Come Aiutare una Persona Affetta da Amnesia Dissociativa

Опубликовал Admin
16-05-2019, 01:00
40
0
È devastante vedere una persona che fa parte della tua vita soffrire di amnesia dissociativa. Potrebbe non ricordare gli eventi più importanti o addirittura i propri cari e sentirsi confusa e disorientata ogni giorno. Se non ha idea di come puoi darle una mano, sappi che il sostegno migliore da offrire è aiutarla ad avvalersi dell'assistenza di medici e professionisti della salute mentale. Impara a essere un appoggio nella vita di chi soffre di amnesia dissociativa.

Offrire il Tuo Sostegno

  1. Fai in modo che la persona riceva le cure migliori. Aiutala a trovare un professionista stimato e affidabile con cui sei certo che la persona affetta da questo disturbo si senta a suo agio. In caso di disturbi dissociativi, è importante che la relazione tra medico e paziente sia caratterizzata dai seguenti aspetti:
    • Disponibilità ad accettare le esperienze del paziente;
    • Propensione a imparare a lavorare con la dissociazione e il trauma;
    • Capacità di tollerare la frustrazione e il dolore emotivo che sorge quando si parla del trauma;
    • Impegno a lavorare con il paziente per un periodo di tempo prolungato.
  2. Aiutala a scegliere le opzioni di trattamento più appropriate. Esistono numerose soluzioni e tutte sono efficaci in vario modo. Anche il tuo intervento può avere un ruolo importante: osserva come il soggetto risponde al trattamento quando è a casa e offri la tua opinione al professionista che lo assiste. Tra le opzioni di trattamento considera:
    • Psicoterapia. Stabilisce una collaborazione tra il paziente e lo psicoterapeuta allo scopo di risolvere i problemi e affrontare le difficoltà personali;
    • Terapia cognitiva. Modifica i processi mentali irrazionali e deleteri che compromettono la salute personale ed emotiva;
    • Terapia farmacologica. Serve a trattare i sintomi associati alla dissociazione, come la depressione e l'ansia;
    • Terapia familiare. Istruisce la famiglia sul disturbo e sul modo in cui può offrire aiuto al paziente;
    • Terapie creative. Si tratta di approcci terapeutici che permettono al paziente di esprimere le sue emozioni attraverso la creatività (come l'arte o la musica);
    • Ipnosi clinica. Viene utilizzata per riportare alla coscienza ricordi, pensieri e sentimenti. Si raccomanda l'ipnoterapia ericksoniana.
  3. Provvedi a parlare con gli altri membri della famiglia. La persona affetta da amnesia dissociativa non è in condizioni di spiegare quello che le sta succedendo. Potrebbe isolarsi, arrabbiarsi, mostrarsi confusa o rifiutarsi di parlare con gli altri. Aiuta i tuoi familiari a capire che:
    • La perdita della memoria è più di una semplice disattenzione o un'alterazione dei processi mnemonici connessa all'avanzare dell'età.
    • Il soggetto può presentare sintomi quali incapacità di ricordare informazioni, depressione, ansia e confusione.
    • Chi soffre di questo disturbo non sta fingendo. I professionisti della salute mentale sanno capire quando un paziente simula la perdita di memoria per motivi finanziari, legali o personali.
  4. Non obbligare la persona a ricordare. In genere, l'amnesia dissociativa sorge come meccanismo di difesa per proteggere l'individuo da un evento traumatico. Se lo costringi a rievocare il trauma, puoi scatenare conseguenze catastrofiche, come comportamenti suicidi o violenti, o persino indurlo a rifugiarsi ulteriormente in uno stato dissociativo.
    • Gli eventi traumatici vanno discussi solo con un professionista della salute mentale in grado di insegnare al paziente a individuare e gestire questi episodi sconvolgenti all'interno di un contesto sicuro.
    • Consulta il medico della persona affetta da amnesia dissociativa per sapere quali episodi assenti nella sua memoria puoi e non puoi menzionare.
  5. Prova a organizzare la convivenza in casa in modo da garantire indipendenza e condizioni di vita soddisfacenti. Per quanto sia possibile, permetti alla persona di avere autonomia nelle sue interazioni quotidiane seguendo le restrizioni stabilite dal medico. Può sembrare una buona idea essere eccessivamente protettivi, ma in questo modo c'è il rischio di alimentare nel paziente un senso di frustrazione o risentimento. Inoltre, concedendogli un certo grado di autonomia, gli consentirai di riscoprire una sensazione di controllo sulla sua vita, andata persa dopo il trauma.
    • Procurati un aiuto pratico in base alle esigenze, per aiutare la persona a vivere normalmente.
    • Assicurati che interagisca il più possibile con familiari e amici.
    • Trova il modo di aiutare il paziente a sentirsi felice e utile.
  6. Incoraggia la persona a unirsi a un gruppo di sostegno. Suggeriscile di entrare a far parte di un gruppo di sostegno reale o virtuale o frequentare una comunità di persone che stanno affrontando un'esperienza simile alla sua. Parlando di quello che sta attraversando, si sentirà meno sola e avrà accesso a soluzioni pratiche per gestire la sua dissociazione.
    • Informati sui gruppi di sostegno che potrebbe frequentare per sincerarti che siano ben strutturati e in grado di stabilire determinati limiti tra i partecipanti. A volte, quando sono poco organizzati nel gestire i disturbi dissociativi o vari tipi di traumi, possono rivelarsi inutili. Quindi, è una buona idea fare per tempo le dovute ricerche.

Prendere Misure di Sicurezza

  1. Riconosci i comportamenti che indicano la volontà di suicidarsi. I soggetti affetti da amnesia dissociativa possono nutrire pensieri e intenzioni suicide a causa dell'incapacità di ricordare gli eventi più importanti della loro vita. Possono anche entrare in uno stato dissociativo per poter far fronte a un precedente tentativo di suicidio. Dal momento che ti stai occupando di questa persona, devi essere pronto a individuare i segni che indicano un'eventuale volontà suicida:
    • Discorsi sull'intenzione di morire;
    • Ricerca di un metodo per uccidersi (ad esempio, raccogliere pillole o acquistare un'arma da fuoco);
    • Consumo di alcol o droghe;
    • Isolamento da amici o familiari;
    • Discorsi che denunciano l'impressione di essere un peso per gli altri;
    • Disperazione o sensazione che non esista una via d'uscita;
    • Decisione di fare un'ultima visita alle persone o dire loro addio;
    • Decisione di regalare beni preziosi.
  2. Prepara un piano per affrontare le difficoltà maggiori. Se la persona dimostra l'intenzione di suicidarsi, devi contattare immediatamente il suo medico o terapeuta oppure i servizi di emergenza. Una volta che il medico si sarà accertato del comportamento suicidario, collaborerà col paziente e la sua famiglia per sviluppare un piano di sicurezza.
    • Tale piano aiuterà il paziente e tutti coloro che gli stanno accanto a riconoscere i segnali d'allarme che riguardano un eventuale tentativo di suicidio, elaborare strategie di adattamento, escogitare distrazioni per affrontare i pensieri più angoscianti e fornire un elenco di contatti ai quali rivolgersi per chiedere aiuto.
  3. Previeni i gesti di autolesionismo. Mentre il paziente cerca di ricostruire la sua identità e recuperare il tempo perso, sarebbe opportuno eliminare tutte le armi, gli oggetti appuntiti e qualunque cosa possa utilizzare per farsi del male.
    • È probabile che chi soffre di amnesia dissociativa abbia tentato di suicidarsi in passato o continui ad manifestare tendenze suicide. Togliendo ogni oggetto pericoloso dall'ambiente domestico, è possibile proteggere il soggetto e prevenire qualsiasi gesto di autolesionismo.
  4. Offri un ambiente sicuro e tranquillo. Le persone affette da amnesia dissociativa sono costrette a subire le limitazioni imposte dal loro stato mentale. Conducono una guerra interiore per ricordare chi sono e gli eventi accaduti nella loro vita. Pertanto, è preferibile offrire calma e pace nell'ambiente in cui vivono.
    • Metti in conto che ogni tanto il paziente si sentirà avvilito perché non riesce a ricordare, ma sii pronto a rassicurarlo. Non sarebbe una cattiva idea limitare la presenza degli ospiti in casa alle persone strettamente necessarie, altrimenti troppi estranei rischiano di mandarlo in confusione o turbarlo.
    • Mantieni il clima domestico tranquillo e confortevole. Ricorda che molte persone che versano in queste condizioni hanno subito traumi sconvolgenti. Pertanto, anche i rumori o i movimenti improvvisi possono provocare disagio.
  5. Suggerisci strategie di cura personale. Un ulteriore ed efficace misura di sicurezza consiste nell'invitare il paziente a prendersi cura di sé dal punto di vista fisico, psicologico e spirituale. Invoglialo a fare scelte di vita sane, come praticare sport regolarmente, mangiare bene, dormire in modo adeguato ed evitare il consumo di alcol e stupefacenti (che possono peggiorare i sintomi). Esistono varie strategie di cura personale utili alle persone affette da questo disturbo.
    • Può essere utile tenere un diario affinché il soggetto impari ad acquisire consapevolezza di ciò che sta pensando o provando. Se utilizzato in combinazione con la psicoterapia, questo strumento può aiutarlo a rievocare i ricordi o i pensieri dissociati.
    • Le cosiddette tecniche di "grounding" (mantenersi radicati al presente) aiutano il paziente afflitto da ricordi o flashback continui a riconnettersi alle circostanze ambientali in cui si trova. Includono vari gesti, come toccare oggetti, annusare odori forti, bere acqua o bagnare il viso con acqua fredda.
    • La meditazione consapevole migliora la cognizione mentale del presente. Se il soggetto è in preda a pensieri o emozioni incontrollabili, può mettere in pratica questa tecnica meditativa facendo respiri più lenti e profondi, percependo le sensazioni dell'ambiente circostante o concentrandosi sulle sensazioni provenienti da diverse parti del corpo.
    • La tecnica della visualizzazione permette a una persona affetta da amnesia dissociativa di usare la mente per immaginare un luogo sicuro e tranquillo. Quando viene sopraffatta da pensieri, sensazioni o visioni che la sconvolgono, può immaginare di trovarsi in un posto sicuro, che l'aiuti a gestire la situazione.
  6. Prenditi cura di te e della tua famiglia. È difficile occuparsi di qualcuno che soffre di amnesia dissociativa. Pertanto, non trascurare le tue esigenze, anche quelle di natura emotiva. Fatti sostenere se hai l'impressione di non riuscire ad andare avanti.

Conoscere l'Amnesia Dissociativa

  1. Informati sull'amnesia dissociativa. Si tratta di un disturbo dovuto il più delle volte a un trauma vissuto nel corso della vita. Chi ne è affetto non riesce a riportare alla memoria importanti informazioni personali che riguardano se stesso e gli eventi vissuti in passato nel tentativo di rimuovere il ricordo di un trauma. Pertanto, nella memoria vengono a crearsi enormi lacune, di gran lunga più grandi rispetto ai semplici vuoti di memoria e alle disattenzioni.
    • È possibile diagnosticare l'amnesia dissociativa effettuando un'anamnesi completa del paziente e sottoponendolo a una serie di esami per escludere la possibilità che i sintomi manifestati dipendano da qualche patologia. Dopodiché intervengono lo psicologo o lo psichiatra, che dopo un colloquio o una valutazione del paziente potranno confermare la diagnosi.
    • Chi è affetto da anemia dissociativa può anche presentare sintomi di altri disturbi mentali, come la depressione o l'amnesia.
  2. Consulta il medico del paziente. È importante conoscere il disturbo e come condiziona il malato. Quindi, più informazioni avrai, più facile sarà per te aiutarlo e superare i momenti in cui ti senti completamente distante da lui.
    • Prova anche a informarti sulle cause che hanno provocato l'amnesia dissociativa nella persona di cui ti stai occupando. Normalmente tra le cause vi sono esperienze traumatiche subite direttamente o di cui si è stati testimoni, violenze durante l'infanzia, enormi problemi esistenziali, esperienze di combattimento, coinvolgimenti in incidenti e disastri e così via.
    • A meno che anche tu non sia stato presente all'evento traumatico, non riuscirai a comprendere esattamente quello che ha subito il paziente, ma avrai qualche strumento in più per renderti conto di quanto sta soffrendo.
  3. Informati sulla prognosi del disturbo. L'efficacia delle cure destinate ai soggetti affetti da amnesia dissociativa dipende da una serie di variabili, tra cui il sostegno che ricevono e la loro capacità di rispondere al trattamento. In genere, la maggior parte delle volte i pazienti riacquistano la memoria nel corso del tempo. Tuttavia, in casi rari, alcuni soggetti non riescono a recuperarla.
    • Se la persona di cui ti stai occupando ha accesso a cure adeguate ed è circondata da un forte sostegno, è probabile che si rimetta pienamente dal disturbo.
  4. Entra a far parte di un gruppo di sostegno per famiglie. Grazie all'appoggio dei suoi membri puoi avere una visione più approfondita di ciò che sta attraversando la persona che è in cura e di come offrirle il tuo aiuto.
    • Questi gruppi non sono solo per i pazienti. Esistono gruppi di sostegno dedicati a fornire informazioni e orientamento ad amici e familiari che si occupano delle persone che soffrono di disturbi dissociativi o che si stanno riprendendo da eventi traumatici.

Consigli

  • Prima il paziente riceve aiuto, più probabilità esistono che il trattamento produca ottimi risultati.
  • L'amnesia dissociativa colpisce più le donne degli uomini.

Avvertenze

  • Alcune persone non riescono a recuperare la memoria. Preparati a questa possibilità.

Cose che ti Serviranno

  • Aiuto di medici e professionisti della salute mentale
Теги:
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.