Come Gestire i Colleghi Eccessivamente Competitivi

Опубликовал Admin
18-08-2017, 18:00
397
0
Secondo una ricerca, più di un terzo degli intervistati ha dichiarato di avere colleghi competitivi. Stando a quanto affermato dalla maggior parte di questi dipendenti, la competizione viene considerata negativamente. Diversi CEO credono inoltre che i dipendenti siano più competitivi oggi rispetto a 10 anni fa. Eppure, la maggior parte delle persone vuole un posto lavorativo che permetta di andare d'accordo con i colleghi. In questo modo, il lavoro sarà produttivo e gradevole. Ciononostante, a volte i dipendenti che hanno un atteggiamento eccessivamente competitivo al lavoro non lo facilitano, creando attriti. Se sta per cadere la proverbiale goccia che fa traboccare il vaso a causa del trattamento che ricevi da un collega ultra-competitivo, leggi i seguenti suggerimenti per affrontarlo in maniera costruttiva e per riflettere sulle tue idee in merito alla competizione che nasce al lavoro.

Passaggi

  1. Considera la competizione che caratterizza il tuo ambiente lavorativo. Alcuni posti di lavoro sono più competitivi di altri per natura. Per esempio, se lavori nel settore delle vendite e del marketing, ti circonderai di persone competitive sia per natura sia perché è la professione a richiederlo. Dunque, accettare che è questa la realtà dei fatti è il primo passo da fare per affrontare il problema. D'altro canto, se la competizione non dovrebbe essere parte del tuo campo lavorativo, la sua presenza può sembrare estranea e poco piacevole. In ogni caso, la mentalità che adotti nell'approccio alla competizione può fare assolutamente la differenza per gestirla.
    • La competizione ha vantaggi e svantaggi. Dipingerla sotto una luce puramente negativa non è di certo giusto. Concentrandoti solo sugli svantaggi della rivalità e sull'impatto personale, rischi di perdere di vista i potenziali benefici che può comportare. Essere competitivo può aiutarti in quello che fai da solo e con la tua squadra, e ti spinge a lavorare sodo per quello che ti appassiona. La competizione può dare eccellenti risultati: innovazione, vendite di successo e motivazione. D'altra parte, è chiaro che un eccesso di rivalità, senza alcun controllo, può far esaurire le idee e le persone. Di conseguenza, quelli meno competitivi verranno messi da parte, creando un ambiente in cui tutti sono in guerra con tutti. Insomma, il posto di lavoro diventerà tossico. Riconoscere se lavori in un'organizzazione che incoraggia la competizione sana o in una che accoglie la competizione estrema è un punto di partenza vitale.
    • La maggior parte delle compagnie si basa su una combinazione di cooperazione e di competizione. I problemi sorgono solo nei posti di lavoro in cui l'estremizzazione della competizione interna non viene adeguatamente controllata. Se la tua impresa è tutta rivalità e zero collaborazione e condivisione, probabilmente ti trovi in una fucina di antagonismo.
    • Non confondere l'arroganza con l'ambizione. La persona competitiva sana viene guidata da uno spirito critico che la sprona a migliorare costantemente. La persona arrogante parte solo dal presupposto di essere migliore degli altri. Prova a lodare un collega competitivo per un lavoro ben fatto. Se il suo scopo è unicamente quello di migliorare, potrebbe iniziare a pensare che tu sia una persona di cui potersi fidare.
  2. Esamina il tuo modo di essere prima. Se le persone competitive ti turbano con facilità, riscontrerai difficoltà presso numerose situazioni lavorative. Infatti, verrai sempre circondato da gente competitiva, anche negli ambienti professionali relativamente non gerarchici. È importante fidarti innanzitutto e soprattutto delle tue abilità. Hai un lavoro perché la persona che ti ha assunto crede che tu sia capace di rivestire un certo ruolo. Non dimenticare di mettere le cose in prospettiva.
    • Non prendere sul personale la competizione. Può essere fin troppo facile presumere che una reazione negativa rivolta nei nostri confronti sia indice che c'è qualcosa che non va in noi o che abbiamo sbagliato qualcosa. Tuttavia, se un collega ha cominciato a comportarsi improvvisamente in modo ostile e aggressivo per nessuna ragione apparente, probabilmente questo atteggiamento ha più a che vedere con lui che con noi. Una persona eccessivamente competitiva spesso si sente fortemente minacciata dalle tue abilità, non da te, e non sa gestire le sue emozioni. È per questo che si comporta in modo scontroso. Non lasciarti risucchiare pensando che sia personale.
    • Sei competitivo? È importante riconoscere i tuoi livelli di rivalità. Magari sei complice nell'approccio competitivo che contraddistingue il tuo ufficio. Negandolo, non cambierà niente!
    • Se ti senti insicuro per una ragione, devi avere il coraggio di fronteggiare la fonte di tale incertezza. Magari hai bisogno di rimetterti a studiare o di affrontare uno sviluppo personale con il fine di migliorare le tue prestazioni lavorative. Informati sulle opzioni di training disponibili. In questo modo, avrai la certezza di essere sullo stesso livello dei tuoi colleghi.
  3. Sii educato e civile. Prova a essere amichevole (se pensi di poterlo fare), senza perdere di vista il fatto che una persona ultra-competitiva può minare il tuo lavoro. Per quanto ti tenti reagire istantaneamente se qualcuno cerca deliberatamente di complicarti la vita, questo atteggiamento può ritorcersi contro di te, incoraggiando la persona che ti ha attaccato a reagire peggio di prima. D'altra parte, se non mostri la reazione emotiva che sta cercando, giungerà alla conclusione che sia uno spreco di tempo cercare di spronarti, e ti lascerà indietro quando potrà farlo.
    • Può anche darsi che un collega ultra-competitivo si accorga che non hai intenzione di fargli del male; si sentirà dunque più motivato a trattarti gentilmente. Le conversazioni amichevoli e informali possono dare una mano (ma scegli argomenti dei quali non si considera esperto, e dunque non sentirà la necessità di essere competitivo).
  4. Prova a collaborare con i colleghi apertamente competitivi, non fare loro la guerra. Almeno sono onesti in merito alla loro ambizione e al desiderio di scavalcare gli altri. Considera dei modi in cui potresti sfruttare la loro energia e trasformarla in qualcosa di buono per te e per il tuo team. Per esempio, chiedere loro consigli e idee riguardanti il lavoro di cui si occupano può essere spesso una tattica utile. Non partire dal presupposto che non vorranno aiutare o che vorranno prendersi tutto il merito. Coinvolgerli li lusinga e ti dà l'opportunità di imparare da loro. Ecco i diversi tipi di colleghi competitivi con cui puoi avere a che fare:
    • La superstar. Questo collega competitivo ha sempre bisogno di brillare e farà molto più di quello che deve per riuscirci, scegliendo spesso gli incarichi più prestigiosi disponibili. Questa persona reagisce bene alle lodi, le piace essere intraprendente e sa ispirare gli altri. Tuttavia, questo spirito competitivo deve capire che non è solo e che bisogna collaborare con il resto della squadra e con il capo.
    • Il “sollevatore di pesi”. Questo collega competitivo si assume numerose responsabilità svolgendo lavori extra. Il suo operato può essere utile, a patto che non esageri e non soffra di sovraffaticamento. Questa personalità competitiva può essere fonte di ispirazione per il resto del team, ammesso che rispetti le scadenze e non si comporti territorialmente.
    • Il "velocista". Questo collega competitivo vuole che tutto sia pronto per ieri. Questo comportamento può trarre benefici in fatto di morale e di motivazione, ammesso che la persona in questione sia precisa. Purtroppo, la precisione potrebbe essere lasciata in un angolo nella corsa per essere al comando. Verifica con cura il lavoro di questo dipendente mentre sfrutti la sua energia per motivare gli altri.
  5. Proteggiti dal collega competitivo elusivo o sabotatore. Questo tipo di persona è più difficile da lavorare rispetto al collega apertamente competitivo. Infatti, preferisce minare gli altri attraverso mezzi subdoli, per esempio cerca di far apparire inferiori le persone che lo circondano. Il collega infido tende a considerare tutti come potenziali minacce alla sua supremazia, in qualsiasi campo o per qualsiasi abilità è noto. Puoi individuarne uno valutando le cose che trascura per un proprio tornaconto. Per esempio, non dice al capo che anche tu hai collaborato a un certo lavoro, “dimentica” di mandare e-mail che ti interessano o si fa notare durante la riunione settimanale, proclamando che lui è stato il solo responsabile del buon risultato ottenuto (quando sei stato tu a rivestire il ruolo principale). Questo tipo di persona difficilmente cambierà i suoi tratti caratteristici. Dovrai imparare a gestirla facendoti valere. Quando vieni seccato da un collega subdolo e negativo, analizza quanto segue:
    • Conserva le copie di tutto quello che fai, specialmente quello che coinvolge questa persona o le sue responsabilità. Nel caso dovesse provare a far ricadere la colpa su di te o a metterti sotto una cattiva luce, verrai coperto. Inoltre, non aver paura di farti valere e di essere inserito nella documentazione cartacea indicante il tuo coinvolgimento in un lavoro ben fatto. Non è questo il momento di comportarti come un agnellino, perché il sabotatore non gioca pulito.
    • Tieni al corrente il capo del tuo lavoro, indipendentemente da quello che viene detto apertamente altrove in ufficio. Assicurati che la tua performance sia verificabile e inattaccabile.
    • Non lasciare che questo collega si impicci nei fatti tuoi. Se sospetti che vada personalmente a rovistare tra le tue cose, metti fine a questo comportamento. Usa password per il computer, così proteggerai i file elettronici che apri al lavoro. Tieni i cassetti della scrivania e gli armadietti chiusi a chiave. Non condividere informazioni su te stesso con un collega del genere. Tutte le conversazioni dovrebbero essere professionali e formali.
    • Parla direttamente con questo collega e fagli notare le sue tattiche. Ciò gli permette di capire che non sei un pollo. Se pensi che questo approccio sia aggressivo, trova altri colleghi disposti a unirsi a te. Un'altra possibilità è parlare con il tuo capo dell'impatto che il comportamento di questa persona sta avendo sulla tua performance e sulla tua soddisfazione.
  6. Se necessario, minimizza i contatti. Ciò non significa che tu debba evitare del tutto i colleghi competitivi. Tuttavia, se il comportamento ostile, negativo e minatorio è continuo e devi sopportarli tutti i giorni, cerca di comunicare con loro solo quando devi, senza esagerare con le interazioni. Invece, se non lavori gomito a gomito con questo collega, ma ti capita di vederlo ogni tanto nell'edificio, evitarlo totalmente è preferibile.
  7. Non considerare solo i tuoi colleghi. Infatti, se è il posto di lavoro a essere competitivo e poco sano, è possibile che sia il tuo capo a incoraggiare questo comportamento, mettendo i dipendenti l'uno contro l'altro invece di promuovere un ambiente confortevole. Se da una parte un capo che sostiene la competizione sana può dare vita a una buona strategia motivazionale, le sue aspettative diventano problematiche se ha dei preferiti e crea attivamente una cultura lavorativa controversa e diffidente. Ciò danneggerà la spirito del team. Se pensi che stia succedendo proprio questo, sono varie le azioni che puoi provare:
    • Parla di quello che pensi sul morale del team e sul lavoro del management con i tuoi colleghi. In questo modo, capirai cosa sentono e comprendono gli altri. Attento a non dare nomi e non teorizzare sui fatti veri e propri. A questo punto, sei in cerca di prove. Successivamente, se pensi che molte altre persone siano dalla tua parte, dovresti considerare la possibilità di sollevare questo particolare problema di competizione per una discussione generale. Ricorda però che va fatto con molta cautela.
    • Parla direttamente con il capo per scoprire la sua strategia riguardante il lavoro del team e i risultati ottenuti. Dovresti sottolineare che un team incoraggiato a fare del proprio meglio trae benefici all'impresa, soprattutto perché i dipendenti che svolgono bene il proprio lavoro possono dare un aiuto e dei consigli a quelli che hanno difficoltà.
    • Parla con il management di livello superiore o con il dipartimento di risorse umane se temi che l'ambiente lavorativo sia in guerra.
    • Potresti cercare una nuova posizione lavorativa, con un nuovo capo, o addirittura un nuovo lavoro. Se non riesci a trovare dei modi per sopportare l'approccio aggressivo del tuo capo e le cose non cambiano, potrebbe essere tempo di andare via. È naturale che i dipendenti acquisiscano gli atteggiamenti dei propri superiori. Con il passare del tempo, molti considereranno perfettamente accettabile questo tipo di ambiente.
  8. Favorisci la crescita della cooperazione sul posto di lavoro. A volte, la migliore politica è diventare parte del cambiamento che vuoi vedere in ufficio. Certo, non è per niente facile. Ma non è ancora più difficile sopportare in silenzio i tuoi colleghi competitivi, che sghignazzano di quelli più tranquilli davanti al distributore d'acqua? Ecco alcuni modi per incoraggiare una maggiore cooperazione sul posto di lavoro:
    • Usa un linguaggio inclusivo. Dici “Noi” invece di “Io” quando discuti dei progetti, del lavoro del team e dei risultati. Tutti devono partecipare ed essere apprezzati per un lavoro ben fatto.
    • Dimostra che tu consideri tutti sullo stesso livello, senza superiori né inferiori. Non rispondere agli scoppi competitivi con arroganza o gelosia. Invece, dimostra alle persone che dai loro valore per le capacità che apportano sul posto di lavoro, non per il ruolo che rivestono o per quello che fanno per mettere in cattiva luce tutti gli altri.
    • Concentrati sul mantenimento della regola d'oro nelle tue interazioni con gli altri. Non abbassarti al loro livello: rispondere in modo competitivo o con commenti irriverenti alimenterà ancora più competizione negativa, non migliorerà la situazione.
    • Ricorda a te stesso che le persone eccessivamente competitive solitamente non giungono a questa situazione senza un motivo particolare. Infatti, spesso è la paura a motivare il loro comportamento. Per esempio, temono di essere escluse o di perdere il lavoro. Tenerlo a mente può aiutarti a maturare una prospettiva basata sulla compassione.
    • Non lasciarti scalfire dalla loro competizione. Accetta di essere eccezionale e meraviglioso per tutto quello che sei e che fai. Non hai bisogno di conferme esterne per provarlo, né hai bisogno di dimostrare in continuazione di essere migliore degli altri. Chiedi ai tuoi colleghi cos'è che vogliono esattamente e come pensano che questo migliorerà le loro vite personali. Fallo con tatto però!
  9. Sii flessibile. I suggerimenti indicati in questo passaggio ti offrono qualche linea guida. Qualsiasi situazione fondata sulle relazioni interpersonali si sviluppa in un contesto. Dovrai adattare quello che funziona e scartare quello che non funziona a seconda delle tue esperienze personali e dello stile caratterizzante il posto di lavoro. Quello che potrebbe funzionare per un collega competitivo potrebbe non essere altrettanto valido per un altro. Ciò vuol dire che dovrai essere pronto a regolare il tuo approccio. Questo consiste in varie strategie, come:
    • Rivaluta come collaborare con una persona super competitiva. Puoi trovare elementi particolari nel suo operato con cui sei d'accordo? Puoi intraprendere una discussione incentrata solo sui punti che accetti? Se crede che tu sia interessato alle sue aspirazioni, guadagnerai rispetto e un potenziale alleato.
    • Prova a essere curioso. Poni loro domande in merito a come hanno trovato una soluzione o hanno avuto un'idea che ammiri. Sii un buon ascoltatore; potresti imparare tanto e migliorare le tue stesse abilità.
    • Non intervenire quando non ce n'è bisogno. A volte lasciare che i colleghi competitivi facciano i propri compiti mentre tu ti dedichi ai tuoi può essere una soluzione soddisfacente per tutti, ammesso che ciò dia benefici generali al posto di lavoro.

Consigli

  • Incorpora tecniche di comportamento assertivo nelle tue comunicazioni.
  • Se la situazione peggiora dopo aver fatto vari tentativi, potrebbe valere la pena confrontarti direttamente con il collega o denunciare il suo comportamento.
  • Prova a maturare empatia nei confronti di questa persona. Non farebbe nulla del genere se non si sentisse profondamente insicura o minacciata. Cerca di metterti nei suoi panni.

Avvertenze

  • Non lamentarti con un collega competitivo. Ti considererà immediatamente una persona debole. Se hai bisogno di aiuto, è più furbo chiedergli un consiglio in merito alla questione che ti sta preoccupando.
  • Le molestie e il bullismo sono inaccettabili sul posto di lavoro. Se hai questo tipo di problema, denuncialo e lasciati aiutare.
Теги:
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.