Come Coccolare un Gatto molto Nervoso

Опубликовал Admin
31-01-2017, 13:24
350
0
Accarezzare un gatto può essere più difficile di quanto sembri, soprattutto se hai a che fare con un animale molto nervoso. Un gatto teso, aggressivo o spaventato potrebbe non sapere come reagire al tuo atteggiamento affettuoso, interpretando i gesti d'amore come atti di aggressione. Magari vorresti accarezzare, abbracciare o stringere il tuo amato felino ogni volta che lo desideri, tuttavia dovresti prendere in considerazione il temperamento dell'animale quando vuoi donargli affetto.

Mettere a Suo Agio un Gatto Timido

  1. Offri al gatto un luogo dove nascondersi e sentirsi a suo agio. Potresti avere la tentazione di costringere un gatto nervoso a uscire dal suo nascondiglio, ma in tal modo non miglioreresti la tua relazione con lui. Invece, se riesci ad attirare il gatto fuori dal nascondiglio passerai, per così dire, la palla all'animale, lasciando a lui la decisione di interagire. Se metti a disposizione del gatto un luogo in cui si sente al sicuro, magari sarà meno stressato e più incline ad avventurarsi al di fuori.
    • Anche se vuoi assicurarti che il gatto possa nascondersi per un po', dovrai essere certo che non siano presenti pericoli. Assicurati soprattutto che il gatto non possa scappare!
  2. Lascia un po' di distanza tra te e il gatto. Non costringere un animale nervoso ad avere contatti con te. Può essere frustrante prendersi cura di un gatto che non si fida di te o che non vuole stare con te, ma dovrai concentrarti sullo sviluppo di una relazione a lungo termine. Costringerlo a fare qualcosa controvoglia ti farà solo perdere la sua fiducia.
  3. Stimola la mente e il corpo del gatto. Forniscigli giocattoli e attrezzature, come una torre per gatti, che lo rendano più felice e realizzato. Un gatto timido potrebbe avere paura di te, tuttavia potrebbe superare il proprio timore per giocare o per ricevere un premio. La felicità aumenterà le probabilità che il gatto superi la timidezza e si senta più a suo agio con te.
  4. Impara che un gatto timido potrebbe non sentirsi mai del tutto a suo agio in tua presenza. Alcuni esemplari sono riservati per natura o hanno sofferto dei traumi che li hanno resi timorosi. Anche se è importante provare a rendere il gatto felice e soddisfatto, l'animale potrebbe non riuscire a superare i suoi problemi psicologici. Impegnati a socializzare con lui, ma non pensare che non riuscire a rendere il gatto desideroso del tuo affetto sia un fallimento.
  5. Assicurati che il gatto veda che sei tu a dargli da mangiare. Il cibo è un motore potente per un gatto, perciò, se imparerà che sei tu la sua fonte di cibo, potrebbe essere più disposto a mostrarti il suo affetto. Se è davvero molto nervoso, i pasti potrebbero essere gli unici momenti in cui potrai avvicinarti. Rimani vicino alla sua ciotola, assicurandoti di tenere una distanza tale da non scoraggiare l'animale, che però dovrebbe notare la tua presenza.

Leggere il Linguaggio del Corpo di un Gatto

  1. Cerca segnali di paura nel gatto. Non fargli salire l'ansia, se è già stressato. Quando ha i peli ritti o soffia, significa che non vuole interagire con te. A quel punto puoi fare due cose: allontanarti e lasciare al gatto il suo spazio, oppure puoi provare a conquistarlo offrendogli del cibo a distanza. Non dovresti però provare a guadagnarti la sua fiducia costringendolo ad avere un contatto fisico: il gatto potrebbe avere paura di te e potrebbe graffiarti o morderti.
    • Ricorda che un gatto si affiderà all'istinto di sopravvivenza quando si sente in pericolo. Se scappa o ti attacca, è in preda alla paura.
    • Puoi anche osservare la coda di un gatto per giudicare il suo stato di rilassatezza. Una coda bassa e gonfia è un segnale di paura, una coda ritta indica un gatto felice; quando invece è seduto, se tiene la coda rilassata e immobile significa che è a suo agio con te, e se continua a muoverla vuol dire che è infastidito.
  2. Ricorda che un gatto può decidere di non essere accarezzato da un momento all'altro. Smetti di accarezzarlo se mostra segni di fastidio. Potrebbe avvertirti che lo stai stimolando troppo con un piccolo morso o un ringhio. Se il gatto che stai accarezzando ha questi atteggiamenti, smetti subito di accarezzarlo e lasciagli un po' di spazio.
  3. Cerca segnali che il gatto voglia essere accarezzato. Le fusa sono il segnale più chiaro che il gatto apprezza le tue attenzioni. Il suo corpo dovrebbe essere rilassato e potrebbe premerlo contro la tua mano se apprezza davvero le tue carezze.
    • Il gatto potrebbe persino dirigere la tua mano dove vuole essere grattato. Si tratta di un segnale positivo, l'animale apprezza cosa stai facendo e vorrebbe che lo facessi in un altro punto.
  4. Ricorda che solo perché un gatto si strofina contro di te non significa che voglia essere accarezzato. Un gatto potrebbe persino fare le fusa e poi decidere di non volere più le tue attenzioni. Quando accarezzi un gatto molto nervoso, preparati a smettere rapidamente di accarezzarlo e ricorda che potresti venire morso o graffiato. Si tratta del prezzo da pagare per creare un legame con un gatto timido.

Accarezzare Correttamente un Gatto

  1. Attira il gatto verso di te. Una volta trovato il gatto, siediti su un mobile o per terra, ma non troppo vicino all'animale. Cerca di metterti all'altezza del gatto, così da non sovrastarlo. Puoi guardare nella sua direzione, ma non negli occhi. Chiamalo per nome. Risponderà guardandoti, girando un orecchio nella tua direzione, interrompendo l'attività che sta facendo oppure alzandosi lentamente, allungandosi e lasciando la stanza; potrebbe anche non reagire in nessun modo e ignorarti.
    • Se il gatto riconosce la tua presenza, inizia a darti dei colpetti sul ginocchio e chiamalo di nuovo con voce dolce e delicata. Potresti attirarlo persino con del cibo.
  2. Lascia che il gatto ti annusi e si strofini contro di te senza cercare di accarezzarlo. Un gatto timido deve abituarsi al tuo odore prima di sentirsi a suo agio con te. Se si avvicina e si strofina, ti sta comunicando che fai parte del suo territorio. Non significa necessariamente che ti vuole bene, ma si tratta di un buon segno ed è il primo passo verso la conquista della sua fiducia.
    • Quando il gatto si è strofinato contro di te per alcune volte, porgigli la mano perché l'annusi. Il gatto potrebbe strofinare la tua mano con la guancia e, in quel momento, potresti iniziare a scoprire delicatamente dove vuole essere accarezzato.
  3. Assicurati che il gatto ti veda prima di cercare di accarezzarlo. Non sorprendere un gatto molto nervoso. Potresti anche avvicinarti a un gatto timido di soppiatto, ma non guadagneresti la sua fiducia. Assicurati invece che il gatto ti veda arrivare; se ti permetterà di accarezzarlo, lo saprai perché non si allontanerà.
  4. Accarezza il gatto in aree specifiche del corpo. Inizia sulla schiena o sotto il mento. Prova anche a grattargli la zona tra le scapole o sotto il collo. Ci sono dei punti che non può raggiungere facilmente, per questo i gatti amano essere grattati lì.
    • Accarezza delicatamente il gatto nella direzione della crescita del pelo, perché molti gatti non apprezzano che la loro pelliccia sia accarezzata in contropelo.
  5. Evita di accarezzare aree sensibili. Evita, ad esempio, di toccare la pancia di un gatto molto nervoso. Alcuni apprezzano le coccole sulla pancia, ma se il gatto è già irritato, è più probabile che questo gesto lo faccia mettere sulla difensiva. Alcuni gatti interpretano le carezze sulla pancia come un invito chiaro a masticare e graffiare giocosamente la tua mano.
    • A molti gatti non piace essere toccati sulle zampe.
    • Alcuni gatti possono morderti senza preavviso, se li accarezzi troppo. Spesso la scelta più sicura è accarezzarli solo sulla testa, sul collo e sotto il mento, se hai dei dubbi.
  6. Sii paziente. Accarezza con delicatezza il tuo nuovo amico e scopri come vuole essere accarezzato o grattato delicatamente. Se il gatto se ne va, comportati come se fossi contento di poter fare qualcosa d'importante.
  7. Aumenta gradualmente la durata delle carezze al gatto. Non aspettarti che un gatto timido sopporti lunghi periodi di coccole. Carezzalo un po' sulla schiena e poi lascialo allontanare. Inizierai così a creare un legame fisico tra te e il gatto e guadagnerai la sua fiducia.

Consigli

  • Non avere paura del gatto. Se hai paura, ne avrà anche il gatto.
  • I gatti amano essere accarezzati sulla testa, sotto il mento, lungo la schiena e dietro il collo (soprattutto se portano il collare). Limitati a queste zone se vuoi che il gatto ti resti vicino. Evita di toccargli le zampe, la coda, la parte più bassa della schiena e soprattutto la pancia.
  • Quando il gatto è appena sveglio, di solito è più calmo ed è più probabile che si lasci toccare. Anche i gatti stanchi possono ignorare le tue carezze e farsi un sonnellino.

Avvertenze

  • È possibile che un gatto che non vuole farsi toccare sia affetto da sindrome dell'iperestesia felina e diventi estremamente agitato quando viene accarezzato. In questo caso, infatti, essere accarezzato o spazzolato causa dolore anziché sensazioni piacevoli. Ci sono vari modi per aiutare questi gatti, fra cui (ma non solo) l'addestramento con il clicker, più tempo dedicato al gioco e al movimento e farmaci.
  • Non toccare il gatto quando mangia o è nella cassetta igienica: potrebbe reagire con un atteggiamento territoriale e graffiarti.
  • A volte potrebbe mordicchiarti e darti zampate in modo giocoso. Resta calmo e digli in tono deciso: "Basta". Il gatto probabilmente smetterà e ti fisserà. È il momento giusto per togliere la mano e accarezzarlo in un altro punto, in modo da continuare l'addomesticamento.
  • Se il gatto si è agganciato alla tua mano con gli artigli, non tirarla via: finiresti con dei graffi lunghi e profondi. Lascia che il gatto tiri la tua mano verso di sé. Tipicamente, potrebbe mordicchiarti un po' o semplicemente ritirare le unghie quando la tua mano è più vicina.
Теги:
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.