deterioramento quotidiano dei capelli.
  • Alcune malattie e l'assunzione di antibiotici possono causare la caduta dei capelli, quindi mantieniti in forma per riuscire a contrastare l'effetto che hanno sul cuoio capelluto.
  • Gli esseri umani perdono circa 100-200 capelli al giorno. Molti di essi non cadono fino al momento in cui fai la doccia o lo shampoo. Non devi preoccupartene, a meno che tu non veda punti calvi sulla testa.
  • La celiachia può far cadere i capelli: se ti preoccupa, parlane con il medico.
  • Se sei incinta, non farti prendere dal panico in caso di alopecia post-partum. La caduta dei capelli è un effetto della gravidanza che può spaventare, ma è dovuta a cambiamenti ormonali naturali provocati dalla dolce attesa che hanno modificato la qualità e anche la foltezza dei capelli. La perdita indica che i livelli ormonali stanno ritornando alla normalità . La caduta causata dall'alopecia post-partum solitamente passa nel giro di qualche mese .

Avvertenze

  • La caduta dei capelli può essere segno di cattiva salute e carenza di nutrienti che magari ti porti dietro da tempo senza saperlo. Considera questi problemi prima di pensare ai punti calvi e all'estetica. Se hai preoccupazioni, parlane con un medico, soprattutto in caso di cattiva alimentazione, sistema immunitario inibito o disturbi di salute in generale.

Cose che ti Serviranno

  • Alimentazione sana
  • Spazzola morbida
  • Shampoo delicato
  • Quantità di sonno adeguata
  • Attività fisica
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.