Come Superare l'Ipocondria

Опубликовал Admin
17-03-2017, 10:00
589
0
Il disturbo d'ansia per la salute (IAD) è l'espressione medica attualmente accettata per indicare ciò che in passato era noto come ipocondria. Una ricerca che risale al 2001 ha accertato che un numero compreso tra il 5 e il 9% di pazienti di cure primarie ne presenta i sintomi. Le persone con IAD possono avere sintomi lievi o addirittura non averne affatto, eppure sono convinte di avere una malattia grave o pericolosa per la vita. Questo timore è persistente e interferisce con la vita di tutti i giorni. Le visite mediche e le analisi diagnostiche possono dimostrare che non c'è alcuna malattia, ma questo non allevierà l'ansia che una persona con IAD avverte. In alternativa, chi soffre di IAD può effettivamente avere una malattia, ma ha la certezza che sia ben più grave della realtà. Anche se chi è affetto da questa patologia non è in grado di valutare con precisione il proprio stato di salute e i sintomi, ci sono diversi modi per superarla.

Costruire un Sistema di Supporto

  1. Fatti fare una valutazione dal medico di base. Prepara un elenco dei sintomi attuali da portare con te all'appuntamento. Siccome la IAD può essere associata a una malattia contratta da bambino o ad altri eventi traumatici, ricorda d'informare opportunamente il medico riguardo alla tua storia clinica. Il medico di base può indirizzarti da uno specialista di malattie mentali per ulteriore assistenza diagnostica e terapeutica.
  2. Trova un medico di cui ti puoi fidare. Ovviamente, la parte più complicata dell'ipocondria è che chi ne soffre ha la sensazione costante che ci sia qualcosa di terribilmente sbagliato con il proprio corpo. In definitiva, un medico esperto è l'unica persona che può diagnosticarne i sintomi e monitorarli per eventuali cambiamenti che potrebbero richiedere terapie. Se non sei in contatto con un medico, trovarne uno dovrebbe essere il primo passo.
  3. Crea un buon rapporto con il tuo medico. Se soffri di ipocondria, è molto probabile che andrai spesso a farti visitare. Quando hai un appuntamento, non avere paura di porre domande e ottenere quante più informazioni possibile.
    • Cerca di essere franco su ciò che senti e sul modo in cui avverti i sintomi, anche se questo può crearti imbarazzo. Racconta al medico la tua storia clinica in maniera dettagliata. Per una diagnosi accurata, ha bisogno di quante più informazioni possibile.
    • Cerca di non essere prevenuto. È molto probabile che tu e il medico proviate un senso di frustrazione reciproca nel corso delle sedute. In alcune circostanze potresti sostenere che alcune analisi sono necessarie, mentre lui non sarà d'accordo. Altre volte il medico avrà la sensazione che non ti fidi di lui o del suo parere e tu, d'altro canto, potresti convincerti di non essere preso troppo sul serio.
      • Se succede, cerca di ricordare che il medico sta cercando di aiutarti, anche se non concordate sulla valutazione della tua malattia.
    • Osserva il piano di cure. Se lo abbandoni, il medico non potrà valutare con precisione se può funzionare con te. Questo gli impedisce di apportare modifiche e di suggerire nuove strategie specifiche. In particolare, seguire il piano di cure significa rispettare alla lettera le prescrizioni del medico. Prendere pillole extra o saltarle non contribuisce a costruire un buon rapporto di fiducia reciproca. Sii sincero ed esplicito su tutto ciò che è legato al piano di cure.
  4. Prendi in considerazione di unirti a un gruppo di sostegno. Con questa malattia si ha spesso la sensazione di sentirsi soli. Il medico dice che non sei veramente malato, lo psicoterapeuta ti vuole spiegare che non puoi fidarti delle percezioni del tuo corpo e tu cominci a chiederti come sia possibile che tutto sia un errore. Una cosa si aggiunge all'altra e tutto questo può davvero confonderti parecchio. Parlare con altre persone cono cui condividi questo problema può aiutarti a capire meglio l'esperienza che stai vivendo.
    • La terapia di gruppo può farti conoscere persone che hanno imparato a conviverci e altre che hanno appena iniziato il trattamento. Ti potranno garantire un sistema di supporto per quando inizierai a dubitare del tuo trattamento e a sentirti fortemente indeciso sull'opportunità di continuare. Nessuno può controbattere i tuoi ragionamenti meglio di chi ha avuto le tue stesse esperienze.
    • Avrai la possibilità di ricambiare con le persone che ti stanno aiutando. Se perseveri con il gruppo, alla fine diventerai una risorsa per chi ha questo tipo di difficoltà. Se non hai mai incontrato qualcuno con la tua condizione, può essere profondamente stimolante parlare con chi ha avuto il tuo stesso tipo di paure e pensieri importuni.
    • Internet è invaso da bacheche e forum per i disturbi d'ansia. Su questi siti puoi collegarti ad altri utenti affetti da IAD e condividere gli stati d'animo. Probabilmente conoscerai persone con disturbi d'ansia diversi dai tuoi, ma puoi anche scoprire che avete molte cose in comune.
  5. Parla con un amico fidato. Può essere imbarazzante ammettere di essere afflitto da paure ossessive riguardo alla tua salute. Certametne non vuoi proporti come uno che si lamenta di continuo con tutti della propria convinzione di avere una malattia terminale. Purtroppo, isolarsi fa solo peggiorare le cose.
    • Siccome molti dei peggiori sintomi dell'ipocondria si manifestano mentre si è da soli e il cervello inizia a ragionare in circolo attorno a una serie di terribili domande del tipo "che cosa accadrebbe se?", è importante mantenere una vita sociale per tenere lontani questi schemi mentali.
      • Gli amici non sono il sostituto di una cura, ma tutto quello che aiuta a interrompere quella valanga di preoccupazioni prima che ti travolga è una risorsa positiva.
    • Un caro amico potrebbe riuscire a notare modelli di comportamento nella tua vita che non riesci a discernere. I sintomi hanno iniziato ad aumentare dopo la morte di una persona cara? Hai iniziato ad avere ansia per sofferenze o dolori dopo aver perso il lavoro? Un amico fidato potrebbe riuscire a stabilire connessioni più facilmente di quanto tu non possa fare.

Cambiare l'Approccio alla Malattia

  1. Trova uno specialista di salute mentale. La ricerca indica che la IAD può essere trattata in modo efficace con le terapie per la salute mentale..
    • Chiedi al medico di base di raccomandarti uno specialista nella tua zona. Se non hai un medico di base, scegline uno attraverso l'ASL di riferimento territoriale oppure fai riferimento agli albi professionali se vuoi trovare direttamente uno specialista di malattie mentali. Ad esempio, negli USA il National Board for Certified Counselors ha una directory online.
  2. Sii preparato alle reazioni di rifiuto. Se sei convinto di avere un serio problema medico, potresti trovare offensivo sedere e parlare con qualcuno che ti dice che non sei in grado di percepire con precisione i segnali del tuo corpo. Ma se vuoi superare le paure e le ansie che stanno causando tanto tumulto emotivo, devi fidarti di qualcuno che capisca la tua malattia.
    • Imponiti di accettare il disagio. Parte del trattamento ti coinvolgerà costringendoti a smettere di monitorare i tuoi sintomi fisici e questo potrebbe renderti ansioso se per settimane o mesi non hai fatto altro che pensarci. Senza eccezioni, questo processo è destinato a crearti qualche disagio.
  3. Verifica i fondamenti delle tue paure. Gran parte del trattamento prevede di mettere in discussione i tuoi pensieri. Ti potrebbe essere chiesto di smettere di misurare la pressione del sangue o di avere la fissa di bubboni su tutto il corpo e lo psicoterapeuta ti solleciterà ad analizzare le paure che sono alla base di tutte le tue preoccupazioni riguardo alla salute. Devi resistere alla tentazione di ricadere in uno schema ossessivo di auto monitoraggio.
    • Ricorda a te stesso che questo disagio è la prova che il processo di cura funziona e che stai facendo progressi. Senza apportare alcuni cambiamenti significativi non riuscirai a stare meglio e cambiare tende sempre a essere complicato.
  4. Scopri che cosa scatena l'ansia. In alcuni casi l'ansia crea effettivamente sintomi fisici come dolori di stomaco, quindi parte della consulenza dello specialista riguarderà la conoscenza di ciò che ti rende talmente vulnerabile da essere sopraffatto dalle preoccupazioni per la tua salute.
    • Nei periodi di stress potresti provare più angoscia per i sintomi che percepisci. Lavorare con uno psicoterapeuta insegnerà a riconoscerne i segni, in modo che sia possibile interrompere i pensieri negativi prima che ti consumino.
    • Partecipa a tutte le sedute previste dal trattamento. È molto probabile che talvolta tu non voglia fare la terapia, perché ti senti male o semplicemente perché non ritieni che tu stia ottenendo risultati. Devi resistere a questo impulso. Se non lo prendi sul serio, il trattamento non funzionerà perché "vuoi" che non abbia successo e che la tua profezia si avveri.
  5. Informati sulla malattia. Anche se l'ipocondria è meno studiata rispetto ad altre malattie mentali, è possibile trovare molto materiale se fai un po' di ricerche.
    • Leggi quanto le persone hanno scritto sulla propria ipocondria. Trovi numerosi blog e forum con le storie di come hanno imparato a conoscere la loro malattia e imparato a gestirla. Anche se non volessi riconoscere il fatto di essere uno di loro, leggere le loro storie ti aiuterà a identificare molti dei pensieri e delle paure che angosciano anche te.
    • Incanala l'ansia per comprendere meglio il tuo disturbo. Qualunque tentativo tu possa fare per accertare i sintomi fisici che ti causano tanta preoccupazione, non sarà mai abbastanza per tranquillizzarti. Leggi sull'ipocondria e utilizza più proficuamente il tempo che avresti impiegato nella ricerca di prove che le sofferenze e i dolori sono segni della tua morte imminente.
  6. Tieni un diario. Scrivere i tuoi pensieri è utile per tenere traccia dei tuoi sintomi e delle esperienze. Se questi portano ogni volta a non scoprire nulla, riuscirai ad avere le prove che le tue paure sono da sempre infondate.
    • Quando ti senti ansioso o vorresti avere qualcuno con cui parlare, scrivi piuttosto i tuoi pensieri. Sei terrorizzato all'idea di provare dolore fisico? Hai visto qualche persona cara soffrire di una malattia e temi di doverla affrontare anche tu? Da cosa hanno avuto origine i tuoi stati d'animo? Indagare su alcune di queste principali domande ti aiuterà a scoprire gli schemi di pensiero che sono alla base della tua ansia.
    • Scrivere nel diario permetterà anche di monitorare l'evoluzione dei sintomi e darà l'opportunità di accertare gli stati d'animo e le situazioni che hanno più probabilità di innescare la spirale di preoccupazioni e ansie. Consente quindi di identificare i fattori che ne sono la causa.
      • Per esempio, le preoccupazioni tendono a iniziare durante un periodo particolarmente stressante al lavoro? Hai più probabilità di rimanere in piedi fino a tarda notte alla ricerca di prove della tua malattia quando hai conflitti con il partner? Una volta che riesci a scoprire i fattori scatenanti, puoi iniziare a gestirli in modo più efficace.

Cambiare il Modo di Percepire i Sintomi

  1. Chiedi al medico se un farmaco può aiutare. Le ricerche indicano che l'ipocondria è correlata a depressione e a disturbi d'ansia e ciò potrebbe suggerire una possibile origine genetica. In tal caso, potrebbe essere necessario provare con degli antidepressivi per trattare completamente i problemi. Se è davvero così, non opporti a questa terapia.
    • In base a studi e ricerche gli inibitori della ricaptazione della serotonina (SSRI) e gli antidepressivi triciclici sono i farmaci prescritti con maggiore frequenza per l'ipocondria. In linea generale non si tratta di medicinali considerati pericolosi o che danno assuefazione fisica.
    • Come per la maggior parte delle malattie mentali, una combinazione di farmaci e di terapia cognitivo comportamentale è il percorso più efficace per trattare l'ipocondria. Potresti non riuscire a fare visibili progressi se non prendi i due trattamenti sul serio, quindi non fare l'errore di interrompere l'assunzione dei farmaci o la terapia una volta che ti senti meglio.
  2. Apporta modifiche al regime alimentare. Anche se la ricerca sulla connessione tra dieta e ipocondria è appena agli inizi, alcune linee guida generali sono raccomandate.
    • Elimina tutti gli alimenti sospettati di essere allergenici. Qualsiasi cibo che causa un cattivo funzionamento dell'organismo produrrà potenzialmente sintomi che potrebbero facilmente essere travisati. Inoltre, potrebbe essere vantaggioso mangiare pasti più piccoli durante la giornata. In questo modo verranno stabilizzati i livelli glicemici nel sangue e sarà facilitata la digestione, migliorando l'umore e riducendo sofferenze che potrebbero essere fuorvianti.
    • Riduci la caffeina. Gli stimolanti, in generale, sono pericolosi per chi ha problemi d'ansia ed è difficile controllare il rincorrersi dei pensieri e l'insonnia se prendi due tazze di caffè prima di andare a dormire.
  3. Prova lo yoga o a fare esercizio fisico. Qualunque attività fisica impegnativa rilascerà endorfine – le sostanze chimiche del cervello che ci fanno "sentire bene" – e ti darà una naturale euforia. Inoltre, se il corpo è stanco, sarai più rilassato e sarà meno probabile che rimanga in piedi fino alle 4 del mattino ricercando sul web le prove che i brontoli allo stomaco significano che hai il cancro.
    • Fai attività fisica per almeno 30 minuti al giorno e per cinque giorni alla settimana. Se al momento non fai alcun esercizio di routine, non strafare e inizia con 15-20 minuti di cammino al giorno. Per aiutare a gestire l'ansia, la frequenza degli esercizi è più importante della durata, quindi non risparmiarti per svolgere tutta l'attività nel fine settimana. Distribuisci gli esercizi durante tutta la settimana.
  4. Dormi con regolarità. Le preoccupazioni e le ansie eccessive rendono spesso il sonno problematico, è quindi frequente che chi soffre di ipocondria cada in schemi che non assicurano una quantità sufficiente di riposo ogni notte. Quando ciò accade, potresti sentirti stanco e irritabile e avere difficoltà a pensare con lucidità e ad affrontare i pensieri che hanno scatenato i problemi.
    • Utilizza tecniche di rilassamento prima di andare a letto. Questo può essere semplice come fare esercizi di rilassamento sistematici, come tendere e rilasciare gradualmente tutti i gruppi muscolari, uno per volta. Inoltre, potresti essere il tipo di persona che gestisce l'ansia con un bagno caldo o ascoltando musica rilassante.
    • Vai a letto alla stessa ora ogni notte. Devi riuscire a importelo anche se è difficile rispettare una routine per il sonno quando sei esausto dopo una notte insonne e non desideri altro che un pisolino quando torni a casa dal lavoro.
      • Qualunque piccola interruzione nei tuoi schemi per il sonno può rendere difficile rimettersi in carreggiata, così dovresti fare tutto il possibile per andare a letto e per alzarti ogni giorno alla stessa ora. Se riesci a farlo, il tuo corpo si abituerà a uno schema costante e ti sentirai più riposato e sereno.
  5. Evita di ricercare sul web malattie e sintomi. Ricercare la causa dei sintomi che percepisci può solo aggravare la tua situazione. Evita di utilizzare il web per questo scopo e impiega invece il tuo tempo con altre attività salutari.

Consigli

  • Resisti alla tentazione di andare a caccia di medici. Se sei frustrato perché il tuo medico non è d'accordo che i sintomi siano il segno di una grave malattia, può diventare molto forte la tentazione di cercarne un altro più accondiscendente. In questo modo stai solo prolungando i tuoi tormenti — se non riesci ad avere una relazione stabile con un medico, non avrai mai un piano terapeutico da seguire con costanza.
  • Se vivi in una piccola città o in una zona rurale, è possibile che non ci siano abbastanza persone con IAD per formare un gruppo di sostegno. In tal caso, ricerca una comunità online. Trovi molti forum e bacheche elettroniche per persone con IAD o con altri disturbi d'ansia.
  • Sii cauto nell'uso di alcool e medicamenti vari. Le persone con disturbi d'ansia tendono a curarsi con sostanze che alterano l'umore, sperando che aiutino a rilassarsi e a tenere la mente lontana dalle preoccupazioni.

Avvertenze

  • Anche se le persone con IAD spesso travisano i sintomi minori, cose come un dolore al petto, un problema respiratorio, un'emorragia, un forte dolore improvviso o un osso palesemente rotto dovrebbero sempre essere valutate da un sanitario.
Теги:
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.