Come Comportarti Quando hai il Polso Fratturato

Опубликовал Admin
4-01-2017, 10:12
1 212
0
Un polso rotto, che in medicina viene definito come frattura dell’epifisi distale del radio, è un infortunio piuttosto comune. Infatti si tratta dell’osso che con maggior frequenza si rompe a seguito di un incidente al braccio. Per esempio, solo negli Stati Uniti, una frattura su dieci coinvolge il polso. Le cause potrebbero essere una caduta oppure un colpo ricevuto sulla zona. Le persone che sono ad alto rischio per questo tipo di infortunio sono gli atleti che praticano sport di contatto e le persone che soffrono di osteoporosi (ossa fragili e sottili). Se hai ricevuto delle cure per una frattura al polso, probabilmente dovrai portare un tutore o un gesso finché l’osso non guarisce. Continua a leggere per imparare alcune tecniche per affrontare la frattura.

Curare il Polso

  1. Vai dal medico. Un polso rotto richiede un intervento da parte di un medico per una corretta guarigione. Se non provi un forte dolore, puoi aspettare finché non sarai in grado di recarti dal tuo curante. Se invece provi uno dei sintomi qui elencati, devi andare al pronto soccorso:
    • Forte dolore;
    • Polso, mano o dita intorpidite;
    • Polso deformato che sembra piegato o storto;
    • Frattura esposta (l’osso spezzato ha perforato la pelle);
    • Dita pallide.
  2. Comprendi quali sono le procedure per il trattamento. La maggior parte delle fratture al polso viene curata, inizialmente, con un tutore o una stecca; in questo caso viene fissato al polso un pezzo di plastica o metallo rigido con una fasciatura o delle staffe. Bisogna tenerlo per almeno una settimana, finché il gonfiore non si riduce.
    • Una volta che il gonfiore iniziale si è ridotto, la stecca viene sostituita con del gesso o un tutore in vetroresina per alcuni giorni o una settimana.
    • Dopo due o tre settimane dovrai farti applicare un altro gesso, se il gonfiore si è ridotto moltissimo e il primo è diventato troppo grande.
  3. Aspetta 6 o 8 settimane. La maggior parte delle fratture al polso si risolve nel giro di sei o otto settimane, se ben curata. Questo significa che dovrai indossare il gesso per gran parte del tempo.
    • Durante questa fase il medico ti sottoporrà a delle radiografie per assicurarsi che il polso stia guarendo in maniera corretta.
  4. Rivolgiti a un fisioterapista. Una volta tolto il gesso, il medico potrebbe indirizzarti verso questo professionista che ti aiuterà a recuperare la forza e la motilità che hai perso dopo l’infortunio.
    • Se non hai bisogno di una terapia fisica strutturata, allora il curante potrebbe consigliarti degli esercizi da fare a casa. Ricordati di seguire le sue raccomandazioni per consentire al polso di recuperare la piena funzionalità.

Alleviare il Dolore e il Gonfiore

  1. Solleva il polso. Alzare la parte lesa sopra il livello del cuore aiuta a ridurre sia il gonfiore che il dolore. Nelle prime 48-72 ore successive all’applicazione del gesso, questa procedura è particolarmente importante. Il medico potrebbe anche consigliarti di tenere il polso in alto per più tempo.
    • Potrebbe rendersi necessario mantenere una posizione elevata del polso mentre dormi o durante il giorno. Prova a tenere un paio di cuscini sotto il braccio.
  2. Applica il ghiaccio. Il freddo aiuta a ridurre il gonfiore e ad alleviare il dolore. Ricorda che il gesso deve restare asciutto quando appoggi il ghiaccio.
    • Metti dei cubetti di ghiaccio in un sacchetto sigillabile di plastica. Verifica che sia ben chiuso e non perda acqua. Avvolgi il sacchetto in un asciugamano per evitare che la condensa inumidisca il gesso.
    • Puoi usare anche una confezione di verdure surgelate come se fossero un impacco di ghiaccio. Scegli le verdure piccole, come il mais o i piselli, perché si adattano meglio attorno al polsi. Ovviamente non mangiare le verdure dopo averle usate come impacco.
    • Tieni il ghiaccio sul polso per 15-20 minuti ogni 2-3 ore. Fai gli impacchi per i primi 2-3 giorni, o in base alle raccomandazioni del medico
    • In commercio si trovano anche dei sacchetti pieni di gel per gli impacchi freddi che possono rivelarsi molto utili. Sono riutilizzabili riponendoli in freezer, non si sciolgono e non rilasciano condensa sul gesso. Puoi acquistarli in farmacia e nei negozi di ortopedia.
  3. Prendi degli antidolorifici da banco. Nella maggior parte dei casi il dolore al polso è gestibile con questi farmaci di libera vendita. Dovresti chiedere consiglio al medico su quale prodotto sia più adatto a te. Alcuni, infatti, potrebbero interferire con altre patologie di base o con le terapie farmacologiche che stai già seguendo. Il medico potrebbe raccomandarti una combinazione di ibuprofene e acetominofene/paracetamolo per ridurre il gonfiore e combattere il dolore. Questi principi attivi assunti simultaneamente sono più efficaci che singolarmente.
    • L’ibuprofene è un FANS (antinfiammatorio non steroideo). Aiuta a ridurre la febbre e il gonfiore inibendo la produzione di prostaglandine dell’organismo. Altri FANS disponibili sul mercato sono l’aspirina e il naprossene sodico, sebbene l’aspirina abbia un effetto anticoagulante maggiore rispetto agli altri farmaci della stessa classe.
    • Il medico potrebbe sconsigliarti l’aspirina se soffri di problemi emorragici, asma, anemia o altre patologie sistemiche. L’aspirina, inoltre, interagisce con parecchi farmaci e patologie di base.
    • Quando somministri un antidolorifico a un bambino, accertati di usare un dosaggio e una formulazione specifica per bambini, tenendo conto dell’età e del peso del soggetto.
    • Esiste il rischio di danno epatico associato al consumo di acetominofene, quindi segui scrupolosamente la posologia indicata dal medico.
    • Non prendere un antidolorifico da banco per più di 10 giorni (5 per i bambini), a meno che non ti sia stato espressamente indicato dal medico. Se il dolore persiste oltre questo tempo, rivolgiti al curante.
  4. Fai ondeggiare le dita e muovi il gomito. È molto importante muovere le articolazioni che non sono bloccate dal gesso, come le nocche e il gomito. Così facendo promuovi la circolazione del sangue. Inoltre acceleri il processo di guarigione e migliori la mobilità dell’arto.
    • Se provi dolore quando muovi le dita o il gomito, contatta il medico.
  5. Non infilare degli oggetti nel gesso. La pelle diventerà pruriginosa sotto il gesso e probabilmente vorrai grattarti. Non farlo! Potresti danneggiare la cute o il gesso. Non infilare e non bloccare nessun oggetto fra il polso e il gesso.
    • Prova a sollevare il gesso o a soffiarvi dentro con un phon impostato al minimo o su “freddo”.
    • Non mettere nessuna polvere fra la pelle e il gesso. Le polveri che alleviano il prurito possono causare irritazione quando restano intrappolate sotto il gesso.
  6. Applica un cerotto salvapelle per evitare le vesciche da frizione. Il gesso potrebbe irritarti la cute lungo i suoi bordi. Metti un cerotto salvapelle (una sorta di morbido tessuto adesivo) direttamente sull’epidermide, nel punto in cui il gesso la strofina. Puoi trovare questi cerotti in farmacia, nelle ortopedie e anche in alcuni supermercati.
    • Applica il cerotto sulla pelle asciutta e pulita. Sostituiscilo quando si sporca o perde forza adesiva.
    • Se i bordi del gesso diventano ruvidi, puoi usare una limetta per unghie per lisciarli. Non tagliare, spezzare o rimuovere frammenti di gesso.
  7. Sappi quando chiamare il medico. Nella maggioranza dei casi, il polso guarisce in poche settimane con le cure adeguate. Dovresti, però, contattare il curante se:
    • Provi intorpidimento o formicolio alle dita e alla mano;
    • Hai le dita fredde o pallide;
    • La pelle attorno ai bordi del gesso è irritata o abrasa;
    • Il gesso presenta delle zone morbide o delle crepe;
    • Il gesso si è bagnato, è diventato largo o è troppo stretto;
    • Il gesso puzza o provi un grave prurito che non si risolve.

Gestire la Quotidianità

  1. Evita di bagnare il gesso. Dato che è costituito appunto di “gesso”, si danneggia con l’acqua. Inoltre l’umidità potrebbe favorire la crescita di muffe all’interno della fasciatura rigida. I gessi bagnati causano anche ulcere sulla pelle; pertanto non bagnarlo mai.
    • Quando fai il bagno o la doccia, fissa un sacchetto di plastica robusto (come quello della spazzatura) attorno al gesso con del nastro adesivo. Lascia il polso fuori dalla doccia o dalla vasca da bagno per ridurre le probabilità di bagnarlo.
    • Avvolgi un panno piccolo o un asciugamano attorno all’estremità superiore del gesso per evitare che l’acqua vi si possa filtrare.
    • Puoi acquistare delle protezioni impermeabili specifiche presso le ortopedie o in farmacia.
  2. Se il gesso dovesse bagnarsi, asciugalo immediatamente. Tamponalo con un panno asciutto e poi usa l’asciugacapelli impostato al minimo per asciugarlo per 15-30 minuti.
    • Se il gesso è ancora bagnato dopo questo tentativo, rivolgiti al medico. Probabilmente andrà sostituito.
  3. Indossa un calzino sulla mano. Le dita diventeranno fredde a causa del gesso e potresti soffrire di problemi di circolazione (o magari in casa fa freddo). Alza il polso sopra il livello del cuore e indossa un calzino sulla mano per tenere le dita al caldo.
    • Muovi le dita per ripristinare la circolazione del sangue.
  4. Scegli degli abiti facili da indossare. Mettere dei vestiti con dei sistemi di chiusura come bottoni e cerniere non è affatto facile con un gesso al polso. Anche i capi di abbigliamento aderenti o con maniche lunghe e strette non sono un’ottima idea, dato che il polso ingessato potrebbe non entrarci.
    • Scegli degli abiti elasticizzati e morbidi. I pantaloni e le gonne con l’elastico in vita non ti obbligheranno ad "armeggiare" con le chiusure.
    • Vale la pena mettere delle camicie a maniche corte o delle magliette senza maniche.
    • Con la mano sana, fai scivolare la manica della camicia sopra il gesso e tira con delicatezza. Cerca di ridurre al minimo il movimento del braccio infortunato.
    • Per ripararti dal freddo, usa uno scialle o una coperta invece di un giubbotto, dato che potrebbe essere difficile da indossare. Un poncho spesso o una mantella potrebbero essere una valida alternativa al cappotto.
    • Non sentirti imbarazzato a chiedere aiuto quando ne hai bisogno.
  5. Chiedi che qualcuno prenda appunti per te a lezione. Se sei uno studente e ti sei rotto il polso della mano dominante, chiedi l’autorizzazione per usare un registratore o un altro supporto durante la guarigione. Parla con il tuo insegnante o con l’ufficio per le disabilità dell’università.
    • Se riesci a imparare a scrivere con la mano non dominante, ti sarà molto utile, anche se si tratta di un processo piuttosto lungo.
    • Se il polso fratturato è quello della mano non dominante, allora usa un oggetto pesante come un libro o un fermacarte per tenere fermo il quaderno mentre scrivi. Evita di usare il braccio infortunato per quanto possibile.
  6. Esegui dei compiti con l’altra mano. Quando puoi, usa la mano illesa per eseguire le attività quotidiane, come lavarti i denti o mangiare. In questa maniera riduci l’infiammazione del polso fratturato.
    • Non sollevare o trasportare oggetti con la mano lesionata. Protesti causare un nuovo infortunio e prolungare il processo di guarigione.
  7. Evita di guidare e usare macchinari. Questo è particolarmente importante se ti sei rotto il polso della mano dominante. Non è affatto sicuro guidare in queste condizioni e il medico ti sconsiglierà di farlo.
    • Sebbene il codice della strada non vieti espressamente di condurre un veicolo con un braccio ingessato, la normativa impone però di essere in uno stato fisico idoneo a compiere tutte le manovre, specialmente quelle di sicurezza. Per tale ragione, l’assicurazione potrebbe non rispondere in caso di sinistro e le forze di polizia potrebbero sanzionarti se, a loro giudizio, non rispetti questo requisito.
    • Non dovrebbero essere usati neanche i macchinari, soprattutto quelli che richiedono l’uso di entrambe le mani.

Guarire Dopo la Frattura

  1. Una volta tolto il gesso, prenditi cura del braccio e del polso. Noterai una certa secchezza della cute e forse anche del gonfiore quando toglierai la fasciatura rigida.
    • La pelle potrebbe essere secca o screpolata. I muscoli saranno più piccoli rispetto a prima dell’ingessatura, cosa del tutto normale.
    • Metti la mano e il polso in ammollo in acqua calda per 5-10 minuti. Strofina delicatamente la pelle secca con un panno.
    • Usa una crema idratante per ammorbidire la cute della mano e del polso.
    • Per ridurre il gonfiore, prendi dell’ibuprofene o l’aspirina, secondo le indicazioni del curante.
  2. Riprendi le tue normali attività come consigliato dal medico. Ci vorrà un po’ di tempo prima di recuperare la piena funzionalità. In particolare dovrai aspettare 1-2 mesi prima di allenarti in maniera leggera (nuoto o altri esercizi cardio). Per le attività più vigorose e gli sport agonistici dovrai aspettare ancora 3-6 mesi.
    • Stai attento per prevenire future fratture al polso. I tutori possono fare al caso tuo.
  3. Ricordati che la guarigione richiede tempo. Solo perché ti è stato tolto il gesso non significa che il polso è perfettamente guarito. Ci vorranno sei mesi o più per il recupero completo dopo una frattura importante.
    • Proverai dolore o rigidità per alcuni mesi o anche anni dopo l’incidente.
    • La rapidità della guarigione dipende anche dalla tua età e dal tuo stato di salute generale. I bambini e gli adolescenti recuperano più in fretta rispetto agli adulti. Gli anziani e i pazienti affetti da osteoporosi oppure osteoartrite potrebbero non guarire altrettanto velocemente o pienamente.

Consigli

  • Quando provi un forte dolore, solleva il braccio oltre il livello del cuore. In questo modo riduci l’afflusso di sangue al polso e trovi un po’ di sollievo dal gonfiore e dal dolore.
  • Quando dormi cerca di dare al polso un po’ di supporto. Sdraiati supino e metti un cuscino sotto il polso.
  • Se devi prendere un aereo con il braccio ingessato, informati presso la compagnia aerea. Potrebbe non essere permesso volare nelle prime 24-48 ore in cui è stato messo il gesso.
  • Puoi scrivere sul gesso. Usa dei pennarelli indelebili per evitare che l’inchiostro macchi i vestiti e le lenzuola.

Avvertenze

  • Se ti sei rotto un polso, vai al pronto soccorso; se la frattura non viene trattata correttamente, potrebbe avere gravi ripercussioni.
Теги:
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.