Come Chiedere il Divorzio al Coniuge

Опубликовал Admin
17-04-2018, 11:00
470
0
Può essere difficile parlare di divorzio con il proprio coniuge. Non esiste una ricetta "giusta" per chiederlo, perché dipende dal rapporto che hai con la persona con cui ti sei sposato, dall'eventuale presenza di figli, dal fatto che potresti già aver affrontato una separazione in passato e da molti altri fattori. Tuttavia, esistono alcuni aspetti da prendere in considerazione, indipendentemente dalla tua particolare situazione.

Passaggi

  1. Chiedilo di persona. Non lasciare un messaggio in segreteria, non inviare un'e-mail, non scrivere un messaggio di testo dicendo "Addio" e non chiedere nemmeno ai tuoi genitori di farlo al posto tuo. La richiesta di divorziare nasce da una decisione matura che comporta un atteggiamento adulto. Siediti con il tuo coniuge e parlagli a quattr’occhi.
  2. Sii cordiale. È possibile che il tono della conversazione iniziale stabilisca come portare avanti tutte le future negoziazioni e pratiche di divorzio. Potresti sentirti soddisfatto per un momento se urli e scarichi tutte le colpe sul coniuge, ma se resti calmo e razionale durante la conversazione, avrai maggiori possibilità di proteggere i tuoi interessi nel corso del tempo.
    • Non attribuire colpe. Non accusare e non aggredire. Non si tratta di un gioco in cui si guadagnano dei punti o si paragonano gli errori commessi. Non sarebbe utile e le vittorie che ottieni agendo in questo modo saranno di breve durata. Piuttosto, cerca di essere rispettoso e sincero.
  3. Considera il tempo e il luogo. Il tuo obiettivo consiste nel rendere questa conversazione quanto più semplice è possibile. Il tuo partner preferire discutere in privato a casa? Se temi uno scatto violento di rabbia, ti sentiresti più sicuro se parlaste in un contesto pubblico? C'è un progetto importante a cui il tuo coniuge dovrà lavorare e che già lo sta stressando? C'è un momento in cui i bambini sono a scuola, con amici o altri familiari per poter parlare in confidenza? Probabilmente già saprai qual è il tempo e il luogo più appropriato per tenere questa conversazione. Segui il tuo istinto.
  4. Sii onesto. Probabilmente l'altra parte vorrà discutere dei motivi per cui desideri divorziare. Invece di snocciolare un elenco di avvenimenti dolorosi, sarebbe meglio dare una spiegazione logica e trasparente (ad esempio, "non mi sento più attratto da te"). Tuttavia, non mentire. Se puoi rispondere a una domanda, fallo. Se non puoi (sia perché è difficile emotivamente, sia perché non conosci la risposta), spiega che non puoi rispondere. Tieni presente, però, che questo non è il momento migliore per parlare di nuove persone che potresti aver incontrato. Comunicando la nascita di una relazione extraconiugale, rischi che la discussione segua un altro percorso e sarà difficile riportarla al tema principale relativo al rapporto tra te e il tuo coniuge.
  5. Quali sono le tue intenzioni? Chiarisciti la mente prima di affrontare l'argomento. È probabile che l'altra persona prometta di comportarsi meglio, ti proponga una consulenza matrimoniale o, comunque, cerchi di dissuaderti dalla tua decisione. Se in precedenza non hai considerato alternative valide al divorzio, chiediti se saresti disposto a fare una prova. Affronta la discussione facendo chiarezza nel tuo stato d'animo e valutando la possibilità di rinviare la richiesta di divorzio in base alla reazione dell'altra parte.
  6. Verifica lo stato del tuo patrimonio. Non sarebbe una cattiva idea cominciare la discussione con il coniuge avendo consapevolezza delle risorse finanziarie della famiglia. Quali sono i risparmi? Avete stipulato un'assicurazione sanitaria che pagate grazie al lavoro del tuo coniuge? Hai un'assicurazione sulla vita in cui l'altra persona figura in qualità di beneficiario? Come pagate la scuola o l'asilo dei vostri figli? A chi è intestata la casa? A chi sono intestate macchine, bollette e altre utenze?
    • Non è necessario modificare l'intestazione delle utenze né togliere la proprietà dei beni al coniuge prima di aver chiesto il divorzio, ma è meglio entrare nella conversazione sapendo qual è la tua situazione finanziaria in famiglia e ciò di cui sei proprietario.
  7. Preparati ad affrontare le conseguenze. Nonostante il consiglio precedente, se prevedi che l'altra persona possa reagire male, sarebbe una buona idea chiudere il conto corrente cointestato e richiedere l'apertura di uno personale. Inoltre, potresti considerare di trasferire metà dei tuoi risparmi cointestati sul tuo conto separato. Per quanto puoi, evita di toccare o spendere i risparmi finché non sarà concluso il procedimento di divorzio.
    • Non è così facile proteggere determinati beni. Per esempio, magari in famiglia avete azioni o obbligazioni che potrebbero andare incontro a sanzioni o perdite se le vendi o le trasferisci. In questi casi, cerca di esaminare con il tuo coniuge il modo migliore in cui procedere.
    • Anche se prevedi una reazione più controllata da parte dell'altra persona, resta ancora una serie di questioni per cui dovresti abbozzare un piano. Cosa succede ai bambini? Chi si occupa della casa? Bisogna vendere la macchina? Ricorda che tu già sai di chiedere il divorzio, ma la notizia può essere scioccante per l'altra parte. Quindi, sarebbe opportuno riflettere e programmare, anche in maniera sommaria, quello che dovrà accadere.
  8. Parla con un terapista. Se pensi che possa essere utile, affidati a un professionista. Durante la conversazione (se non prima), fai sapere al tuo coniuge che stai facendo sedute di psicoterapia. Potrebbe essere una buona idea raccomandargli di trovare qualcuno con cui parlare. Tuttavia, sii sincero: digli se gli incontri con il terapista sono finalizzati a ricongiungerti con il tuo partner o no.
  9. Consulta un avvocato. Esiste una miriade di problemi da considerare, proprietà da trasferire e documenti da presentare. Un avvocato può aiutare a risolvere tutto questo.

Consigli

  • Non svuotare i conti bancari e non danneggiare le proprietà. Non calunniare né diffamare il coniuge davanti ad amici, familiari e (soprattutto) su Internet. Anche se ritieni che possa meritare una simile punizione, ricorda che il giudice terrà in considerazione il tuo comportamento vendicativo come un elemento a tuo sfavore (non come prova che il tuo partner meritava un trattamento del genere).
  • Sostituendo la parola "io" con "noi", farai in modo che la conversazione sia serena e diretta. L'altra parte non si sentirà accusata né aggredita se usi il plurale. Quando chiedi il divorzio, ricorrendo al "noi", dimostrerai di accettare parte delle responsabilità che hanno portato alla rottura del matrimonio. Ecco qualche frase pacifica da utilizzare quando chiedi il divorzio:
    • "Non andiamo più d'accordo".
    • "Non comunichiamo bene l'uno con l'altra".
    • "Sembra che ognuno voglia cose diverse dalla vita".
    • "Probabilmente dovremmo parlare di divorzio".
  • Il tuo coniuge si domanderà il motivo della decisione, ma ciò che realmente vuole sapere è se hai un'altra relazione. Come riportato in precedenza, sarebbe meglio tenere la discussione lontana da questo argomento. Tuttavia, se non puoi evitare, prova a rispondere dicendo che sei alla ricerca di qualcuno che possa amarti/rispettarti/prendersi cura di te, ma che non riesci ad andare avanti/impegnarti pienamente in un rapporto simile finché il divorzio non sarà definitivo. Dopodiché, riporta la discussione sul vostro matrimonio.
  • Se sono avvenuti episodi di violenza domestica, dovresti parlarne con un professionista di questo settore prima di invitare il tuo coniuge a discutere di divorzio. È meglio avere un piano di sicurezza che tuteli te e i tuoi figli (se ne avete).
Теги:
Information
Users of Guests are not allowed to comment this publication.