Come Smettere di Parlare da Solo

Опубликовал Admin
12-12-2016, 09:12
639
0
Ti sei mai ritrovato a parlare da solo? Sebbene conversare con se stessi possa effettivamente essere un segno di buona salute, potresti anche scoprire che in determinati momenti costituisce un elemento di disturbo nella tua vita e in quella degli altri. Esistono svariati modi per imparare a non parlare più con se stessi e per riflettere soprattutto sulle cause da cui scaturisce questo comportamento.

Valutare il Proprio Dialogo Interiore

  1. Renditi conto se il tuo dialogo interiore avviene con te stesso o con una voce diversa. Se ascolti una voce che riesci a udire sensibilmente e che non è la tua, consulta un professionista della salute mentale perché potrebbe trattarsi di un segno relativo a un grave problema psicologico.
    • Un modo per stabilire se la voce che senti è tua consiste nel capire se ne sei tu il responsabile. Se senti di non essere tu a provocarla (domandati, ad esempio, se stai pensando, agendo e parlando consapevolmente) e non hai la minima idea di cosa dirà in seguito, potrebbe essere il segno di un disturbo mentale, come schizofrenia, depressione o psicosi.
    • Altri sintomi di un disturbo psicologico comportano: sentire diverse voci, percepire pensieri non verbali, visioni, sapori, profumi e sensazioni tattili che non esistono; udire voci come se stessi sognando a occhi aperti, ma che ritieni reali; avvertire voci presenti tutto il giorno, che influiscono negativamente nella tua vita quotidiana (per esempio, ti isoli e ti ritrai, perché sei minacciato da una voce che ti intima di fare quello che dice).
    • Se si verifica uno di questi sintomi quando parli da solo, è importante consultare un consulente psicologico per escludere un disturbo psichiatrico che potrebbe compromettere la tua vita e le tue condizioni di salute.
  2. Esamina il contenuto del tuo dialogo interiore. Quali argomenti tocchi quando parli con te stesso? Ti racconti come è andata la giornata? Fai programmi su ciò che devi fare? Parli di qualcosa accaduto di recente? Riporti i discorsi di un film?
    • Il dialogo interiore non è necessariamente negativo. Articolare i propri pensieri può essere utile a organizzarli. Può anche contribuire a esaminare le cose con maggiore attenzione, soprattutto quando bisogna prendere una decisione difficile, che riguarda, ad esempio, la scelta dell'università o di un regalo per qualcuno.
  3. Valuta se il tuo dialogo interiore è generalmente positivo o negativo. Se è positivo, può effettivamente essere vantaggioso nelle situazioni in cui vuoi sentirti più motivato, ad esempio, per un colloquio di lavoro o un allenamento intenso. Probabilmente, dire a te stesso "Puoi farcela!" è come un'iniezione di fiducia che va a migliorare il tuo stato d'animo prima di affrontare qualcosa di importante. È come se facessi il tifo per te stesso! In questi casi, può essere sano parlare da soli ogni tanto.
    • Tuttavia, se il dialogo interiore è essenzialmente negativo – rimproveri e critichi te stesso dicendo, ad esempio, "Perché sei così stupido?", "Non fai mai nulla di buono" e così via – può essere il segnale di un problema psicologico o emotivo sottostante. Inoltre, se è ripetitivo e si concentra su qualcosa di avverso che ti è accaduto, può essere la spia di una tendenza a rimuginare. Ad esempio, se hai avuto un piccolo battibecco con un collega e passi le due ore successive a riflettere e parlare con te stesso su tutto ciò che avresti dovuto dire, non è un comportamento sano, ma indica che rimugini e ti soffermi sul problema.
  4. Valuta come ti senti quando parli da solo. Tutti possiamo essere un po' esaltati. Non è un problema! Ma per mantenersi mentalmente sani, è necessario che i comportamenti bizzarri restino tali e non pregiudichino il nostro stato d'animo o il modo in cui viviamo la nostra vita quotidiana. Poniti queste domande:
    • Mi sento spesso preoccupato o colpevole per quanto dico a me stesso?
    • Dialogare con me stesso mi porta tristezza, squilibrio o ansia?
    • Parlare da solo è un problema così grande che mi porta a evitare contesti pubblici per prevenire situazioni imbarazzanti?
    • Se hai risposto 'sì' a una di queste domande, allora dovresti consultare uno psicologo o un altro professionista in materia. Queste figure professionali possono aiutarti a riflettere sul motivo per cui parli da solo, collaborando col paziente al fine di sviluppare strategie per tenere sotto controllo questo genere di comportamenti.
  5. Valuta come gli altri reagiscono quando parli da solo. Considera come gli altri si comportano quando ti vedono parlare per conto tuo. È probabile che la maggior parte delle persone non si accorga minimamente di ciò che fai. Tuttavia, se noti particolari reazioni nelle persone che ti circondano, può essere un segnale del fatto che esternare il tuo dialogo interiore crei un certo sconcerto negli altri o che tali individui si preoccupino per te e per come ti rapporti con gli altri. Poniti queste domande:
    • Le persone mi guardano stranite quando sono con loro?
    • Spesso mi chiedono di calmarmi?
    • La prima cosa che qualcuno sente da me è parlare da solo?
    • I miei insegnanti mi hanno mai consigliato di rivolgermi a un consulente scolastico?
    • Se hai risposto 'sì' a una di queste domande, allora prova a consultare uno psicologo o un altro professionista in materia. Reagendo, le persone possono esprimere preoccupazione per il tuo benessere. Tuttavia, è anche importante notare che, quando parli da solo, rischi di preoccupare chi ti sta accanto. Pertanto, potrebbe essere necessario tenere sotto controllo questa abitudine per il bene delle tue relazioni sociali.

Smettere di Parlare da Solo

  1. Riconosci di avere questo comportamento. Quando ti ritrovi a parlare ad alta voce, sii consapevole e ammettilo. Prova a tenere traccia di quante volte al giorno ti accorgi di parlare ad alta voce, contandole. Prendere coscienza del comportamento è il primo passo per moderarlo.
  2. Pensa di più. Cerca di mantenere la conversazione nella tua testa. Non appena ti accorgi di parlare da solo ad alta voce, prova a continuare la conversazione in mente, nel tuo mondo interiore.
    • Puoi anche premere i denti sulle labbra per non aprire la bocca. Ti aiuterà, ma tieni presente che può anche sembrare strano agli occhi di chi ti sta vicino!
    • Prova la gomma da masticare in modo da tenere la bocca occupata e non essere in grado di parlare.
    • Se è troppo difficile iniziare a spostare il dialogo interiore nella mente anziché esternarlo, prova a muovere solo le labbra. In questo modo, puoi proseguire la conversazione, senza che venga udita da altri.
  3. Consenti a te stesso di parlare da solo soltanto in determinate situazioni. Conceditelo quando sei solo in casa o in macchina, per esempio. Sii prudente, perché una volta che ti prenderai questa libertà, potresti iniziare a permettertela anche in altre occasioni. Stabilisci delle regole per limitare questa abitudine e, se riesci a seguirle per una settimana, concediti una ricompensa, ad esempio guardando un film o mangiando qualcosa di dolce. Nel corso del tempo cerca di ridurre le volte in cui dai a te stesso la possibilità di esternare i tuoi pensieri alta voce finché non lo farai più.
  4. Annota quello che dici. Compra un quaderno per i momenti in cui parli da solo. In questo modo, potresti intrattenere un dialogo interiore scritto anziché verbale. Una soluzione potrebbe consistere nell'appuntare i tuoi pensieri e nel darti una risposta.
    • Per esempio, sei andato a un appuntamento, ma non hai ancora ricevuto notizie dall'altra persona. Ecco un dialogo che potresti essere tentato di fare ad alta voce, ma che faresti meglio a scrivere: "Perché non mi ha chiamato? Forse è occupato o non gli piaci. Perché pensi di non piacergli? Magari è solo molto impegnato con la scuola o forse non sei un buon compagno perché non avete gli stessi interessi o le medesime priorità. Beh, però, talvolta mi sento rifiutato. È un sentimento comprensibile, ma non è l'unica persona al mondo e, soprattutto, hai tante belle cose da offrire. Che cosa ti fa sentire bene con te stesso?".
    • Questo tipo di dialogo e di esercizio che ti porta a esprimere i pensieri in forma scritta ti aiuterà a organizzare e riflettere. Può anche essere un ottimo sistema per continuare a pensare e trasmettere pensieri positivi su te stesso e correggere quelli negativi.
    • Prendi l'abitudine di portare sempre con te il tuo diario, in borsa, in auto o in tasca. Esistono anche simili applicazioni per lo smartphone! Un altro vantaggio che proviene da questo esercizio di scrittura è che avrai memoria degli argomenti di cui parli e che ti preoccupano. Possono emergere schemi mentali, ma puoi anche dare sfogo alla tua creatività. Inoltre, avrai qualcosa da mostrare come prova dei tuoi sforzi!
  5. Parla con le persone. Uno dei motivi più comuni per cui si finisce per parlare da soli è che si ha la sensazione di non avere nessuno con cui comunicare. Coltivando relazioni sociali, avrai molte più persone con cui parlare. Ricorda che gli esseri umani si sviluppano instaurando rapporti sociali.
    • Se ti provoca ansia socializzare e parlare con gli altri, prova ad avviare una conversazione in maniera graduale. Ad esempio, se incontri qualcuno che ti sembra cordiale e ben disposto nei tuoi confronti (perché magari ti sorride, salutandoti o guardandoti negli occhi), prova a ricambiare, sorridendo o rispondendo al suo saluto. Dopo qualche esperienza positiva in questo senso, ti sentirai pronto ad affrontare conversazioni più impegnative dei semplici convenevoli di base.
    • A volte è difficile interpretare i segnali inviati dagli altri e sapere quanto è possibile parlare con qualcuno. La confidenza è un aspetto che può impiegare tempo a stabilirsi, dandoti la possibilità di conversare tranquillamente con le persone. Se ti senti troppo agitato o nervoso per parlare con chi non conosci, non preoccuparti. Tuttavia, può essere una buona idea rivolgersi a un gruppo di sostegno e alla psicoterapia individuale per poter superare questo disagio.
    • Se desideri incontrare più persone, prova a intraprendere una nuova attività, come un corso di yoga, ceramica o ballo. Impegnandoti in varie attività in cui potresti trovare altra gente (ad esempio, andando a un corso di yoga invece che correre in casa sul tapis roulant) avrai maggiori opportunità di fare conversazione con persone che condividono il tuo interesse.
    • Se vivi in un luogo pressoché isolato, Internet può essere utile per rimanere in contatto con le persone. Prova a chattare o a frequentare un forum in cui le persone discutono di argomenti che stimolano il tuo interesse. Se non hai Internet, prova a comunicare alla vecchia maniera: con le lettere! Restare in contatto con gli altri è importante per l'essere umano.
  6. Tieniti occupato. In molti casi il dialogo interiore espresso ad alta voce inizia quando si sogna a occhi aperti o semplicemente per noia, perciò potrebbe essere utile tenersi occupati. Immergiti in un'attività in modo da impegnare la mente in qualcos'altro.
    • Prova ad ascoltare la musica. Quando sei da solo o cammini da qualche parte, offri alla tua mente qualcosa su cui concentrarsi per evitare l'impulso di parlare da solo. La musica può essere un bella distrazione e può anche ispirare nuove idee o dare vita a esplosioni di creatività. È stato dimostrato che le melodie favoriscono il rilascio di dopamina nella zona deputata alla ricompensa e al piacere del cervello, il che significa che ti sentirai bene mentre ascolti qualche canzone. C'è anche un altro vantaggio, piuttosto pratico, legato all'ascolto della musica. Se indossi le cuffie e parli da solo, gli altri possono pensare che tu stia conversando al telefono usando gli auricolari nelle orecchie.
    • Leggi un libro. La lettura può portarti in un altro mondo e richiede una notevole quantità di concentrazione. Portando la mente a focalizzarsi su qualcos'altro, avrai meno opportunità di parlare da solo.
    • Guarda la TV. Prova a guardare un programma che ti piace o semplicemente ad accendere la televisione per creare un rumore di sottofondo. In questo modo avrai la sensazione che l’ambiente in cui ti trovi sia "pieno" e movimentato. È per questo motivo che le persone che hanno difficoltà a dormire da sole spesso accendono il televisore quando devono prendere sonno, in modo da avvertire la presenza di qualcun altro anche se solo sullo schermo! La TV aiuta anche a concentrare la propria attenzione e a mantenere la mente occupata.

Consigli

  • Ricorda che tutti parlano da soli (dentro di sé) per la maggior parte della giornata, perciò probabilmente non sei così diverso dagli altri. L'unica differenza è che lo fai ad alta voce!

Avvertenze

  • Se non riesci a smettere di parlare ossessivamente da solo, vedi che gran parte del tuo dialogo interiore è negativo o pensi che la voce che senti non ti appartenga, potrebbe trattarsi di un problema più grave. In questo caso è consigliabile consultare un professionista della salute mentale il più presto possibile affinché ti dia una diagnosi e discuta del trattamento più adeguato alla tua situazione.
Теги:
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.