Come Raddrizzare la Colonna Vertebrale

La colonna vertebrale attraversa la parte centrale della schiena e protegge il midollo dorsale, un insieme di strutture nervose che collegano il cervello al resto del corpo. Inutile dire che averla in buona salute è di primaria importanza. Guardandola di fianco, la colonna vertebrale presenta tre curve principali, necessarie per mantenere una buona flessibilità e stabilità . Invece, se la guardi dal retro, dovrebbe essere dritta e non deviare lateralmente. Qualcuno nasce con una colonna vertebrale dalla curvatura anomala, ma anche un cattivo stato di salute, una postura erronea e un'alimentazione inadeguata possono causare diverse patologie.

Capire Come Prenderti Cura della Colonna Vertebrale

  1. Mantieni una buona postura. Avere una buona postura quando ti siedi, cammini e dormi è il segreto per avere una colonna vertebrale sana . Molti svolgono un lavoro sedentario, quindi stanno seduti per una buona parte della giornata. Di conseguenza, l'altezza, la comodità e il sostegno della sedia sono fondamentali. Assicurati che quella usata in ufficio sia regolabile (in modo da adattarla al tuo corpo). Se devi comprarla, cercane una dotata di supporto lombare per la zona inferiore della schiena. A casa, usa dei cuscini per sostenere la schiena e appoggiare le gambe quando guardi la televisione.
    • Quando ti siedi, cerca di non incrociare le gambe o i piedi, perché questo crea un dislivello all'altezza dei fianchi e mette in tensione la zona lombare.
    • Assicurati che lo schermo del computer sia sullo stesso livello degli occhi e centrato di fronte alla sedia, altrimenti sforzerai il collo e potresti sviluppare una curvatura anomala.
  2. Utilizza scarpe di qualità. I piedi svolgono un ruolo preponderante per avere una buona postura: ricorda che sono le fondamenta dell'intero corpo. Di conseguenza, usa scarpe solide con un buon sostegno dell'arco plantare, un tacco accennato (1-2 cm) e spazio a sufficienza per le dita. Invece, se sei una donna, evita di portare regolarmente scarpe con il tacco alto, in quanto incidono negativamente sul centro di gravità dell'intero corpo e portano a un allineamento compensativo. Possono causare l'iperlordosi lombare, un'accentuazione della curva lordotica .
    • Se sei particolarmente in sovrappeso, hai i piedi piatti o una gamba più corta, potresti usare ortesi plantari (dispositivi medici su misura che vanno inseriti nelle scarpe). Fanno bene alla colonna vertebrale perché sostengono gli archi plantari e favoriscono una migliore biomeccanica quando si corre o si cammina.
    • Le ortesi plantari vengono realizzate da podologi, ortopedici e alcuni chiropratici.
  3. Dormi su un materasso solido. In media, si trascorre almeno 1/3 della propria vita a letto, quindi presta maggiormente attenzione alla qualità del materasso e alla posizione assunta per dormire. Per molti, i materassi solidi sono i migliori per dare alla colonna vertebrale tutto il sostegno che le serve. Possono essere utili anche i coprimaterassi in memory foam. Dovresti inoltre cercare di cambiare il materasso ogni 8-10 anni. Lo spessore del cuscino dovrebbe corrispondere alla distanza che va dal lato della testa all'estremità della spalla: è bene mantenere il collo dritto mentre dormi.
    • Per la colonna vertebrale, la posizione migliore per dormire è di lato, con i fianchi e le ginocchia leggermente piegati. Inoltre, bisognerebbe infilare un piccolo cuscino tra le cosce, che aiuta a mantenere allineati i fianchi .
    • Quando leggi a letto, cerca di non sostenere la testa con troppi cuscini, perché metteranno in tensione il collo e potrebbero causare l'inversione della fisiologica lordosi cervicale.
  4. Fai sport e cerca di avere uno stile di vita più attivo. L'esercizio moderato apporta molti benefici al corpo, tra cui dimagrimento e aumento della forza muscolare: entrambi sono fattori che hanno un impatto positivo sulla colonna vertebrale . Il sovrappeso esercita una pressione eccessiva sulle articolazioni della colonna, rendendole più predisposte a deteriorarsi e a disallinearsi. Inoltre, una muscolatura più forte mantiene le ossa e le articolazioni nelle loro posizioni normali. L'allenamento con i pesi è ottimo per rafforzare i muscoli, ma cerca di non far lavorare troppo certi gruppi muscolari ignorando quelli corrispondenti, perché questo può portare a una cattiva postura. Se non sai come allenarti adeguatamente, rivolgiti a un istruttore.
    • Ogni mattina, al risveglio, stenditi in posizione supina; per 3-5 minuti, muovi lentamente braccia e gambe come se stessi facendo l'angelo sulla neve. Questo movimento è ideale per riscaldarti e allungare leggermente molti muscoli importanti per mantenere la colonna vertebrale dritta.
    • Usare il vogatore in palestra rafforza i muscoli tra le scapole e aiuta a migliorare la postura del busto.
    • Il pilates e lo yoga sono altri esercizi che allungano ed equilibrano il corpo, specialmente i muscoli centrali (addome, pelvi, zona lombare), che sono alla base di una buona postura.
  5. Assumi i nutrienti necessari. Per avere ossa forti, dritte e sane, sono fondamentali certe sostanze. Minerali come calcio, magnesio e boro rappresentano la matrice minerale dell'osso, quindi una carenza può farle diventare troppo fragili e predisposte a fratture (sintomi di una patologia chiamata "osteoporosi"). Anche la vitamina D è essenziale per la salute delle ossa, mentre una carenza le fa indebolire, rendendole più soggette a deformarsi (questa patologia viene chiamata "rachitismo" quando interessa i bambini e "osteomalacia" in età adulta).
    • La vitamina D viene prodotta dalla pelle quando si espone al sole.
    • Il fabbisogno giornaliero di calcio è di 1000-1200 mg, a seconda dell'età. Le migliori fonti naturali sono i broccoli, il cavolo nero, gli spinaci, le sardine, il tofu, le mandorle e i semi di sesamo .

Esaminare la Tua Colonna Vertebrale

  1. Prenota una visita per sapere se hai la scoliosi. Si tratta di una curvatura laterale anomala della colonna vertebrale che solitamente interessa la regione toracica (la zona tra le scapole). Può causare mal di schiena e limitare i movimenti . Per motivi ignoti, alcuni nascono con questa patologia, mentre altri la sviluppano durante l'adolescenza. Solitamente può essere diagnosticata anche dal medico di base, ma poi bisogna comunque rivolgersi a uno specialista. In genere, il paziente viene invitato a piegarsi in avanti all'altezza dei fianchi per osservare se una scapola è più sporgente dell'altra.
    • La diagnosi della scoliosi è più importante per i bambini che per gli adulti, infatti alcuni trattamenti (come l'uso di busti o l'impianto di bastoncini di metallo) possono rallentare o bloccare il peggioramento della patologia durante lo sviluppo della colonna vertebrale.
    • Le ragazze corrono maggiormente il rischio di avere la scoliosi. Inoltre, le probabilità che la deviazione peggiori e richieda una terapia sono molto più alte .
  2. Rivolgiti a uno specialista. Se il tuo medico curante ti ha detto che hai la scoliosi o pensi che la tua colonna vertebrale abbia della anomalie, consulta uno specialista. Un chirurgo ortopedico la esaminerà attentamente e probabilmente ti prescriverà una radiografia per capire meglio il problema. Andrà alla ricerca di patologie dorsali relativamente comuni, come osteoartrosi, osteoporosi ed ernia del disco: possono tutte causare una deviazione anomala della colonna vertebrale e problemi di movimento .
    • Gli specialisti possono richiedere una TAC, un imaging a risonanza magnetica, una scintigrafia ossea o altri esami più sofisticati per ottenere una diagnosi più accurata.
    • Raramente viene usata la chirurgia per trattare o curare patologie e anomalie della colonna vertebrale.
  3. Rivolgiti a un chiropratico o a un osteopata. Sono esperti specializzati nella cura della colonna vertebrale che usano metodi naturali per trattare questa zona, ma anche altre parti del corpo. Non si affidano a medicinali e non sostengono le soluzioni invasive, come la chirurgia. Possono esaminare la colonna vertebrale per osservare la presenza di anomalie, come curvature insolite, movimenti limitati o rigidità muscolare.
    • Una curvatura in avanti della colonna vertebrale toracica o della parte centrale della schiena è normale, ma se è eccessiva porta all'ipercifosi o alla gobba . Le cause più comuni sono l'osteoporosi, l'artrite, i tumori e una cattiva postura (tendenza a ingobbirsi).
    • Anche una colonna vertebrale toracica completamente dritta viene considerata anomala.

Trattamenti Utili

  1. Rivolgiti a un chiropratico. Un trattamento regolare (per esempio mensile) da un chiropratico o da un osteopata non solo è efficace per il dolore dorsale, può anche aiutarti ad allineare la colonna . Questi specialisti impiegano il metodo della correzione dorsale, che prova a riallineare o a sbloccare le faccette articolari della colonna vertebrale. Questa terapia non può curare la scoliosi, ma può essere importante per mantenere una curvatura dorsale normale, specialmente dopo un trauma significativo, come un colpo di frusta in seguito a un incidente in macchina.
    • Correggere un'articolazione dorsale può causare uno schiocco, lo stesso che senti quando ti scrocchi le nocche. Il rumore è dovuto al cambiamento della pressione all'interno dell'articolazione, che fa scoppiare piccole bolle di gas.
    • Solitamente questo trattamento provoca un fastidio minimo o nullo.
  2. Consulta un massaggiatore. Prenota un massaggio alla schiena, alle spalle e/o al collo da un esperto qualificato. Questa terapia riduce la tensione muscolare: se i muscoli circostanti o collegati alla colonna vertebrale sono rigidi e la tirano, può essere utile per riallinearla. Il massaggio è efficace anche per combattere lo stress, che spesso è una causa della cattiva postura, specialmente del busto.
    • Il massaggio può trasferire l'acido lattico, le tossine e i composti che causano infiammazioni dai muscoli e da altri tessuti molli al flusso sanguigno, quindi bevi sempre molta acqua per espellerli dal corpo.
    • Alcuni massaggiatori praticano la riflessologia, ovvero una stimolazione di diverse parti del piede che fa bene al corpo in generale. Quando ti rivolgi a questo professionista, chiedigli di stimolare i punti collegati alla colonna vertebrale.
  3. Considera la fisioterapia. Un fisioterapista può indicarti esercizi specifici su misura per allungare e rafforzare la colonna vertebrale. Se necessario, può trattare i muscoli della zona con l'elettroterapia, come l'ultrasuonoterapia o la stimolazione muscolare elettronica. Gli esercizi mirati per i muscoli estensori della schiena, i flessori del collo e i muscoli pelvici sono fondamentali per una buona postura.
    • L'allenamento a resistenza progressivo con i pesi può bloccare o invertire l'indebolimento osseo in alcuni casi. Questo può essere benefico per la colonna vertebrale e raddrizzarla.
    • Se i muscoli sono indolenziti dopo avere fatto gli esercizi o un massaggio, prepara un bagno al sale di Espsom. Il magnesio che contiene è ottimo per rilassare i muscoli tesi e alleviare il dolore.
  4. Richiedi una ricetta medica. Se hai l'osteoporosi o soffri di una bassa densità ossea nella colonna vertebrale e temi fratture o deformità, chiedi al tuo medico di parlarti dei medicinali che rafforzano le ossa, come i bifosfonati. Esistono anche farmaci a base di ormoni che aiutano a migliorare la densità ossea, come raloxifene, calcitonina e ormone paratiroideo .
    • I bifosfonati possono aumentare il rischio di avere fratture rare e causare dolore alle ossa, alle articolazioni o ai muscoli.
    • La teriparatide, una forma di ormone paratiroideo, aumenta il tasso di formazione ossea. Se hai l'osteoporosi, il tuo medico può prescrivertela.
  5. Considera un'operazione chirurgica. Per la maggior parte dei soggetti che hanno problemi alla colonna vertebrale, dovrebbe essere considerata l'ultima spiaggia. Tuttavia, a volte è l'unica soluzione per un bambino affetto da una scoliosi che sta deformando la zona a un ritmo pressante. L'intervento per questa patologia in particolare si chiama fusione spinale, che in pratica consiste nel fare un lavoro di saldatura . L'idea è quella di raddrizzare e fondere le vertebre curve in modo che possano diventare un osso unico e solido a guarigione ultimata. Tutte le fusioni spinali prevedono l'utilizzo di un innesto osseo, ovvero pezzetti di osso che vengono inseriti negli spazi tra le vertebre da fondere. Successivamente, le ossa ricrescono insieme, un po' come succede quando un osso guarisce da una frattura.
    • Solitamente vengono usati dei bastoncini di metallo per mantenere dritta la colonna vertebrale mentre avviene la fusione. Vengono attaccati alla colonna con delle viti, dei ganci e/o dei fili di metallo. Generalmente si rimuovono in un secondo momento.
    • Questa operazione chirurgica può avere delle complicanze, tra cui infezione, reazione allergica all'anestesia, danni ai nervi e gonfiore/dolore cronico.

Consigli

  • Una parte importante dell'avere una buona postura è esserne consapevole. Specchiati e correggila. Concentrati sulla sensazione che provi quando hai la schiena dritta, quindi impegnati a imparare come tenerla sempre sotto controllo.
  • La chirurgia spinale è una procedura complicata che prevede lo spostamento di muscoli e il raddrizzamento dello scheletro. Il dolore accusato dai pazienti dopo l'intervento è piuttosto soggettivo.
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.