Come Eliminare l'Odore di Muffa

Опубликовал Admin
8-02-2017, 09:06
656
0
Cambiando le tecniche di base per le pulizie, puoi eliminare in modo sicuro e con successo l’odore di muffa e dare una sferzata di aria fresca alla casa, all'auto, ai vestiti e ai mobili. È importante individuare la causa dell’odore, in modo da poterlo trattare in maniera efficace ed evitarlo in futuro. L’odore può derivare da una muffa sottostante e potrebbe scatenare l'asma o alcune forme di allergia o, peggio ancora, provocare dei problemi di salute come infezioni respiratorie, congestione nasale o della gola e cefalea.

Togliere gli Odori dai Tessuti

  1. Lava i tessuti di casa (abbigliamento, tendaggi, biancheria) in lavatrice con aceto bianco. Aggiungi 240 ml di aceto bianco a un normale carico e lascialo a mollo per 30 minuti. Continua il ciclo di lavaggio regolare aggiungendo un ammorbidente liquido profumato durante il risciacquo. Metti anche un foglio di ammorbidente profumato nell’asciugatrice. Se pensi sia necessario, ripeti tutta la procedura.
    • L'odore dell’aceto dovrebbe andare via quando i tessuti si asciugano.
    • Fai attenzione a non usare troppo detersivo o ammorbidente, in quanto potresti causare un accumulo di sapone sugli indumenti, rendendoli meno assorbenti e provocando un odore di muffa.
  2. Lava i tessuti di casa (abbigliamento, tendaggi, biancheria) in lavatrice con bicarbonato di sodio. Aggiungi 130 g di bicarbonato di sodio a un normale carico e lascialo a mollo per 30 minuti. Completa il normale ciclo di lavaggio.
  3. Lava o immergi i vestiti nella candeggina. Questa sostanza è in grado di rimuovere sia le macchie che i cattivi odori causati dalla muffa. Riunisci tutti gli indumenti che devono essere trattati e mettili in lavatrice, facendo attenzione a non sovraccaricare troppo l’elettrodomestico. Aggiungi il detersivo liquido e imposta un ciclo di lavaggio con acqua "calda". Quando il cestello si è riempito con l’acqua, aggiungi 240 ml di candeggina (riduci la quantità se la lavatrice non è a pieno carico), poi continua il lavaggio regolare. Togli e risciacqua gli abiti se noti che i colori iniziano a svanire.
    • La candeggina può scolorire o danneggiare in modo permanente gli indumenti, soprattutto seta, lana o fibre animali, pertanto controlla attentamente le etichette degli abiti se è riportata l’avvertenza "Non candeggiare".
    • Non lavare troppo spesso gli indumenti con la candeggina, in quanto può indebolire notevolmente tessuti come il lino, il cotone e il rayon.
  4. Appendi gli abiti all’aperto in una giornata di sole dopo il lavaggio. Esponili all’aria fresca e alla luce per eliminare in modo naturale gli odori.
    • Assicurati che i tessuti siano completamente asciutti prima di riportarli all’interno della casa e di riporli. L'umidità è una delle principali cause della muffa.
    • Presta attenzione alle condizioni climatiche e porta in casa gli indumenti se il cielo si fa nuvoloso e prima che cominci a piovere. Non lasciarli fuori durante la notte.

Togliere gli Odori dagli Elettrodomestici

  1. Pulisci gli elettrodomestici con una soluzione di aceto bianco. Togli tutti gli alimenti dal frigorifero e scongela il freezer prima di dedicarti alla pulizia. Diluisci un cucchiaio di bicarbonato di sodio in un litro di acqua calda. Pulisci tutti gli apparecchi con la soluzione che hai creato.
    • Distribuisci la soluzione sulle superfici interne. Riempi gli spazi con della carta di giornale spiegazzata e lascia agire la miscela per 24 ore o finché si asciuga. Togli il giornale e risciacqua con acqua e un asciugamano di carta.
  2. Apri una scatola di bicarbonato di sodio e mettila in frigorifero. Se il frigorifero è acceso, gli odori verranno assorbiti in pochi giorni. Sostituisci regolarmente il bicarbonato di sodio, seguendo le indicazioni riportate sulla confezione.
  3. Metti un piattino (diversi cucchiaini) di vaniglia all’interno del frigorifero. Lascia agire per 3 settimane per rimuovere gli odori cattivi o di muffa.
    • Le temperature del congelatore fanno congelare l’estratto di vaniglia, rendendolo inefficace come deodorante in questo scomparto.
  4. Elimina gli odori di fumo o poco gradevoli del forno. I prodotti per la pulizia del forno che trovi in commercio possono essere tossici e lasciare un odore sgradevole. Puoi sbarazzarti dei cattivi odori semplicemente usando degli elementi facilmente presenti in cucina.
    • Mescola in una ciotola di vetro 120 ml di detersivo per i piatti, 200 g di bicarbonato di sodio, 120 ml di aceto bianco e 1 cucchiaino di estratto di vaniglia. Aggiungi acqua a sufficienza per creare un impasto denso, ma non liquido. Copri le superfici interne del forno e lascia agire il composto tutta la notte (da 6 a 8 ore). L’impasto dovrebbe creare una "schiuma che frizza" in grado di sollevare la sporcizia dalla superficie. Usa una spazzola e strofina con acqua per pulire accuratamente il forno. Ripeti la procedura, se necessario.
    • Riempi un flacone spray per metà con aceto bianco e l’altra metà con acqua. Spruzza l'interno del forno e pulisci con una spugna umida. Questo dovrebbe aiutare a rimuovere gli odori, ma non i residui di cibo cotto o il grasso.
    • Cospargi un po’ di sale sui residui di cibo bruciato. Aspetta che il forno si raffreddi e pulisci con un panno umido.
  5. Pulisci gli odori di muffa dalla lavatrice con candeggina o aceto. La muffa si può formare nelle lavatrici (soprattutto quelle con carica frontale) causando odore che può restare anche sugli indumenti appena lavati. Togli gli abiti dalla lavatrice. Aggiungi 240 ml di candeggina o aceto. Imposta la temperatura su "caldo" e metti in funzione l’elettrodomestico facendo un breve ciclo normale. Fai scaricare l’acqua dal cestello.
    • Periodicamente lascia l’oblò o lo sportello della lavatrice aperto quando non è in funzione, per evitare la formazione di muffe.
    • Pulisci le superfici interne ed esterne della lavatrice con della candeggina diluita (2 cucchiaini per 4 litri di acqua fredda) o una soluzione di aceto (2 cucchiai di aceto bianco per 4 litri di acqua fredda). Pulisci accuratamente con un tovagliolo di carta inumidito con acqua. Lascia riposare per 12 ore o finché la lavatrice è completamente asciutta prima di usarla nuovamente.

Eliminare gli Odori negli Ambienti Umidi

  1. Ogni tanto arieggia gli armadi, le stanze chiuse e le cabine armadio. Muffe e funghi proliferano negli ambienti freschi, umidi e bui. Strofina le superfici dure non porose, comprese le pareti, l'interno dei cassetti e il laminato, il cemento o i pavimenti in piastrelle con un detergente e acqua calda.
    • Riduci l'umidità dell'aria accendendo un ventilatore, un deumidificatore o aprendo una finestra. Idealmente, l'umidità della casa dovrebbe essere mantenuta al di sotto del 40%.
    • Incarica dei professionisti per rimuovere i pannelli del controsoffitto ammuffiti, la moquette, il linoleum o le pareti in cartongesso. Questi non possono essere puliti e sono potenzialmente pericolosi per la salute.
  2. Copri gli odori nelle stanze con un pot-pourri fatto in casa. Fai sobbollire dei bastoncini di cannella, della buccia d'arancia e dei chiodi di garofano interi in una pentola d’acqua sul fornello. Togli la pentola quando l'acqua inizia a bollire e mettila in qualunque zona della casa per farla raffreddare.
    • Inserisci la miscela di spezie o di pot-pourri in dei collant e mettili accanto ai termosifoni quando la caldaia è accesa.
  3. Riempi un vassoio o una scatola con della lettiera per gatti. Lasciala nei posti dove riponi l’abbigliamento inutilizzato, come il ripostiglio o la soffitta, per ridurre l'umidità e rimuovere gli odori.
    • Anche spruzzare un deodorante per ambienti come "Oust" aiuta a eliminare temporaneamente gli odori di muffa.
  4. Appendi delle borse a rete con delle rocce vulcaniche frantumate nei luoghi umidi. Puoi trovare questi prodotti nei principali centri di fai-da-te e nei ferramenta, e possono essere usati per deodorare naturalmente gli scantinati, gli armadi, i capanni e persino le scarpe.
    • Leggi le istruzioni che trovi sulla confezione. Troverai le indicazioni della dimensione e del numero di sacchi necessari per metro quadrato.
  5. Pulisci intorno alle finestre e alle porte con una soluzione in parti uguali di acqua e aceto. Successivamente applica uno strato sottile di olio di cocco sui davanzali o intorno ai bordi delle finestre e delle porte. Questo permette di evitare la formazione di muffa e impedisce per diversi mesi che possa riformarsi.
    • Per disinfettare le superfici e uccidere la muffa prepara una soluzione di 180 ml di candeggina in acqua tiepida. Indossa dei guanti di gomma e usa una spugna per strofinare le superfici. Fai agire per 5 minuti prima di risciacquare con acqua, e lascia asciugare all’aria.
    • Controlla con una certa regolarità le finestre, le porte e le pareti se riscontri ancora la presenza di muffa o di macchie di umidità o se si ripresenta odore di muffa. Disinfetta se necessario.

Rimuovere gli Odori da Mobili e Tappeti

  1. Uccidi le spore della muffa con diossido di cloro. Questo è un prodotto usato sulle barche per tenere sotto controllo l’odore di muffa e nelle biblioteche per controllarne i focolai. Puoi trovarlo in commercio presso diversi negozi che possono venderne piccole quantità solitamente per essere usato sulle barche o negli armadi chiusi.
  2. Pulisci le macchie di muffa sui tappeti con acqua ossigenata. Prepara la soluzione mescolando 3 cucchiaini di perossido di idrogeno con 5 cucchiaini di acqua. Usa una spazzola a setole fitte per strofinare la miscela sulla zona interessata.
    • Assicurati di testare prima il prodotto in una zona non visibile del tappeto, in quanto il perossido di idrogeno può macchiare o scolorire la superficie.
  3. Pulisci i tappeti con bicarbonato di sodio o un prodotto detergente specifico per tappeti e moquette. Ricopri la superficie del tappeto asciutto con il bicarbonato di sodio o un detergente specifico, e strofina accuratamente il prodotto facendolo penetrare nelle fibre con una spugna umida. Lascialo agire finché si asciuga completamente e poi aspiralo. Segui le indicazioni sulla confezione, assicurati di testarlo prima per verificare che il tessuto non si scolorisca e per conoscere il tempo ideale di applicazione.
    • Potrebbe essere necessario aspirare il tappeto due volte e muovere l’aspirapolvere seguendo le direzioni opposte delle fibre.
    • Lava i tappeti con un detergente professionale, o incarica un professionista che faccia il lavoro per te.
    • Lava i tappeti piccoli o gli zerbini direttamente in lavatrice. Controlla l'etichetta sul prodotto per seguire le istruzioni di pulizia e per verificare se il tappeto può essere lavato in lavatrice.
  4. Pulisci gli armadi e i bauli con bicarbonato di sodio o con la carta dei quotidiani. Puoi riempire un armadio con i giornali accartocciati o lasciare una scatola aperta di bicarbonato di sodio in un baule. Per entrambe le soluzioni, lascia agire almeno 2-3 giorni per eliminare gli odori.
    • Pulisci l’armadio, il baule o le superfici dei cassetti con una soluzione in parti uguali di bicarbonato di sodio e acqua.
    • Anche una piccola lattina aperta o una scatola di caffè macinato fresco può essere efficace negli spazi piccoli. Lasciala in loco per 2-3 giorni prima di toglierla o sostituirla.
    • In alternativa, rimuovi tutti gli elementi dall’armadio/baule e cospargi un sottile strato di caffè in polvere o di bicarbonato di sodio sulla superficie. Lascia riposare per 2-3 giorni e poi usa l’aspirapolvere per pulire o strofina con un panno umido. Lascia aperto il contenitore e fallo asciugare all’aria.

Rimuovere gli Odori da Altri Oggetti

  1. Deodora le scarpe con bicarbonato di sodio. Metti diversi cucchiaini di questo prodotto nelle suole e sigilla le scarpe in un sacchetto di plastica con chiusura a zip. Mettile in freezer per una notte. Toglile la mattina seguente e getta il bicarbonato di sodio nella spazzatura.
    • Imballa le scarpe bagnate (soprattutto le scarpe da ginnastica o quelle da calcio) con dei fogli di giornale appallottolati. Sostituisci il giornale quando vedi che assorbe l’umidità dalle scarpe. Questo aiuterà ad asciugarle più velocemente e prevenire la formazione di umidità che può sviluppare muffa o cattivi odori.
  2. Metti all’aria le valigie o gli zaini aperti. Lasciali fuori al sole per un paio di giorni. Il calore e la luce aiutano a uccidere muffe e batteri.
    • Metti diversi ammorbidenti in fogli per asciugatrice nelle valigie o negli zaini o riempi dei sacchetti in tessuto con della lettiera per gatti contenente bicarbonato di sodio.
    • Tieni entrambi in una zona fresca quando non li usi, e aggiungi delle saponette avvolte. Mettine diverse in tutto il comparto principale e in tutte le tasche più grandi.
  3. Togli gli odori di muffa dalle tende da campeggio. Appendi la tenda in cortile in una giornata soleggiata. Probabilmente non riuscirai a eliminare le macchie di muffa, ma l’odore dovrebbe scomparire con una buona spazzolata e alcuni giorni di sole (leggi le istruzioni riportate sull’etichetta della tenda per conoscere i prodotti adeguati).
    • Dopo essere stato in campeggio, accertati che la tenda sia completamente asciutta prima di avvolgerla e chiuderla per riporla.
  4. Dai una rinfrescata agli interni dell’auto. Cospargi del bicarbonato di sodio o un detergente per tappeti sulla tappezzeria e sul pavimento e infine aspira.
    • Lascia un contenitore aperto di caffè in polvere o un vaso con della lettiera per gatti nel bagagliaio durante la notte per assorbire gli odori.
    • Spruzza i tappetini con una soluzione diluita di candeggina (120 ml di candeggina per 4 litri di acqua) e poi risciacqua con acqua usando un tubo da giardino. Occupati di questa pulizia in una calda giornata di sole, in modo da poter lasciare i tappetini fuori ad asciugare.
  5. Deodora i libri che hanno un cattivo odore senza danneggiarli. Neutralizza gli odori sgradevoli o la muffa nei libri con della roccia vulcanica frantumata (puoi acquistarla in sacchi a rete nei centri specializzati). Procurati un bidone di plastica pulito che possa essere chiuso ermeticamente con un coperchio. Appoggia un sacchetto a rete con la roccia vulcanica frantumata sulla base del bidone. Posiziona una cassetta pulita, come quella per la frutta, direttamente sopra la roccia vulcanica e metti i libri nella cassetta in posizione verticale. Copri il contenitore e lascialo sigillato per diversi giorni.
    • Metti della carta assorbente fra tutte le pagine del libro e poi mettilo nel congelatore durante la notte.
    • Apri il libro e lascialo fuori all’aria in una giornata luminosa e calda.

Consigli

  • La maggior parte dei detergenti spray per ambiente si limita a mascherare la muffa, non la elimina, ma ci sono alcuni prodotti (come ad esempio "Oust") che ingannano temporaneamente i recettori olfattivi inducendoti a pensare che sia stata rimossa. Questi prodotti sono utili in attesa che il problema venga risolto alla radice.
  • L'odore di muffa persiste e può tornare se non riesci a individuare ed eliminare la causa di fondo, come l’umidità o i batteri.
  • Se non puoi usare una lavatrice, metti in ammollo i vestiti in un lavandino o nella vasca riempita con acqua tiepida per 30 minuti, è altrettanto efficace.
  • Assicurati che i vestiti siano completamente risciacquati e asciutti prima di riporli negli armadi o nei cassetti.
  • Non tenere oggetti in ambienti freddi, bui o umidi, in quanto favoriscono la crescita di muffe o umidità.
  • Valuta di pulire la lavatrice o i cassetti degli armadi, e non i vestiti, se gli odori di muffa persistono, in quanto possono ospitare muffe e funghi.
  • Assicurati che gli asciugamani siano completamente asciutti prima di metterli nel cesto della biancheria assieme agli altri indumenti.
  • Non usare la candeggina o l’ammoniaca per pulire gli elettrodomestici, perché potrebbero danneggiare il rivestimento ed emettere fumi potenzialmente pericolosi.
  • Evita la formazione o la crescita della muffa e dei funghi riparando le perdite o i danni dell'impianto idraulico, dei muri o del tetto di casa.
  • Getta via i tappeti o la tappezzeria ammuffiti.

Avvertenze

  • Il diossido di cloro è un irritante. Se pensi di usarlo, assicurati di arieggiare la stanza prima di entrarvi, oppure tieni la porta chiusa se hai deodorato un armadio.
  • Una vasta zona di muffa in cantine, soffitte, vespai aerati e prese d'aria potrebbe essere tossica. Se è presente, indossa una maschera, evita di respirare le spore, metti dei guanti e lavati accuratamente le mani dopo averla maneggiata.
  • Fai una ricerca online o nelle pagine gialle per trovare le aziende specializzate nel trattamento della muffa. Chiedi diversi preventivi prima di firmare qualunque contratto, e assicurati che preveda una clausola di eventuale secondo trattamento nel caso di risultato non risolutivo. Non tentare di togliere da solo la muffa.
  • Quando usi i detergenti commerciali o la candeggina, assicurati sempre che l’ambiente in cui stai lavorando sia ben ventilato con un adeguato flusso d'aria.
  • Fai attenzione se mescoli tra loro alcuni prodotti chimici, in particolare con la candeggina, perché possono essere pericolosi e potresti inalarli. Quando unisci delle soluzioni detergenti per la casa, usa una ciotola di vetro pulito o un misurino. Non riutilizzare i flaconi spray. Acquista ed etichetta le bottiglie spray vuote nei negozi di ferramenta.
  • Assicurati che tutte le superfici (sia quelle dure dei mobili che i tappeti o la tappezzeria) siano completamente asciutte prima di versarvi il bicarbonato di sodio. Dell’umidità già presente può indurire il bicarbonato di sodio, rendendolo inefficace nell’assorbire gli odori e creando problemi nella pulizia.
Теги:
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.