Come Comportarsi con uno Stalker

Опубликовал Admin
12-07-2019, 20:00
175
0
Essere vittima di stalking può essere un’esperienza davvero fastidiosa, se non apertamente terrificante, a seconda della gravità del comportamento dello stalker. Lo stalking spesso degenera in altri tipi di crimini violenti, quindi se pensi di esserne vittima, è molto importante che tu intraprenda il prima possibile i passaggi necessari per prendere le distanze dal tuo persecutore e per proteggere te stessa e la tua famiglia.

Identificare uno Stalker

  1. Cerca di capire che cosa si intende per stalking. Si tratta di un tipo di molestia, di un contatto ripetuto o inappropriato e che tu non desideri e non vuoi ricambiare.
    • Lo stalking può avvenire di persona, quando ad esempio qualcuno ti segue, ti spia o si avvicina a casa tua o al tuo posto di lavoro.
    • I seguenti segni possono essere indizi di stalking: ricevere regali indesiderati, essere seguiti, ricevere posta o email non desiderate, ricevere telefonate sgradite o ripetitive.
    • Lo stalking può anche avvenire online, nella forma di ciber-stalking o di ciber-bullismo. Questo tipo di comportamento può essere difficile da perseguire a livello legale, anche se potrebbe essere più facile riuscire a evitare questo tipo di molestie, ad esempio cambiando le tue impostazioni della privacy o il tuo indirizzo email.
    • Qualsiasi tipo di ciber-stalking che si trasforma in stalking di persona deve essere preso molto seriamente e dovrebbe essere subito segnalato alle autorità competenti.
  2. Cerca di capire con che tipo di stalker hai a che fare. Alcuni tipi di stalker sono più pericolosi di altri: capire che tipo di minaccia ti trovi ad affrontare potrà aiutarti ad avvisare la polizia in modo appropriato e a difenderti, se necessario.
    • La maggior parte degli stalker sono semplicemente quello che indica la parola stessa. Individui che conosci, con cui hai avuto una relazione romantica o amichevole in passato. La relazione per te è finita, ma non per l’altra persona.
    • Gli stalker ossessionati da un’idea amorosa sono individui che non hai mai incontrato (o conoscenti molto superficiali), che si aggrappano all’idea che hanno di te e si convincono che fra di voi ci sia una relazione. Le persone che perseguitano le celebrità rientrano in questa categoria.
    • Gli stalker che hanno fantasie psicotiche a proposito di una relazione con le loro vittime spesso trasformeranno le loro attenzioni indesiderate in vere e proprie minacce e intimidazioni. Quando anche queste dovessero fallire, il loro comportamento potrebbe degenerare addirittura in vera e propria violenza.
    • A volte le persone che abusano della propria partner si trasformano in stalker una volta finita la relazione, seguendo la propria ex e spiandola da lontano, per poi avvicinarsi sempre di più e finendo per ripetere il proprio comportamento negativo o degenerare in attacchi violenti. Questo tipo di stalker può essere estremamente pericoloso.
  3. Cerca di capire quanto sei in pericolo. Un conoscente casuale che sviluppa un’ossessione per te e guida fino a casa tua di tanto in tanto o spesso potrebbe essere, tutto sommato, innocuo. Un ex marito violento che ti ha minacciato potrebbe addirittura arrivare a cercare di ucciderti se dovessi abbassare la guardia.
    • Se stai subendo dello stalking online, cerca di capire se lo stalker conosce il tuo indirizzo reale. Assicurati di mantenere elevato il tuo grado di sicurezza online e di non rivelare mai il tuo indirizzo di casa o la tua città natale.
    • Fidati del tuo istinto, cerca di fare qualche indagine sui comportamenti passati della persona (se possibile), e sii realistica a proposito dei rischi che corri.
    • Se pensi davvero che tu o i membri della tua famiglia siate in pericolo, chiedi aiuto alle forze di polizia locali, o rivolgiti a un’associazione che aiuti le vittime di stalking.
    • Se pensi che il pericolo sia imminente, chiama immediatamente le forze di polizia.
  4. Stai sempre all’erta. Se credi di essere vittima di uno stalker, osserva con maggior attenzione l’ambiente che ti circonda. Cerca di notare se qualcuno si comporta in modo strano nel tuo vicinato o sul posto di lavoro. Prendi nota di tutto ciò che ti sembra insolito.

Prendere le Distanze

  1. Evita di entrare in contatto con lo stalker. Spesso gli stalker pensano di avere una relazione con le loro vittime e qualsiasi contatto preso con loro potrebbe essere percepito come una convalida della loro “relazione”, che in realtà è inesistente. Se sei vittima di stalking, non chiamare, non scrivere o non parlare di persona con lo stalker, se puoi evitarlo.
  2. Evita di lanciare segnali o messaggi non intenzionali. A volte le vittime urlano o si arrabbiano con i loro stalker, ma anche la scortesia più palese può essere mal interpretata da questi individui (che hanno spesso problemi psicologici) e fraintesa come un segno di affetto o interesse.
    • Se stai subendo dello stalking online, non rispondere in nessun modo ai tentativi di contatto dello stalker, non importa quanto sei arrabbiata. Stampa i messaggi come prova delle molestie ricevute e allontanati dal computer.
  3. Nascondi le tue informazioni personali. Se uno stalker non possiede le tue informazioni personali, come numero di telefono, indirizzo di casa o email, non lasciare che le scopra.
    • Non dare a nessuno in un luogo pubblico il tuo numero di telefono a voce alta. Se devi dare a qualcuno il tuo numero di telefono, usa il telefono di lavoro o scrivi il numero su un foglietto, che poi dovrai stracciare.
    • Evita di inserire il tuo indirizzo su documenti scritti di vario genere. Oppure valuta l’opzione di aprire una casella postale, in modo che sia meno probabile dover fornire a qualcuno il tuo indirizzo di casa.
    • Non dare il tuo indirizzo di casa o di lavoro online o sui social media. Potresti offrire allo stalker online la possibilità di trovarti di persona.
  4. Ottieni un’ordinanza restrittiva. In caso di stalking ripetuto o di stalker con una lunga storia di violenze, potresti ottenere un’ordinanza di protezione che obblighi legalmente allo stalker di stare lontano da te. Stai attenta, però, dato che così facendo potresti farlo infuriare e spingerlo alla violenza.
  5. Spostati in un luogo sconosciuto. In casi molto rari di stalking potenzialmente violento, potresti decidere di trasferirti. Se scegli di procedere in questo modo, prova a rivolgerti a un’organizzazione che si occupa della tutela delle donne vittime di violenza: potranno offrirti tutti i consigli necessari per capire come “sparire” davvero.
    • Non richiedere che la tua posta venga inoltrata al tuo nuovo indirizzo.

Chiedere Aiuto

  1. Parla con diverse persone dei tuoi problemi. Anche se non è consigliabile postare sui social network o annunciare a una folla intera che hai uno stalker, è importante parlarne con abbastanza persone; così facendo, qualora dovesse accadere qualcosa, potrai avere dei testimoni. Cerca di avvisare i tuoi genitori, il tuo capo, un collega o due, il tuo partner, i tuoi vicini e anche il proprietario di casa tua o il portinaio, se vivi in un appartamento.
    • Se possibile, mostra alla gente una foto dello stalker. Se non puoi, fornisci loro una descrizione dettagliata.
    • Spiega alla gente cosa dovrebbe fare in caso vedessero lo stalker, con o senza di te, nelle vicinanze. Dovrebbero chiamarti? Chiamare la polizia? Dirgli di allontanarsi?
  2. Segnala lo stalker e le sue minacce alla polizia. Anche se lo stalker si tiene a distanza e non sembra violento, potrebbe essere comunque consigliabile avvisare chi di competenza.
    • Assicurati di raccontare tutti i segnali che ti ha dato lo stalker nel corso del tempo, dato che prima di poter accusare qualcuno di questo reato è necessario avere prove che si tratti di un comportamento ripetuto.
    • Ricordati che le autorità potrebbero non essere in grado di fare nulla prima che lo stalking degeneri e si trasformi in minacce o violenza.
    • Chiedi alle autorità che cosa dovresti fare, quando e come chiedere aiuto in caso sia necessario ed eventuali consigli per stilare un piano di sicurezza.
    • Chiama di frequente la polizia se pensi che la prima volta non ti abbiano preso troppo sul serio.
  3. Segnala lo stalking ad altre figure che possano occuparsene. Se sei una studentessa, avvisa le autorità universitarie, come ad esempio un professore, il preside di facoltà, o anche chi si occupa della portineria.
    • Se non sai a chi rivolgerti, inizia con un amico fidato o un famigliare: potranno aiutarti ad avvisare le autorità di competenza.
  4. Avvisa la tua famiglia del pericolo. Se ti trovi a rischio, potrebbe esserlo anche la tua famiglia. Dovrai parlare loro dei tuo problemi e cercare di capire insieme come gestirli.
    • Se hai dei figli, potrebbe essere molto difficile parlarne con loro; ricorda però che potresti salvare loro la vita.
    • Se lo stalker è un membro della tua famiglia, potrebbero nascere delle divisioni fra te e gli altri familiari. Anche se può essere una situazione difficile, ricorda che stai solo cercando di proteggere te stessa e che è lo stalker a essere responsabile per le sue azioni illecite.
  5. Cerca l’aiuto di organizzazioni che si occupino di prevenire lo stalking e le violenze sulle donne. Se ti senti a disagio all’idea di parlare con gli amici, con la tua famiglia o con la polizia, prova a contattare una risorsa che si occupi espressamente della prevenzione della violenza sulle donne. Esistono diverse associazioni, soprattutto per donne e bambini, che possono offrirti consigli e aiutarti a capire come comportarti.
  6. Progetta un piano di sicurezza. Se temi che lo stalker possa diventare violento, ti servirà un piano di salvataggio. Potrebbe bastare tenere il tuo telefono con te il 100% del tempo per chiamare i soccorsi, o tenere una valigia già pronta in auto in caso dovessi fuggire alla svelta.
    • Cerca di evitare di stare da sola in situazioni potenzialmente pericolose, come ad esempio spostarti a piedi fra casa e lavoro, soprattutto di notte.
    • Assicurati di raccontare a un amico fidato il tuo piano di salvataggio. Potresti anche chiedergli di chiamarti per controllare che tu stia bene, se non dovesse avere tue notizie per un periodo di tempo stabilito, per poi chiamare subito la polizia in caso non dovesse riuscire a raggiungerti.
  7. Ricordati di contattare la polizia in caso di bisogno. Se chiamerai le forze dell’ordine, passeranno sicuramente a perlustrare e a controllare casa tua per scongiurare eventuali pericoli.
    • Contatta una società che si occupa di antifurti per mettere la tua abitazione in sicurezza.
    • Ricordati di chiedere alla persona che si occuperà di installare gli antifurti le sue credenziali, per controllare che sia chi dice di essere.

Raccogliere Prove

  1. Conserva le prove in tue possesso. Se ricevi email, messaggi sui social network, lettere scritte a mano o regali, tieni tutto. Il tuo primo istinto potrebbe essere quello di distruggere qualsiasi cosa collegata allo stalker che ti sta facendo passare quest’orribile esperienza, ma è meglio tenere le prove in caso sia necessario incriminarlo.
    • Stampa eventuale corrispondenza elettronica. Assicurati di stampare anche tutti i dettagli importanti, come data e ora.
    • Conservare questi oggetti non significa doverli per forza tenere sott’occhio. Mettili in una scatola e conservala su uno scaffale rialzato nel tuo armadio, oppure in cantina.
  2. Registra le telefonate o i messaggi in segreteria. È possibile scaricare dei programmi per il tuo smartphone in grado di registrare le telefonate, oppure mettere il vivavoce e usare un registratore tradizionale. Assicurati di salvare i messaggi della segreteria che contengono minacce o contenuti violenti, in modo da poterli segnalare alle autorità.
  3. Guardati sempre attorno. Sfortunatamente una delle strategie migliori per evitare uno stalker è essere sempre un poco paranoiche e non abbassare mai la guardia. Con un pizzico di paranoia in più sarà più facile notare i tentativi di contatto inappropriato, oppure eventuali comportamenti pericolosi.
  4. Prendi nota di quanto ti succede in un diario. Se dovessi denunciare lo stalker e cercare di ottenere un’ordinanza restrittiva, sarà molto più facile riuscirci se avrai preso nota nei dettagli dei suoi comportamenti che ti hanno messo a disagio.
    • Assicurati di annotare data e ora.
    • Il tuo diario potrebbe servire a individuare dei comportamenti abituali e, possibilmente, a catturare o a evitare lo stalker.
  5. Nota eventuali cambiamenti nel comportamento dello stalker, o un generale peggioramento delle sue minacce. Gli stalker possono diventare violenti molto rapidamente. Se noti dei segnali inquietanti o se hai l’impressione che le cose stiano per degenerare, avvisa subito le autorità competenti e chiedi aiuto. Alcuni segni che dovrebbero metterti in guardia sono:
    • Contatti o tentativi di contatto più frequenti
    • Aumento della gravità delle minacce
    • Comportamento più emotivo o uso di parole più “forti”
    • Tentativi di stabilire un contatto fisico ravvicinato
    • Tentativi più frequenti di mettersi in contatto con amici e famiglia

Mandare un Chiaro Messaggio

  1. Spiega apertamente allo stalker che non sei interessata a una relazione. Se non pensi che lo stalker sia violento e credi che potrebbe fare marcia indietro dopo un confronto, potresti provare a parlargli direttamente. Dire allo stalker che non sei interessata a una relazione di alcun tipo potrebbe scoraggiarlo e portarlo ad allontanarsi.
    • Cerca di fare in modo che sia presente alla discussione un’altra persona che ti possa proteggere, in caso la conversazione degeneri in un tentativo di violenza. In questo modo, inoltre, ti assicurerai anche un testimone.
    • Cerca di non rifiutarlo in modo troppo gentile. Essere educata con lo stalker potrebbe involontariamente incoraggiarlo: lui potrebbe cercare di “leggere fra le righe” e ascoltare il tuo tono, invece delle tue parole.
  2. Assicurati che sappia che non sarai mai interessata a una relazione con lui. Se credi che lo stalker non sia violento e che possa fare marcia indietro se ti confronterai con lui, assicurati di dirgli che una relazione fra di voi è impossibile. Dirgli che non sei interessata “in questo momento” o “perché hai un ragazzo” continuerà ad alimentare le sue speranze per il futuro e potrebbe non scoraggiarlo affatto. Assicuragli che non vuoi – e non vorrai mai, per nessun motivo – avere una relazione con lui.
  3. Non usare un linguaggio troppo emotivo. Se sarai spaventata o arrabbiata potrebbe essere difficile avere una conversazione con lo stalker. È molto importante rimanere il più calme possibile, evitare di urlare o imprecare ed essere chiare e dirette. La rabbia può essere fraintesa come passione, mentre la simpatia e la cortesia come affetto.
  4. Chiedi aiuto a qualcuno che ti assista durante la conversazione. È meglio non parlare con lo stalker da sola. Chiedi aiuto a qualcuno, ma assicurati che qualsiasi persona porti con te non possa essere percepita come una minaccia o un rivale. Potrebbe essere consigliabile invitare un’amica e non un amico, sempre che entrambe vi sentiate sicure all’idea di parlare con lui.
  5. Non affrontare uno stalker con un passato violento. Se hai già subito abusi in passato a causa sua, o se ti ha minacciato, non provare a contattarlo o a parlarci da sola. Contatta le forze di polizia o le associazioni per la tutela delle donne e chiedi consiglio sul modo migliore per mandare un messaggio chiaro a un potenziale stalker.

Consigli

  • Cerca di trovarti sempre in compagnia di qualcuno.
  • Assicurati di chiudere i tuoi rapporti (sentimentali o di amicizia) nel modo più limpido possibile.
  • Assicurati di non essere tu quella paranoica e di accusare gli altri di essere stalker a sproposito.
  • Se un amico ti contatta dopo diversi anni, non significa che sia uno stalker. Molte persone provano a ricontattare i vecchi amici per vedere come stanno.
  • Se stai subendo dello stalking, hai tutto il diritto di essere preoccupata.
  • Lo stalking è un crimine, segnalalo subito alle autorità competenti!
  • Se vedi una persona per un po’ di volte di fila, non significa di certo che è uno stalker. Analizza la situazione in modo logico prima di lanciare delle accuse.

Avvertenze

  • Non avere paura di combattere se venissi attaccata. Potrebbe andarne della tua vita.
  • Segnala sempre eventuali minacce alla polizia.
  • Gli ex partner violenti potrebbero facilmente diventare stalker e sono una delle categorie che più probabilmente farà ricorso alla violenza.
Теги:
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.